Certezza di Dio ed eternità dell’anima

Home Forum TEOLOGIA Certezza di Dio ed eternità dell’anima

Tag: 

Questo argomento contiene 47 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da franco franco 2 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 48 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #312136
    franco
    franco
    Partecipante

    Noi prima di essere stati creati come umani il ciclo precedente era che eravamo animali. Praticamente all’inizio eravamo minerali, poi dopo eoni di tempo siamo passati al vegetale, e dopo abbiamo fatto vite di vari animali, finito il ciclo dell’animale siamo diventati umani.

    Per questo motivo che dopo essere passati dall’animale all’umano non avendo fatto nessuna esperienza umana il nostro comportamento era come quando i bambini iniziano ad imparare e fino che non diventano adulti possono fare sbagli, così anche noi alle prime reincarnazione come umani, non avendo esperienze commettevamo tanti errori, e con più si fanno reincarnazioni più si inizia a capire come dobbiamo comportarci.

    Le persone che oggi hanno in mano il comando e si comportano nel modo non giusto, ad esempio certi politici che governano la nazione e il loro comportamento è quello di fare guerre per conquistare ciò che vogliono, questi individui sono anime che hanno fatto poche reincarnazioni, quindi è come paragonarli ad alunni che ancora sono ai primi anni di scuola, così questi politici che non sanno come portare il paese alla pace, queste persone hanno fatto ancora poche reincarnazioni, quindi commettono tanti sbagli anche a loro insaputa.

    Più si fanno reincarnazioni con più le persone imparano dai loro sbagli, fino ad arrivare a capire che sbagliando fanno altro che tirarsi addosso a se stessi la sofferenza, appunto perché esiste la legge di CAUSA ed EFFETTO, capendo che funziona in questo modo allora le persone iniziano a fare meno errori, fino ad arrivare al punto che arrivano al termine delle loro reincarnazioni, una volta che finisce la ruota di reincarnazione la loro vita è del tutto differente non nuoceranno più a nessuno, e tutto ciò che poi fanno è un modo per far si che tutto funzioni alla perfezione, e si comportano come la legge della creazione..

    Non esiste il nulla, nessuna persona arriva ad ottenere il nulla, semmai quando le persone dopo tantissime reincarnazioni diventano perfetti, il nulla non lo ricevono ma continuano le loro vite nel modo diverso, vivendo su sfere non più dove il corpo è di materia, ed il loro compito è quello di portare l’umanità nel modo come si comporta la legge della creazione.

    L’uomo non diventa Dio, l’uomo può diventare Dei, i Dei non tutti sono perfetti, alcuni ancora non vogliono rispettare la Legge di CAUSA ed EFFETTO, ma anche loro un bel giorno capiranno che è necessario fare tutto ciò come funziona la legge della creazione.

    La religione cattolica ci insegna che noi viviamo una solo vita col corpo e dopo che lasciamo il nostro corpo andiamo a finire a secondo come ci siamo comportati e la religione ci fa credere a chi si è comportato malissimo peccando contro lo spirito santo queste persone vanno a finire all’inferno dove ci saranno pene eterne. Chi invece ha peccato ma non come i primi, questi andranno nel purgatorio ed una volta purgato le loro pene andranno in paradiso. Chi invece si è comportato bene dopo la loro morte andranno immediatamente in paradiso.

    Queste credenze sono completamente sbagliate, non esiste una cosa del genere, ma è necessario che facciamo tante esperienze fino che arriviamo alla fine della ruota di reincarnazione ma questa fine di reincarnarci avviene solo quando siamo perfetti, prima però di questo termine diventiamo Dei, ma come detto prima ci sono Dei che già sono pronti a rispettare la legge della creazione che è quella di CAUSA ed EFFETTO, mentre per quei Dei che ancora non vogliono rispettare la legge di CAUSA ed EFFETTO durante le loro successive reincarnazioni dovranno subire la sofferenza perché non hanno voluto accettare la legge della creazione CAUSA ed EFFETTO.

    In conclusione se vogliamo avere meno problemi possibili iniziamo a convincerci che è molto importante che iniziamo a controllare i nostri pensieri e che ci comportiamo come Gesù Cristo ha insegnato non come la legge di Mosè dice “occhio per occhio, dente per dente”, questo modo di comportamento è al contrario del rispetto della legge CAUSA ed EFFETTO.


    #312230
    franco
    franco
    Partecipante

    Chi sono gli angeli caduti?


    #312388
    franco
    franco
    Partecipante

    Salvatore Paladino – Stigmatizzati


    #312393
    franco
    franco
    Partecipante

    In quale fase dell’esistenza siamo – Chi siamo – Il micro nel macro


    #312416
    franco
    franco
    Partecipante

    Un aiuto invisibile ma reale

    “Talvolta, gli esseri umani si lamentano e chiedono: “perché questa ingiustizia, perché questa violenza, perché tanta sofferenza, perché le guerre?” Nella loro sofferenza, chiedono anche: “perché i nostri Fratelli di Luce e i nostri fratelli galattici non ci aiutano?”
    Rispondiamo loro: vi abbiamo aiutato molto più di quanto pensiate! Il nostro aiuto non è sempre visibile ma è reale! Se non vi avessimo aiutato, il vostro mondo non sarebbe più ciò che è! Per stupidità o incoscienza (perdonateci l’utilizzo di queste parole), gli esseri umani hanno manipolato la natura, la radioattività, hanno fabbricato delle bombe, ecc …; se non fossimo stati lì a correggere i loro errori, il vostro mondo sarebbe assolutamente invivibile! Abbiamo corretto molti errori umani, per esempio quando certe centrali atomiche erano difettose. Noi vegliamo molto più di quanto pensiate su tutte le vostre centrali che sono un grande pericolo per il vostro mondo.
    Quindi ci diamo da fare, ma in una maniera impercettibile per gli uomini. Essi hanno l’impressione che a loro non può capitare nulla, oppure che non è poi così grave manipolare una qualsiasi energia, ma intorno e sopra di loro ci sono coloro che noi chiamiamo i guardiani. Non solo, essi offrono loro la Vibrazione Amore-Luce, ma vigilano anche affinché l’umanità non faccia troppi errori, soprattutto errori irreparabili. Il vostro mondo è prezioso per questo sistema solare, è notevolmente aiutato da tutti coloro che chiamate i vostri Fratelli Galattici.
    Dite che non vi aiutiamo. È molto importante che comprendiate che l’aiuto può arrivare anche da voi stessi, ed occorre che vi svegliate ad una nuova coscienza che vi condurrà inesorabilmente verso un futuro migliore. Di certo, della vostra vita attuale vedete solamente violenza, sofferenza e oscurità di coscienza, ma non vedete perché quelli che chiamate “i media” non vi mostrano, o vi mostrano raramente, l’altruismo, la bellezza, la generosità, l’Amore e tutto ciò che gli esseri umani sono in grado di realizzare.
    Gli esseri umani hanno una forza immensa ma lo hanno un po’ dimenticato; hanno un immenso Amore, ma hanno un po’ dimenticato anche questo, e spesso non osano; non osano parlare d’Amore perché per loro l’Amore non è la realtà, (non ha la stessa nostra realtà), per loro l’Amore è spesso sentimento e anche sofferenza.
    Dal momento in cui comprenderete realmente in cosa consiste la Vibrazione Amore, ci sarà solo felicità, non ci sarà più sofferenza, qualsiasi cosa possiate vivere, ci sarà solamente della generosità.
    Il vostro mondo è in grande cambiamento, tutto sta accelerando e tutto accelererà ancora di più; tuttavia non dimenticate che siete anche gli artefici del vostro futuro; in base alla vostra elevazione spirituale, da ciò che potrete comprendere e da ciò che potrete offrire,voi illuminerete, risplenderete, e in quel momento ciò che chiamiamo «la luce spenta» esisterà sempre di meno. Naturalmente, per ora, voi vedete all’opera solo la luce spenta, ma ogni luce non luminosa può essere assorbita, totalmente diluita nella Luce e nello splendore dell’Amore.
    Comprendiamo che la vostra vita sociale è difficile, che i giovani non hanno più “un interessante futuro”, come dicono alcuni sulla Terra. Il motivo è che non avete saputo gestire la modernità, vale a dire che tutto ciò che è stato offerto come tecnologia molto avanzata, perché la coscienza umana, e purtroppo in particolare coloro che gestiscono il mondo, non hanno saputo mettere la tecnologia a disposizione degli uomini in modo disinteressato ; la tecnologia ha sostituito l’uomo quando avrebbe dovuto aiutarlo!
    Se la vostra civiltà vuole sopravvivere, sarà necessario che ci sia una comprensione differente e che i dirigenti del mondo intero possano riconsiderare la vita e l’umanità. Poiché la macchina in molti casi ha sostituito l’uomo, (alcuni uomini, anche politici, stanno affrontando il problema), occorrerà compensare questo mancato profitto e l’impossibilità che hanno attualmente gli uomini di trovare un lavoro per un «compenso finanziario». Voi non ci siete ancora arrivati, ma se la vostra civiltà vuole davvero uscire dall’incertezza, è necessario che gli esseri umani comprendano, si aiutino, e adattino la modernità attuale all’uomo. Logicamente succederà questo sul mondo, ma c’è ancora dell’ostruzionismo, dei freni notevoli, perché ci sono interessi notevoli.
    Se vi parliamo di tutto questo, non è con l’intenzione di giudicare nessuno, né il vostro modo di essere o di vivere! Vogliamo semplicemente dirvi che la vostra civiltà è in difficoltà, tutto ciò deriva solo da una cattiva gestione delle risorse umane. Nel nuovo ciclo che si sta preparando, ci sarà una nuova gestione delle risorse umane e una nuova ridistribuzione.
    Vorremmo anche darvi della speranza. Sappiate che noi “sentiamo” la vostra sofferenza e la vostra ribellione; molti esseri umani non hanno più speranza, non vedono più la fine della strada, hanno l’impressione che la loro strada sia totalmente ostruita. Tuttavia diremo loro che lì c’è speranza, che lì c’è Luce, e che l’Amore è presente su questo mondo ed è presente nel loro cuore”.
    Fonte:
    http://ducielalaterre.org/fichiers/divers/une_aide_invisible_mais_r_elle_7p3___IT.php


    #312568
    franco
    franco
    Partecipante

    Cosa succede quando si lascia il corpo nei tre regni?


    #312624
    franco
    franco
    Partecipante

    Il protocollo degli originari “DIECI COMANDAMENTI” 

    Le parole degli INTERPLANETARI qui pubblicate erano state ricevute durante le molte sedute pubbliche dal Circolo medianico di pace a Berlino, una comunità cristiana-spirituale. Gran parte delle comunicazioni sono state ricevute in scrittura pienamente automatica ed istintiva mediante dei medium approvati per anni. Le comunicazioni medianiche sono complete e sono state mantenute nella loro autenticità. Il lavoro di scrittura di entrambi medium Monika-Manuela Speer e Uwe Speer aveva inizio all’età di 15 e 17 anni. L’opera completa del MFK-Berlino risulta l’apice assoluto dello studio psico-scientifico. Spesso è stato tentato da altri gruppi di copiare l’MFK-Berlino, ma la sua qualità non è stata mai più raggiunta. La moltiplicazione delle recenti brossure pubblicate è espressamente voluta e non è sottoposta ad alcuna limitazione.

    Prefazione

    Il vero CODICE DI DIO non esiste purtroppo più su questa terra. Esso fu bruciato da millenni e la sua cenere divenne una maledizione per questa terra.

    I FOGLI INDURITI (tavole) che furono portate dai SANTINI (fratelli interplanetari) e che avrebbero dovuto avere una esistenza eterna ed indistruttibile, caddero in balia dei malvagi. Le parole del profeta Mosè furono completamente falsificate dai sacerdoti di allora, che erano allo stesso tempo dei governatori politici.

    Il testo originale dei SETTE COMANDAMENTI e dei SETTE PRECETTI originari è stato però trasmesso nuovamente con l’aiuto della scrittura medianica automatica.  
    Bad Salzuflen nel Luglio 1996

    LA LEGGE INTERPLANETARIA DI DIO

    I. I SETTE COMANDAMENTI PRINCIPALI

    1 Al principio c’era una FORZA senza spazio. Essa era il LOGOS, la Somma INTELLIGENZA. Tu non sei in grado di render comprensibile con qualche paragone questa FORZA ed INTELLIGENZA. Tu non devi fare nessuna considerazione personale su essa, ma riconosci con il tuo intelletto e sentimento questa Intelligenza come tuo CREATORE. Ogni altro pensare in questa direzione è male. 

    2 Tu non devi agire né vivere contro le LEGGI della Natura, poiché Tu danneggeresti non solo Te e la Tua Anima, ma molti dei Tuoi discendenti, che poi non si potrebbero aiutare in alcun modo se Tu avessi danneggiato la creazione intelligente DIVINA. Tu sei pienamente responsabile per ogni dolore su questa terra. 

    3 Tu non devi schernire né perseguire il Tuo CREATORE, anche se tu, col tuo pensiero non sviluppato, non sei in grado né di capirLo né di comprenderLo; poiché tu non sei di più, ma di meno di DIO. Perciò non sporcare il SUO NOME e non rapportarlo al tuo modo di pensare. Non criticare il LOGOS, poiché ESSO è infallibile per la SUA infinita ESPERIENZA ed immensa forza. 

    4 Sii instancabilmente attivo sia nel pensare che nell’agire. Però sappi che il pensiero rappresenta la Somma Forza e la più alta EREDITA’ di DIO. Il tuo pensiero ha una portata incalcolabile in questo e nell’altro mondo. Pensa al Tuo CREATORE con profonda venerazione, sia nella procreazione dei tuoi discendenti, come anche nel formare tutte le cose e crea ogni cosa solo per il bene e giammai per il disonore di DIO e di Te stesso. Abbi stima della infaticabile diligenza del CREATORE e onora il lavoro del tuo prossimo che opera col sudore per servire il CREATO a gloria di Dio. 

    5 Non fare differenza tra povero e ricco, né tra giovane e vecchio o fra i colori. Onora le esperienze e abbi rispetto del dolore. Ascolta il consiglio dei Tuoi genitori in quanto essi credono in DIO, il CREATORE. Senza questa fede potrai forse diventar ricco, ma giammai felice, né contento e tanto meno beato.

    6 Il Tuo CREATORE desidera che tu rispetti la vita nel mondo, come la SUA FORZA. Tu non hai il diritto di decidere circa la vita del Tuo prossimo. Combatti la creazione contraria e l’esistenza che distrugge la vita. Non uccidere nessun animale per Tuo piacere, ma solo per rassicurare la tua vita.

    7 Non danneggiare il prossimo né nel corpo o nell’anima, né nella riputazione o nei suoi beni personalmente ottenuti col suo lavoro. Non danneggiarlo nella sua evoluzione, né nel suo amore, né nella sua libertà, ma aiutalo sempre in tutte queste cose, senza aspettare ringraziamenti. Però porta il Tuo contributo per la VERITA’ e per il mantenimento di tutte le disposizioni, che fanno progredire la Tua vita, la Tua salute e la Tua evoluzione spirituale e quella della Tua anima.

    II. I SETTE PRECETTI

    1 Non procreare per il tuo piacere, ma per la volontaria prontezza di sacrificio di aiutare una anima graziata ad una migliore conoscenza e giudizio di se stesso e prendere cura di essa affinché possa pervenire all’indipendenza nel pensare e nell’agire. 

    2 Stima la compagna della Tua vita come portatrice responsabile della VOLONTA’ divina, della VITA divina e come la preparatrice della via dell’ampio piano del futuro. Il mancato conseguimento avrà come conseguenza inevitabile una distruzione lenta, ma sicura. 

    3 Non dividere i tesori di questa terra, perché sono stati dati a tutte le creature, ma soprattutto a tutti gli uomini senza alcuna distinzione esteriore. La stella Terra è un dono di DIO dato all’intera umanità che vive su questa stella oggi e nel futuro.

    4 Non invidiare il prossimo, né un gruppo o un popolo e neanche una razza né un paese nel quale la gente vive per sé, poiché non puoi sapere con sicurezza, che la tua invidia provenga da un errore che non è ancora conosciuto.

    5 Non usare nessuna violenza, anche se credi di essere il più forte o il provocato, poiché ogni violenza è una provocazione di forze sinistre che distruggono non solo il Tuo avversario, ma Te stesso e rendono più difficile o impossibile l’avvenire dei tuoi discendenti. 

    6 Rivolgiti in tutte le difficoltà, al LOGOS (a Dio) e respingi i consigli dei tuoi consiglieri e nemici che mirano alla tua rovina. 

    7 Non aver fiducia nei tuoi sensi poiché solo la Tua anima è capace di prendere l’estrema decisione; ed in questo caso solo DIO e nessun’altro, ti aiuta.

    Fonte:
    http://risveglio.myblog.it/wp-content/uploads/sites/245753/2016/08/Il-protocollo-degli-originari-DIECI-COMANDAMENTI.pdf

    …………………………………………………………………………………………………

    La Grande Ora X dell’Umanità

    http://ashtarsheran.altervista.org/La_grande_ora_dell_umanita.pdf

    ……………………………………

    Non di questa Terra

    http://ashtarsheran.altervista.org/NON_DI_QUESTA_TERRA.pdf

    ……………………………………

    Non è un’utopia

    http://ashtarsheran.altervista.org/NON_UN_UTOPIA.pdf

    ……………………………………

    Da Stella a Stella

    http://ashtarsheran.altervista.org/DA_STELLA_A_STELLA.pdf

    ……………………………………

    Veritas Vincit

    http://ashtarsheran.altervista.org/VERITAS_VINCIT.pdf

    ……………………………………

    Prima dell’atterraggio

    http://ashtarsheran.altervista.org/PRIMA_DELL_ATTERRAGGIO.pdf

    ……………………………………

    La vostra Terra

    http://ashtarsheran.altervista.org/LA_VOSTRA_TERRA.pdf

    ……………………………………

    Armageddon

    http://ashtarsheran.altervista.org/ARMAGEDDON.pdf

    ……………………………………

    Appello dal Cosmo

    http://ashtarsheran.altervista.org/Appello_dal_cosmo.pdf

    ……………………………………

    La Terra è in pericolo

    http://ashtarsheran.altervista.org/La_terra_in_pericolo.pdf


    #312719
    franco
    franco
    Partecipante

    Una spiegazione scientifica – Una spiegazione teologica

    Una spiegazione scientifica

    Domanda: Molti non riescono a capire come l’uomo possa avere un’anima immortale. È possibile darne una spiegazione?

    Ashtar Sheran:
    Noi sappiamo che questa incertezza è di somma importanza sulla terra. La maggior parte dei terresti non credono all’esistenza di un’anima immortale. Per questa ragione pensano in maniera errata anche riguardo altre cose della vita. Se fossero assolutamente sicuri di continuare a vivere anche dopo la morte, sarebbero per forza costretti a cambiare il loro modo di pensare e di comportarsi. Questa conoscenza è, per noi Santini, cioè uomini di un altro sistema solare, una cosa provata e nota a tutti, che ci ha aiutati enormemente nella nostra evoluzione. Per darvene una spiegazione scientifica, comprensibile per voi, devo cominciare là dove voi avete già in parte iniziato. È da supporre che la maggior parte degli uomini non capirà del tutto una tale spiegazione scientifica. Pertanto, sono costretto ad usare il linguaggio il più semplice possibile, perché anche un profano possa capire di che cosa si tratti. Purtroppo, la mia spiegazione dovrà essere anche superficiale e un po’ approssimativa.

    Noi potremmo parlare di questo e di quello per giorni interi; ma qui è necessario dire tutto brevemente. L’umanità terrestre riceverà di nuovo un insegnamento che gli permetterà di avanzare di un altro passo verso la conoscenza suprema.

    L’anima possiede un corpo immateriale, che è in tutto e per tutto parallelo al corpo materiale. L’anima è, quindi, spazialmente chiusa e limitata in se stessa.

    Così come il corpo materiale è costituito da atomi, allo stesso modo il corpo immateriale è composto di minuscole “pietruzze” dell’universo. Sono degli aggruppamenti di minuscoli mattoni, di varia specie, che voi ancora non conoscete, tranne un’unica eccezione.

    La vostra scienza è dell’opinione che l’anima si dovrebbe poter misurare in qualche modo. Fino a che la sua natura non potrà essere misurata tecnicamente per mezzo delle vostre apparecchiature, essa non troverà alcun riconoscimento dalla scienza terrestre. Ciò che la scienza non riconosce, viene rifiutato per principio anche dalla larga massa dell’umanità. Quindi, tutti i terrestri, a causa della cosiddetta scienza, sono in errore, con incalcolabili conseguenze.

    L’accertamento dell’esistenza dell’anima umana e della sua immortalità è il presupposto più importante per tutto il genere umano e per tutta l’esistenza della terra.

    L’esistenza dell’anima è provabile in ogni senso. Non vi sono dubbi. C’è, per esempio, la prova delle forze medianiche. Ci sono poi le sedute spiritualistiche, che rendono possibile una prova. Queste vie, però, non vengono prese in considerazione dalla scienza, ma vengono ridicolmente ignorate.

    Esiste tuttavia un’altra prova, prettamente scientifica, che non può assolutamente essere negata dalla scienza esatta.

    Anche la scienza terrestre ha potuto constatare che nel cosmo esistono delle particelle subatomiche che viaggiano nell’universo a velocità superiore della luce. Queste particelle che la vostra scienza chiama neutroni sono perpetue, hanno cioè una forza rotante eterna. Esse attraversano ogni sistema atomico. Si suppone che queste particelle non possiedano una carica elettrica, ma che molti miliardi di esse urtino ogni secondo su un centimetro della terra, attraversandola nettamente, come se non esistesse.

    Questi neutroni, che secondo le vostre teorie non hanno alcuno scopo, fanno invece parte proprio di quei minuscoli “mattoni” immateriali che costituiscono il Mondo Spirituale.

    Un filosofo disse una volta: “Dove non è nulla, non può essere nulla”. Per questa ragione si rifiuta di accettare l’esistenza dell’anima, perché non la si può provare con mezzi normali.

    Anche l’esistenza dei neutroni non si può provare con mezzi comuni, ma sono stati individuati con quelli non comuni, e quindi hanno ricevuto anche un nome. Allo stesso modo, l’esistenza dell’anima non si può provare con mezzi comuni, ma lo si può fare benissimo con quelli non usuali. I neutroni si raggruppano, secondo una legge, insieme con alcune altre “mattonelle” cosmiche, formando un sistema di costruzione, esattamente nello stesso modo in cui ciò avviene nella materia (atomi). Lo spin (impulso della forza rotante) le procura il movimento ed allo stesso tempo l’immortalità. È però evidente che tali sistemi di neutroni non possono formarsi né organizzarsi da soli. Il Creatore è il loro geniale Maestro. Egli è l’ingegnere e lo scienziato che raggruppa calcolando e progettando queste “mattonelle”.

    Siccome ogni neutrone rappresenta una propria energia, fra non molto anche la scienza terrestre sarà in grado di accettare l’esistenza di questi neutroni e di misurarli mediante nuovissimi apparecchi. Quando questo sarà avvenuto, i terrestri potranno anche provare in altro modo l’esistenza delle anime dell’Aldilà.

    Io sono dell’opinione che l’umanità terrestre non riconosce vero o possibile quello che non capisce.
    Anche lo scienziato respinge per principio tutto ciò che non concorda con quello che ha studiato
    all’Università. Questo studio, però, non ha trovato finora un posto per rendere accettabile ciò che non si può misurare ma che tuttavia esiste. Io vi avverto: “Voi dovete ancora imparare molto!” Le basi dell’anima sono la percezione, il sentimento ed il pensiero. Queste sono qualità spirituali, che non possono essere fatte proprie dalla materia. La materia è insensibile; essa non può ne percepire né pensare, ma essa materia organica è un “conduttore” dell’anima, capace di trasferire all’anima sensazioni e percezioni provenienti dal mondo materiale. L’occhio, ad esempio, è composto di materia organizzata per una funzione ottica. Questo però non basta: infatti, anche un obiettivo fotografico è concepito in modo da percepire una immagine; ma dove si trova l’osservatore? È l’anima, in ogni caso, quella che percepisce, che approva, e che elabora il decisivo processo pensante.

    Bilioni di sistemi solari formano l’Universo divino. L’uomo non può neppure immaginare l’enorme varietà di vita ivi connessa. Tutto questo, però, non avrebbe alcun senso se l’uomo, con la sua anima, non fosse il contemplatore, cioè se non avesse la facoltà di concepire e di percepire l’Universo. Egli può concentrarsi su di esso e comprenderlo. Solo attraverso di lui questo creato meraviglioso acquista un senso, poiché esso è stato creato solo per lui.

    Il movimento e la vita sono la stessa cosa; la vita, infatti, contiene energia. Con ciò viene confutata la cosiddetta legge della “materia inerte”.

    Tutto l’Universo è il risultato di continue sperimentazioni. L’Universo, però, non sperimenta da solo, perché a tal fine è necessaria un’intelligenza previdente che calcola e progetta. Il Creatore ha, tuttavia, i suoi collaboratori ed anche l’umanità ne fa parte.

    La stessa anima umana non è ancora alla fine della sua evoluzione: l’aspettano eoni di ulteriore evoluzione…………

    AL COMPLETO:

    http://risveglio.myblog.it/wp-content/uploads/sites/245753/2016/08/Una-spiegazione-scientifica-Una-spiegazione-teologica.pdf


    #312720
    franco
    franco
    Partecipante

    Una orazione funebre – La verità sulla morte

    Una orazione funebre

    Quando un terrestre muore ciò è per voi un avvenimento triste e terrificante. Il prete fa un necrologico, e i familiari continuano a stare innanzi ad un mistero e ad una terribile incertezza, ignorando che cosa sia veramente avvenuto. Per questa ragione, vorrei anch’io tenere un necrologio, benché non sia un prete. Così dovrebbe essere un necrologio per i familiari del defunto, se vogliamo fare onore alla verità:

    Cari fratelli, care sorelle! Vi devo così apostrofare perché l’uomo proviene dalla grande famiglia dell’umanità che vive in tutto l’universo divino, ed i cui membri vivono in molte dimore.

    Eccoci qui, dinanzi alla bara di un uomo, ed io vi domando: “Che cosa è accaduto?”.

    È accaduto qualcosa che accadrà senza eccezioni ad ogni uomo, e che è sempre successo, da eoni di anni. È quindi un fenomeno del tutto naturale, che non ha nulla di misterioso. Perché, allora, essere tanto spaventati, se si tratta di un tale avvenimento naturale? Nessun uomo, nessuno scienziato è in grado di ostacolare questo procedimento. Se il corpo non è più capace di eseguire le sue funzioni, diviene uno strumento inutile per l’anima.

    Ma esistono dei filosofi e dei sapientoni i quali asseriscono che la coscienza sia legata alla materia. Dove hanno attinto tali pensatori questa “conoscenza”? Certamente solo dalla supposizione, perché la coscienza non si può più manifestare. Chi può, però, trarre un suono da una tromba quando è rotta? Se la tromba non suona ciò non è sufficiente per asserire che il sonatore non esista più. Naturalmente, se vuol fare sentire dei suoni, il trombettiere ha bisogno di un altro strumento, e questo può essere anche uno strumento simile. Un giorno, egli riceverà una nuova tromba, e potrà magari suonare questo strumento ancora meglio, o trascurarlo di nuovo.

    Ad ogni modo, la morte è un avvenimento naturale, anche se si tratta di un incidente o dell’esito di una malattia. L’uomo non viene richiamato da Dio, ma l’ora, cioè il tempo, è scaduto, perché il corpo non è più capace di funzionare, e quindi di ospitare l’anima.

    I teologi hanno ideato varie ipotesi e poi le hanno trasmesse ai posteri come vere. Ma queste riflessioni non sono giuste, esse sono state liberamente inventate.

    Anche riguardo alla morte si deve distinguere. Chi ha mai dimostrato che la coscienza appartiene alla materia, cioè che sia la materia a far nascere la coscienza? Chi può asserire che i pensieri siano qualche cosa di visibile e toccabile, per il fatto che essi possano essere registrati su un disco o su un nastro magnetico? Dove sono le molecole o gli elettroni che comportano l’azione del pensare? Il pensiero che fa parte della coscienza è un prodotto completo di microvibrazioni, le quali appartengono alla coscienza e vengono condotte attraverso un sistema nervoso funzionante.

    A che cosa servirebbe infatti, ad un uomo al quale siano state amputate ambedue le gambe, ripetere cento volte nella sua coscienza il fermo pensiero di sollevare l’una o l’altra gamba? Non vi potrà mai riuscire; però se non può più sollevare le gambe, chi può affermare che questo desiderio, questo pensiero, questo ordine ai muscoli e ai nervi delle sue gambe, non esista affatto?

    Ebbene, io vi dico che la coscienza può essere separata completamente dal corpo.

    Quindi, se in un morto, nemmeno una cellula reagisce più alla coscienza, questo non ha nulla a che fare con la coscienza stessa. Ogni morto vive, anche se non ha più a disposizione il proprio corpo. La coscienza non si può più rivelare attraverso un corpo inservibile.

    Voi obietterete, però, che i vostri scienziati hanno chiarificato il mistero della morte, e che non hanno affatto confermato all’umanità la vita dopo la morte.

    Chi vi dice che questi scienziati siano veramente capaci di trarre una conseguenza così logica? Gli stessi scienziati adoperano tutta la loro forza di pensiero per la distruzione dell’umanità. Essi riflettono sulle varie possibilità di distruzione. Essi consegnano alla politica i mezzi potenziali per il dominio del mondo. Essi preparano tutte le guerre. Essi permettono che l’uomo abusi di veleni pericolosi. Essi dimostrano ogni giorno di essere nemici pericolosi della vita e dell’intiera esistenza della Terra. Voi accordate ai vostri scienziati, la stessa cieca fiducia che accordate al vostro clero. Inoltre, siete pronti a permettere che i politici e i sociologhi facciano a meno di riflettere, perché supponete che siano in grado di pensare più logicamente di tutti voi messi insieme.

    È la pratica che dimostra se l’esattezza delle teorie è giusta o sbagliata. E la pratica, nel vostro mondo, dimostra chiaramente che vi trovate impelagati in una situazione che degenererà in un pericolo mondiale. La pratica dimostra che i vostri “pensatori responsabili” passano da un errore all’altro.

    Chi non sa nulla di positivo riguardo alla morte, non può neanche pensare in modo logico, perché in tutte le questioni della vita arriverà a risultati errati. Egli può anche inventare qualche cosa di grandioso, o ideare una bassezza contro l’umanità, calcolare ed approfittare della tecnica delle scienze naturali, ma alla fine non potrà mai tirare le giuste conseguenze, perché il risultato fa
    crollare tutto. Il minimo dubbio su Dio e sulla sopravvivenza dello spirito lo condanna ad essere illogico in tutte le altre questioni esistenziali.

    Se un prete tiene un necrologio, parla, ovviamente, dell’anima dell’uomo. Ma io so che questi ecclesiastici non hanno la giusta idea dell’anima. Essi sono tutti dell’opinione che l’anima si addormenti alla morte e non sogni neanche, ma rimanga nella più profonda incoscienza. Però, se Dio vorrà, miliardi di anime verranno svegliate un giorno, il giorno del giudizio universale, che è ancora da stabilire, uno dopo l’altro o tutti ad una volta. Questo giudizio deciderà che più della metà verrà condannata al fuoco eterno dell’inferno, ed una parte esigua verrà accolta nel cielo, dove gioirà di piaceri senza fine. Ancora peggiore è l’idea che le anime riposino accanto al corpo in putrefazione nella tomba.

    Se solo sapeste che terribile nonsenso illogico è questo! È semplicemente orripilante che delle persone adulte e ragionevoli possano credere a un tale nonsenso; non solo, ma lo diffondono e lo difendono fanaticamente.

    La risposta chiara vi è stata data dallo stesso rappresentante di Dio, cioè Cristo. Egli disse a colui che era crocifisso al suo fianco: “In verità ti dico: oggi stesso sarai con me in Paradiso”. S’intende che questo paradiso è una sfera buona del regno spirituale. Del giorno del giudizio universale, non si parla neppure. Questo giorno, in realtà, è per ognuno il giorno della morte del corpo materiale. È l’ingresso solenne nella vita spirituale. È il giorno del ritorno nella condizione più importante di tutta la vita umana…..

    AL COMPLETO:
    http://risveglio.myblog.it/wp-content/uploads/sites/245753/2016/08/Una-orazione-funebre-La-verit%C3%A0-sulla-morte.pdf


    #312773
    franco
    franco
    Partecipante

    I Fratelli di altri mondi

    I Fratelli di altri mondi attendono solo l’ordine di potersi muovere ed agire. Essi fremono d’impazienza vedendo ciò che avviene fra l’umanità. Pure il Padre dice: attendete, poiché l’umanità dovrà toccare l’imo dell’abiezione per poter risalire dal fondo, dopo aver toccato spaurita quasi il fondo dell’abisso.

    La paura, il terrore si avvereranno solo quando l’umanità non più a tempo, si avvedrà dei suoi errori, non più a tempo per fermarsi, ma a tempo per risalire. E allora vedremo un affannarsi che darà raccapriccio a coloro che potranno guardare senza affanno, che darà dolore ai fratelli che hanno portato esempio nella vita e sarà il momento in cui, questi fratelli, tenderanno finalmente le mani a coloro che vi si aggrapperanno per risalire. Ed Io vi dico in verità, fratelli: voi sarete tra quelli e tenderete le vostre mani e calerete le funi perché giungano nel più profondo; ed allora il cuore spirituale palpiterà veramente e si aprirà a fiotti di luce per rischiarare loro il cammino.

    Tutto ciò che voi farete, fratelli, dovrà essere assolutamente, spasmodicamente altruistico; nulla, assolutamente nulla, dovrà toccare la più piccola parte di interesse. Offrite, date, donate e non attendetevi nulla, neppure il soldino che ricade nel cavo della mano.

    Ciò che voi avrete sarà molto, molto di più. Sarà qualche cosa di meraviglioso quando voi, usciti dalla vita terrena, potrete finalmente vagliare l’opera vostra, vederne gli effetti e raccoglierne finalmente i frutti in quell’apoteosi di luce che vi attenderà dopo di aver compiuta l’opera vostra.

    Vi benedico

    Fonte:
    http://risveglio.myblog.it/wp-content/uploads/sites/245753/2016/08/I-Fratelli-di-altri-mondi.pdf


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 48 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.