Rispondi a: Equitalia…(notizie contro)

Home Forum L’AGORÀ Equitalia…(notizie contro) Rispondi a: Equitalia…(notizie contro)

#140509
Richard
Richard
Amministratore del forum

Rendiamo onore agli imprenditori che sono morti suicidi. Non sono deboli, sono eroi.

Presidente Napolitano, paradossalmente e del tutto casualmente, nello steso giorno del suicidio di un artigiano di 58 anni, Lei ha detto di non vedere esasperazione. Guardi meglio.

Chi fallisce merita una medaglia e onore perché solo chi non può fallire non ha onore. Loro portano avanti il 95% dell’economia italiana e non hanno nemmeno un sindacato, ché Confindustria è ormai una succursale della Cgil.

Non ha onore invece l’imprenditoria da sempre sanguisuga dello Stato. Non ha onore perché ha spremuto attraverso lo Stato le piccole imprese monopolizzando gli aiuti e i privilegi. L’imprenditoria che si è fatta finanziare ristrutturazioni improprie (il colore sui giornali). L’imprenditoria falsa, cioè pubblica, delle società pubbliche in perdita non ha onore. L’imprenditore che fu Berlusconi quando rischiava di soffocare nei debiti per aver rischiato aveva onore, lo stesso ha perso l’onore col duopolio e il sostegno ai suoi decoder.

Non ha onore lo Stato fiscal-fascista in nessuna delle versioni finora adottate. Quello delle partecipazioni pubbliche per produrre panettoni, quello della spesa pubblica abnorme indirizzata a pensioni baby pagate dai giovani, quello dirigistica dei tecnici. Non ha onore le truppa di mercenari di Equitalia i cui dirigenti hanno compensi superiori ad ogni tetto immaginabile. Superpagati per fare lo stesso lavoro degli esattori della camorra: imporre con la violenza il pizzo dello Stato a tassi crescenti sulle imprese e le partite Iva e sui liberi cittadini.

Il capo a sua insaputa della task force armata per il recupero crediti ha espresso rammarico davanti a quelli che non sono più episodi e ha affermato l’esigenza di agire umanamente. Poi ha minacciato nuovi blitz. Befera è un servitore ben pagato dello Stato, per una missione che andrebbe ridimensionate e resa più equa di quanto dica il nome. Parlando politichese sostiene che non si può chiedere di combattere l’evasione e poi lamentarsi delle conseguenze. Sì che si può anzi, si deve. Faccia una prima cosa: se vuole un fisco amico ritiri quegli odiosi spot che paragonano gli evasori ai pidocchi perché se Befera è umano sa che evasore è anche un inadempiente che non ce la fa più, e se arriva ad ammazzarsi lo Stato non può esprimere il suo stramaledetto cordoglio mentre in un aula lo stava condannando a pagare.

La vedova disgraziata di quell’artigiano dovrà forse rinunciare all’eredità se non vuole diventare la seconda vittima e non verrà candidata (in verità lo speriamo perché non ci piacciono la candidature alla memoria) alle prossime elezioni perché nessuno farà mai una bandiera di questo eroe civile dei tanti che, come lui, tra non lavorare e diventare un criminale fiscale, scelgono la seconda via per rispetto alla Repubblica fondata sul lavoro. Come lui tutti quelli che si espongono al rischio penale quando non possono più pagare i contributi e prima di chiudere e consegnarsi continuano a pagare i pochi stipendi ai loro dipendenti, anche prima di pagare l’Iva, perché sanno che loro avranno un processo penale ma i lavoratori almeno avranno da mangiare.

Sono eroi, trattati da delinquenti. Uomini e donne liberi di tutte le confessioni, rendete loro omaggio e passatevi una mano sulla coscienza.
http://www.thefrontpage.it/2012/03/30/onore-alle-vittime-di-equitalia/

(non a questi livelli per fortuna, ma so cosa significa personalmente a livello famigliare..)

Istigazione al suicidio. È questo il reato, a carico di ignoti, ipotizzato dal sostituto procuratore di Bologna Massimiliano Rossi ai danni dell’artigiano edile che mercoledì scorso ha tentato di togliersi la vita dandosi fuoco all’interno della sua macchina, una Fiat Punto, davanti agli uffici del fisco del capoluogo emiliano. Da piazza Trento Trieste spiegano che l’iscrizione è un atto per poter avvalersi di un più ampio spettro di strumenti investigativi, come le perquisizioni. Ma intanto, giorno dopo giorno, il quadro che scaturisce dagli accertamenti affidati dalla polizia municipale è quello di un piccolo imprenditore oberato dai debiti nei confronti dello Stato, che gli contestava di aver dichiarato meno di quanto dovuto.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/03/fuoco-davanti-allagenzia-delle-entrate-indagano-istigazione-suicidio/202071/

Forlì, 85enne tenta il suicidio per paura di perdere la casa

L'abitazione è stata messa all'asta in tribunale per problemi finanziari. Le condizioni della donna, estratta dal pozzo nel quale si era gettata, sono in miglioramento. Sono diciassette le persone che in Italia da inizio 2012 hanno tentato il suicidio per problemi legati alla crisi economica
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/04/forli-85enne-tenta-suicidio-paura-perdere-casa/202247/