Avete fiducia nella medicina moderna?

Home Forum SALUTE Avete fiducia nella medicina moderna?

Questo argomento contiene 533 risposte, ha 58 partecipanti, ed è stato aggiornato da Quantico Quantico 12 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 311 a 320 (di 534 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #49801

    Medico omeopata
    Partecipante

    [quote1267629454=windrunner]
    Guardate questo video andato in onda alle iene ieri sera… si conclude dicendo che per il rinnovo di un'anti infiammatorio che doveva essere supersicuro durante i test sono morte tre persone in pochi giorni… e poi escono titoloni sui giornali dove si grida all'allarme perchè in 8 anni sono morte tre persone per medicine naturali… ma andate!

    [/quote1267629454]

    Secondo il Ministero della Salute [u]ogni giorno[/u] 100 pazienti in Italia vengono ricoverati per tossicità da farmaci.


    #49802
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Vitamina D: un fattore cruciale per il sistema immunitario

    Senza di essa, le cellule T non sono in grado di reagire e combattere le infezioni più gravi che minacciano l'organismo
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/articolo/1342379


    #49803
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.aism.it/index.aspx?codpage=news_2010_03_ccsvi_percorsi
    [youtube=480,385]OR9HTA-f0Ew
    [youtube=480,385]BvOSNIYSo4M


    #49804

    windrunner
    Partecipante

    Qualcosa si muove… o mera chimera?

    Germania: la medicina complementare viene annoverata ufficialmente nel rango delle terapie utilizzate nella cura di tumori

    Durante il 29esimo congresso sui Tumori, tenutosi a Berlino, il 73% dei medici convenuti si è detto favorevole all'introduzione delle terapie non convenzionali all'interno dello studio della medicina scientifica. Il 61% utilizza queste terapie nei propri ambulatori medici, soprattutto la fitoterapia e le terapie alimentari. Dai risultati presentati al congresso risulta che quattro pazienti oncologici su cinque passano spontaneamente alle terapie alternative, senza mettere a conoscenza del fatto il medico curante. Questi dati vengono letti come un cambio di tendenza nel mondo scientifico, insinuatosi anche all'interno della Deutsche Krebsgesellschaft (DKG), la società scientifica nazionale per la lotta ai tumori.

    Attualmente la DKG starebbe infatti elaborando le linee guida per la medicina complementare. Molti principi fitoterapici e antiossidanti attivano il metabolismo e sarebbero in grado di rafforzare o ridurre l'effetto delle terapie antitumorali.
    Non si tratta di alternative, ma di un completamento rispetto alle medicine convenzionali” ha commentato lo svizzero dr. Walter Jungi. “I pazienti sperano di sopravvivere più a lungo e con una qualità della vita migliore”.

    Secondo i dati a disposizione le casse previdenziali tedesche nel 2008 hanno speso 600 milioni per le medicine complementari e 1,4 miliardi di euro per metodi e terapie alternative.

    Fonte: Mednat.de – http://aamterranuova.it/article4361.htm


    #49805
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    tutta la galassia se move 😉


    #49806

    windrunner
    Partecipante

    Da oggi forse un pochettino più di fiducia… 😉

    E' di questi giorni la notizia dell'uscita del memorandum dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che decreta l'ingresso dell'omeopatia nel gruppo delle medicine tradizionali e ne raccomanda l'integrazione nell'ambito delle cure primarie.

    Con la pubblicazione del documento “Safety issues in the preparation of homeopathic medicines”, l'Oms, dunque, riconosce pari dignità all'omeopatia rispetto agli altri paradigmi medici, sgomberando il campo da qualsiasi possibile ostilità nei confronti della stessa. Il documento Oms è infatti incentrato sul tema della sicurezza, quale primo dei requisiti che una medicina deve possedere, ed imprime un forte stimolo all'armonizzazione delle regole di produzione per tutto il mercato internazionale, nel rispetto delle autonomie dei singoli governi nazionali. Si compone di tre parti, in cui vengono affrontate le problematiche relative alle sfide poste dalla specificità dei prodotti omeopatici alle usuali metodologie per il controllo di qualità dei farmaci. E' raccomandata l'adesione alle Linee Guida per la Good Manufacturing Practice (GMP), così come l'attenzione all'identificazione, alla natura e alla qualità dei materiali di origine e degli eccipienti. Inoltre, una particolare raccomandazione è rivolta alle autorità regolatorie, perchè mettano in atto tutte quelle normative che servono a garantire un prodotto finale, sicuro, efficace e di alta qualità. Etichettatura e packaging sono visti come uno strumento fondamentale per consentire al consumatore l'utilizzo dei prodotti in maniera sicura. In questo senso vengono riportati gli esempi di Stati Uniti, Canada, e Australia che hanno elaborato normative che consentono al consumatore di avere un foglietto illustrativo che lo aiuti nell'utilizzo del prodotto omeopatico. Leonello Milani, vice presidente dell'Accademia internazionale di medicina fisiologica di regolazione e vice presidente Aiot, ha commentato così la notizia: “Questa pubblicazione era molto attesa e ritengo che la serietà e il prestigio dell'Oms siano tali da indurre il Governo italiano ad omologarsi alle sue indicazioni”. Positivo è stato anche il commento di Alessandro Pizzoccaro, presidente di Guna Spa, azienda italiana che produce e distribuisce farmaci omeopatici: “Il documento dell'Oms è perfettamente in linea con le richieste che abbiamo avanzato da tempo – spiega – cioè di consentire alla popolazione di rivolgersi alla medicina omeopatica in totale sicurezza e pienamente informata. Da ormai 3 anni attendiamo invano che l'Italia applichi la nuova Direttiva Europea sui farmaci, che stabilisce le regole anche per il settore omeopatico. La legislazione italiana, unica in Europa, non consente l'etichettatura dei medicinali omeopatici, tanto meno permette di aprire nuove linee di prodotto. Una posizione assurda che mette l'Italia a rischio di una procedura d'infrazione UE”.

    http://aamterranuova.it/article4413.htm

    !lol


    #49807
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    favolosoooo 😉

    1. Emergerà una nuova medicina, una specie di guarigione trasformazionale che è radicata nell’olismo e prende in considerazione il corpo come un sistema di energia. Ognuno di noi ha un corpo, una mente e uno spirito collegati fra di loro. La nuova medicina integrerà tutti i tre, con trattamenti fisici per favorire la guarigione del corpo, metodi per trasformare atteggiamenti ed emozioni, e discipline per tenere sempre in considerazione ideali e scopi spirituali.
    http://www.edgarcayce.it/media/visionecayce.htm


    #49808
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1269261297=windrunner]
    Da oggi forse un pochettino più di fiducia… 😉

    !lol
    [/quote1269261297]

    Superfavoloso !lol


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #49809

    Medico omeopata
    Partecipante

    LA MAMMOGRAFIA NON RIDUCE I TASSI DI MORTALITA’ PER TUMORE AL SENO

    La mammografia 'non riduce i tassi di mortalita' per tumore al seno nelle donne che fanno questo esame rispetto a quelle che non fanno prevenzione'. Inoltre in molti casi 'le diagnosi condotte in base a questo esame radiografico potrebbero essere sbagliate: si stima che migliaia di donne potrebbero essere state operate senza necessita'.
    Sono questi i sorprendenti risultati di uno studio del Nordic Cochrane Centre in Danimarca, pubblicato sul British Medical Journal e di cui da' notizia il Daily Mail suo suo sito. L'indagine, durata 10 anni, e' stata compiuta su 110 mila donne, che hanno risposto ad alcune domande sui benefici dei programmi organizzati di screening. In particolare sono stati esaminati i tassi di mortalita' per tumore al seno in due regioni danesi che proponevano programmi di screening, confrontandoli con quelle delle regioni che invece non li prevedevano.
    Lo studio ha scoperto che dall'inizio degli anni '90 i tassi di mortalita' delle donne tra i 55 ed i 74 anni diminuivano dell'1% nelle aree sottoposte a screening contro il 2% di quelle non sottoposte a screening. Per le piu' giovani (35-54 anni) calavano invece rispettivamente del 5% e 6%. Secondo i ricercatori la riduzione dei tassi di mortalita' per tumore al seno si spiega probabilmente dal cambiamento dei fattori di rischio e dalle migliori cure. La mammografia era stata gia' al centro di polemiche negli Usa lo scorso novembre: la decisione di alzare da 40 a 50 anni l'eta' minima in cui e' consigliato l'esame radiologico del seno aveva sollevato una levata di scudi tra molti oncologi.

    Fonte:
    Sanità News del 25/03/2010
    http://www.bmj.com/cgi/content/abstract/340/mar23_1/c1241?maxtoshow=&hits=10&RESULTFORMAT=&fulltext=Mammography&searchid=1&FIRSTINDEX=0&sortspec=date&resourcetype=HWCIT


    #49810
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Agopuntura, tra eco-doppler e risonanze così la scienza misura l’antica medicina
    di Elena Dusi
    Mal di testa, ansia, depressione ma anche difetti di digestione. Si moltiplicano gli usi della terapia. E nuovi studi confermano la validità degli effetti. E dell'agopuntura non ci si chiede più se funzioni o meno, ma si indagano le ragioni dei benefici
    http://canali.kataweb.it/salute/2010/03/25/agopuntura-tra-doppler-e-risonanze-cosi-la-scienza-misura-lantica-medicina/

    http://online.wsj.com/article/SB20001424052748704841304575137872667749264.html


Stai vedendo 10 articoli - dal 311 a 320 (di 534 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.