Beppe Grillo

Home Forum PIANETA TERRA Beppe Grillo

Questo argomento contiene 148 risposte, ha 30 partecipanti, ed è stato aggiornato da  xxo 10 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 91 a 100 (di 149 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #79928

    marì
    Bloccato

    [quote1247847494=Richard]
    il nuovo giornale online di Travaglio
    http://antefatto.ilcannocchiale.it/
    [/quote1247847494]

    #evvai #evvai


    #79929

    ezechiele
    Partecipante

    bellissima… dal blog di travaglio

    ice D’Alema che Grillo non può iscriversi al Pd: non ha mai definito “golpisti” i pm di Mani Pulite, mai fatto bicamerali per demolire la Costituzione, mai rovesciato il governo Prodi, mai legittimato il conflitto d’interessi, mai definito Mediaset “un grande patrimonio del Paese”, mai scalato la Bnl, mai detto a Consorte “facci sognare”, mai preso tangenti da un uomo legato alla Sacra corona unita, mai definito “capitani coraggiosi” Colaninno e Gnutti, mai stato amico di Geronzi e Tronchetti Provera, mai bombardato l’ex Jugoslavia violando il diritto internazionale e poi negando di averla bombardata, mai invitato Gheddafi alla fondazione Italianieuropei.

    Dice Veltroni che Grillo non può iscriversi al Pd: non ha mai minato il governo Prodi, non ha mai auspicato di avere Gianni Letta nel suo governo, non è amico dei palazzinari, non ha mai fatto accordi con Berlusconi, non l’ha mai chiamato “il principale esponente dello schieramento a noi avverso”, promesso di “non attaccarlo mai più”, non ha mai riabilitato Craxi definendolo “grande innovatore” (anzi, pare addirittura che il comico genovese, a Craxi, preferisca Berlinguer).

    Dice Anna Finocchiaro che Grillo non può entrare nel Pd: non ha mai attaccato il pool di Milano, non ha mai elogiato “il comportamento esemplare di Andreotti”, non ha mai invocato il Ponte sullo Stretto di Messina, non ha perso tutte le elezioni della sua vita, non ha mai baciato Schifani e non s’è fatto scrivere il programma da Salvo Andò.

    Dice Bersani che Grillo non può entrare nel Pd: mica era amico di Tanzi, mica trafficava col governatore Fazio per sponsorizzare la fusione Bnl-Montepaschi, mica ha elogiato Fiorani (“banchiere molto dinamico, capace, attivo”), mica ha ingaggiato il figlio di Mastella come consulente al ministero delle Attività produttive, mica va a farsi osannare ogni anno al Meeting della Compagnia delle Opere a Rimini.

    Dice Franceschini che Grillo non può entrare nel Pd: mica ha commentato lo scandalo Noemi e le accuse di Veronica “tra moglie e marito non mettere il dito” e mica si allea con Marini, Rutelli, Fioroni, Carra e Binetti.

    Dice Follini che Grillo non può iscriversi al Pd: non ha mai militato nell’Udc di Totò Cuffaro, non ha votato tutte le leggi vergogna di Berlusconi (anzi, le ha persino combattute), non è mai stato vicepresidente del Consiglio in un governo Berlusconi.

    Dice Mirello Crisafulli che Grillo non può iscriversi al Pd: non ha mai abbracciato né baciato il boss mafioso di Enna, Giuseppe Bevilacqua, in un hotel di Pergusa e non ha mai parlato di affari e appalti dandogli affettuosamente del tu.

    Dice Nick Latorre che Grillo non può entrare nel Pd: non ha mai chiesto a Dell’Utri i voti per D’Alema al Quirinale (“Con il senatore Dell’Utri esiste un rapporto di grande cordialità e di stima reciproca. La mia impressione su di lui è estremamente positiva: penso sia una persona pacata, sensibile e di spessore”), mai trafficato né con Consorte né con Ricucci, non è mai stato loro complice in scalate finanziarie illegali, e non ha mai neppure passato pizzini all’onorevole Bocchino nei dibattiti televisivi.

    Dice Fassino che Grillo non può entrare nel Pd: diversamente da Primo Greganti, regolarmente iscritto, il comico genovese non incassava tangenti per conto del Pci-Pds nella stessa città di Fassino; inoltre, Grillo non ha mai domandato a Consorte “allora siamo padroni di una banca?” né portato la sua signora in Parlamento per cinque legislature, e nemmeno per qualche minuto in visita guidata.

    Dice Enrico Letta che Grillo non può entrare nel Pd: molto meglio “Tremonti, Letta (Gianni), Casini e Vietti”, che lui vorrebbe “nel mio futuro governo”.

    Dice Rutelli che Grillo non può entrare nel Pd: non è mai stato condannato dalla Corte dei conti a risarcire 25 mila euro al Comune di Roma per le spese folli in consulenti inutili; e non ha mai perso nemmeno un’elezione, mentre lui nell’ultimo decennio le ha perse tutte, dalle politiche del 2001 alle comunali di Roma nel 2008.

    Dice Sergio D’Antoni che Grillo non può iscriversi al Pd: non ha mai fatto partiti con Andreotti.

    Dice la Binetti che Grillo non può entrare nel Pd: non è mica dell’Opus Dei.

    Dice Enzo Carra che Grillo non può entrare nel Pd: non è mica un pregiudicato per falsa testimonianza.

    Dice Pierluigi Castagnetti che Grillo non può entrare nel Pd: mica ha una prescrizione per finanziamento illecito.

    Dice Bassolino che Grillo non può entrare nel Pd: non è mica imputato per truffa pluriaggravata alla regione di cui egli stesso è governatore.

    Grillo si rassegni. Oppure vada a molestare una ragazza: se tutto va bene, gli fanno il Tso, gli danno la tessera del Pd e lo promuovono presidente di sezione.


    #79930

    marì
    Bloccato

    Grillo: Pd, “Tessera non valida”

    17 Luglio 2009 19:11 POLITICA

    ROMA – E' “priva di validita'” l'iscrizione effettuata oggi da Beppe Grillo al circolo del Partito democratico di Paternopoli, in Irpinia: “la Commissione nazionale di Garanzia – spiega in una nota il viceresponsabile Organizzazione del Pd, Gero Grassi – ha escluso all'unanimita' di poter accogliere la richiesta di iscrizione da parte di Grillo, per aver promosso liste apertamente ostili al nostro partito”.

    http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Politica/Grillo-Tessera-non-valida/17-07-2009/1-A_000034454.shtml

    La battaglia si fa dura :hehe:


    #79931

    ezechiele
    Partecipante

    iniziano a delegittimare l'attività della base… a qaundo l'uniforme?


    #79932

    marì
    Bloccato

    [quote1247912533=ezechiele]
    iniziano a delegittimare l'attività della base… a qaundo l'uniforme?
    [/quote1247912533]

    … ma una volta non erano di moda le purghe? -|-


    #79933

    marì
    Bloccato

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]SzUoAfcyPsk[/link]

    :vir:


    #79934

    marì
    Bloccato

    [link=hyperlink url][youtube=450,340]nITK39r_J80[/link]

    :tze:


    #79935

    xxo
    Partecipante

    Il Pd «non è un taxi? Giusto. Questo partito è un carro funebre»: così, in un'intervista al settimanale tedesco Der Spiegel, Beppe Grillo è tornato a replicare alla metafora usata da Piero Fassino per bocciare l'intenzione del comico-politico di candidarsi alle primarie del Partito democratico per l'elezione del segretario.

    «Se entrassi in questa gara finta, che chiamano primarie, probabilmente vincerei. Di questo i capi del partito hanno una maledetta paura. L'intera sinistra è un imbroglio: sono morti che camminano», ha sostenuto Grillo prima di equiparare il Pd ad un carro funebre. «Da almeno 20 anni non esiste un'opposizione», ha esordito il comico ligure aggiungendo: «I leader dell'opposizione sono solo le stampelle di Berlusconi».

    Grillo ha indicato in ottobre il momento in cui la sua lista civica intende «avviare un referendum contro l'energia atomica». http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=31951


    #79936

    marì
    Bloccato

    sfogo del segretario della sezione di Paternopoli che aveva accettato il comico

    Pd, respinta la tessera di Beppe Grillo
    «Hanno vinto gli ayatollah di Roma»

    Il comico genovese sul suo blog: «Il Pdmenoelle ha annullato la mia iscrizione, non posso candidarmi»

    MILANO – Beppe Grillo getta la spugna. Con un secco post scriptm, pubblicato sul suo blog – a margine di un intervento intitolato «La muta del serpente» dedicato in parte al caso Borsellino e alle dichiarazioni del figlio di Ciancimino e in parte alle conversazioni tra Berlusconi e Patrizia D'Addario (e in questo caso il comico genovese si dice convinto che la escort pugliese «sembra recitare una parte. Non mi sembra verosimile che una escort rischi tutto, si metta contro il Sistema, per una concessione edilizia negata, per una promessa non mantenuta dello psiconano») -, il fondatore delle liste a cinque stelle annuncia l'impossibilità di candidarsi alla segreteria del Partito democratico. «Il PDmenoelle – scrive Grillo – ha annullato anche la mia iscrizione di Paternopoli. Non ho quindi la possibilità di candidarmi a segretario».

    L'ANNULLAMENTO
    – L'annuncio fa seguito alla comunicazione della segreteria provinciale del Pd di Avellino (guarda il documento) http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2009/07/22/pop_lettera.shtml , sottoscritta dal segretario Vanda Grassi, con cui veniva respinta la tessera n. 40 del circolo di Paternopoli «Martin Luther King» intestata, appunto, a Beppe Grillo. La procedura è scattata, sentito il parere della segreteria nazionale del Pd. Grassi ha impegnato il coordinatore del circolo irpino Andrea Forgione a restituire al comico genovese la quota dovuta per l'iscrizione al circolo.

    «HANNO VINTO I MULLAH» – Lo stesso Forgione ha espresso il proprio rammarico per la decisione pilotata evidentemente dalla segreteria nazionale di Sant'Andrea delle Fratte: «Soffro come un cane perchè vedo infrangersi il sogno di Walter Veltroni di un partito aperto – commenta il leader dei democratici di Paternopoli – . Lo stesso sogno che mi aveva fatto avvicinare al Partito democratico». Forgione spiega come sono andate le cose: «Siamo andati a consegnare le tessere alla federazione provinciale di Avellino e quella di Grillo non l'hanno nemmeno voluta vedere. Non hanno nemmeno fatto il passaggio formale di prendere le tessere, fare le verifiche e quindi respingere l'iscrizione di Grillo. Niente. Fuori, punto e basta». Forgione riferisce che ha parlato con Grillo al telefono dopo il definitivo non al suo tesseramento: «Mi ha ringraziato e mi ha detto che le rivoluzioni si possono fare anche dalla periferia. Speriamo. Io sono molto dispiaciuto perchè il partito di Roma ha perso l'occasione di dimostrare che siamo un partito democratico davvero. Hanno vinto gli 'ayatollah' di Roma e i loro 'mullah' sul territorio».

    http://www.corriere.it/politica/09_luglio_22/grillo_dietrofront_iscrizione_pd_respinta_f64c7be2-76c1-11de-829e-00144f02aabc.shtml

    ~grrr


    #79937
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    Gli italiani sono un popolo di inetti. E una minoranza consapevole purtroppo non può fare una rivoluzione (impossibile e quindi inutile).


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 10 articoli - dal 91 a 100 (di 149 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.