Rispondi a: Buone Notizie

Home Forum L’AGORÀ Buone Notizie Rispondi a: Buone Notizie

#112706
sphinx
sphinx
Partecipante

[color=#ff0000][size=24]Animali: gatti nei reparti degli ospedali- [/color]

Gatti nei reparti degli ospedali italiani, per regalare sorrisi ai pazienti e migliorare la loro ripresa agevolando il ritorno a casa. La proposta arriva dall'Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa), che in questi giorni sta inviando decine di email a direttori generali e sanitari dei maggiori ospedali italiani per chiedere, appunto, l?introduzione nei reparti di degenza riservati a bambini e anziani – esclusi ovviamente i reparti chirurgici e di emergenza e urgenza e le rianimazioni – il 'gatto di reparto'.

Secondo l?idea proposta da Aidaa, nei reparti di pediatria e nelle riabilitazioni potrebbe essere inserito, ovviamente dopo i determinati controlli e le autorizzazioni sanitarie necessarie, uno o più gatti che dovrebbero avere l?accesso libero sia nelle parti comuni che nelle stanze dei degenti. Obiettivo creare una vera e propria simbiosi tra il personale e i pazienti, specialmente quelli a lungo degenza, con lo scopo di attivare una forma continua di pet-terapy.

“Il gatto di reparto è sicuramente una proposta innovativa che potrebbe lanciare un segnale positivo proprio a favore di quelle categorie di pazienti che sono soggetti a lunghi e a volte delicati ricoveri – sostiene il presidente nazionale di Aidaa Lorenzo Croce – in questa prima fase abbiamo inviato una lettera ai direttori dei maggiori ospedali italiani e di quelli dove la pet-terapy è una pratica ormai consolidata. Se lo vorranno, siamo pronti a spiegare la proposta e a dare una mano per realizzare questa esperienza. Crediamo nella interazione uomo-animali, e siamo certi, anche sulla scorta di esperienze conosciute direttamente come quella dei cavalli in carcere, che la presenza di un gatto in reparto possa giovare molto all?umore dei pazienti, specialmente se si tratta di bambini o anziani soli, che provano piacere e si sentono appagati nel prendersi cura di un animale”.

http://www.libero-news.it :cor: :cor: :cor: