Buone Notizie

Home Forum L’AGORÀ Buone Notizie

Questo argomento contiene 891 risposte, ha 49 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 4 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 561 a 570 (di 892 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #112738

    Anonimo

    http://www.ilcambiamento.it/stili_di_vita/sicilia_bandite_bibite_gassate_scuole.html

    Sicilia: bandite dalle scuole le bibite gassate
    I distributori automatici delle scuole di ogni ordine e grado della Sicilia dispenseranno solo succhi di frutta e spremute fresche di agrumi. Lo prevede una nuova norma contro l’obesità infantile, inserita in un disegno di legge della Regione Sicilia sulle misure a sostegno delle imprese agricole.

    di Lucia Russo – 14 Novembre 2011

    I distributori automatici delle scuole di ogni ordine e grado della Sicilia dispenseranno solo succhi di frutta e spremute fresche di agrumi
    L'Assemblea regionale siciliana ha appena approvato una legge che prevede la distribuzione negli istituti scolastici di bevande esclusivamente di frutta 'siciliana'. Sarà vietata la “somministrazione di bibite gassate di ogni tipologia”.

    “Nelle scuole di ogni ordine e grado ubicate nel territorio della Regione siciliana, allo scopo di contrastare la crescente obesità giovanile – si legge nel testo di legge – è autorizzata la somministrazione presso i distributori automatici di spremuta di arance fresche, confezioni di frutta fresca tagliata e altre produzioni ortofrutticole siciliane”.

    La norma in argomento fa parte di un disegno di legge che contiene misure a sostegno delle imprese agricole e della pesca. È stata presentata a proposito di un nuovo e preoccupante dato italiano: la crescente incidenza dell’obesità nel nostro paese, riguardante anche i bambini. Oltre il 30% dei bambini italiani intorno ai 10 anni risulta lontano dal proprio peso forma.

    La messa al bando nell’isola delle bibite gassate nelle scuole rappresenta una prima misura per correggere il consumo di cibo spazzatura e riportare alle abitudini della dieta mediterranea: spremuta di arance fresche, frutta fresca tagliata e altre produzioni ortofrutticole. Bisognerà probabilmente aspettarsi delle resistenze da parte dei più giovani al cambio di abitudini (nulla vieterà loro di portare a scuola bevande lattine da casa) e anche dalle multinazionali del settore.

    Per quanto la svolta al consumo di prodotti a chilometro zero in agricoltura sia genericamente auspicata da tempo in tutto il Paese, va da sé che la norma contiene anche una spinta alla promozione dei prodotti locali in un momento in cui il comparto agricolo e ortofrutticolo è in grave difficoltà. Il consumo di succhi di frutta e spremute di agrumi nella forma del prodotto conservato, in Sicilia ha finora trovato delle difficoltà di radicamento. Paradossalmente è stato il mercato estero, tra cui quello tedesco, ad assorbire in passato quote significative di frutta e agrumi da trasformare in succhi e spremute.

    La norma è quindi un sì della Regione all’invito espresso dalla Coldiretti alla valorizzazione delle produzioni uniche certificate – Dop e Igp – su cui scommettere d’ora in poi. Ci sarà anche da capire se e come si avrà la certezza che il prodotto sia realmente d’origine locale e non semplicemente ivi commercializzato o trasformato, ovvero evitare il mercato dei falsi prodotti che ogni anno costa milioni agli imprenditori agricoli e froda i consumatori.


    #112739
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #112740
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1321294488=brig.zero]

    [/quote1321294488]
    🙂 … meglio che mi trattengo e non scrivo ciò che questa fioritura mi ha fatto sperare :cor:
    !lol


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #112741
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Bellissimo !! 🙂

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3150
    “Tali disturbi cusano e creano processi di trasferimento di materia ed energia tra il medium eterico e il nostro mondo tridimensionale. La moltitudine di tale fenomeno, ricco nella sua qualità e varietà, sta già crescendo rapidamente. Centinaia di migliaia di queste formazioni naturali auto-luminose, stanno esercitando una crescente influenza sui campi geofisici della Terra e della biosfera. Suggeriamo che la presenza di queste formazioni sia il precedente principale della trasformazione della Terra, una Terra che diviene sempre più soggetta ai processi fisici di transizione che esistono nella terra di confine tra il vuoto fisico e il nostro mondo materiale.

    Tutto questo mette l'umanità e ognuno di noi, difronte ad un problema difficile e topico, la creazione di un avanzamento rivoluzionario nella conoscenza, che richiederà una trasformazione del nostro pensiero e una comprensione di questo fenomeno mai visto prima che ora si presenta nel nostro mondo. Non esiste altro percorso verso il futuro, che una profonda e interna percezione e conoscenza degli eventi in corso ora nell'ambiente naturale intorno a noi. Solo tramite questa comprensione l'umanità conseguirà l'equilibrio col rinnovato flusso degli Stati PianetoFisici e i Processi.”


    #112742
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1321310393=Pier72Mars]
    http://www.ilcambiamento.it/stili_di_vita/sicilia_bandite_bibite_gassate_scuole.html

    Sicilia: bandite dalle scuole le bibite gassate
    I distributori automatici delle scuole di ogni ordine e grado della Sicilia dispenseranno solo succhi di frutta e spremute fresche di agrumi. Lo prevede una nuova norma contro l’obesità infantile, inserita in un disegno di legge della Regione Sicilia sulle misure a sostegno delle imprese agricole.

    [/quote1321310393]
    Questa si che è una meraviglia!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112743

    Anonimo

    http://www.inabruzzo.com/?p=99168

    I camosci? Almeno loro stanno bene…

    L’Aquila – (com) – Anche quest’anno dal censimento dei camosci nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga arrivano dati positivi. L’operazione, che si è tenuta lo scorso 12 ottobre, ha richiamato decine di volontari da ogni parte d’Italia e uomini del Corpo Forestale appartenenti, oltre che al Coordinamento Territoriale per l’Ambiente (CTA) del Parco e dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità (UTB) dell’Aquila, ai CTA dei Parchi Nazionali del Cilento e Vallo di Diano, dell’Aspromonte, dell’Arcipelago Toscano, del Vesuvio, delle Foreste Casentinesi, dell’Appennino Tosco Emiliano e del Parco Regionale Sirente Velino.
    Quest’anno le operazioni di conteggio sono avvenute sotto l’egida del progetto europeo Life “Coornata” che riunisce quei Parchi: della Majella, come capofila, del Gran Sasso – Monti della Laga, d’Abruzzo, Lazio e Molise, dei Sibillini e del Sirente Velino, con Legambiente Onlus, che sono direttamente coinvolti nella conservazione del Camoscio appenninico. Il progetto mira alla definitiva stabilizzazione della specie nell’Appennino Centrale, avendo previsto allo stesso tempo operazioni di reintroduzione nel Parco Regionale del Sirente Velino e di rafforzamento della comunità presente nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Com’è tradizione, inoltre, anche quest’anno, grazie alla collaborazione dell’UTB dell’Aquila del Corpo Forestale dello Stato, al conteggio dei camosci è stato abbinato quello del fringuello alpino, specie significativa che possiede sul Gran Sasso la stazione appenninica più numerosa.

    Nei trentatré sentieri in quota selezionati allo scopo, sono stati conteggiati 306 esemplari, numero che, implementato dei dati provenienti dal monitoraggio primaverile, porta ad una stima della popolazione di circa 450 camosci. Le stesse operazioni hanno permesso di contare ben 110 Kid, ovvero piccoli nati nell’anno. I dati sono considerati di grande positività poiché confermano il trend di crescita della specie, stimato al 20 – 25% annuo, e indicano chiaramente che la specie ha riconquistato nel Parco gran parte del suo areale idoneo. Costituiscono, infine, un’importante conferma del fatto che il lavoro svolto dall’Ente Parco, attraverso il Servizio di Ricerche Scientifiche e con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato, continui a produrre nel tempo i suoi effetti positivi.
    La presenza dei camosci sulle montagne del Parco dà un grande contributo alla riqualificazione degli ecosistemi montani e arricchisce nel contempo le potenzialità turistiche dell’area protetta, come dimostrano le frequenti segnalazioni che giungono all’Ente da escursionisti che abbiano vissuto l’emozionante incontro con l’animale. Viene giudicato, infatti, un ulteriore segnale di vitalità della specie la relativa facilità con cui oggi i bellissimi ungulati si possono incontrare in natura, da Pizzo Cefalone al Monte Corvo, dal Brancastello al Monte Camicia


    #112744
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    I tribunali di tutto il mondo emettono sempre più sentenze che sono sia favorevoli ai nativi, sia vincolanti per i governi. I Boscimani del Kalahari (foto a lato, Survival Int.) sono riusciti, dopo una lunga battaglia legale, a ritornare nelle loro terre e a far riattivare il pozzo (che era stato costruito da loro e che forniva acqua potabile a tutta la comunità) che era stato sigillato illecitamente dal governo del Botswana. Il movimento per i diritti dei popoli nativi oggi è più vasto che mai. Le colline sacre dei Dongria Kondh in India, ad esempio, sono state salvate dello sfruttamento di una compagnia mineraria grazie ad un appello internazionale.
    http://www.buonenotizie.it/cronaca-e-societa/2011/11/15/popolazioni-tribali-e-tempo-di-buone-notizie/


    #112745
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1321981498=Richard]
    I tribunali di tutto il mondo emettono sempre più sentenze che sono sia favorevoli ai nativi, sia vincolanti per i governi. I Boscimani del Kalahari (foto a lato, Survival Int.) sono riusciti, dopo una lunga battaglia legale, a ritornare nelle loro terre e a far riattivare il pozzo (che era stato costruito da loro e che forniva acqua potabile a tutta la comunità) che era stato sigillato illecitamente dal governo del Botswana. Il movimento per i diritti dei popoli nativi oggi è più vasto che mai. Le colline sacre dei Dongria Kondh in India, ad esempio, sono state salvate dello sfruttamento di una compagnia mineraria grazie ad un appello internazionale.
    http://www.buonenotizie.it/cronaca-e-societa/2011/11/15/popolazioni-tribali-e-tempo-di-buone-notizie/
    [/quote1321981498]
    Bene..bene..bene… :ok!:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #112746
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    sono esempi di notizie che al tg potrebbero dare.. invece sono pericolosi, sono dei parassiti psicologici molto dannosi


    #112747
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    Che belle notizie!!!!! :guit: :cor:


Stai vedendo 10 articoli - dal 561 a 570 (di 892 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.