Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

Home Forum EXTRA TERRA Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla? Rispondi a: Cosa pensate dell'esperienza di Antonio Urzi e Simona Sibilla?

#18250
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1239464672=ultracorpo]
io l'ho scambiato per quello di richard, poichè richard lo aveva postato su una mia risposta….
questo non toglie che la storia degli oggetti volanti di urzi puzza.

ma a questo punto anchio come lila vorrei vedere il video dell'oggetto riferito e visualizzato da richard per poterlo valutare.

ps anchio sono testimone grazie a foto e e video di oggetti sferici ad alta quota.

quindi non sono uno scettico a tutti i costi.

ma il mio dovere è fare distinzione tra vero e falso.

la tecnologia modellistica in miniatura ha fatto passi da gigante…
[/quote1239464672]
anche il mio “dovere” è fare distinzione e infatti ho conosciuto di persona Antonio intanto..a me pare che a molti piace interessarsi e parlare di ufo, ma poi accettare diviene un grosso limite, molto grosso, poi non è giusto giudicare a priori chi non si conosce..questa è la mia posizione, peace & love

comunque sto cercando di ipotizzare cosa siano questi oggetti, intanto ho notato che vengono filmati da diverse persone in diversi Paesi

Argentina

[youtube=425,344]dEYVT6xo7b8

Texas

[youtube=425,344]_hPo0O-u-fE

Messico

[youtube=425,340]i2OVN6d8aW4

Italia
[youtube=425,344]QujNoGEQcwY

in quanto mi pare pulsare, espandersi e contrarsi, a me sembra “vivente”
S.Greer parla di tecnologia et vivente, e può essere una idea
Questo team di scienziati parla di formazioni autoluminose dal movimento non-newtoniano:

Dato che questi oggetti di dominio del vacuum non-omogeneo mostrano caratteristiche non di questo mondo fisico, come “luce liquida” e “movimento non-Newtoniano”, è difficile non descrivere la loro manifestazione come “interworld processes”.

https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.300

credo forse che si riferiscano alle cosiddette flotillas e forse anche a questi oggetti che sembrano della stessa “materia”/aspetto secondo me

e questa è altra ipotesi

chiaramente scartando spiegazioni convenzionali

credo che l'oggetto filmato da noi sia della stessa tipologia, anche se credo a causa della situazione metereologica e ambientale, aveva un colore scuro

Per me questi fenomeni sono nuovi, ma solo perchè per noi prima non cosi visibili e ora piu visibili per la situazione energetica particolare del sistema solare, siamo “fra i mondi”

Per quanto riguarda Antonio, è un ragazzo aperto, simpatico, socievole, sicuramente molto preso dalla sua esperienza comprensibilmente.
Simona è apparsa più riservata o forse più stressata per il lavoro, ma comunque socievole, tranquilla, insomma non c'è molto altro da dire…nessuno ci ha preso a morsi o ci ha fatto la makumba con le bamboline..

——
Ciò di cui parla Antonio rispetto alla possibilità di contatto intelligente e organizzato con queste manifestazioni, non è nuovo per me, se uno si informa… :

https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.410

Intervista a Bill Hamilton del MUFON(la piu datata e importante associazione di ricerca ufologica in USA)

B: Bill Hamilton
K: Kerry Lynn Cassidy

B: Se ho visto un UFO? Molti UFO.
K: Molti UFO. Puoi raccontarci chi sei ?

B: Mi chiamo Bill Hamilton. Sono stato coinvolto nella ricerca sugli UFO per buona parte della mia vita. Sono stato coinvolto nell' investigazione di casi fin dal 1976, nel caso di Brian Scott. Questo quando entrai nel MUFON come Investigatore di Campo.

K: Da quanto tempo lavori per il MUFON ?

B: Circa da 25 anni..

K: Come hai interagito con gli alieni ?

B: ..era il 1957…

B: Quello che conosco sugli UFO l' ho imparato grazie a cio' che chiamo California Contactees . C'e' molta controversia sui contattati, sugli UFO o altro. Infatti, ho iniziato a incontrare contattati. Avevo solo 14 anni e avevo un amico a scuola…quando dissi, “Vorrei provare un esperimento. Vorrei provare un esperimento simile a quello di George Hunt Williamson per provare il contatto con questi UFO”. Ok ? “Ora, io credo che siano qua, ma voglio vedere se posso contattarli”. Provammo questo esperimento, ovviamente non avevamo equipaggiamento radio. Non avevamo nulla che potevamo usare a parte il contatto psichico con matita e carta. Quando iniziammo l' esperimento sentimmo un suono vibrare nella stanza. Ci alzammo per controllare l' appartamento. Lui ed io eravamo…lui era un Canado-Francese di nome Yves (Lauriault). Noi due eravamo soli nella casa dei suoi genitori. Non localizzammo la sorgente del suono, quindi uscimmo fuori. Una volta fuori sembrava che il suono provenisse dal cielo. Fermammo l' esperimento, scendemmo le scale e ci sedemmo sul giardino. Appena seduti, la prima cosa che vedemmo fu .., ci sembro' come un piccolo..un piccolo disco rosso brillante sulle nostre teste. Silenzioso. Ne arrivo' uno. Ne arrivo' poi un secondo. In quel momento, a mia insaputa, Yves proseguiva l' esperimento. Mandava mentalmente messaggi al secondo oggetto per farlo tornare indietro verso di noi. Cio' che accadde fu, appena lui lo fece, che l' oggetto esegui' una curva, molto, molto stretta a 180° e torno' sulle nostre teste.

K: Wow.

B: Quindi mi disse cosa stava facendo e, “Facciamolo insieme”. Ne vedemmo altri due apparire. Viaggiavano da nord a sud, quindi mandammo la richiesta di girare in tondo e seguirsi a vicenda, ok? E lo fecero. Intendo, fu proprio istantaneo.

Quella notte ne vedemmo in tutto 14 . Dopo questo, il padre di Yve dovette spostarsi e porto' Yve via dalla scuola e non lo rividi. Infatti, non lo vidi piu' fino a, oh, 3 anni fa. Lui mi trovo' tramite internet.
Scoprii che si trovava in Bakersfield, quindi mi venne a trovare. Parlando fra noi, venni a sapere quello fu l' unico avvistamento UFO che lui abbia mai avuto e ricordava ancora ogni dettaglio. Ne era rimasto impressionato.

Io questo non lo sapevo al tempo e ho continuato l' esperimento per 3 anni, solo da casa mia. Ok? Allora presi la mia..vivevo con mia zia e mia nonna e la presi fuori e dissi, “Ne ho uno qua sopra ora”. E lei disse, “Sto guardando la tv”. Io risposi, “Bene, mi hai detto di dirti quando ne vedo uno, perche' ti piacerebbe vedrelo”. Quindi la presi fuori e, puntando vero l' alto, dissi, “Eccolo li”. Lei rispose, “E' quello ?” E io, “Si. Ora sembra una luce, splendente nel cielo” dissi, “ma guarda questo (gesticolando da sinistra a destra), Gira a sinistra, gira a destra”.
Lei divenne pallida come un foglio e disse “Oh mio Dio, gli stai parlando”. Cosi risposi “Si, e' questo che ti dico da tempo”. Mi venne in mente quando mi prendeva in giro e in quel momento stava guardando coi suoi occhi”.

—————-

Anche Steven Greer nel suo libro

http://www.disclosureproject.org/PDF-Documents/chapters_1_&_2.pdf

After this amazing evening, I decided to practice all I had learned, taught and shared with the extraterrestrials. Every night before going to sleep, I would lie down and put myself in a meditative state. I
would enter unbounded awareness, then expand the sense of conscious mind around me, filling the room, knowing that it was omni-present. On the wings of that omnipresent sense of awareness, I would expand upwards into space, seeing the stars and space, filled with the sense that it was awake.
And I was one with that awake-ness, which placed me out there, in space.
Then I would send a thought like a beacon to the extraterrestrial beings, to announce my presence. In a somewhat childlike way, I'd say, “I don't know if you remember me, but my name is Steve.
And here I am – let me show you where I am.” So, I would do the protocol I developed for the CE-5 initiative:
In this higher state of consciousness I would turn it around, and instead of seeing outward into the vastness of space, look back – and show the ETs my location on earth.
I would show them the Milky Way Galaxy and then zoom in from there to our Solar System, with the sun and the Earth. Then I would zoom to the Earth and North America, further in to the eastern United States
and the Appalachian Mountains. Then I would zoom in to show them my location in Boone, North Carolina; then to my exact spot in that building.
And with that, I would fall asleep.
For months my experiences were really quite extraordinary.
From October '73 onwards, there began an unprecedented wave of UFO
sightings in those mountains.