Carlo Rubbia e il Big Bang?

Home Forum MISTERI Carlo Rubbia e il Big Bang?

  • This topic has 11 partecipanti and 43 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 44 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #8711
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    Sir Roger Penrose è uno dei matematici e fisici teorici più noti al mondo. Insieme con Stephen Hawking si è occupato di buchi neri, di cosmologia quantistica, di intelligenza artificale e, negli ultimi anni, ha proposto quella che lui ha chiamato “conformal cyclic cosmology”. Riducendola all’osso, la teoria afferma che l’universo è ciclico, con un ciclo di “eoni” (100 o più miliardi di anni) fra nascita, crescita, espansione, morte e rinascita. E che il big bang rappresenta niente altro che il punto di partenza di un nuovo universo. L’implicazione è che tempo e spazio esistono prima del big bang. E che il modello standard dell’universo, cioè il modello inflazionario di Guth ed altri, non è corretto.
    http://www.thefrontpage.it/2010/12/11/la-finestra-attraverso-il-big-bang/

    Universo? Un liquido caldo
    Il progetto ALICE al CERN porta i primi risultati della fusione degli ioni di piombo: un universo iniziale che si comporta come un liquido caldo
    http://www.mystars.it/NotiziaAstronomica.aspx?NomeFile=universo_come_liquido_caldo_CERN_LHC.txt

    ” I Solidi Platonici manifestano la più grande simmetria geometrica tra tutte le forme esistenti, sebbene qui il Dr. Wolff non le chiami per nome. Nel prossimo estratto dal dr. Aspden, egli si riferisce alle forme dei Solidi Platonici nell’etere come “cristalli fluidi”, e spiega come essi possano avere un effetto simile ad un solido, anche se compaiono in un mezzo simil-fluido:

    … i fisici del 19° secolo erano in imbarazzo di fronte all’etere perché esso mostra alcune proprietà che ci dicono che è un fluido e altre che ci dicono che è un solido. Questa era la percezione in un’ epoca in cui poco o niente si conosceva dei “cristalli fluidi”. I display di molte calcolatrici tascabili usano segnali elettrici e fanno affidamento sulle proprietà di una sostanza che, come l’etere, mostra proprietà caratteristiche di entrambi gli stati liquido e solido in risposta a un’alterazione del campo elettrico.

    Questo ci dà una “valida” spiegazione del perché Tesla diceva che l’etere “ si comporti come un liquido di fatto, e come un solido per luce e calore. I Solidi Platonici in realtà si comportano come fossero strutture consolidate dell’etere, organizzando i flussi energetici in schemi specifici.”
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_03.htm

    “Quando le particelle mostrano una forte interazione, la nube di gas si comporta idrodinamicamente”, dice Florian Schreck, che ha partecipato allo studio. “Al centro della nube di particelle si forma un nucleo ellittico in cui potassio e litio interagiscono. Inoltre, le velocità di espansione delle particelle, all'inizio differenti, si uguagliano.”

    Secondo la teoria, entrambi i fenomeni suggeriscono un comportamento idrodinamico della miscela di gas quantistico.
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Un_modello_ultra-freddo_del_Big_Bang/1347163


    #8712
    giusparsifalgiusparsifal
    Partecipante

    Per quanto questa sia una domanda affascinante che mi pulsa nella mente sin da tenera età credo che sia totalmente inutile dal momento in cui non sappiamo persino noi chi siamo.
    Dal mio punto di vista è come cercare di avere il Tom Tom del Mondo senza sapere dove conduce il corridoio di casa mia 🙂
    E' mio parere, inoltre, che tutte le culture religiose e/o spirituali, nelle loro stesure, facciano riferimento a speculazioni avvenute millenni or sono.
    Per un Universo (conosciuto) che, secondo le varie teorie, si sarebbe formato miliardi di anni fa, come possiamo prendere per buone descrizioni della sua nascita risalenti “solo” a poche migliaia di anni fa?


    #8713
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Quoto tutto quello che hai scritto Gius


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #8714
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    [quote1300986463=giusparsifal]
    Per quanto questa sia una domanda affascinante che mi pulsa nella mente sin da tenera età credo che sia totalmente inutile dal momento in cui non sappiamo persino noi chi siamo.
    Dal mio punto di vista è come cercare di avere il Tom Tom del Mondo senza sapere dove conduce il corridoio di casa mia 🙂
    E' mio parere, inoltre, che tutte le culture religiose e/o spirituali, nelle loro stesure, facciano riferimento a speculazioni avvenute millenni or sono.
    Per un Universo (conosciuto) che, secondo le varie teorie, si sarebbe formato miliardi di anni fa, come possiamo prendere per buone descrizioni della sua nascita risalenti “solo” a poche migliaia di anni fa?
    [/quote1300986463]
    in realtà l'idea di Penrose indicherebbe un susseguirsi di “big bang” che danno origine a universi continuamente, quindi potremmo dire che questo avviene in un Essere che non ha inizio e fine.
    Queste domande dovrebbero portarci a capire chi siamo..


    #8715
    Anonimo

    [quote1300987188=giusparsifal]
    Per quanto questa sia una domanda affascinante che mi pulsa nella mente sin da tenera età credo che sia totalmente inutile dal momento in cui non sappiamo persino noi chi siamo.
    Dal mio punto di vista è come cercare di avere il Tom Tom del Mondo senza sapere dove conduce il corridoio di casa mia 🙂
    E' mio parere, inoltre, che tutte le culture religiose e/o spirituali, nelle loro stesure, facciano riferimento a speculazioni avvenute millenni or sono.
    Per un Universo (conosciuto) che, secondo le varie teorie, si sarebbe formato miliardi di anni fa, come possiamo prendere per buone descrizioni della sua nascita risalenti “solo” a poche migliaia di anni fa?
    [/quote1300987188]
    Aggiungo che non c'è soltanto un livello di grandezza ma insieme a questa nostra “dimensione” esiste anche l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande, entrambi invisibili ad occhio nudo anche se fatti di materia/ energia, esattamente come il nostro livello. Pare che le particelle dei nostri atomi rappresentano gli universi interi per gli Esseri che si trovano nell'infinitamente piccolo, e che l'universo che possiamo osservare (sistemi solari, galassie, ammassi di galassie etc) siano particelle degli atomi di un Essere gigantesco, vivente (ma non cosciente di noi) nell'infinitamente grande. Dunque, l'infinito nello Spazio in entrambi i sensi “verso l'alto” e “verso il basso” e l'eternità nel Tempo della Materia/ Energia (niente si crea niente si perde, tutto si trasforma), sono le caratteristiche che gli antichi hanno sempre attribuito ad un Dio immateriale, invisibile, soprannaturale, infinito ed eterno, ma in realtà molto probabilmente parlavano dell'universo anzi degli innumerevoli universi di diversi livelli – che insieme costituiscono l'infinito nello Spazio e l'eternità (senza l'inizio e senza una fine) nel Tempo, concetti spesso divinizzati nel passato, perché troppo grandi per l'uomo comune. Dicono che “Dio è Uno”, ma anche l'Universo è Uno in quanto ad esempio l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande sono indivisibili. E' quello che rappresenta tra l'altro la stella di David o il sigillo di Salomone – macrocosmo e microcosmo, YIN e YANG, come in Alto così in Basso, Tutto è Uno, i Primi saranno gli Ultimi e gli Ultimi saranno i Primi (I creatori sono stati creati e le creature diventeranno creatori), tutto è ciclico. Questo è anche l'essenza di ogni insegnamento esoterico o sapienziale.


    #8716
    InneresAugeInneresAuge
    Partecipante

    [quote1300993333=pasgal]

    Ti dico il mio pensiero in merito: prima del Big Bang c'era un'altra creazione nata da un altro Big Bang e così via…
    [/quote1300993333]
    La penso anch'io così… in fondo tutto è ciclico, sia nel micro che nel macro.
    p.s. il post di “nessuno” l'ho letto dopo aver scritto questo post 😀


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #8717
    InneresAugeInneresAuge
    Partecipante

    [quote1300993402=Omega]
    L'Universo è Eterno – non esiste alcun Big-Bang nè tanto meno un Inizio.
    [/quote1300993402]
    Perché guardi il big-bang come un inizio… secondo me è una questione di prospettiva.
    L'Universo potrebbe essere eterno, e il big-bang essere lo “strumento” dell'Universo per auto-rigenerarsi 🙂


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #8718
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    [quote1300993558=InneresAuge]
    [quote1300993402=Omega]
    L'Universo è Eterno – non esiste alcun Big-Bang nè tanto meno un Inizio.
    [/quote1300993402]
    Perché guardi il big-bang come un inizio… secondo me è una questione di prospettiva.
    L'Universo potrebbe essere eterno, e il big-bang essere lo “strumento” dell'Universo per auto-rigenerarsi 🙂
    [/quote1300993558]
    ma lo sai che prima rileggevo i vecchi post e ho letto questo qui e ho pensato: questo qui è più verosimile. :bay:
    Omega il grande conoscitore :ok!:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #8719
    Anonimo

    [quote1300993685=InneresAuge]
    Perché guardi il big-bang come un inizio… secondo me è una questione di prospettiva.
    L'Universo potrebbe essere eterno, e il big-bang essere lo “strumento” dell'Universo per auto-rigenerarsi 🙂
    [/quote1300993685]
    … Perché dovrebbe rigenerarsi? Se parliamo delle singole parti certamente ma l'insieme non ne ha bisogno. Un Big Bang prevede il reset del Tutto, ma non è necessario. L'universo e la Natura non sprecano l'energia.


    #8720
    InneresAugeInneresAuge
    Partecipante

    [quote1300994280=♫nessuno♫]
    [quote1300993685=InneresAuge]
    Perché guardi il big-bang come un inizio… secondo me è una questione di prospettiva.
    L'Universo potrebbe essere eterno, e il big-bang essere lo “strumento” dell'Universo per auto-rigenerarsi 🙂
    [/quote1300993685]
    … Perché dovrebbe rigenerarsi? Se parliamo delle singole parti certamente ma l'insieme non ne ha bisogno. Un Big Bang prevede il reset del Tutto, ma non è necessario. L'universo e la Natura non sprecano l'energia.

    [/quote1300994280]
    Io mi riferisco ai legami, non dei singoli elementi essenziali.
    Il big-bang è un reset della materia per come è assemblata, non credo della “matrice” (per così dire)…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 44 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.