Rispondi a: La Ricerca Interiore

Home Forum SPIRITO La Ricerca Interiore Rispondi a: La Ricerca Interiore

#39851

Nuzzi
Partecipante

[quote1361759832=prixi]
[quote1361635283=Nuzzi]

Ma figurati, così come il tuo percorso di ricerca personale ti ha portato ad apprezzare (in parte) Brizzi, il mio mi ha portato a denigrarlo.
Chi ha ragione?
Ovviamente nessuno, quindi ognuno fa il suo percorso.
Però mi piace comunque condividere con te un'idea.
Ammettiamo che il “risveglio” debba passare per una via (prima seconoda terza o quarta che sia), chi è che si è inventato quella via? Cioè il primo che l'ha tracciata (che quindi non poteva seguire i dettami di nessuno), come ha fatto? A caso?
Io sono convinto che esistano molte vie in termini assoluti, ma ne esista soltanto una per te: la genuinità.
Risvegliarsi è guardare il mondo attraverso i tuoi occhi senza pensieri falsi e preconcetti, non attraverso gli occhi (e i pensieri) di un altro. Chiunque esso sia.
Ricalcare una via significa abbandonare la propria.
Risveglio, per me, significa osservare il mondo com'è per te, e non come te lo descrivono altri.
Quindi non ci possono essere regole “imposte”, la regola è già di per se un fallimento.
Bisogna perseguire la propria essenza, e per farlo è necesssario spogliarsi di tutti gli abiti (le credenze, i pensieri) che abbiamo accettato di indossare per svariate ragioni, ma che non sono nostri.
E una volta nudi osservare il mondo.

[/quote1361635283]

… ti sembrerà impossibile, ma ciò che hai appena affermato è ciò che in sintesi propone Brizzi

non è comunque importante da dove ti viene “l'informazione” o lo stimolo … se suggerito da una persona, un libro, un'esperienza o se arriva “spontaneamente” … l'importante è che arrivi
tanto lo sai che ognuno di noi (più o meno condizionato) vede il mondo attraverso il proprio “filtro” e “vedi/senti” solo ciò che sei pronto a “vedere/sentire”

tanto per citarne un'altro … Carlos Castaneda diceva che ogni “via” è solo una tra “un milione” … non conducono in nessun posto, se ha “un cuore” è una buona strada …

dobbiamo restare liberi di scegliere ciò che “risuona” meglio in noi … ed ogni scelta, a mio parere è rispettabilissima …

Ti abbraccio !
[/quote1361759832]

Ti abbraccio ancora prima di cominciare, e ringrazio tutti perchè condividere delle sensazioni (anche se solo a parole), è una meraviglia fra le meraviglie.

Le idee sono opinioni, le opinioni derivano da credenze e nelle credenze meglio metterci i piatti e i bicchieri.
Vedi in sientesi il messaggio è semplice. E non voglio stare a sindacare di quel sia la sintesi del messaggio di Brizzi, ti potrei postare decine di suoi video in cui inanella una stupidaggine dietro l'altra. Ma non è questo il punto.
Il punto è che “le idee che risuonano in te” non vuol dire niente. Perchè tu dentro “sei vuota”.
E il termine “risuonare” presuppone che l'idea che entra vada in risonanza con un'altra che è già radicata.
E' il meccanismo della pubblicità.
Obbligo la tua mente ad accettare un'idea, e poi, quando questa si è radicata, allora ti espongo a nuovi stimoli che entrano in risonanza con la prima idea… e tu penserai che quegli stimoli sono “tuoi bisogni” perchè li sentirai risuonare dentro di te. Ma è una truffa!
Non so se mi riesco a spiegare bene, faccio un esempio: se mi convincono che l'arancione è il colore più bello (perchè ad esempio è associato ai monaci tibetani -ok l'esempio fa schifo, ma sono le 4 del mattino, abbiate pietà-) allora tu tenderai a considerare la Wind (che usa l'arancione) come una compagnia telefonica che “risuona in te”. Poi magari non sceglierai Wind perchè i suoi piani tariffari non ti convincono abbastanza o perchè nella tua zona il segnale non prende bene, ma intanto quella compagnia è partita “in vantaggio” rispetto alle altre. Nel mondo si spendono trigliardi di dobloni d'oro per far attecchire le nuove idee, perchè quello è il modo per “vendere” poi i vari “prodotti”.
Anche la “spiritualità moderna” funziona in quel modo: ad esempio pigliano due fisici “affaristi”, gli fanno dire che “scientificamente” il pensiero che fai genera la tua realtà, e poi ti vendono il lbro “the secret”. E quando ti accorgi che le cose non stanno proprio così (perchè il meccanismo infallibile poi non funziona) ti dicono che “non fuoniona perchè non ci credi abbastanza (quindi la colpa non è mai del metodo, la colpa è sempre tua)”. E mentre tu ti colpevolizzi, loro ti seviziano il cervello con un'altra idea e il gioco ricomincia.

Ci sono cascato dentro un sacco di volte, e ci casco dentro tutt'ora, perchè le forze in gioco sono enormi e te le devi gestire tutte da solo, e non è semplice.
Occhio.