CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Questo argomento contiene 3,275 risposte, ha 80 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 3 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 2,491 a 2,500 (di 3,276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #117719
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1334689872=Richard]
    scusate ma voglio essere ripetitivo
    ci devono dare i soldi indietro e anche tanti
    se qualcuno vuole potrebbe farne un mantra audio 😀
    [/quote1334689872]
    :hehe:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #117720
    maraxma
    maraxma
    Partecipante

    In Grecia c’è chi non usa più l’Euro

    Questo articolo è perfetto per spiegare con semplicità un importante concetto: si può evitare l’uso dell’euro ed il ricatto del debito che esso genera senza aspettare che siano le istituzioni a organizzare la cosa, perché spontaneamente esse non lo faranno mai.

    Ma la gente comune, che per vivere ha la necessità di scambiare beni e servizi materiali, può organizzarsi creando delle valute parallele con le quali strutturare una forma moderna e telematica di baratto. E tutto pare funzionare alla perfezione.

    http://www.iconicon.it/blog/2012/04/grecia-ce-chi-usa-leuro/


    #117721

    kappa88
    Partecipante

    peccato che allo stato non piaccia la concorrenza (in generale)


    #117722
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1334741082=kappa88]
    peccato che allo stato non piaccia la concorrenza (in generale)
    [/quote1334741082]
    che soluzione vedi o proporresti in generale?


    #117723

    kappa88
    Partecipante

    soluzione non c'è, purtroppo…
    il problema è che, come spieghero nei prossimi posts nel mio blog e anche qui, il mondo della finanza e il mondo della politica fin dai tempi dei rapporti stretti tra banchieri e sovrani e tutti i Papa che si sono successi nei decenni, si sono appoggiati e protetti a vicenda.
    La storia ci insegna che la prosperita puo prevalere solo nella libertà e la libertà di scegliere si configura se c'è concorrenza, libero mercato: delle monete, delle imposte fiscali, di prezzi, ecc… Ma tutto cò non è mai piaciuto ai tecnocrati, ai burocrati, ai politici, ai re, ai Papa, alle lobbies, alle grande industrie, perchè perderebbero il controllo. Il modello socialista invece è molto piu vantaggioso per chi comanda, perchè centralizzato e non soggetto a concorrenza. Ad esempio in questo caso una nuova moneta sarebbe molto piu vantaggiosa per le persone, perchè darebbe loro la possibilita di scelta, ma questo l'elite non lo permetterebbe mai e puo farlo soprattutto perchè il loro potere deriva da un patto centenario non scritto tra politici e banchieri, anche se negli ultimi anni hanno predominato i banchieri.
    Purtroppo non c'e “soluzione” semplicemente perchè è impossibile vincere contro una lobby mondiale e centenaria, che ha poteri illimitati, soprattutto nei media.


    #117724
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    … se la Società futura vorrà sopravvivere … i massimi devono servire i minimi e NON viceversa. :medit:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #117725

    kappa88
    Partecipante

    forse la parola sopravvivere è un po esagerata…


    #117726
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Verso un mondo monetario multipolare
    La Banca popolare cinese ha deciso che il renminbi potrà fluttuare dell’1% rispetto al dollaro, contro lo 0,5 finora stabilito.
    L’economia della Cina potrebbe diventare la prima al mondo entro il 2020 e lo yuan o renminbi – sebbene sia l’unica fra le sei maggiori monete al mondo che, a causa dei i numerosi limiti che le impone la politica cinese, non è ancora diventata di riserva – potrebbe diventare la principale valuta di riferimento; sta infatti conquistando un’importanza crescente e, da ieri, è diventata più flessibile: ora può fluttuare dell’1% rispetto al dollaro, contro lo 0,5 finora stabilito.
    http://inpuntowebpaesecina.blogspot.it/2012/04/verso-un-mondo-monetario-multipolare.html

    Episodio Tre: denuncia e diffida alla Federal Reserve
    Denuncia e diffida alla Federal Reserve: l’azione legale che potrebbe innescare un effetto-domino inarrestabile
    Chi è Benjamin Fulford e quali accuse-rivelazioni sta muovendo contro l’Elite oligarchica che governa segretamente il mondo
    La parola allo “Avvocato del Diavolo”: e se Drake, David Wilcock e Benjamin Fulford fossero impostori? Se fossero pedine, consapevoli o meno, degli stessi Poteri che dicono di voler combattere?
    Feedback, risorse e domande degli Ascoltatori
    Cosa possiamo fare NOI, senza aspettare che qualcun altro prenda l’iniziativa al posto nostro?
    http://blog.miglioriamo.it/1062/episodio-tre-denuncia-diffida-federal-reserve/


    #117728
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Cosa è possibile fare?

    Chiunque volesse intraprendere un'effettiva rimessa in ordine dell'economia reale, potrebbe partire da alcuni semplici punti:

    chiedere ai governi nazionali ed alla Commissione Europea di rendere pubbliche e controllabili tutte le transazioni finanziarie in essere che riguardino il debito pubblico

    chiedere ai governi nazionali di introdurre entro 2 mesi la FTT, indipendentemente dalla sua approvazione generalizzata in Europa, trattandosi di una misura urgente per il risanamento economico

    chiedere ai governi nazionali di regolamentare gli strumenti finanziari, ponendo fuori legge entro 12 mesi i prodotti finanziari derivati

    chiedere ai governi nazionali di operare a livello comunitario affinché il ruolo delle agenzie di rating sia trasferito entro 12 mesi ad un'agenzia internazionale sotto l'egida delle Nazioni Unite

    http://www.megachip.info/tematiche/kill-pil/8087-alle-radici-della-crisi-seguendo-i-derivati.html
    ..Perché i politici non mettono fine alla speculazione dei “mercati” semplicemente vietando o regolamentando severamente i suoi principali strumenti?

    L'agenzia di stampa specializzata americana Bloomberg lo scorso gennaio ha diffuso la notizia secondo cui la banca d'affari Morgan Stanley, uno dei “padroni dell'universo”, ha deciso di ridurre la propria esposizione in derivati basati su titoli di Stato italiani da 4,9 a 1,5 miliardi di dollari: 3,4 miliardi di dollari di nostri titoli non sono stati quindi collocati, con l'assenso del Tesoro italiano, che ha lasciato scadere questo contratto, pagando intorno ai 2,5 miliardi di euro (2)…

    Lavorando sulle informazioni di stampa, troviamo anche che, oltre al livello centrale, ben 664 enti pubblici, tra cui 18 regioni, 42 province, 45 capoluoghi e 559 comuni avrebbero in pancia “derivati” per oltre 35 miliardi di euro, circa 1/3 del debito complessivo accumulato dagli enti locali ai dati 2009. Le perdite conseguenti all'adozione di questi strumenti finanziari per i soli enti pubblici appena ricordati potrebbero arrivare a superare i 10 miliardi di euro, su di un totale complessivo che, ad ottobre 2011, era stimato per l'Italia in 52,2 miliardi, una cifra equivalente a oltre il 60% del costo delle pesantissime manovre cui gli Italiani sono stati sottoposti nel 2011 (4)…

    Si comprende a questo punto benissimo perché la cosiddetta politica non è in grado di mettere al bando questi strumenti finanziari dall'effetto devastante sull'economia reale: semplicemente perché le classi politiche europee attuali sono “garanti” delle migliaia di contratti di questo tipo che, almeno a partire dagli anni Novanta, sono stati stipulati con i “padroni dell'universo”.

    ..


    #117727

    Erre Esse
    Partecipante

    [quote1334836895=kappa88]
    soluzione non c'è, purtroppo…
    il problema è che, come spieghero nei prossimi posts nel mio blog e anche qui, il mondo della finanza e il mondo della politica fin dai tempi dei rapporti stretti tra banchieri e sovrani e tutti i Papa che si sono successi nei decenni, si sono appoggiati e protetti a vicenda.
    La storia ci insegna che la prosperita puo prevalere solo nella libertà e la libertà di scegliere si configura se c'è concorrenza, libero mercato: delle monete, delle imposte fiscali, di prezzi, ecc… Ma tutto cò non è mai piaciuto ai tecnocrati, ai burocrati, ai politici, ai re, ai Papa, alle lobbies, alle grande industrie, perchè perderebbero il controllo. Il modello socialista invece è molto piu vantaggioso per chi comanda, perchè centralizzato e non soggetto a concorrenza. Ad esempio in questo caso una nuova moneta sarebbe molto piu vantaggiosa per le persone, perchè darebbe loro la possibilita di scelta, ma questo l'elite non lo permetterebbe mai e puo farlo soprattutto perchè il loro potere deriva da un patto centenario non scritto tra politici e banchieri, anche se negli ultimi anni hanno predominato i banchieri.
    Purtroppo non c'e “soluzione” semplicemente perchè è impossibile vincere contro una lobby mondiale e centenaria, che ha poteri illimitati, soprattutto nei media.
    [/quote1334836895]

    Hai ragione, Kappa88, non c'è soluzione allo stadio attuale dello sviluppo del pensiero, e nell'attuale livello di percezione del mondo, alquanto limitato.
    Un nuovo paradigma culturale-scientifico è quanto mai necessario. Nuovo, e contemporaneamente antichissimo. Che è preceduto da un risveglio di coscienza di quanti più esseri umani. Per far si che si accenda una luce sul pianeta abbastanza potente da mandare via questo buio, che tu hai ben descritto.


Stai vedendo 10 articoli - dal 2,491 a 2,500 (di 3,276 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.