Rispondi a: Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation Rispondi a: Keshe Foundation

#310793

Kaila
Partecipante

@ Rebel

Conoscendo il tuo scetticismo nei confronti di Keshe, quando ho letto il tuo messaggio sono letteralmente sobbalzata sulla sedia, e mi sono detta:”Accidenti, forse questa volta ci siamo sul serio”
Del resto, per chi sogna e insegue la free energy, perchè convinto che solo attraverso di essa sia possibile migliorare, o almeno rendere meno drammatiche le condizioni di chi sta peggio, questi sono giorni cruciali.Da una parte Mats Lewan anticipa per Rossi un COP da 20 a 80, dall’altra Franceschini ottiene il brevetto per il suo generatore di energia allo stato solido… gli spagnoli presentano la loro superbatteria al grafene…quelli del MFMP se ne escono con un sibillino annuncio…ed ora questo dispositivo HEE. E chissà, magari a breve altri ricercatori troveranno il modo, o il coraggio, di farsi avanti.
Personalmente sono convinta da sempre che le forme di energia pulita e a basso costo, SE esistono e sono praticabili, per riuscire ad imporsi debbano venire da più parti. E’ quello che sta accadendo? Forse si.

Ma andiamo avanti…
Con una certa sensazione di euforia, apro il primo link e comincio a leggere.

“PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO”
La trattazione è accattivante (per verità anche un po’ inquietante quando si parla, per un apparato domestico, di elementi radioattivi, neutroni, particelle alfa e via dicendo) ma poichè le mie competenze nel campo della fisica non vanno al di là dei primi rudimenti scolastici (e quindi non potrei distinguere una teoria rivoluzionaria da un agglomerato di cavolate galattiche) passo oltre.

“POSSIBILI UTILIZZI”
Nessun dubbio, tutte cose bellissime, che tutti si augurano di veder realizzate al più presto (ma avrei evitato scenari che in qualche modo richiamano alla memoria i proclami di Keshe)

Tralascio la parte riguardante le licenze e giungo alle …

“CONCLUSIONI”
Qui leggo… “dopo le prime POSITIVE prove sperimentali…”
Ecco, qui sta il nocciolo della questione (di tutta la questione LENR veramente) . Onde evitare il calvario rossiano, chiedo a te, Rebel, in qualità di collaboratore, e quindi di persona presumibilmente informata sui fatti:in che cosa consistono queste PROVE POSITIVE? Il dispositivo sperimentale è stato testato da TERZE PARTI CERTE o, quantomeno, sono state fatte valutazioni calorimetriche inoppugnabili (mi pare di ricordare che, agli esordi di hydrobetatron, ci fossero stati contatti fra gli ingegneri Abundo e Mario Massa)? Avere la certezza di questo, secondo me, è fondamentale.

Per il resto, grande ammirazione per il lavoro e la dedizione e grandissimo plauso per le finalità Open source di tutto il progetto.


  • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 9 mesi fa da  Kaila.