Corrente del golfo bloccata

Home Forum PIANETA TERRA Corrente del golfo bloccata

  • This topic has 14 partecipanti and 106 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 107 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #88395
    CANERO
    Partecipante

    …di una cosa sono sicuro i maya l'avevano profetizzata questa data e siccome sappiamo che le popolazioni antiche sono state in contatto con popoli oltre terra quindi è facile capire quanto di vero è racchiuso nei cimeli antichi.
    Detto questo trovo logico pensare ad un imminente cambiamento epocale che conseguirà un evoluzione di coscienza ma che probabilmente purtroppo passarà attraverso immani catastrofi.
    La cosa non mi spaventa affatto ci tengo a precisare che noi tutti apparteniamo alle leggi celesti e qui siamo solo di passaggio in un corpo che ospita il nostro spirito eterno.


    #88396
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    non sono convinto delle immani catastrofi, ma sono convinto che il mondo com'è ora è una catastrofe e più andiamo avanti con lo stesso metodo e peggio sarà, soprattutto saremo sempre piu vulnerabili al collasso come civiltà nel complesso e in tempi a velocità esponenziale.


    #88397
    kingofpopkingofpop
    Partecipante

    il 2012 sarà un anno fondamentale ma non per questo significa che sarà l unico..ad ogni modo concordo con richard sul fatto che non possiamo stabilire coe di cui ne siamo a conoscenza solo per il 5%


    #88398
    CANERO
    Partecipante

    Marea nera: clima globale a rischio, dice geofisico italiano

    ROMA (Reuters) – La gigantesca marea nera causata da una prolungata fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico potrebbe causare danni irreparabili all'attività di regolazione termica della Corrente del Golfo, con conseguenze sul clima globale del pianeta.

    E' quanto afferma la sintesi di uno studio pubblicata sul sito dell'Associazione Geofisica italiana a cura dell'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima Cnr-Isac. La nota firmata da Gianluigi Zangari, fisico teorico, prende spunto dalle osservazioni sulla zona del disastro ambientale, effettuate via satellite in tempo reale dai Laboratori Nazionali di Frascati

    L'importanza della Corrente del Golfo nei processi di termoregolazione del clima globale è notoriamente riconosciuta, ricorda la nota.

    Le ultime rilevazioni satellitari in tempo reale (attraverso i satelliti Jason, Topex/Poseidon, Geosat Follow-On, ERS-2, Envisat) tra maggio e giugno, elaborati dal Ccar 1,2 (Colorado Center for Astrodynamics Research), esaminate nei Laboratori di Frascati con calcoli e confronti con dati precedenti, dimostrano per la prima volta una prova diretta del rapido deterioramento della Loop Current, una corrente oceanica calda che è parte cruciale della Corrente del Golfo.

    Secondo la nota firmata dallo scienziato italiano, le mappe della velocità della superficie marina e della sua altezza hanno indicato che la Loop Current si è infranta per la prima volta il 18 maggio ed ha generato un mulinello in senso orario. La situazione odierna, prosegue la nota, si è deteriorata al punto che il mulinello si distaccato completamente dalla corrente principale, distruggendo completamente la Loop Current, che ha rivelato un'immagine dello scorso 12 giugno. Visto che i confronti con immagini satellite precedenti non indicano anomalie rilevanti, sarebbe allora plausibile collegare la rottura della Loop Current alle conseguenze biochimiche e fisiche causate dalla grande perdita di petrolio nel Golfo, dopo l'incidente che ha danneggiato una piattaforma off shore Bpl.

    Secondo lo studio, è ragionevole prevedere che il danneggiamento di una corrente calda determinante come la Loop Current possa causare una reazione a catena di fenomeni imprevedibili e critici e di instabilità, che potrebbero avere serie conseguenze sulle dinamiche della termoregolazione della Corrente del Golfo sul clima globale.

    La fuoriuscita di petrolio, iniziata il 20 aprile, ha causato un disastro economico e ambientale sulla costa americana del Golfo, minacciando la pesca, il turismo e l'intero ecosistema.

    Fonte: http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE6640JO20100705 http://www.accademiadelmonferrato.com/news-accademia-monferrato/corrente-del-golfo-la-loop-current-%E2%80%98spezzata%E2%80%99-dalla-marea-nera/


    #88399
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    certo che è enormemente ridicolo
    con l'importanza attribuita a questa corrente
    permettono la trivellazione di petrolio in quella zona e senza la sicurezza poi di essere in grado di richiudere una eventuale grossa perdita, perdita che si ritiene causa sufficiente per il blocco di tale corrente
    è come tenere sotto ricatto il pianeta con un foro da cui esce petrolio, e se accadesse in diversi pozzi? Se siamo ridicoli..


    #88400
    CANERO
    Partecipante

    MALTEMPO: INIZIA L'INVERNO AL NORD, PRIME NEVI A 1200 METRI

    14:42 17 OTT 2010

    (AGI) – Roma, 17 ott. – Arriva l'inverno nel Nord Italia, con piogge e le prime nevicate in alta quota, tra 1.200 e 1.400 metri, specie sulle Alpi. La Protezione civile aveva gia' lanciato l'allerta meteo per questo fine settimana, dovuto a perturbazioni provenienti dalla Scandinavia e dalla Groenlandia. Oggi sono previste piogge diffuse e persistenti in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Piogge e tempo molto nuvoloso anche in Toscana, Liguria, Marche centro-settentrionali e Umbria. Molto nuvoloso in Sicilia, Calabia, Campania, Basilicata e Puglia meridionale. Forti venti in Sardegna e mareggiate sulle coste. Le prime moderate nevicate sono arrivate in quota in Trentino Alto Adige, mentre la temperatura si e' fortemente abbassata in tutto il Settentrione. A Genova la Protezione civile ha convocato un comitato straordinario per fronteggiare l'emergenza maltempo, specie nella zona di Sestri Ponente, gia' colpita dall'alluvione della scorsa settimana. Per il Centro-Sud l'Aeronautica militare prevede tempo instabile. Temperatura in lieve aumento solo sulle coste ioniche e in raffreddamento altrove. –

    Fonte: http://www.agi.it/in-primo-piano/notizie/201010171442-ipp-rt10013-maltempo_inizia_l_inverno_al_nord_prime_nevi_a_1200_metri

    …questo inverno ci sara' da stare belli stretti e super coperti. La corrente del golfo ingolfata dal petrolio portera' temperature sotto la media e non di poco.


    #88401
    kingofpopkingofpop
    Partecipante

    anke qui l etna praticamente innevata da stanotte


    #88402
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    Come abbiamo detto, le cause dell’innesco della PEG sono tutt’ora oggetto di studio: è difficile, allo stato attuale dell’arte, discriminare una eventuale causa interna al sistema climatico terrestre (dovuta alla variabilità di un qualche), da una causa esogena, ovvero una variazione nell’energia emessa dal Sole. Quanto sappiamo può essere riassunto nei seguenti punti:

    * l’inizio della PEG è stato segnato da una riduzione della concentrazione di CO2 e CH4;
    * la PEG è stata attraversata da ben 3 minimi nell’attività solare (Spörer 1450–1550, Maunder 1645–1715, Dalton 1790–1820).

    In particolare, per quanto concerne la radiazione solare, è sempre più evidente la connessione tra questa e la nostra atmosfera: a piccole variazioni della forzante solare, corrispondono importanti variazioni nella nostra troposfera e stratosfera2 .
    http://www.climatemonitor.it/?p=13307


    #88403
    CANERO
    Partecipante

    …ti ricordo richard che ve ne parlavo mesi fa della possibilita' di una piccola era glaciale…e per di piu' oltre al sole anche il disastro nel golfo del messico dara' inizio a questa fase di “gelo”.


    #88404
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    si certo seguivo tale ipotesi qua http://daltonsminima.altervista.org/
    dobbiamo pero capire cosa si intende e non è chiaro
    quello che dico è che per me la situazione è fuori dalla nostra attuale portata di comprensione, in base ai modelli attuali


Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 107 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.