CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Questo argomento contiene 3,275 risposte, ha 80 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 2 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 3,276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #115239

    meskalito
    Partecipante

    Elohim
    davvero una tristezza eterna,
    piuttosto emigro gente.


    #115240

    Omega
    Partecipante

    [quote1230942536=mesKalito]
    Elohim
    davvero una tristezza eterna,
    piuttosto emigro gente.
    [/quote1230942536]
    Descrivici la tua giornata tipo in Paradiso secondo il tuo modo di vedere le cose… :scare:


    #115241

    xxo
    Partecipante

    [quote1230943628=Omega]
    Descrivici la tua giornata tipo in Paradiso secondo il tuo modo di vedere le cose… :scare:
    [/quote1230943628]
    Ciao Omega,
    “la mia giornata tipo in Paradiso”…..
    ti rispondo copiando una descrizione che feci qui nel topic cambiare stile di vita.

    Svegliarsi la mattina al sorgere del sole, montare il cavallo ed iniziare a darsi da fare per procurarsi il pranzo. Se la fortuna mi accompagna (anche chiamate particelle….) troverò cibo anche per la cena.
    Rientrare per il pranzo (non inteso l'una dall'orologio, ma percepito dalla posizione del sole).
    Poter offrire alla famiglia e a chi ha bisogno ciò che si è trovato.

    Passeggiare nella natura con i bambini piccoli, insegnare loro che tutto ha una sua vita ed un modo di rapportarcisi.
    Sviluppare sensibilità con la natura e gli animali tutti, partecipare alla vita ed ai giorni con loro.
    Farsi un bagno nel fiume vicino, divertendosi. Prepararsi per la cena.

    Mangiare prima del tramonto, all'aperto nel tramontare del sole, con acqua e caraffe contenenti il vino delle nostre viti.
    Addormantare i bambini con storie, alcune che fanno sognare al meraviglioso futuro, altre che ricordano i brutti tempi del passato.

    Meditare, concentrarsi sotto le stelle, nel silenzio più assoluto.
    Staccarsi dal corpo e sfruttare le grandi potenzialità dell'essere umano, viaggiare nell'universo, collegarsi telepaticamente con altri di tutti i mondi.
    Scambiarsi esperienze planetarie e dimensionali.
    Coricarsi con il cuore ricco, con l'anima splendente.

    Senza microchip e robot!!


    #115242

    meskalito
    Partecipante

    Omega,un mondo tecnorobotico nn fà per me,
    davvero.


    #115243

    Sun_iron
    Partecipante

    [quote1230977789=mesKalito]
    Omega,un mondo tecnorobotico nn fà per me,
    davvero.
    [/quote1230977789]ti quoto!!!
    e aggiungo un paio di riflessioni…

    a dire il vero non la vedo neanche cosi' fattibile come conclusione…
    Parliamo di un mondo in cui le macchine sostituiscono l'uomo?
    E chi le progetterebbe?
    Un umano?
    Se le progettasse un umano, sarebbe comunque colui che ha in mano le sorti del mondo, una bell'arma di ricatto…
    Una macchina?
    Se si autoprogettassero, beh, bisognerebbe che la tecnologia raggiungesse un livello in cui sarebbe concepita la creatività, cosa sia molto lontana, sia a mio modo di vedere molto pericolosa, anche perchè una volta che una macchina fosse in grado di progettare autonomamente un'altra macchina, chi ci dice che lo farebbe a nostro vantaggio?

    Poi non so, anche la questione del governo geniocratico mi sembra cosi' assurda…

    Solamente un governo mondiale e geniocratico (composto da persone geniali, elette democraticamente dalle persone più intelligenti)


    Innanzitutto, la genialità delle persone in base a cosa verrebbe misurata? anche chi ha inventato l'AK47 è stato una persona, nel suo campo, “geniale”, al punto da creare nel 1947 un'arma che tutt'ora è una delle piu' diffuse, nonostante la tecnologia dei nostri giorni…

    …e poi, il fatto che il governo sia eletto dalle persone piu' intelligenti è a mio modo di vedere antidemocratico (non ritengo, come dice Mysterio, che l'equazione intelligenza=saggezza sia valida, e un monfdo andrebbe governato piu' con saggezza che con l'intelligenza) ,
    e in secondo luogo, anche qui, chi le innalza al ruolo di persone piu' intelligenti? verrebbe fatto un concorso tipo “Chi vuole esser intelligente”?

    Sicuramente cosi' come siamo le cose non vanno,assolutamente no, ma la conclusione a cui si arriva non è secondo me oculata, nè rosea.


    #115244
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    In questo post si sta parlando di fare ciò che non dovremmo mai fare: smettere di essere umani.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #115245

    elohim
    Partecipante

    [quote1230988061=ezechiele]
    bah bah bah…. bah

    non so… non ho mai provato a stare con gli attributi al fresco piu di una luna ma non mi dispiacerebbe provare…. ho vaghi ricordi dell'infanzia e credo che il modo per usare il tempo lo troverei….
    [/quote1230988061]

    Hai fatto una bella oservazione.
    Ritornare ad essere bambini, giocare eternamente non essendo piu' degli adulti seri che vanno a lavorare tutto il giorno.

    Se c'e' qualcosa di triste e' coloro che non concepiscono un' esistenza senza il lavoro.

    Sono talmete nella mentalita' del lavoro, che il fatto di aver del tempo libero li spaventa.
    Sono spaventati di aver la possibilita' di fare cio' che amano e preferiscono ammazzare il tempo standosene al lavoro.

    Ognuno e' libero di pensarla come vuole, ma tornate indietro vi ricordavate quando eravate bambini?
    Cosa sognavate?
    Cosa vi piaceva fare?

    Pensavate di passare la vostra vita a lavorare?
    Sognavate di diventare operai, impiegati?
    Di solito un bambino non sogna di lavorare, ma di giocare, divertirsi tutta la giornata e non e' certo spaventato dall' idea di far cio' che gli piace per tutto il tempo.

    Ma purtoppo poi cresciamo e qui interviene l'educazione “liberticida ed antipiacere” che ci insegna il lavoro, il senso del dovere, “ti guadagnerai il pane con il sudore”, tutti concetti cari alle vecchie religioni e alla politica, concetti che servono a renderci meno liberi e piu' controllabili agli occhi dei poteri forti e il nostro bambino interiore a poco a poco muore.

    Quando il bambino interiore muore ecco che sognare diventa piu' difficile, ci si dimentica di quello che sognavamo da bambini e diventiamo degli adulti seri che non concepiscono una vita senza lavoro.

    Ad ogni modo nella societa' del futuro si sara' piu' liberi e coloro che vorrano lavorare ugualmente lo potranno fare, coloro che invece vorranno essere eternamente bambini potranno farlo.

    Ad ognuno la propira scelta


    #115246

    elohim
    Partecipante

    [quote1230988913=xxo]
    [quote1230943628=Omega]
    Descrivici la tua giornata tipo in Paradiso secondo il tuo modo di vedere le cose… :scare:
    [/quote1230943628]
    Ciao Omega,
    “la mia giornata tipo in Paradiso”…..
    ti rispondo copiando una descrizione che feci qui nel topic cambiare stile di vita.

    Svegliarsi la mattina al sorgere del sole, montare il cavallo ed iniziare a darsi da fare per procurarsi il pranzo. Se la fortuna mi accompagna (anche chiamate particelle….) troverò cibo anche per la cena.
    Rientrare per il pranzo (non inteso l'una dall'orologio, ma percepito dalla posizione del sole).
    Poter offrire alla famiglia e a chi ha bisogno ciò che si è trovato.

    Passeggiare nella natura con i bambini piccoli, insegnare loro che tutto ha una sua vita ed un modo di rapportarcisi.
    Sviluppare sensibilità con la natura e gli animali tutti, partecipare alla vita ed ai giorni con loro.
    Farsi un bagno nel fiume vicino, divertendosi. Prepararsi per la cena.

    Mangiare prima del tramonto, all'aperto nel tramontare del sole, con acqua e caraffe contenenti il vino delle nostre viti.
    Addormantare i bambini con storie, alcune che fanno sognare al meraviglioso futuro, altre che ricordano i brutti tempi del passato.

    Meditare, concentrarsi sotto le stelle, nel silenzio più assoluto.
    Staccarsi dal corpo e sfruttare le grandi potenzialità dell'essere umano, viaggiare nell'universo, collegarsi telepaticamente con altri di tutti i mondi.
    Scambiarsi esperienze planetarie e dimensionali.
    Coricarsi con il cuore ricco, con l'anima splendente.

    Senza microchip e robot!!

    [/quote1230988913]

    La tua giornata in paradiso sarebbe molto bella e ne farei una anche io di quel tipo, o forse ne farei piu' di una.
    Rael che e' stato sul pianeta degli Elohim ha descritto che su quel pianeta c'e' una natura fantastica, con animali, ruscelli, una vegetazione indescrivibile, con panorami mozzafiato….

    Ma il mio paradiso non sarebbe per un giorno o due, ma sarebbe un paradiso eterno.

    Ecco allora che per non annoiarmi facendo sempre le stese cose cercherei comunque anche delle novita', delle cose strane, magari che non ho neanche mai immaginato o concepito.

    Cosi' sempre alla ricerca di nuovi stimoli, cosi' come i bambini sanno fare ecco che non disdegnerei anche una giornata in compagnia di qualche robot, oppure un' esperienza innovativa con qualche microchip.

    Ciao a presto


    #115247

    Mukunda
    Partecipante

    elohim scrisse…

    Hai fatto una bella oservazione.
    Ritornare ad essere bambini, giocare eternamente non essendo piu' degli adulti seri che vanno a lavorare tutto il giorno.

    Se c'e' qualcosa di triste e' coloro che non concepiscono un' esistenza senza il lavoro.

    Sono talmete nella mentalita' del lavoro, che il fatto di aver del tempo libero li spaventa.
    Sono spaventati di aver la possibilita' di fare cio' che amano e preferiscono ammazzare il tempo standosene al lavoro.

    Ognuno e' libero di pensarla come vuole, ma tornate indietro vi ricordavate quando eravate bambini?
    Cosa sognavate?
    Cosa vi piaceva fare?

    Pensavate di passare la vostra vita a lavorare?
    Sognavate di diventare operai, impiegati?
    Di solito un bambino non sogna di lavorare, ma di giocare, divertirsi tutta la giornata e non e' certo spaventato dall' idea di far cio' che gli piace per tutto il tempo.

    Ma purtoppo poi cresciamo e qui interviene l'educazione “liberticida ed antipiacere” che ci insegna il lavoro, il senso del dovere, “ti guadagnerai il pane con il sudore”, tutti concetti cari alle vecchie religioni e alla politica, concetti che servono a renderci meno liberi e piu' controllabili agli occhi dei poteri forti e il nostro bambino interiore a poco a poco muore.

    Quando il bambino interiore muore ecco che sognare diventa piu' difficile, ci si dimentica di quello che sognavamo da bambini e diventiamo degli adulti seri che non concepiscono una vita senza lavoro.

    Ad ogni modo nella societa' del futuro si sara' piu' liberi e coloro che vorrano lavorare ugualmente lo potranno fare, coloro che invece vorranno essere eternamente bambini potranno farlo.

    Ad ognuno la propira scelta
    PER CHI NON HA PAURA DEL FUTURO:

    Tu stai sognando il mondo astrale !
    Anche se nel mondo Astrale [u]non si fa sesso carnale ![/u]

    Ma tu adesso sei in un pianeta fisico, dove il tuo corpo per sopravvivere necessita di cibo !
    Chi te lo da questo cibo ?
    Pensi forse che ti cada dal celo ?
    Oppure pensi che qualcuno bada a te come facevano i tuoi genitori quando tu eri piccolo ?

    :dsfg: APPELLO :&o

    C'è qualcuno disposto a coltivare la terra al posto di elohim ? :mah:


    #115248

    Mukunda
    Partecipante

    Nessuno disposto a lavorare ? :hihi:


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 3,276 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.