Cern

Home Forum PIANETA TERRA Cern

  • This topic has 29 partecipanti and 151 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 152 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #74025
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    Ho letto ora questa notizia:

    Durante la notte del 10 Settembre in concomitanza con la giornata di prove dell'LHC – il Large Hadron Collider – a Ginevra in Svizzera, le Forze Aeree Svizzere in pattugliamento hanno avvistato tramte i loro sistemi di rilevamento almeno 7 oggetti volanti non identificati a pochi chilometri dall'impianto dove si e' svolto il piu' ambizioso esperimeto nella storia del genere umano.

    Una grande sorpresa e' arrivata anche dall'Aviazione Militare Francese che anch'essi avevano nello stesso momento rilavato la presenza di questi enigmatici oggetti volanti, che secondo fonti vicine ai militari sarebbero stati fermi in formazione per ben 6 ore, per poi sparie senza lasciare alcuna traccia.
    Secondo alcune indiscrezioni i sistemi di tutti i caccia, sia quelli Svizzeri che quelli Francesi al momento dell'approccio con gli UFO hanno avuto seri guasti alle strumentazioni.

    Secondo alcune persone vicine al progetto preoccupate, in considerazione che l'esperimento iniziale avra' una durata di circa un mese e vista la possibile minaccia, si dovra' per motivi di sicurezza interrompere l'esperimento per poter spiegare la strana presenza nei cieli di Ginevra. Ma l'acceleratore di particelle che e' stato avviato ha raggiunto un punto di non ritorno e tutto per ora procede secondo i piani.

    Fonte: Mariano Rajoy

    Ndr: Questa notizia e' apparsa su alcuni blog specializzati in materia UFO, ma per ora non puo' essere confermata appieno in quanto mancano fonti attendibili . L'abbiamo riportata tenendo come sempre le antenne accese in attesa di novita'.
    http://www.baab.it/digdug/index.php?mod=read&id=1221408068


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #74026
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1221475573=farfalla5]
    Ho letto ora questa notizia:

    Durante la notte del 10 Settembre in concomitanza con la giornata di prove dell'LHC – il Large Hadron Collider – a Ginevra in Svizzera, le Forze Aeree Svizzere in pattugliamento hanno avvistato tramte i loro sistemi di rilevamento almeno 7 oggetti volanti non identificati a pochi chilometri dall'impianto dove si e' svolto il piu' ambizioso esperimeto nella storia del genere umano.

    Una grande sorpresa e' arrivata anche dall'Aviazione Militare Francese che anch'essi avevano nello stesso momento rilavato la presenza di questi enigmatici oggetti volanti, che secondo fonti vicine ai militari sarebbero stati fermi in formazione per ben 6 ore, per poi sparie senza lasciare alcuna traccia.
    Secondo alcune indiscrezioni i sistemi di tutti i caccia, sia quelli Svizzeri che quelli Francesi al momento dell'approccio con gli UFO hanno avuto seri guasti alle strumentazioni.

    Secondo alcune persone vicine al progetto preoccupate, in considerazione che l'esperimento iniziale avra' una durata di circa un mese e vista la possibile minaccia, si dovra' per motivi di sicurezza interrompere l'esperimento per poter spiegare la strana presenza nei cieli di Ginevra. Ma l'acceleratore di particelle che e' stato avviato ha raggiunto un punto di non ritorno e tutto per ora procede secondo i piani.

    Fonte: Mariano Rajoy

    Ndr: Questa notizia e' apparsa su alcuni blog specializzati in materia UFO, ma per ora non puo' essere confermata appieno in quanto mancano fonti attendibili . L'abbiamo riportata tenendo come sempre le antenne accese in attesa di novita'.
    http://www.baab.it/digdug/index.php?mod=read&id=1221408068
    [/quote1221475573]

    Indaga fin che puoi farfallina, magari trovi una fonte attendibile!


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #74027
    deg
    Partecipante

    Ho dato un'occhiata sui siti e forum francesi ma non ho visto niente…. :hihi:
    Magari oggi pomeriggio faccio una ricerca più sistematica.


    #74029
    deg
    Partecipante

    La riparazione dell'LHC, apparecchio da 10 miliardi di dollari, dopo il piccolo guasto avvenuto il 19 settembre scorso, sarà utimata entro l'estate 2009, precisamente tra maggio e inizio agosto. Lo ha annunciato l'Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, confermato dal porta voce del LHC James Gillie che prevede che le sperimentazioni possano riprendere già a fine giugno.

    I ricercatori non sono sorpresi degli inizi caotici del Large Hadron Colliser, altri acceleratori di particelle precedenti hanno conosciuto problemi simili durante la fase di lancio.

    Da qui a pochi mesi i primi flussi di particelle circoleranno di nuovo e potranno ricreare le condizioni di ciò che è avvenuto un mille miliardesimo di secondi dopo il Big Bang……
    http://www.unisciences.com/physique/news/lhc_panne_21_millions.php?id=379


    #74031
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1227045430=m.degournay]
    (…)di ciò che è avvenuto un mille miliardesimo di secondi dopo il Big Bang……
    http://www.unisciences.com/physique/news/lhc_panne_21_millions.php?id=379
    [/quote1227045430]

    Mi domando… ma cosa ne sanno loro?


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #74028
    deg
    Partecipante

    [quote1227045609=pasgal]
    [quote1227045430=m.degournay]
    (…)di ciò che è avvenuto un mille miliardesimo di secondi dopo il Big Bang……
    http://www.unisciences.com/physique/news/lhc_panne_21_millions.php?id=379
    [/quote1227045430]

    Mi domando… ma cosa ne sanno loro?
    [/quote1227045609]
    hahaha
    Manco è sicuro che ci sia stato un big bang!!!!


    #74032
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1227045731=m.degournay]

    Mi domando… ma cosa ne sanno loro?
    [/quote1227045609]
    hahaha
    Manco è sicuro che ci sia stato un big bang!!!!

    [/quote1227045731]

    !heart


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #74030
    Pyriel
    Bloccato

    ….

    Futuro non disponibile per una seconda missione.


    #74033
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    A novembre riparte il superacceleratore
    Il Large Hadron Collider di Ginevra sarà riparato e si potranno scontrare i protoni

    MILANO – «A novembre inizierà l’iniezione dei fasci di protoni nel Large Hadron Collider di Ginevra (LHC). I lavori stanno procedendo secondo il programma e oggi si può parlare di una data precisa dell’avvio delle attività». Roberto Petronzio, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) traccia un bilancio dei lavori in corso nell’acceleratore del Cern, il più potente mai costruito, destinati a riparare il guaio che si era manifestato nel primo tentativo di accensione nel settembre scorso.

    IL PROBLEMA – I fisici italiani riuniti nell’Infn partecipano massicciamente (sono circa 600 quelli direttamente coinvolti) all’impresa europea destinata a riprodurre le condizioni dell’universo esistenti appena dopo il Big Bang. Inoltre si punta alla scoperta della cosiddetta “particelle di Dio”, cioè il bosone di Higgs che spiega il perché una materia ha una massa. «Si è intervenuto su tre piani – spiega Petronzio – il primo riguardava la comprensione dell’evento, il secondo la riparazione e la terza mirava invece alla prevenzione di futuri problemi». L’accaduto è ormai chiaro: una saldatura non perfetta ha creato un arco elettrico che ha forato la guaina di contenimento del liquido di raffreddamento, l’elio superfluido che diventando gassoso ha generato un ciclone nella galleria danneggiando i magneti superconduttori. «Sono stati rimpiazzati 56 magneti – precisa Petronzio – e ricostruiti alcuni ancoraggi danneggiati ma soprattutto si lavorato nella prevenzione per evitare futuri problemi». A tal fine si sono messi a punto dei metodi e dei sistemi per identificare eventuali contatti difettosi o anomalie nel funzionamento che potrebbero generare difficoltà o incidenti. Tra i sistemi di sicurezza sono state introdotte delle valvole di sfogo del gas nel caso si verificassero delle perdite. «Il Consiglio del Cern ha stigmatizzato l’insufficiente controllo della qualità esercitato in passato – aggiunge Petronzio – ma si impara dagli errori e molto è stato migliorato. Per recuperare il tempo perduto, durante l’inverno l’acceleratore rimarrà in funzione e quindi nel 2010 saremo in linea con i programmi stabiliti». Intanto è in atto una corsa per conquistare prima di tutti la scoperta della “particella di Dio” tra il laboratorio Fermilab di Chicago e il Cern. «Noi abbiamo borsisti che hanno lavorato a Chicago e poi sono andati al Cern e questo aiuterà», conclude il presidente dell’Infn.

    Giovanni Caprara

    http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_luglio_30/ginevra_acceleratore_caprara_04a5de98-7d36-11de-898a-00144f02aabc.shtml


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #74034
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    Francia, arrestato ingegnere del Cern
    “Progettava un attentato terroristico”
    Il tunnel del Cern con l'acceleratore di particelle nucleari

    L'uomo era molto vicino ad Al-Qaeda
    Fermato anche il fratello più giovane
    PARIGI
    È un ingegnere del Centro di ricerca nucleare di Ginevra (Cern) il sospetto fondamentalista islamico arrestato ieri nel centro-est della Francia, insieme con il fratello. Si sospetta che avesse in programma di commettere un attentato. È quanto si è appreso da fonti vicine al dossier. I due fratelli, di 25 e 32 anni, sono stati arrestati dalla polizia nella loro abitazione nella città francese di Vienne, nel dipartimento dell’Isere. Sono due cittadini francesi e sono sospettati di aver avuto contatti via internet con membri di al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi), organizzazione fondamentalista nordafricana.

    Gli inquirenti hanno effettuato perquisizioni e hanno portato via due computer portatili, tre hard disk e varie chiavette usb. L’Aqmi ha raccolto nel 2007 l’eredità del Gspc algerino (Gruppo salafita per la predicazione e il combattimento). L’organizzazione è in particolare attiva nei Paesi del Maghreb, in Mauritania e in Mali.

    È il maggiore dei due fratelli l’oggetto dei sospetti più gravi, ma non sembrerebbe essere mai passato ai fatti. Sempre secondo le fonti, aveva delle «attrazioni» verso il mondo dell’estremismo ma «non sembra aver commesso atti materiali di preparazione» di attentati.

    Fra i vari scambi via internet all’attenzione degli inquirenti, con persone note perché vicine all’Aqmi, sarebbero state ritrovate anche delle liste di potenziali obbiettivi stilate dall’ingegnere.
    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200910articoli/48087girata.asp


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 152 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.