Buone Notizie

Home Forum L’AGORÀ Buone Notizie

Stai vedendo 10 articoli - dal 301 a 310 (di 892 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #112480
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    [quote1280143579=brig.zero]
    [color=#6633ff]INTERNET[/color]
    Islanda, il paese senza bavaglio
    Approvata una legge che garantisce uno “scudo” quasi totale a chi metterà su Internet segreti militari, giudiziari, societari e di Stato di pubblico interesse. I blogger saranno protetti dai processi. “Sarà difesa la libertà d'espressione”. E così la piccola isola potrebbe diventare il bunker del giornalismo d'inchiesta …

    http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/26/news/islanda_paese_senza_bavaglio-5830551/

    [/quote1280143579]

    !lol !lol !lol

    accontentiamoci intanto….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112476
    brig.zerobrig.zero
    Partecipante

    [youtube=425,385]oI8iKEo2Gew


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #112477
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    [quote1280163421=farfalla5]
    [quote1280143579=brig.zero]
    [color=#6633ff]INTERNET[/color]
    Islanda, il paese senza bavaglio
    Approvata una legge che garantisce uno “scudo” quasi totale a chi metterà su Internet segreti militari, giudiziari, societari e di Stato di pubblico interesse. I blogger saranno protetti dai processi. “Sarà difesa la libertà d'espressione”. E così la piccola isola potrebbe diventare il bunker del giornalismo d'inchiesta …

    http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/26/news/islanda_paese_senza_bavaglio-5830551/

    [/quote1280143579]

    !lol !lol !lol

    accontentiamoci intanto….

    [/quote1280163421]
    :&D


    #112482
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    Dalla polvere di argilla la plastica ecologica
    Gli scienziati stanno studiano un composto a base di argilla naturale per la produzione di una plastica biodegradabile. Lo annuncia uno studio pubblicato su Macromolecules dell’American Chemical Society che spiega che grazie all’uso di nanomateriali sarà possibile produrre plastica dall’argilla a basso costo.

    A condurre lo studio è Miriam Rafailovich della Stony Brook University di New York che rivela che grazie all’uso dell’argilla la plastica sarà certamente più sostenibile di quella prodotta dal mais, è più economica e la si può produrre su scala industriale ed è resistente alle fiamme.

    Dice Gifh:

    Il materiale originalmente in polvere, è derivato in buona parte dall’argilla, un fillosilicato di alluminio (dal greco phyllon, foglia: un particolare silicato caratterizzato da una struttura stratificata), sostanza assolutamente innocua per la salute e reperibile in grande quantità, che garantisce di essere un ottimo sostituto per il composto tradizionalmente utilizzato nella produzione di materiali nanocompositi.

    In merito alla resistenza alle fiamme delle organo argille spiega gifh:

    Sfruttano il resorcinolo difenil-fosfato (che normalmente è un ritardante di fiamma), per ottenere una produzione su vasta scala in un processo continuo. Inoltre, queste organo-argille sono più economiche, generano meno polvere, e sono termostabili a temperature molto elevate, anche oltre i 300°C. Questa “argilla organica” si è anche dimostrata superiore per applicazioni in cui è necessario ritardare la propagazione delle fiamme. Infine, a differenza della maggior parte delle organo-argille a base di ammine quaternarie, questo processo si adatta perfettamente alla materie plastiche composte da stirene (il monomero del polistirolo), una delle forme più diffuse di materie plastiche che trovano applicazione in innumerevoli prodotti ed applicazioni come diversi tipi di plastiche, gomme, schiume isolanti, fibre, eccetera…

    La plastica all’argilla però non è ancora pronta per il mercato.

    Via | Il Chimico impertinente, Science Daily

    http://www.ecoblog.it/post/10941/dalla-povere-di-argilla-la-plastica-ecologica?utm_source=newsletter&utm_medium=mail&utm_campaign=Newsletter:+ecoblog/it+(ecoblog)


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112483
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    Nepal, una mini centrale idroelettrica cambia la vita nei villaggi di Baluwatar e Naumale

    Mentre negli Usa c’è chi si costruisce un mini reattore casalingo in Nepal nei villaggi di Baluwatare Naumale, viene costruita una mini centrale idroelettrica (in Italia le bastoniamo, invece…) che ha letteralmente cambiato la vita dei suoi abitanti. Ora c’è energia sufficiente per tenere accese le luci di casa la sera.

    La centrale è stata costruita grazie ai fondi del World Food Programme e degli abitanti dei due villaggi che assieme fanno 145 famiglie. Progettata per generare 22 KW al momento ne fornisce la metà: 11 KW e per 70 rupie fisse al mese agli abitanti spesa l’uso illimitato di energia. Il cambiamento è evidente e grazie alla mini centrale sono arrivati nelle case i frigoriferi, lavatrici, televisori e cellulari, ma anche fax e fotocopiatrice. Migliorata anche la vita dei falegnami e dei contadini che ora riescono a irrigare i campi più facilmente.

    In Nepal grazie a programmi di cooperazione internazionale sono già state costruite in 57 distretti diverse mini centrali idroe elettriche in grado ognuna di generare 12 MW.

    Via | Nepali Times

    http://www.ecoblog.it/post/10940/nepal-una-mini-centrale-idroelettrica-cambia-la-vita-nei-villaggi-di-baluwatar-e-naumale?utm_source=newsletter&utm_medium=mail&utm_campaign=Newsletter:+ecoblog/it+(ecoblog)


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112485
    NEGUE72NEGUE72
    Partecipante

    La Spagna ha deciso…BASTA CORRIDE.
    Legge appena votata al parlamento di Barcellona.
    Era ora!!!!!!!!!!


    #112486
    gennaro-gelmini
    Partecipante

    Ciao da Gennaro Gelmini,
    se proprio vi piaciono le buone notizie vi segnalo le poesie di mia madre Anna Rinaldi cliccando qui http://anna-rinaldi.over-blog.it , io invece continuo a postare articoli su http://gennaro-gelmini.over-blog.it .
    Mia madre è in tipo molto solare, piace molto a chi desidera buone notizie.
    Comunque, aggiungo io, per avere buone notizie occorre anche crearle riuscendo a debellare gli ostacoli, i problemi, adesso ad esempio l'economia sale, ma solo dopo averci spremuto come limoni. Vera quella storia del Signoraggio, proprio vera.


    #112484
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    [quote1280321552=NEGUE72]
    La Spagna ha deciso…BASTA CORRIDE.
    Legge appena votata al parlamento di Barcellona.
    Era ora!!!!!!!!!!
    [/quote1280321552]
    mi hai precedudo con la notizia…. :hehe: !lol
    ma hai visto comunque le altre attrocità, tipo dare fuoco alle corna del toro, usanza delle piccole comunità spagnole…questo sì che è permesso 🙁


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112487
    El Mojo
    Partecipante

    Non fraintendetemi, ma vorrei solo far osservare alcune cosette; i tori da corrida vengono allevati in maniera molto rispettosa della libertà e della natura dell'animale, scorrazzano in grandi spazi e si accoppiano, sono ben nutriti e campano almeno 5 anni come si deve, poi fanno la fine che fanno che certo può far discutere, specialmente se non si è totalmente addentro a una tradizione che ha qualcosa di molto particolare e che difficilmente si potrebbe capire se non si vive un certo “spirito” andaluso, però è giusto premettere come vengono trattati. Quello che tanto fà discutere è dovuto al fatto che di tale macello se ne fà spettacolo pubblico, ma perchè allora non prendere in considerazione TUTTI quegli animali che vengono allevati per il macello (anche se un colpo di pistola sparachiodi al mattatoio senza pubblico può sembrare molto meglio che la corrida…) e che campano uno o due anni magari legati ad una catena nell'anello sul naso, tra le loro stesse feci, strapieni di steroidi e di antibiotici poichè malsani, avete visto le mucche che tette enormi hanno poichè devono produrre quantità enormi di latte fino a creparne, avete visto i polli nelle stie una sopra l'altra oppure i maiali? Bene, sono convinto che se uno qualunque di questi animali potesse scegliere, preferirebbe di gran lunga essere un toro Ghibli di 500 kg che ha vissuto degnamente per 5 anni e che alla fine ha la possibilità, almeno, di rifilare qualche cornata. Se le corride finiscono, non ci saranno più questi tori, magari verranno allevati e tirati su per due anni all'ingrasso e poi felicemente sparati in testa senza che nessuno abbia più niente da ridire con buona pace di tutti gli esseri umani col paraocchi.


    #112488
    Anonimo

    [quote1280329158=El Mojo]
    Non fraintendetemi, ma vorrei solo far osservare alcune cosette; i tori da corrida vengono allevati in maniera molto rispettosa della libertà e della natura dell'animale, scorrazzano in grandi spazi e si accoppiano, sono ben nutriti e campano almeno 5 anni come si deve, poi fanno la fine che fanno che certo può far discutere, specialmente se non si è totalmente addentro a una tradizione che ha qualcosa di molto particolare e che difficilmente si potrebbe capire se non si vive un certo “spirito” andaluso, però è giusto premettere come vengono trattati. Quello che tanto fà discutere è dovuto al fatto che di tale macello se ne fà spettacolo pubblico, ma perchè allora non prendere in considerazione TUTTI quegli animali che vengono allevati per il macello (anche se un colpo di pistola sparachiodi al mattatoio senza pubblico può sembrare molto meglio che la corrida…) e che campano uno o due anni magari legati ad una catena nell'anello sul naso, tra le loro stesse feci, strapieni di steroidi e di antibiotici poichè malsani, avete visto le mucche che tette enormi hanno poichè devono produrre quantità enormi di latte fino a creparne, avete visto i polli nelle stie una sopra l'altra oppure i maiali? Bene, sono convinto che se uno qualunque di questi animali potesse scegliere, preferirebbe di gran lunga essere un toro Ghibli di 500 kg che ha vissuto degnamente per 5 anni e che alla fine ha la possibilità, almeno, di rifilare qualche cornata. Se le corride finiscono, non ci saranno più questi tori, magari verranno allevati e tirati su per due anni all'ingrasso e poi felicemente sparati in testa senza che nessuno abbia più niente da ridire con buona pace di tutti gli esseri umani col paraocchi.
    [/quote1280329158]

    Non a caso esistono gli animalisti, i vegetariani ed, ancor meglio, i vegani. 🙂


Stai vedendo 10 articoli - dal 301 a 310 (di 892 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.