CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Questo argomento contiene 3,275 risposte, ha 80 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 3 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 2,481 a 2,490 (di 3,276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #117709
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1334569282=maraxma]
    Multa di 22 milioni di dollari a Goldman Sachs.

    http://vittoriodarold.blog.ilsole24ore.com/primo_piano/2012/04/sec-.html

    L’ammenda non è la sola tegola caduta di recente sulle teste dei banchieri del mondo. Il Direttore Generale della Goldman Sachs Group Inc., David Loeb è stato messo sotto inchiesta criminale dall’FBI per aggiotaggio (aumento illecito in borsa, dei prezzi delle merci o dei valori negoziabili, per trarne profitto e speculare ndt). Il suo nome sarebbe emerso durante il processo di Raj Rajaratnam, il fondatore dell’hedge fund Galleon, condannato ad ottobre a 11 anni di carcere per insider trading, la pena più alta mai inflitta per casi di questo genere negli Stati Uniti. ..
    [/quote1334569282]
    ci devono dare i soldi indietro
    vediamo se questo è solo un pizzicotto rispetto a quanto avverrà ..
    doveva essere di 22 mila miliardi di dollari ..


    #117710
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117711
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [color=#ff6600]FEDE[/color] … :cor: … [color=#0033ff][size=7]Mente[/color] :medit:

    [color=#ff3300].[/color] [color=#0033ff]un chicco di senape[/color]


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117712

    ezechiele
    Partecipante

    people are beginning to disappear.. testimonianza inquietante

    ibz9YKBkenw
    https://www.youtube.com/watch?v= ibz9YKBkenw


    #117713
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    il Giappone (che ha un debito /pil quasi doppio dell'Italia ma può stampare carta moneta) ha promesso 60 bn usd per il fondo salvastati europeo:

    http://www.independent.co.uk/news/business/news/japan-pledges-60-billion-us-dollars-in-loans-to-the-international-monetary-fund-7653556.html

    Il Giappone promette 60 miliardi di dollari in prestiti al Fondo Monetario Internazionale

    Il Giappone promette 60 miliardi di dollari in prestiti al Fondo Monetario Internazionale

    Il Giappone ha promesso 60 miliardi di dollari in prestiti al Fondo Monetario Internazionale oggi in uno sforzo per assicurare che la crisi del debito in alcune economie europee non si diffonderà.

    Ministro delle finanze giapponese giugno Azumi ha annunciato il prestito di emergenza, che utilizzerà le riserve valutarie del paese, il suo ministero ha detto.

    FMI amministratore delegato Christine Lagarde ha salutato la decisione e ha incoraggiato altri membri del Fondo a fare lo stesso.

    “Questo è un importante passo avanti nello sforzo internazionale in corso per rafforzare l'adeguatezza delle risorse globali disponibili per prevenire e combattere la crisi e promuovere la stabilità economica globale,” la signora Lagarde ha detto in un comunicato.

    Prestito del FMI dovrebbe essere all'ordine del giorno quando i capi delle finanze del Gruppo dei 20 principali economie si incontrano a Washington questa settimana.

    Grecia, l'Irlanda e il Portogallo ha dovuto cercare salvataggi dopo che i loro costi di finanziamento vertiginosamente e ci sono preoccupazioni in Spagna potrebbe essere il prossimo
    La Spagna ha la quarta più grande economia tra le 17 nazioni che utilizzano l'euro ed è ampiamente considerato troppo costoso per salvare.

    Il rendimento della Spagna benchmark a 10 anni dei titoli di Stato saltato oltre il 6% ieri per la prima volta dal mese di novembre. L'aumento dei rendimenti sono un segno che gli investitori sono meno fiduciosi nelle finanze del paese.

    “Non potremo mai essere ottimisti circa la situazione in Europa, anche se la zona è quasi impostata per uscire dalla crisi, grazie agli sforzi di politica”, ha Azumi è stato citato come dicendo dal Kyodo

    …NON E' UN PARADOSSO!?… questo mi conferma sempre più che stanno gocando a monopoli con i soldi dei contribuenti!


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117714
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1334658864=brig.zero]
    ..

    …NON E' UN PARADOSSO!?… questo mi conferma sempre più che stanno gocando a monopoli con i soldi dei contribuenti!
    [/quote1334658864]
    Fulford parlava tempo fa del governo Giapponese pupazzo del sistema FED
    In Giappone hanno già fatto le elezioni?

    The traitors at the Bank of Japan have promised unlimited funding to the Federal Reserve Board Crime Syndicate.
    http://benjaminfulford.typepad.com/benjaminfulford/2010/05/page/2/


    #117715
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    “La Merkel sbaglia tutto” ora a Bruxelles è panico

    Giovanni Del Re

    L'atmosfera che si registra in questi giorni a Bruxelles è dominata dal caos, dopo il fallimento della politica in salsa tedesca che ha imposto il severissimo patto fiscale che strangola le economie più deboli. A fare da catalizzatore degli umori nerissimi è il Parlamento Europeo che è riuscito a imporre, domani, un dibattito in aula sulla pessima gestione della crisi dell'euro, convocando il presidente della Commissione José Manuel Barroso e invitando anche il presidente della Bce Mario Draghi. Che però ha declinato.

    Economia
    17 aprile 2012 – 12:08
    BRUXELLES – «Noi ai tedeschi l'avevamo detto, e ora eccoci qua». Un diplomatico europeo, che ovviamente non vuole comparire, allarga le braccia e descrive così il clima di sgomento e confusione in cui si trova l'Ue mentre i Bonos spagnoli si impennano oltre il 6%, trascinandosi dietro lo spread tra i Btp italiani e i bund tedeschi. L'atmosfera che si registra in questi giorni a Bruxelles in effetti è dominata da qualcosa che ricorda da vicino il caos, dopo il fallimento della politica in salsa tedesca che ha imposto il severissimo patto fiscale che strangola le economie più deboli e ha impedito, a fine marzo a Copenaghen, un vero rafforzamento del firewall, il muro parafiamme, limitandosi a trucchi contabili. Il fuoco d'artificio del finto firewall da «un triliardo di dollari» (ottenuti sommando per lo più soldi già spesi ai 500 miliardi di euro del nuovo fondo salva-stati Esm) non ha ingannato nessuno. «La Germania – scriveva giorni fa il New York Times – ha bloccato tutte le misure che avrebbero spento l'incendio». E il tormentone rischia di ripartire, in vista anche della cruciale riunione del Fondo monetario internazionale a fine settimana.

    A fare da catalizzatore degli umori, nerissimi, sparsi per l'Ue è, come spesso accade il Parlamento Europeo. Con un'iniziativa capeggiata dall'energico ex premier belga Guy Verhofstadt, ora presidente del gruppo degli euroliberali, è riuscito a imporre, domani, un dibattito in aula a Strasburgo sulla (pessima) gestione della crisi dell'euro, convocando il presidente della Commissione José Manuel Barroso e invitando anche il presidente della Bce Mario Draghi il quale però, significativamente, ha declinato. Verhofstadt si è fatto in qualche modo portavoce di quello che molti, moltissimi a Bruxelles pensano: «i leader Ue – ha dichiarato – possono ripetersi tra di loro quanto vogliono che il peggio della crisi è passato, ma dovrebbero tornare alla realtà. La maggior parte delle misure prese finora stanno mostrando ancora una volta la loro natura a corto termine, incluso il finto firewall». Per il belga, «i deludenti risultati della passata indecisione stanno già producendo i loro effetti. I leader Ue devono ora spiegare la realtà cui tutti assistiamo».

    A Strasburgo il dibattito in aula sarà intenso e a farne le spese sarà il sempre più debole Barroso, con una sorta di scontro tra istituzioni Ue. A dire il vero, la stessa Commissione, in un documento interno, aveva avvertito prima di Copenaghen che senza un muro parafiamme sufficiente sarebbe stato molto difficile placare i mercati, salvo poi cedere di fronte alla rigida posizione tedesca. E dire che con Bruxelles erano praticamente tutti d'accordo salvo Berlino e qualche suo alleato ultra rigorista, Finlandia in testa. La Francia aveva chiesto un firewall da un miliardo di euro, e ora rischia di trovarsi in difficoltà anch'essa man mano che sale la pressione su Spagna e Italia. Una muraglia più robusta avevano chiesto, ovviamente, questi due stati, con loro vari altri soprattutto del sud, ma anche l'Irlanda, così come l'Ocse e l'Fmi. Dopo Copenaghen, per qualche giorno Bruxelles era stata dominata dall'illusione che il gioco delle tre carte per conteggiare insieme ai 500 miliardi di euro disponibili (in tre anni) nelle casse dell'Esm, il futuro fondo salva-stati permanente in vigore del luglio, anche 200 miliardi già spesi dal vecchio fondo (Efsf) – anziché i 240 miliardi non ancora utilizzati, come chiesto dalla maggioranza degli stati dell'eurozona e dalla Commissione – avrebbe convinto gli investitori e il Fmi.

    Una pia illusione, come si è visto, e ora le polemiche interne dell'Ue potrebbe rafforzarsi se, come appare molto probabile, il prossimo fine settimana l'organismo di Washington varerà un aumento di capitale inferiore ai 500 miliardi di dollari prospettati dal suo direttore generale Christine Lagarde. Si parla ora al massimo i 300-400 miliardi. «E' la risposta – commenta un diplomatico europeo – alla buffonata di Copenaghen. I partner internazionali, Usa in testa, ci avevano chiesto un vero sforzo, e invece siamo ricorsi a trucchi contabili». Berlino, però, non cambia parere, ieri sul Wall Street Journal il membro tedesco della Bce, Jörg Asmussen, ha anzi sostenuto che «l'Europa ha fatto la sua parte», e che ora «sarebbe da aspettarsi che altri azionisti Fmi si facciano avanti e facciano i loro contributi per aumentare le risorse del Fondo».

    L'allarme dell'Europarlamento e non solo è anche sulla disastrosa ricetta dell'austerity a tutti i costi imposta da Berlino ma anche dalla Commissione e purtroppo seguita anche dal premier di madrid Mariano Rajoy. I tedeschi però non ci sentono. «L'austerity in Europa – afferma Asmussen – potrebbe colpire la crescita a breve termine, ma su un periodo più lungo, finanze pubbliche più solide rilanceranno la fiducia delle famiglie e delle imprese, stimolando nuova attività». Il mantra, insomma non cambia, almeno fino al prossimo summit d'emergenza.
    .

    Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/la-merkel-sbaglia-tutto-ora-bruxelles-e-panico#ixzz1sIKRHLOV


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117716
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1334663487=ezechiele]
    people are beginning to disappear.. testimonianza inquietante

    ibz9YKBkenw
    https://www.youtube.com/watch?v= ibz9YKBkenw
    [/quote1334663487]
    Eze, ma in sostanza che dice ?


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #117717

    Erre Esse
    Partecipante

    [quote1334668403=brig.zero]
    “La Merkel sbaglia tutto” ora a Bruxelles è panico

    Giovanni Del Re

    L'atmosfera che si registra in questi giorni a Bruxelles è dominata dal caos, dopo il fallimento della politica in salsa tedesca che ha imposto il severissimo patto fiscale che strangola le economie più deboli. A fare da catalizzatore degli umori nerissimi è il Parlamento Europeo che è riuscito a imporre, domani, un dibattito in aula sulla pessima gestione della crisi dell'euro, convocando il presidente della Commissione José Manuel Barroso e invitando anche il presidente della Bce Mario Draghi. Che però ha declinato.

    [/quote1334668403]

    Ah ah ah, non ci stanno capendo più nulla del casino che hanno combinato!…
    Non vedo l'ora che le cose precipitino.


    #117718
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1334689353=Erre Esse]
    [quote1334668403=brig.zero]
    “La Merkel sbaglia tutto” ora a Bruxelles è panico

    Giovanni Del Re

    L'atmosfera che si registra in questi giorni a Bruxelles è dominata dal caos, dopo il fallimento della politica in salsa tedesca che ha imposto il severissimo patto fiscale che strangola le economie più deboli. A fare da catalizzatore degli umori nerissimi è il Parlamento Europeo che è riuscito a imporre, domani, un dibattito in aula sulla pessima gestione della crisi dell'euro, convocando il presidente della Commissione José Manuel Barroso e invitando anche il presidente della Bce Mario Draghi. Che però ha declinato.

    [/quote1334668403]

    Ah ah ah, non ci stanno capendo più nulla del casino che hanno combinato!…
    Non vedo l'ora che le cose precipitino.

    [/quote1334689353]
    scusate ma voglio essere ripetitivo
    ci devono dare i soldi indietro e anche tanti
    se qualcuno vuole potrebbe farne un mantra audio 😀


Stai vedendo 10 articoli - dal 2,481 a 2,490 (di 3,276 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.