CERN La collisione ha avuto successo…e la particella di DIO?

Home Forum PIANETA TERRA CERN La collisione ha avuto successo…e la particella di DIO?

Questo argomento contiene 212 risposte, ha 26 partecipanti, ed è stato aggiornato da  CANERO 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 121 a 130 (di 213 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #87405
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1314309404=farfalla5]
    [quote1314308872=pasgal]
    Richard non voglio dilungarmi riportandoti millemila frasi dette da altri che potrebbero affermare il contrario di quanto dici, ma non mi interessa farlo.

    La liberazione della propria mente indisciplinata sta e viene prima di tutto. Questo è quello che penso e non mi serviranno scoperte o invenzioni per arrivare a conoscere una verità che può essere solo vissuta e non spiegata.

    Quindi, tu continua a cercare quanto di buono trovi negli scienziati moderni, io preferisco cercare dentro di me.

    Ma la domanda che ti pongo è la stessa: se ti spiego cosa è l'amore, se ti dico cosa avviene chimicamente in un corpo che ama, cosa significa non avere fame per amore o disperarsi per amore a te che non hai mai amato, “tu a questo punto hai amato?

    Non mi serve una risposta, mi basta che ti interroghi su questo.

    [/quote1314308872]
    Pas siamo sicuri di aver capito davvero cos'è l' Amore ?
    Una volta ho partecipato a una discussione molto animata di un ricercatore che ha posto questa domanda a noi. Tutti l' amore lo vedono, sentono come attaccamento a qualcosa. Tutti quando siamo nel percorso di ricerca ci sentiamo più amorevoli verso il mondo. E allora lui, il ricercatore ha chiesto; e se ti uccidessero il tuo figlio, ameresti lo stesso l' omicida?

    Scusa Pas, non voglio polemizzare, non voglio dirti che non hai capito niente, anzi, solo che tutte le volte che vedo l' argomento mi viene immediatamente questo ricordo.
    [/quote1314309404]
    Farfy cara, credo che ben pochi sappiano davvero cos'è l'Amore !
    Se è attaccamento, non è Amore.
    Nel perdono esiste Amore.
    Essere capaci di provare Amore al punto da perdonare l'uccisione di un figlio … dovrebbe farci capire quanto siamo lontani dal conoscere l'Amore.
    Protendere all'Amore è quello che riusciamo a fare nella migliore delle ipotesi.

    Detto questo, credo che il discorso di Pas sull'Amore, non volesse essere aprire una discussione su questo argomento, ma un esempio …. per farci capire che solo attraverso l'esperienza diretta che passa attraverso la nostra interiorità, possiamo arrivare alla Conoscenza.


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #87407
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    Ops ! chiedo scusa … sono leeeeenta stasera con la connessione, non ho visto la risposta di Pas #hemm


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #87408
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    ma che dici prixi 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #87409
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    D'altronde però Pas, c'è un pezzetto di verità in ogni cosa a pensarci bene ….

    Parto da me stessa per farti l'esempio… anche quando sentivo ripetere trilioni di volte che quello che stavo pensando non era la giusta visione delle cose (questo è un modo elegante per descrivere una guerra :hehe: )…. non solo non capivo, ma mi sentivo incompresa.

    Con il senno di poi, e dopo le “giuste” esperienze, ora comprendo che, avevamo ragione entrambi.
    Non avevo la giusta visione delle cose, e non mi capivano.
    Qual'è dunque la considerazione ultima ?
    Che la comprensione arriva solo attraverso l'esperienza diretta, che però è differente per ognuno di noi, cosi come è differente la risultante conclusione (infatti la mia visione, pur modificata attraverso l'esperienza, non è tutt'ora quella di chi mi diceva di non avere la giusta visione).

    La diversità è insita, poichè siamo differenti, con differenti percezioni, attitudini, sensibilità … e questa è ricchezza ….. la ricchezza che ognuno di noi può apportare nella cocreazione di un pensiero collettivo … o preferisco dire del Tutto.

    Poi anche per me il “filtro” interiore è la carta vincente … ma lo sò solo perchè ho sperimentato con il mio modo … ed è la mia conclusione (probabilmente provvisoria).

    E' possibile che non sia il solo modo … (questo non lo sò) dovrei essere diversa da come sono per saperlo.

    Condividiamo, confrontiamoci, portiamo la nostra esperienza … ma fidiamoci sopprattutto di noi stessi e del nostro “intuito” … [u]ognuno del suo[/u].
    Questo credo sia, rispetto reciproco (in senso profondo) e responsabilità individuale (nel senso, che è meglio un nostro “errore” che ci fà capire e crescere, piuttosto che una Grande Verità preconfezionata e comprata a rate 😉 )

    Non vuole essere la parola fine a questa bella discussione … anzi, amo questo genere di argomenti :tesor: … cerco di chiarire a me stessa delle cose e “le dico ad alta voce” 🙂


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #87411
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    La mia voleva essere solo una provocazione per indurre chi ci legge a riflettere bene sul significato di questa parola che secondo me viene usata troppo spesso e nel modo sbagliato.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #87412
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1314349336=pasgal]
    Richard non voglio dilungarmi riportandoti millemila frasi dette da altri che potrebbero affermare il contrario di quanto dici, ma non mi interessa farlo.

    La liberazione della propria mente indisciplinata sta e viene prima di tutto. Questo è quello che penso e non mi serviranno scoperte o invenzioni per arrivare a conoscere una verità che può essere solo vissuta e non spiegata.

    Quindi, tu continua a cercare quanto di buono trovi negli scienziati moderni, io preferisco cercare dentro di me.

    Ma la domanda che ti pongo è la stessa: se ti spiego cosa è l'amore, se ti dico cosa avviene chimicamente in un corpo che ama, cosa significa non avere fame per amore o disperarsi per amore a te che non hai mai amato, “tu a questo punto hai amato?

    Non mi serve una risposta, mi basta che ti interroghi su questo.

    [/quote1314349336]

    Pas ok conosco questi interrogativi secolari…
    Si parlava del Cern
    dove cercano risposte sulla natura dell'universo
    Tu puoi anche percepire cos'è la “fonte della massa” o il kalapa
    e poi? Quando hai percepito e visto potrai usare tale informazione per aiutare il mondo giusto? Finchè rimane una percezione, una emozione e una visione, tale resta..

    La scienza, l'attività pratica mentale e manuale dell'uomo non serve, non va usata per rispondere alle necessità dell'umanità e anche alla sofferenza e al dolore?
    Che poi la scienza debba e possa cambiare metodologia siamo d'accordo

    Chiaramente l'umanità ha necessità di apprendere la disciplina mentale e di riconoscere gli errori e cambiare percorso..
    E' importante anche capire cosa avviene chimicamente in un corpo che ama o soffre, per rispondere a quelle necessità e con questo non si intende voler capire a fondo l'amore..però sono due aspetti utili alla comprensione

    Se mi mettessi in una squadra di monaci a meditare, sicuramente imparerei tante cose, ma se pensiamo che poi sia importante agire, fare azioni utili al prossimo oltre che a noi stessi, allora sarà bene che mi muova per insegnare ad altri quello che ho appreso, no? E questo può anche significare passare tramite la scienza, che interpreterà in altro modo piu “esteriore” tale apprendimento cercando di renderlo uno strumento utile

    Oppure se restiamo nell'ambito della pratica di meditazione
    e un gruppo di meditatori apprende anche solo leggermente in modo diverso una certa esperienza, poi ognuno avrà la sua personale risposta o sarebbe utile cercare una risposta comune?
    Io posso praticare e vedere e percepire una cosa
    tu a casa tua ne percepisci un'altra
    sarà utile o no trovare cosa abbiamo in comune eventualmente nella risposta?
    Dovrà esserci qualcosa in comune visto che magari inizialmente abbiamo meditato sulla base della stessa domanda?


    #87413
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Richard non concordo su quasi tutto quanto hai scritto, compreso gli interrogativi, questo perchè a mio avviso tu non conosci la meditazione e forse l'hai provata poche volte nella tua vita.

    Personalmente il mio punto di vista l'ho detto, così come altre volte e certamente non l'ho scritto per avere pareri positivi, ma solo per condividere il mio pensiero, per dare una visione differente della ricerca a favore dell'evoluzione umana.

    Purtroppo sempre più persone, ormai, sprecano la loro vita in attesa che altri risolvano i loro problemi.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #87414
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Richard non concordo su quasi tutto quanto hai scritto, compreso gli interrogativi, questo perchè a mio avviso tu non conosci la meditazione e forse l'hai provata poche volte nella tua vita.

    ————-
    Ok allora spiegami..

    Personalmente il mio punto di vista l'ho detto, così come altre volte e certamente non l'ho scritto per avere pareri positivi, ma solo per condividere il mio pensiero, per dare una visione differente della ricerca a favore dell'evoluzione umana.
    ————————

    certo, va benissimo…

    Purtroppo sempre più persone, ormai, sprecano la loro vita in attesa che altri risolvano i loro problemi.

    li risolvo io, tu, o chi i problemi della carenza energetica o delle cure per le malattie? senza strumenti? solo con la meditazione?
    evidentemente non capisco cosa intendi..


    #87415
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Non fa nulla Richard, nessuno ha ragione e nessuno avrà mai torto. Non è una disputa è una condivisione.

    Non posso spiegarti ciò che non senti. Continua la tua ricerca, io continuerò a leggere quello che ci proponi 🙂


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #87416
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1314355355=Richard]

    La scienza, l'attività pratica mentale e manuale dell'uomo non serve, non va usata per rispondere alle necessità dell'umanità e anche alla sofferenza e al dolore?

    [color=#ff0000]Che poi la scienza debba e possa cambiare metodologia siamo d'accordo[/color]

    Chiaramente l'umanità ha necessità di apprendere la disciplina mentale e di riconoscere gli errori e cambiare percorso..
    E' importante anche capire cosa avviene chimicamente in un corpo che ama o soffre, per rispondere a quelle necessità e con questo non si intende voler capire a fondo l'amore..però sono due aspetti utili alla comprensione

    Se mi mettessi in una squadra di monaci a meditare, sicuramente imparerei tante cose, ma se pensiamo che poi sia importante agire, fare azioni utili al prossimo oltre che a noi stessi, allora sarà bene che mi muova per insegnare ad altri quello che ho appreso, no? E questo può anche significare passare tramite la scienza, che interpreterà in altro modo piu “esteriore” tale apprendimento cercando di renderlo uno strumento utile

    Oppure se restiamo nell'ambito della pratica di meditazione
    e un gruppo di meditatori apprende anche solo leggermente in modo diverso una certa esperienza, poi ognuno avrà la sua personale risposta o sarebbe utile cercare una risposta comune?
    Io posso praticare e vedere e percepire una cosa
    tu a casa tua ne percepisci un'altra
    sarà utile o no trovare cosa abbiamo in comune eventualmente nella risposta?
    Dovrà esserci qualcosa in comune visto che magari inizialmente abbiamo meditato sulla base della stessa domanda?

    [/quote1314355355]
    Sono d'accordo su tutto!!!!


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 121 a 130 (di 213 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.