CERN La collisione ha avuto successo…e la particella di DIO?

Home Forum PIANETA TERRA CERN La collisione ha avuto successo…e la particella di DIO?

Questo argomento contiene 212 risposte, ha 26 partecipanti, ed è stato aggiornato da  CANERO 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 213 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #87307

    CANERO
    Partecipante

    Giusto per capire tecnicamente come funziona…
    [youtube=480,385]EHC8rTTbojg


    #87308
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Ighina:
    La scienza

    Vedi, gli scienziati sono talmente imprigionati nella gabbia della loro mentalità che è il loro campo magnetico chiuso in se stesso, che vedono solo ciò che vogliono vedere. Prendono a calci gli atomi, cioè li accelerano con enormi apparecchiature, li sbattono contro un muro e poi vanno a raccogliere i cocci.

    Non si rendono conto che quei frammenti non sono i componenti degli atomi, ma la materializzazione della velocità che gli hanno impresso. Tutte quelle particelle sempre più piccole che trovano, sono loro stessi a crearle nella loro mente, prima ancora di trovarle alla fine dei loro esperimenti. In questo modo si creano una loro verità che non corrisponde alla realtà”.
    http://www.thelivingspirits.net/php/articolo.php?lingua=ita&id_articolo=253&id_categoria=12&id_sottocategoria=29

    credo che sia diventato un bel giochino e un grande affare, ma a forza di far sbattere le “macchinine” a “energia sempre maggiore”….

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3259
    L' Atomo Magnetico
    di Pier Luigi Ighina

    La Scoperta dell' Atomo Magnetico (Prima Parte:Teoria)

    Quando gli scienziati hanno iniziato a studiare l' atomo, hanno realizzato subito che quando eccitato dall' atomo della luce, sarebbe scomparso in essa. Così hanno iniziato ad eccitarlo con forti campi magnetici e forti tensioni elettriche, causando l'alterazione dello stesso atomo. Infatti, nell'opinione del Dr.Ighina, elettroni, neutroni e positroni ecc.., sono prodotti di un atomo alterato, così le loro leggi sono alterate rispetto al normale atomo.

    Lui pensa: come puoi cercare di studiare qualcosa che è in costante movimento, accelerando il suo movimento? Ha sviluppato quindi l'idea di cercare di fermare l' atomo…..

    ….L' Atomo Magnetico (Seconda Parte: Tecnica)

    Nel 1954 ricevette visite da alcuni scienziati Italiani rinomati, che dicevano principalmente che non era possibile per un signolo uomo con le sue sole risorse, raggiungere importanti risultati scientifici senza macchinari costosi.

    Uno di questi scienziati disse persino che l' atomo magnetico era già stato scoperto dalla scienza. Le affermazioni di questi scienziati vennero pubblicate sui giornali locali e dopo questo, il Dr.Ighina ricevette molte lettere da scienziati di alta posizione, che, almeno parte di essi, rimasero molto interessati dalle teorie di Ighina.

    Dal 16° minuto..
    [youtube=446,326]EmbedPlayer.swf


    #87305

    CANERO
    Partecipante

    …mi è sempre rimasta in mente una frase di Ighina…”tutto quello che non pulsa non vale niente”.


    #87309
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    la Vita è pre-esistente

    IL CUORE

    In Germania ricercatori dell'Istituto universitario di Fisiologia di Colonia, e' stato creato in laboratorio un abbozzo di cuore umano che pulsa autonomamente a partire da cellule staminali embrionali umane. “Da un centinaio di cellule staminali embrionali umane -spiega il direttore della ricerca, Jürgen Hescheler- abbiamo prodotto i precursori del muscolo cardiaco e accanto a loro si sono formate rapidamente le prime piccole vene”. Le cellule hanno iniziato a contrarsi spontaneamente, senza nessuno stimolo.
    http://salute.aduc.it/staminali/articolo/cosa+servono+staminali+embrionali+dalle+polemiche_8301.php


    #87310
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    bhè quest ultimo articolo può essere una delle tante svolte ke c accompagneranno nella conoscenza futura


    #87311

    windrunner
    Partecipante

    Al Cern non troveranno il Bosone di Higgs

    «Cercare la materia come origine della materia è un errore concettuale». I ricercatori del Cern sarebbero sulla strada sbagliata secondo il fisico Massimo Corbucci, «perché la fisica non ha ancora compreso la necessità di Dio». Da oltre trent’anni Corbucci lavora alla teoria del Vuoto Quantomeccanico, una visione rivoluzionaria della realtà e delle leggi che la governano. Il VQ è un’ipotesi alternativa alla teoria del Bosone di Higgs, fondamentale particella del cosiddetto Modello Standard della fisica nucleare, ritenuta responsabile della “massa” delle particelle e della creazione dell’intero universo. Per questo motivo è anche nota come “Particella di Dio”.

    Il Cern e i sabotaggi dal futuro
    Dal 2008 al Cern di Ginevra, nel più grande acceleratore di particelle mai costruito al mondo (Lhc), è in corso un esperimento per osservare il Bosone di Higgs. L’esistenza della particella sarebbe una fondamentale conferma del modello scientifico vigente; ad oggi tuttavia il Bosone non è stato ancora osservato. Un esperimento da 6 miliardi di euro che però non convince tutta la comunità scientifica, tra cui coloro che temono la formazione di un buco nero in grado di inghiottire la Terra. In un recente articolo pubblicato sul quotidiano The New York Times, Holger Bech Nielsen dell’Istituto Niel Bohr di Copenaghen e da Masao Ninomiya dell’Istituto Yukawa di Fisica teorica di Kyoto hanno invece ipotizzato che la mancata cattura del Bosone e gli incidenti verificatisi nel collisore di Ginevra sarebbero originati da un sabotaggio proveniente dal futuro. Come se, sostengono i due scienziati, il tentativo di ricreare la creazione in laboratorio non fosse gradito a Dio.

    Il Vuoto Quantomeccanico
    Secondo Corbucci ci sarebbe una soluzione differente per spiegare l’origine della materia. Esisterebbe cioè un vuoto “pieno” in grado di conferire massa alle particelle: il Vuoto Quantomeccanico, il luogo da dove ha origine la materia. Il fisico lo spiega attraverso la rinnovata disposizione delle particelle all’interno del nucleo stesso. Queste non sarebbero più disposte “come in una cesta di arance”, così come ipotizzato dalla scienza sino ad ora, ma in parte a destra e in parte a sinistra del nucleo secondo una precisa dicotomia. Con questa distribuzione, le particelle individuate per l'atomo più grande conosciuto (con numero atomico 112) sarebbero 103: 57 a sinistra e 46 a destra. Restano quindi 9 caselle vuote, esattamente al centro del nucleo. Questo buco nel nucleo atomico, è la conclusione di Corbucci, avrebbe le stesse caratteristiche di ciò che si trova oltre i confini dell’universo. L’atomo avrebbe dunque dentro di sé una “porta” per accedere nell’infinito assoluto, un regno dove le misure non contano più.

    La necessità di Dio
    Ciò che la scienza non ha ancora compreso, sostiene Corbucci, è che la ricerca dell’origine della materia entra nel campo della metafisica, dove le unità di misura della fisica non hanno più senso. «Una scienza che non ha compreso la necessità di Dio – aggiunge – è una scienza amorale che ci permette di esseri immorali. L’umanità sta andando catastroficamente verso un disfacimento morale perché la scienza scientista fa credere che l’universo sia come un aereo che viaggia alla deriva senza pilota». Il Vuoto Quantomeccanico ipotizzato da Massimo Corbucci imporrebbe al mondo scientifico di rivedere il Modello Standard(*), spingendo lo studio della fisica verso nuovi orizzonti fino ad ora di dominio della spiritualità. Qui il pensiero si rivela uno strumento potentissimo, l’unico in grado di avvicinare l’uomo alla conoscenza di ciò che ancora ignora.

    * Si tratterebbe di rivedere il Modello Standard assumendo che la gravità non è un forza, posto che – sostiene Corbucci – non c’è il Bosone Gravitone, oltre al Bosone di Higgs. Le forze fondamentali si ridurrebbero così a due: la Elettro-Debole e la Nucleare-Forte. Secondo il fisico, l’unificazione sarebbe dunque automatica nel momento in cui ci si rende conto che il “conferimento della massa” e il “peso” sono l’effetto del medesimo meccanismo scaturito dal Vuoto Quantomeccanico. In altre parole, la ragione per cui le cose esistono e si attraggono gravitazionalmente sarebbe unica: ovvero quel “buco nero” all’interno del nucleo atomico che si estende anche oltre i confini dell’universo, smisuratamente. Quello che Corbucci chiama “il baratro infinito in modo assoluto”.

    Fonte: http://www.affaritaliani.it/culturaspettacoli/al_cern_non_troveranno_bosone_di_higgs.html

    :salu:


    #87312
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    ad ogni modo va bene andare avanti con la scienza..ma non dimentikiamoci quello ke ci dicono emissari di altre civiltà:è facile autodistruggersi…


    #87313

    skorpion75
    Partecipante


    #87314
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1272650697=kingofpop]
    ad ogni modo va bene andare avanti con la scienza..ma non dimentikiamoci quello ke ci dicono emissari di altre civiltà:è facile autodistruggersi…
    [/quote1272650697]
    infatti dobbiamo rivedere la scienza con una nuova coscienza


    #87315
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    infatti è proprio quello ke penso


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 213 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.