Corrente del golfo bloccata

Home Forum PIANETA TERRA Corrente del golfo bloccata

Questo argomento contiene 106 risposte, ha 14 partecipanti, ed è stato aggiornato da Dado Dado 9 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 107 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #88336
    Dado
    Dado
    Partecipante

    Caro Pasgal
    da circa 3 mesi mi trovo a San Paolo in Brasile , tornero a Los Angeles nei prossimi mesi .
    La notizia la lessi su ansa circa una settimana fa .

    un abbraccio


    #88347
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    Dado quindi confermi che addirittura l'ANSA ha parlato di blocco della corrente del golfo? 🙁
    Speriamo sia solo momentaneo allora…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #88348
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Non mi ricordo quanti giorni fa, proprio sul forum nostro mi (vi) domandai se per caso si era bloccata o si stava bloccando la corrente del golfo..


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #88349
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    prevedo una buia notte lunghissima…


    #88350
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Canero
    nell'articolo non si capisce da dove provengano tutte quelle notizie, di Alex Jones mi fido poco..

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/07/06/visualizza_new.html_1850250870.html

    Marea nera, stravolto l'equilibrio naturale
    Secondo uno studio italiano la chiazza di petrolio avrebbe bloccato la corrente del Golfo del Messico, vale a dire uno dei motori che contribuisce a riscalda

    ROMA – La marea nera del Golfo del Messico ha “spezzato” la Loop current, una delle principali componenti della Corrente del Golfo e uno dei motori che contribuisce a riscaldarla. Lo segnala uno studio italiano, secondo il quale è impossibile prevedere come si evolverà la situazione, ma se questo processo proseguirà, potrebbero esserci serie conseguenze per la Corrente del Golfo, la corrente calda che percorre l'Atlantico fino al Nord Europa.

    La ricerca, pubblicata sul sito dell'Associazione Geofisica Italiana, dell'Istituto di Scienze atmosferiche e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isac-Cnr), è stata condotta dal fisico teorico Gianluigi Zangari, dei Laboratori Nazionali di Frascati dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

    Il ricercatore ha analizzato i dati dei satelliti americani ed europei per l'osservazione della Terra (Jason, Topex-Poseidon, Geosat Follow-On, Ere-2 ed Envisat) in collaborazione con l'Università del Colorado e utilizzando un sistema di calcolo sviluppato e brevettato dallo stesso Zangari nei Laboratori di Frascati nel 1999. Nei giorni scorsi nel Golfo del Messico la marea nera aveva cominciato a formare un vortice che adesso ha raggiunto dimensioni notevoli e che si è completamente separato dal resto della corrente. “Si è rotto un equilibrio nato in milioni di anni”, ha osservato Zangari, e “se non si ricostituirà la Corrente del Golfo, potrebbe subire conseguenze irreparabili”.

    ————-

    Non trovo per ora altre conferme che abbiano accertato, ho trovato un articolo del 2006 che già parlava del presunto blocco della corrente del golfo
    http://www.peacelink.it/ecologia/a/19287.html


    #88346
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    July 6, 2010
    One of the “pumps” that helps drive the ocean’s global circulation suddenly switched on again last winter for the first time this decade. The finding surprised scientists who had been wondering if global warming was inhibiting the pump and did not foresee any indications that it would turn back on.

    The “pump” in question is in the western North Atlantic Ocean, where pools of cold, dense water form in winter and sink beneath less-dense warmer waters. The sinking water feeds into the lower limb of a global system of currents often described as the Great Ocean Conveyor (View animation (Quicktime)). To replace the down-flowing water, warm surface waters from the tropics are pulled northward along the Conveyor’s upper limb.
    ————————-
    Una delle “pompe” che aiuta la guida della circolazione oceanica globale si è improvvisamente attivata lo scorso inverno per la prima volta questo decennio. La scoperta ha sorpreso gli scienziati che si sono chiesti se il riscaldamento globale stesse inibendo la pompa e non vedevano indicazioni per cui dovesse riattivarsi.
    La “pompa” in questione è nell'oceano atlantico del nord occidentale, dove zone di acqua fredda e densa di formano in inverno e discendono in acque sottostanti piu calde e meno dense. L'acqua che scende finisce nel braccio sottostante di un sistema globale di correnti spesso descritte come Great Ocean Conveyor . Per rimpiazzare l'acqua che scende, le acque calde di superficie dai tropici vengono tirate a nord lungo il braccio superiore della Conveyor.

    http://www.whoi.edu/page.do?pid=12455&tid=282&cid=54347

    ————–
    A multidisciplinary team of investigators from Woods Hole Oceanographic Institution embarked June 17 on a twelve-day research effort in the Gulf of Mexico aboard the R/V Endeavor, conducting three simultaneous projects funded through the National Science Foundation (NSF) “RAPID” program.
    The projects aim to characterize subsurface oil plumes extending from the Deepwater Horizon well head using novel technology and the latest in biogeochemical techniques. The research should help answer looming questions about the fate of oil released into the water, examining the physical extent, chemical composition, and biological impact of subsea plumes.

    http://www.whoi.edu/page.do?pid=7545&tid=282&cid=76846&ct=162

    un team multidisciplinare di investigatori dell'Istituto Woods Hole Oceanographic, si è imbarcato il 17 giugno in una ricerca di dodici giorni nel Golfo del Messico sul R/V Endeavor, conducendo tre progetti simultanei finanziati attraverso la National Science Foundation (NSF)
    Il progetto mira a caratterizzare il petrolio di superficie che si estende dalla Deepwater Horizon usando una nuova tecnologia e le ultime tecniche biogeochimiche. La ricerca dovrebbe aiutare a capire il fato del rilascio di petrolio nell'acqua, esaminando le estensioni fisiche, la composizione chimica e l'impatto biologico sottomarino.

    ————-
    Current velocities of the Gulf Stream
    http://rads.tudelft.nl/gulfstream/

    ————-
    A Current Controversy: Is Europe About To Freeze?
    http://www.sciencedaily.com/releases/2002/02/020221072948.htm

    “To answer difficult questions such as this we depend a lot on our computer models, and in this area different models reach different conclusions,” said Peter Clark, an OSU professor of geosciences and one of the world's leading experts on glaciers and prehistoric climate changes.

    L'Europa sta per ghiacciarsi?

    ..”Per rispondere a tale difficile domanda dipendiamo molto da modelli al computer e in quest'area diversi modelli raggiungono diverse conclusioni” ha detto Peter Clark, professore OSU di geoscienze e uno degli esperti principali sulla glaciazione e i cambiamenti climatici preistorici.

    Il nuovo tappo della Bp
    Ma la perdita continua
    http://www.repubblica.it/ambiente/2010/07/10/news/marea_nera-nuovo_tappo-5490325/


    #88351

    CANERO
    Partecipante

    richard scrisse…
    Canero
    nell'articolo non si capisce da dove provengano tutte quelle notizie, di Alex Jones mi fido poco..

    …anche io mi fido molto poco di fulford e urzi 😉 :uuuu:


    #88352
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1278917164=CANERO]

    richard scrisse…
    Canero
    nell'articolo non si capisce da dove provengano tutte quelle notizie, di Alex Jones mi fido poco..

    …anche io mi fido molto poco di fulford e urzi 😉 :uuuu:

    [/quote1278917164]
    Alex Jones mi pare spettacolarizzare un po troppo la paura
    Urzi non è confrontabile con questi personaggi
    Non ho mai scritto che mi fido pienamente di Fulford

    Jeff Rense files criminal charges against Alex Jones

    Jeff Rense has filed a formal police report charging Alex Jones of Infowars.com with interstate terrorism and threats. According to Mr. Rense: “This is all about Jones…who called me at home last Tuesday afternoon just past 1pm and threatened to “destroy” me (and my family).

    Rense says he will be moving his radio show to two new networks as a result of his spat with Jones.

    Alex Jones was allegedly enraged by Rense’s posting of a link to this article.

    That quotes from Alex Jones’s website’s comments pages to question whether or not Jones is in fact a Zionist agent. Rense also provided the following link to an audio clip where Jones is again threatening somebody.

    My take on this is that while Alex Jones avoids the subject of Zionism and has a huge ego, he clearly attacks key institutions like the Bilderbergers and has played a great role in awakening many people to the dangers of the New World Order. It is a classic illuminati trick to infiltrate opposition groups and then get them to start fighting each other. Alex Jones should not have to censor information that his wife and kids are Jewish. Instead of threatening Mr. Rense personally, he should have attacked the content of the article about him. He should also, as I do, wear his Jewish connection like a badge of honour and fight against the Zionist gangsters on behalf of righteous Jews and all humans everywhere. Remember the essence of Judaism is the Golden Rule and it applies to all peoples and not just Jews. Mr. Jones should apologize to Mr. Rense. A request for a comment from Mr. Jones has not been answered at the time of writing this. Finally, I would like to remind him of an Asian saying: “the powerful eagle hides his claws.” The enemy is too powerful for truth seekers to waste energy fighting each other.
    http://benjaminfulford.typepad.com/benjaminfulford/2009/03/%E3%82%A2%E3%83%A1%E3%83%AA%E3%82%AB%E3%81%AE%E7%9C%9F%E5%AE%9F%E8%BF%BD%E7%A9%B6%E5%AE%B6jeff-rense%E3%81%8C%E5%A4%A7%E6%89%8B%E9%99%B0%E8%AC%80%E3%82%B5%E3%82%A4%E3%83%88alex-jones%E3%82%92%E5%88%91%E4%BA%8B%E5%91%8A%E8%A8%B4%E3%81%97%E3%81%9F.html


    #88353

    Maus_de_Spit
    Partecipante

    questo ''incidente” è decisamente di quanto vogliano farci credere….d'altra parte i media non ne parlano più,troppo scomodo….ma se dovesse bloccarsi la corrente,entro quanto ci sará un'era glaciale?


    #88355
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    il punto è che in realtà non possiamo esserne certi

    intanto vedo questo


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 107 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.