2012: ma ci credete veramente?

Home Forum PIANETA TERRA 2012: ma ci credete veramente?

Questo argomento contiene 541 risposte, ha 66 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Voorst 12 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 251 a 260 (di 542 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #61999

    Nuzzi
    Partecipante

    Francamente pernso che l'attendismo e il catastrofismo facciano male.
    Se uno decide di “risvegliarsi” (uso un termine che qui, è molto inflazionato) perchè arriverà una catastrofe immane non penso che lo faccia per amore della conoscenza ma piuttosto per paura di schiattare. Pensare che tutti quelli che la pensano in maniera diversa siano destinati all'estinzione penso sia una sorta di classismo velato. Concordo sulla necessità di un cambio di rotta per quanto riguarda il nostro mondo “occidentale”. Attendere che sia una catastrofe a modificare le cose non fa altro che tarpare le ali a chi vorrebe fare qualcosa ORA non tra 4 o 400 anni. Ripensiamo il mondo in termini di condivisione non di classi, in termini di carità (nel senso alto del termine). Spesso qui si scrive di amore… beh non so che cosa intendete voi ma a me piace pensare che l'amore sia condivisione, che l'amore sia TUTTI e non IO, che l'idividualismo sia il male.
    Non mi piace pensare che solo chi conosce, solo chi sa, solo chi è eletto possa essere “salvato” Se anche una solo persona sulla terra fosse destinata all'inferno allora vorrei fargli compagnia.


    #61985
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    infatti hai ragione
    personalmente non penso che debba esserci una catastrofe e nemmeno che si debba salvare solo chi è eletto
    penso che dobbiamo stare attenti a cio che sta accadendo e puo accadere e non sottovalutare a priori certi argomenti e informazioni
    inoltre penso che in realtà tutti i cambiamenti in corso siano positivi, ma è anche vero che c'è chi non desidera tali cambiamenti positivi e agisce di conseguenza
    non si deve attendere nulla, siamo gia in mezzo alle onde sia dei cambiamenti della natura che di quelli dell'uomo, della società


    #62000
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1240583611=Nuzzi]
    Spesso qui si scrive di amore… beh non so che cosa intendete voi ma a me piace pensare che l'amore sia condivisione, che l'amore sia TUTTI e non IO, che l'idividualismo sia il male.
    Non mi piace pensare che solo chi conosce, solo chi sa, solo chi è eletto possa essere “salvato” Se anche una solo persona sulla terra fosse destinata all'inferno allora vorrei fargli compagnia.
    [/quote1240583611]

    il risveglio è individuale….prosegue poi a catena e non è importante se lo hai fatto avendo paura delle conseguenze oppure in modo genuino…
    se siamo qui a discutere….facciamo parte di questa catena !!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #62002

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1240586533=farfalla5]
    il risveglio è individuale….prosegue poi a catena e non è importante se lo hai fatto avendo paura delle conseguenze oppure in modo genuino…
    se siamo qui a discutere….facciamo parte di questa catena !!!!
    [/quote1240586533]

    Il risveglio è individuale questo è vero. Le sovrastrutture prodotte dall'inconscio collettivo però impediscono alle persone di risvegliarsi cioè di abbandonare l'idea di essere unità singole e abbracciare la concezione di essere parte completa del tutto (scusa il gioco di parole ma è il meglio che mi è venuto per esprimere quel concetto). Continuare a sostenere una logica individualista presuppone un rafforzamento di quelle strutture inconsce che impediscono la nostra libertà.
    Se uno si risveglia per paura, non si è risvegliato affatto! Ma ha solo creato una sovrastruttura mentale che gli dice :”si sei arrivato”. La paura chiude, la paura individualizza, la paura separa, la paura è il contrario dell'illuminazione. Chi pensa in termini di paura pensa in termini di “giusto e sbagliato”, che è un pensiero appartenente alla dialettica degli opposti che è proprio quello di cui un “illuminato” si libera. Posso, se vuoi, citare innumerevoli “saggi” che affermano quanto la paura sia nemica di ogni illuminazione…


    #62003
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    La paura chiude, la paura individualizza, la paura separa, la paura è il contrario dell'illuminazione. Chi pensa in termini di paura pensa in termini di “giusto e sbagliato”, che è un pensiero appartenente alla dialettica degli opposti che è proprio quello di cui un “illuminato” si libera. Posso, se vuoi, citare innumerevoli “saggi” che affermano quanto la paura sia nemica di ogni illuminazione…

    esatto, la paura però esiste come emozione, l'importante è non affogarci dentro ma sfruttarla per capire e reagire
    anche a me infastidisce molto parlare di paura e disperazione


    #62004

    Ken
    Bloccato

    NOI non siamo tutt'Uno con l'Universo…


    #62005

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1240587533=Ken]
    NOI non siamo tutt'Uno con l'Universo…
    [/quote1240587533]
    …mi piacerebbe però che oltre a dire una cosa ne spiegassi le ragioni…così magari posso capire meglio il tuo pensiero..


    #62006

    Ken
    Bloccato

    [quote1240587718=Nuzzi]
    [quote1240587533=Ken]
    NOI non siamo tutt'Uno con l'Universo…
    [/quote1240587533]
    …mi piacerebbe però che oltre a dire una cosa ne spiegassi le ragioni…così magari posso capire meglio il tuo pensiero..
    [/quote1240587718]


    #62008
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1240587974=Nuzzi]
    [quote1240587533=Ken]
    NOI non siamo tutt'Uno con l'Universo…
    [/quote1240587533]
    …mi piacerebbe però che oltre a dire una cosa ne spiegassi le ragioni…così magari posso capire meglio il tuo pensiero..
    [/quote1240587974]
    alcuni suggerimenti
    http://theresonanceproject.org/pdf/scalinglaw_paper.pdf

    Scale Unification – A Universal Scaling Law For Organized Matter (PDF), by Nassim Haramein, Michael Hyson, and E.A. Rauscher.

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/TheDivineCosmos.htm

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.349

    https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.343

    [youtube=425,344]F0pjJtYwLNg


    #62001

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1240588006=Ken]

    Certo, l'ho gia' scritto precedentemente :

    Uno dei piu' comuni meccanismi di controllo che è stato usato sulle ANIME è fargli credere che con l'aumento della loro potenzialita' si ritroveranno ad essere tutt'Uno con l' Universo.Questo è totalmente falso.Le ANIME sono individui.Non si fondono con altre individualita' Sono in primo luogo, se stessi.Non c'è nessun Nirvana. E la senzazione che ci si fondera' perdendo la propria individualita' che trattiene un' ANIMA dal cercare di porre rimedio al suo destino LA SUA FUSIONE CON IL RESTO DELL'UNIVERSO VORREBBE DIRE CHE DIVENTA MATERIA.L'INDIVIDUO DECLINA FINO A RAGGIUNGERE UNA “FRATELLANZA CON L'UNIVERSO” Quando entra in una condizione migliore, diventa sempre piu' un individuo capace di creare e mantenere un Universo Proprio

    [/quote1240588006]
    Ok, ora ho capito, scusami ma non avevo letto.
    Credo che su questo punto abbiamo pareri contrastanti. Personalmente non credo nell'individualismo, non credo che l'uomo basti a se stesso ma credo che l'uomo debba ricercare nell'altro quella scintilla divina che sente dentro di se. Ampliare la sensazione di comunione con il tutto è la chiave per trascendere l'illusione che ognuno di noi ha dentro: cioè quella che ognuno di noi sia artefice di se stesso. Ci sono molti “saggi” che lo affermano, come sono certo che esistano molti “saggi” che affermano quanto dici tu, il problema non è stabilire chi ha ragione, il problema è la scelta. Le nostre scelte appaiono differenti ma non è detto che entrambe non abbiano senso… personalmente prefersico pensare che l'individualismo sia in generale un male per l'uomo, mentre a te piace pensare che sia la chiave di liberazione dell'uomo…
    Solo una curiosità: quando tu parli di ANIMA a quale tradizione ti riferisci?

    Ti prego non rispondere a questa domanda con “mi riferisco alla mia tradizione, a quella che sento” perchè se no finisce il discorso…


Stai vedendo 10 articoli - dal 251 a 260 (di 542 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.