contro la mafia

Home Forum PIANETA TERRA contro la mafia

Questo argomento contiene 148 risposte, ha 23 partecipanti, ed è stato aggiornato da  sephir 11 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 101 a 110 (di 149 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #74689

    marì
    Bloccato

    ALE' … le notizie sono importanti ed allarmanti 😉

    Nulla da dire?

    :ummmmm:


    #74690

    marì
    Bloccato

    E' paradossale che un libro sia censurato alla fonte. Durante la stampa. Con linee nere ben tracciate nelle pagine. E' successo a: “Santa Mafia” http://www.nuovimondi.info/Article2281.html di Petra Reski http://www.festivaldelgiornalismo.com/festivaldelgiornalismo.php?article720 in Germania. Il libro è stato pubblicato anche nell'edizione italiana con le pagine oscurate. Chiunque potrà tirare a indovinare chi sono i “personaggi” come li chiama Petra “non citabili”. Per noi italiani è più facile che per i tedeschi. I capitali mafiosi possono comprarsi l'Europa e lo stanno già facendo un po' ovunque. Petra lo spiega nel suo libro. La Comunità Mafiosa Europea è solo una questione di tempo.


    Santa Mafia

    [link=hyperlink url][youtube=400,220]moogaloop.swf

    Le interviste del blog: Petra Reski from Beppe Grillo on Vimeo.

    [/link]

    http://www.beppegrillo.it/

    … e c'hai ragione Petra … la mafia non e' fenomeno solo italiano :ok!:


    #74691

    marì
    Bloccato

    [quote1253801153=Marì]
    [color=#0000ff]… e si … qui ci sta propri bene quest'articolo[/color]

    Dura presa di posizione dell'associazione nazionale dei magistrati
    “Reati già difficili da perseguire, no a sanatorie per i reati economici”

    L'Anm contro lo scudo fiscale
    “Basta amnistie, pena certa”

    Il ministro Alfano: “Resistenze corporative, la legge la fa il Parlamento”

    ROMA – “Il diritto penale richiede certezza ed effettività della pena, e non può tollerare un così frequente ricorso ad amnistie o sanatorie, in particolare nel settore delicatissimo dei reati economici e fiscali”. L'Associazione nazionale magistrati si schiera contro l'estensione dello scudo fiscale http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/fisco-1/numero-legale/numero-legale.html , esprimendo “preoccupazione” per gli effetti del provvedimento. Una presa di posizione, quella dei magistrati, che non nasconde la contrarietà di chi, ogni giorno, si trova alle prese con reati “difficili da perseguire”.

    Immediata la replica del governo. “Chi vuole che sia riconosciuta la sua autonomia, deve accettare che è il Parlamento sovrano che fa le leggi” dice il ministro della Giustizia Angelino Alfano che ricorda “il numero infinito di pronunciamenti dell'Anm” su provvedimenti legislativi “mentre è in corso il dibattito politico” e sottolinea: “La nostra Costituzione dice che i magistrati sono soggetti solo alla legge. E la legge la fa il Parlamento”.

    L'emendamento che provoca polemiche esclude la punibilita' per tutti i reati fiscali e societari commessi al fine di evadere il fisco e trasferire il denaro all'estero ed anche i delitti di frode fiscale, emissione e utilizzazione di false fatture, falso in bilancio e persino le cosiddette ''frodi carosello'' che potranno dunque essere ''sanati'' con il pagamento di una somma pari al 5% dell'imposta evasa.

    ''Si tratta di reati oggettivamente gravi, – sottolinea l'Anm – puniti con una pena massima di sei anni di reclusione, per i quali lo Stato rinuncia alla punizione, in tutti i casi e indipendentemente dall'importo non dichiarato''.

    Per i magistrati quello che serve è una pena certa e non “amnistie o sanatorie”, in particolare nel settore dei reati economici e fiscali “nel quale già si sconta una situazione di illegalita' diffusa e di difficolta' di accertamento”. La nuova legge, conclude l'Anm, avrà come risultato “l'impunita' a chi ha realizzato profitti violando la legge”, minando “la fiducia di chi ha agito nel rispetto delle regole''.

    Parole dure a cui Alfano replica con altrettanta durezza. “Fanno resistenza al cambiamento dello status quo, ogni volta che proponiamo una riforma ci viene detto che in realtà vogliamo riformare i giudici. Ci sono resistenze corporative ma questo governo e questa maggioranza ce la possono fare”.
    (23 settembre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/fisco-1/anm-scudo/anm-scudo.html

    :hehe:

    [/quote1253801153]

    Scudo fiscale esteso anche al falso in bilancio

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]djVK7Oj8R7M[/link]

    … e dice bene la giornalista ” il governo ha dato il via ad un reciclaggio di stato”


    #74692

    marì
    Bloccato

    Decreto legge approvato nella stessa versione licenziata dal Senato
    Ipotesi fiducia in aula. Il governo: “Non è in agenda”

    Scudo, ok commissione Camera
    Pd: 'Aiuto a terrorismo e riciclaggio'


    La protesta dell'opposizione al Senato

    ROMA – Via libera delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera al decreto legge correttivo all'ultimo pacchetto di misure anti-crisi, che contiene fra l'altro le misure sullo scudo fiscale nella versione maxi. Il testo del decreto legge non è stato ulteriormente modificato rispetto a quello licenziato al Senato. Immediata la protesta dell'opposizione che, fa notare Simonetta Rubinato (Pd), nella versione approvata a palazzo Madama ha introdotto una modifica che favorisce “riciclaggio e terrorismo”.

    Il decreto legge scade il 3 ottobre e lunedì sarà all'esame dell'Aula di Montecitorio. I tempi sono stretti e il governo potrebbe decidere di mettere la questione di fiducia già martedì prossimo per poter incassare il voto mercoledì. L'Esecutivo frena: “Al momento – dice il sottosegretario all'Economia, Alberto Giorgetti – non è in agenda”.

    In tutto gli emendamenti presentati nelle commissioni al decreto legge correttivo sono stati 116. Di questi una manciata è stata a firma di alcuni deputati del Pdl, due sono stati presentati dal Pd, una trentina dal Pd e il resto dall'Idv. Nessuna proposta di modifica è stata però approvata. L'esame delle commissioni è stato lampo: un paio di ore di discussione in tutto in mattinata e circa altrettante nel pomeriggio sono bastate a chiudere l'esame e a votare il mandato ai relatori per l'Aula.

    L'opposizione attacca e critica duramente lo scudo fiscale. “Faremo in aula una battaglia molto precisa e puntuale” avverte il capogruppo del Pd in commissione Bilancio, Pier Paolo Baretta: “Da questo provvedimento il Paese ne esce con una immagine gravemente compromessa rispetto al rigore e all'etica”. “I pochi miliardi che rientreranno – aggiunge – non valgono certo questo scambio. La nostra opposizione sarà senza appello”.

    Il segretario del Pd, Dario Franceschini, attacca l'intenzione della maggioranza sul provvedimento dello scudo fiscale che “permetterà di far rientrare senza penali e con un colpo di spugna su tutti i reati capitali esportati illegalmente”. “Ogni volta che la destra torna a guidare il Paese – aggiunge – promette che non farà più condoni e puntualmente ricomincia da capo. Non so cosa possa pensare chi paga onestamente le tasse e rispetta la legge”.

    La deputata del Pd della commissione Bilancio, Simonetta Rubinato, annuncia un emendamento per correggere una “svista”: “Mi chiedo se il ministro Maroni si sia accorto che sta per essere approvato in Parlamento uno scudo anche per il terrorismo. Il Senato ha infatti introdotto nel decreto legge anti-crisi una modifica che stabilisce per gli intermediari il venir meno dell'obbligo di segnalazione oggi previsto non solo per le operazioni di riciclaggio, ma anche per quelle di finanziamento del terrorismo”.

    Il capogruppo dell'Idv in commissione Bilancio, Antonio Borghesi, sottolinea che “il testo sullo scudo fiscale, così com'è uscito dal Senato, è incostituzionale” perché “l'estensione ai reati di falso in bilancio trasforma, di fatto, la norma in un'amnistia” e si augura che “il presidente della Repubblica garantisca il rispetto della Costituzione, non firmando questa legge vergogna”.
    (24 settembre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/fisco-1/scudo-vialibera/scudo-vialibera.html

    … in Itaglia essere onesto non paga #(


    #74693

    marì
    Bloccato

    CRONACA

    Davanti alla seconda sezione penale della Corte d'Appello di Palermo requisitoria del Procuratore generale nel processo a carico del senatore di Forza Italia

    Dell'Utri e lo stalliere di Berlusconi
    Il Pg: “Mangano ad Arcore per i boss”

    “Di cavalli e coltivazioni non sapeva nulla: ma se guardiamo i suoi precedenti penali gli interessi che coltivava erano di tutt'altra natura rispetto a quelli agricoli”

    PALERMO – “Vittorio Mangano fu assunto nella tenuta di Arcore di Silvio Berlusconi per coltivare interessi diversi da quelli per i quali fu ufficialmente chiamato da Palermo fino in Brianza”. Così il Procuratore generale Antonino Gatto entra subito nel vivo della requisitoria del processo di secondo grado http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/politica/dell-utri-processo/dell-utri-processo/dell-utri-processo.html?ref=search in cui il senatore Marcello dell'Utri (Pdl) è imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. Il parlamentare è stato condannato in primo grado http://www.repubblica.it/2004/l/sezioni/politica/dellutri/dellugiudi/dellugiudi.html a nove anni di carcere.

    Stamani davanti alla seconda sezione della Corte di appello di Palermo, Gatto parla prima di tutto di Vittorio Mangano, morto alcuni anni fa, condannato nell'ambito di un processo di mafia. L'uomo per alcuni anni aveva svolto il ruolo di stalliere ad Arcore, la tenuta del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Era stato lo stesso Dell'Utri a farlo assumere. Una scelta, secondo il magistrato, non legata a interessi agricoli, ma alla necessità, che all'epoca avevano tanti imprenditori, tra i quali lo stesso Berlusconi, di “proteggersi” dal pericolo di sequestri.

    “Ma davvero – si chiede il Pg – non fu possibile trovare in Brianza persone capaci di sovrintendere alla tenuta di Arcore? Davvero dall'estremo nord ci si dovette spostare a Palermo per trovare una persona che non conosceva la zona e le coltivazioni brianzole?”. “In realtà – prosegue Gatto – non solo Mangano di cavalli e di coltivazioni non sapeva nulla: ma se guardiamo i suoi numerosissimi precedenti penali, gli interessi che coltivava erano di tutt'altra natura rispetto a quelli agricoli”.

    “Nelle dichiarazioni spontanee rese il 29 novembre del 2004 – dice il Pg – fu Dell'Utri a dire che in realtà Mangano si interessava di cani e non di cavalli. Non si vede quale sarebbe stato dunque il suo contributo alla cura di animali che Berlusconi voleva allevare nella tenuta appena acquistata”.

    Il senatore non è presente in aula. Ad ascoltare l'atto d'accusa del Pg ci sono i suoi difensori, gli avvocati Nino Mormino, Giuseppe Di Peri e Pietro Federico.

    (25 settembre 2009)
    http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/processo-dell-utri/processo-dell-utri/processo-dell-utri.html

    :hehe:


    #74694

    marì
    Bloccato

    Passaparola, lunedì 28 settembre, ore 14.00

    [link=hyperlink url][/link]

    Raccolta firme (appello al Presidente della Repubblica a non firmare la legge sullo scudo fiscale)

    Presidente, non firmi!
    http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2341588&yy=2009&mm=09&dd=26&title=raccolta_firme_appello_al_pres


    #74695

    marì
    Bloccato

    Della serie: Guzzanti e' sempre GUZZANTI! hahaha

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]4YE5T_Ml7Og[/link]

    :hehe:


    #74696

    marì
    Bloccato

    Torniamo seri va

    [link=hyperlink url][youtube=450,340]1MgNe2u74kM[/link]

    … e lui incassa sempre alla faccia di tutti gli italiani

    [link=hyperlink url][youtube=425,344]Y5VfBLs5JdM[/link]

    ~grrr


    #74697

    marì
    Bloccato

    Camera, PD e UDC assenti salvano lo scudo di Tremonti
    Luca Telese

    30 settembre 2009
    Ieri il Fatto domandava: “Ma il Pd dov'è?”. Ieri, puntuale, il Pd ha risposto: siamo momentaneamente assenti. Almeno fino al congresso. Purtroppo il Parlamento non si ferma: ieri si votava la pregiudiziale di incostituzionalità dell'Italia dei valori contro scudo fiscale (tutte le opposizioni si erano associate). Risultato: presenti 485, votanti 482, astenuti 3, maggioranza 242. Contro lo scudo 215, a favore 267. Traduzione: malgrado la ressa sui banchi del governo, Pdl e Lega sarebbero andati sotto (70 assenze su 329) e lo scudo sarebbe stato bocciato. Peccato che in aiuto del centrodestra sia arrivato il soccorso “rosa”. Quasi un deputato Pd su quattro era altrove (28% di assenze, 59 su 216). Quasi al completo i dipietristi (24 su 26). Più virtuosa del Pd è stata persino l'Udc (8 assenti, 29 al voto su 37). Bastavano 27 deputati di opposizione, quindi, per seppellire il mega-condono. Domani pubblicheremo i nomi degli assenteisti salvascudo. Ma quattro a caso ve li anticipiamo: Franceschini, Bersani e D'Alema. I veri leader.

    http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&r=174298

    E' CHIARO? :hehe:


    #74698
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    la ruota gira..
    [youtube=425,344]Yw81waLGUkw


Stai vedendo 10 articoli - dal 101 a 110 (di 149 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.