Rispondi a: Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza

Home Forum SPIRITO Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza Rispondi a: Sri Aurobindo-Mère e la nuova Coscienza

#48949
viandante
Partecipante

IL meraviglioso Tutto vive nel corpo
Agenda di Mère – Libro quarto – 25 novembre

Dopo, per tutto il resto della giornata, è stato come se il corpo domandasse, o venisse incoraggiato a domandare (di solito non chiede mai niente, né la salute né niente), ma per la prima volta ieri pomeriggio era come se chiedesse, con una specie di aspirazione quasi non espressa a parole, ma con un sentimento e una impressione, così: «Riuscirò ad essere pronto perché Tu possa vivere in queste cellule, perché queste cellule siano Te?…». Le parole rovinano tutto, perché sono di una precisione un po´ dura e brutale; ma era come se le cellule dicessero: «Mai avremo questa Pace meravigliosa…». Una pace, ma una pace così ricca, piena di potere creatore, con una forza infinita e una pienezza di gioia, che dava alle cellule il coraggio di dire: «Saremo QUELLA COSA soltanto se sarai Tu e solo Tu ad essere presente».
Sri Aurobindo ha scritto: «Ogni avvenimento (così come ogni movimento della vita) sarà una meraviglia quando sarà il meraviglioso Tutto a vivere» – a vivere nel corpo. E proprio come l´espressione di ciò che aveva sentito il corpo. Ed è la sua unica ragion d´essere – non ce ne sono altre, tutto il resto… E´ passato attraverso ogni genere di disgusto, di disdegno, di indifferenza a tutto, al punto da chiedersi: «Ma insomma, com´è che si può vivere? Per fare che? Perché mai esistiamo, perché? Perché siamo stati creati, perché?… Tutto questo non vuol dire niente!». Strano, era come ricordarsi gli eoni di tempo vissuti in una totale ignoranza del perché, in una specie di sbalordimento… che sia potuto passare tanto tempo prima di trovare l´unica cosa che… l´unica cosa esistente! E tutto questo, perché? Tutti questi secoli di sensazioni assurde…
Curioso: era come se venisse lentamente a galla il ricordo di tutta una vita futile e inutile – assurda – e così dolorosa! «Perché tutto questo per arrivare a trovare LA COSA?».
Curioso.
Non so se in risposta a questa domanda, ma oggi mi si è presentato come un film: una lunga sfilata di tutte quelle storie in cui si racconta come gli uomini distruggano ciò che è superiore a loro: i martiri, gli assassinii, le fini tragiche di tutti coloro che rappresentavano un potere o una verità superiori all´umanità. Come se fosse la spiegazione la spiegazione simbolica – di come mai ci è voluto un tempo quasi infinito perché la Materia si svegliasse – perché si destasse al bisogno imperioso della Verità.
Era come se qualcuno mi dicesse: «Vedi, c´è stato un tempo in cui vi mandavano al rogo, vi torturavano…» – ricordi di vite passate. Ed erano ricordi associati alle parole dette di recente da un missionario protestante, non così a chiare lettere, ma che insomma volevano dire: «Cristo viene adorato solo perché è MORTO per gli uomini, perché è stato crocifisso per loro».
Si direbbero tutte cose che sono state necessarie per triturare ben bene la Materia.