CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Questo argomento contiene 3,275 risposte, ha 80 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 3 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 3,041 a 3,050 (di 3,276 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #118271

    Solone
    Bloccato

    Come? Non eri socio petrolifero con Bush?

    In ogni caso le banche rubano grazie ai correntisti e investitori, meglio prosciugarle, l'unico sistema per azzerare i loro poteri.


    #118272
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Nasce il supermercato per i disoccupati: lavoro in cambio della spesa gratis

    Niente carità per gli indigenti: chi usufruirà del servizio dovrà in cambio offrire il proprio lavoro per almeno una volta alla settimana. Succede a Modena, città dove non ti aspetteresti di certo di trovare dei nuovi poveri che non solo non ce la fanno ad arrivare alla terza settimana ma neanche alla seconda.

    Le famiglie che verranno aiutate da questa bella iniziativa riceveranno (gratuitamente) una tessera e dei bollini e con questa potranno fare la spesa durante tutto l’anno. In cambio dovranno prestare il loro lavoro, proprio all’interno del supermercato e il magazzino dell’associazione almeno per una volta a settimana.

    Tutto questo, dicevamo, avviene nella ricca (almeno un tempo) Emilia Romagna, e precisamente a Modena; qui il Centro Servizi per il Volontariato inaugurerà a maggio l’Emporio Portobello, un vero e proprio supermercato per famiglie in grossa difficoltà economica e persone disoccupate. Non avverrà più l’umiliazione, per un padre, di non poter mettere qualcosa nel piatto dei figli quando tornano da scuola. E’ questo forse uno dei colpi più duri per i nuovi poveri, circa 4 milioni in tutta Italia, non avere niente da mettere nel piatto. A Modena sono circa 450 i nuclei familiari in forte difficoltà e che potranno in questa iniziativa trovare un aiuto concreto.

    Dice Angelo Morselli, presidente del Centro per il Volontariato e portavoce di un nuovo welfare dove la parola d’ordine è dignità. “L’idea ci è venuta semplicemente ascoltando i problemi dei nostri

    http://www.cometrovarelavoro.it/240/nasce-il-supermercato-per-i-disoccupati-lavoro-in-cambio-della-spesa-gratis/


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #118273
    Siberian Khatru
    Siberian Khatru
    Partecipante

    è ora di finirla
    con questo fatto di aiutare i poveri i poveri e la crisi un cazzo basta crisi noi umani siamo immortali muorimo solo nei nostri desideri smetti di desiderare e sei libero. Devi cambiare ambiente perchè l'ambiente crea la vita quindi anzi ora cambia le cose ambiantali basta poco rivolta il letto la tua camera sposta i mobili cambia ambiente l'ambiente determina tutta la tua vita il nord non è come il sud a causa dell'ambiente est e ovest uguale muovi le cose che ti circondano e il mondo cambia.


    « Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
    E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
    Jean Baudrillard

    #118274
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1364374492=Tru]
    è ora di finirla
    con questo fatto di aiutare i poveri i poveri e la crisi un cazzo basta crisi noi umani siamo immortali muorimo solo nei nostri desideri smetti di desiderare e sei libero. Devi cambiare ambiente perchè l'ambiente crea la vita quindi anzi ora cambia le cose ambiantali basta poco rivolta il letto la tua camera sposta i mobili cambia ambiente l'ambiente determina tutta la tua vita il nord non è come il sud a causa dell'ambiente est e ovest uguale muovi le cose che ti circondano e il mondo cambia.
    [/quote1364374492]
    Tru questo periodo davvero difficile è la fine di quel casino che abbiamo alimentato. Come dice Igor Sibaldi e altri ricercatori i cambiamenti avvengono ogni 72 anni…2012-72=1940. Non ti ricorda nulla questa data :ummmmm: E se andiamo indietro ancora troveremo delle connessioni con questo numero.
    Ecco come lo spiega Sibaldi:
    http://civiltascomparse.wordpress.com/tag/72-anni/

    Il contributo di Igor Sibaldi alla teoria della civiltà è il seguente: così come un organismo vivente ha le sue stagioni, ognuno diverso dall’altro, per esempio il gatto vive circa vent’anni, ma non è che vive meno di noi, vent’anni per il gatto sono centoquindici anni per noi […] E siamo noi ad avere il ritmo delle quattro stagioni, non il gatto.

    La civiltà ha il suo anno e le sue stagioni. A Sibaldi risulta che l’anno della civiltà, rispetto al nostro, sia di 72 anni, e c’ha lavorato tanto per scoprirlo. Cosa vuol dire l’anno della civiltà? Per esempio, oggi è il 30 dicembre, se noi pensiamo al 30 dicembre di un anno fa vediamo che il clima più o meno era lo stesso. Non era identico, magari pioveva, però simile, ed era simile anche all’anno precedente, e a quello ancora prima. Ecco, la civiltà, che non è metereologica ma storica, ogni 72 anni ripropone una situazione simile.

    Se tu sei solo una cellula della civiltà, non te ne accorgi. Fai la tua parte, hai il tuo compito, sei un suo strumento obbediente. Se, invece, tu cominci ad accorgerti di essere un individuo dentro la civiltà, allora smetti di essere solamente una sua cellula, e cominci a pensare: “ma io cosa ci guadagno a stare qui dentro?” Io posso essere una goccia d’acqua portata da un fiume oppure una persona che guarda il fiume dalla riva, questa è la differenza. Studiare le civiltà ha come scopo riuscire a essere sulla riva. E, invece di fluire con tutti gli altri, accorgersi di quello che succede, e fare previsioni. Non profezie da palla di cristallo, ma previsioni economiche, politiche, personali, regolandosi in base alla situazione, come si fa con le previsioni del tempo.

    Dunque, un anno della civiltà è 72 anni dei nostri, ogni 72 anni si ripete la situazione di 72 anni prima. Le stagioni della civiltà durano 6 anni e sono 12. Sembra complicato ma è semplice. In ogni stagione c’è un clima diverso, per esempio in estate fa caldo, in inverno fa freddo, in autunno fa freschino. [Dentro l'anno della civiltà] ce ne sono dodici varianti. Noi siamo appena usciti, nel 2012, che veramente è un anno di cerniera, tra due stagioni diverse, siamo appena usciti da un periodo che si può chiamare solamente “periodo di ribellione.” Perchè, dal 2006 al 2012, se facciamo i calcoli, togliendo (tre volte) 72 anni, si arriva al 1790 – 1796, epoca dopo la Rivoluzione Francese. Questa rivoluzione qualcuno l’ha fatta, la Francia, qualcun’altro no. Chi l’ha fatta gli è andata bene, perchè era proprio quello che la civiltà in quel momento chiedeva: ribellati!

    Poi [72 anni dopo], 1862-1868, [in quest'arco di tempo] due stati han cominciato a darsi da fare in Europa, nella civiltà occidentale, e uno nelle Americhe, gli Stati Uniti. Che cosa han fatto? Hanno rivoluzionato tutto quanto. Gli stati del nord, 1864 in America, han detto “cambiamo tutto”, gli stati del sud han detto “no, restiamo come prima.” Chi ha vinto? Era inevitabile, in quel periodo di ribellione, hanno stravinto gli stati del nord, hanno schiacciato gli stati della confederazione [del sud] e s’è cambiata la storia di un paese.

    In Europa quali stati stavano pigliando la stessa iniziativa? La Prussia e il Piemonte. Il piccolo stato del Piemonte, in quel periodo, stava dicendo: “ma se io metto su, non una ribellione, [bensì] un “Risorgimento”, comincio a far fuori tutti.” Tutti gli stati un po’ arretrati, che non si ribellano […] Per cui lo stato delle Due Sicilie dice: “no, noi siamo fedeli al passato”: distrutto, lo Stato Della Chiesa: distrutto, tutte le varie repubbliche, tutte quante fatte fuori, l’Austria, legata al passato: distrutta, sconfitta in quel periodo. Perchè? Perchè era il periodo delle ribellioni.

    1934-1940 [72 anni dopo], chi si è ribellato questa volta? Uno stato solo, purtroppo: l’America, che proprio in quel periodo ha fatto il New Deal; cosa vuol dire il New Deal? “Cambiamo tutto quanto, non funzionava il modello economico precedente, lo cambiamo del tutto.” E’ stato l’unico (stato) a trovarsi nel momento giusto nella condizione giusta. Gli altri stati europei, purtroppo, hanno perso completamente quel treno lì, l’Italia era ferma, la Germania era ferma: venivano dal periodo precedente, quello dei sei anni precedenti, che si chiama “il periodo delle dominazioni”, il periodo in cui cominciano sempre le dittature, cominciano sempre i capi, in America Roosevelt, in Europa Hitler, in Russia Stalin. Nel periodo appena concluso, si richiedeva alle cellule della civiltà occidentale di ribellarsi, cambiare, scuotere di dosso il vecchio, per affrontare il periodo che comincia quest’anno [72 anni prima, l'inizio della Seconda Guerra Mondiale], 2012-2018, il periodo del “non si può più aiutare nessuno.” Quando la civiltà comincia a “sudare” e a espellere le scorie, è sempre stato così, dal 1750 in avanti, questo periodo qui, se si va indietro, è il periodo in cui la civiltà a incominciato a eliminare, senza pietà, tutto ciò che era attardato, vecchio, e che non aveva fatto in tempo a ribellarsi nel periodo precedente. Nel 1796, tre volte 72 anni prima, chi è che stava arrivando in tutta Italia? Napoleone, un ragazzino di 28 anni, con intorno dei colleghi generali più o meno di quell’età. Pensate a un generale di 28 anni, con truppe equipaggiate male, con i pantaloni [rattoppati?], pensate, in confronto, gli austriaci, elegantissimi; la diplomazia vaticana e quella inglese, potentissime, l’esercito vaticano, i russi, c’erano in questo 1796. Erano tutti convintissimi di poter battere Napoleone. C’era un problema, Napoleone, nel periodo precedente, era appena uscito da uno stato che si era giustamente ribellato nel momento giusto, aveva una propulsione straordinaria, per cui, in un modo che gli storici fanno fatica a spiegare, questo esercito guidato da ragazzini sconfigge tutti i più grandi eserciti europei per sei anni di fila.

    72 anni fa cos’è successo? UNO stato ha vinto la Seconda Guerra Mondiale, uno solo, gli altri l’han persa tutti. Dalla Germania alla Russia (che ha avuto 27 milioni di morti.) Chi ha stravinto tutto, in questi sei anni, 72 anni fa? Gli Stati Uniti, quelli che si erano ribellati al momento giusto. E chi ha stravinto tutto 72 anni prima? Piemonte e Prussia. Il Piemonte, nel 1870, spazzati via gli ultimi residui [del vecchio mondo], è diventata una potenza europea, col nome di Regno D’Italia, e la Prussia è diventata la Germania nel 1870. Si vede che c’è una ricorrenza precisa.

    Vedendo i vari periodi, si vede che la regolarità c’è senza forzarla. A Igor Sibaldi, quando studiava queste cose, gli sembrava di essere, tutt’ad un tratto, fuori dalla storia e di aver capito, come un bambino capisce le regole del gioco degli scacchi, finalmente capiva come si gioca la storia. Per lui era magnifico, e pensava: “nessuno mi crederà.” Però lo stesso pensiero l’hanno avuto tutti quanti i filosofi della civiltà che han fatto teorie simili sulle epoche.

    A cosa serve questa teoria? Vale, questa teoria della “ribellione” e del “non si può più aiutare nessuno”, sia sul piano dei grandi numeri sia sul piano individuale. Se nei sei anni scorsi, fate un esamino di coscienza, vi siete ribellati e avete cambiato tutto, e avete preso decisioni mai prese prima, e avete fatto delle grosse svolte, anche andando contro l’opinione della maggioranza, adesso siete nella posizione giusta per entrare in un periodo CATTIVO, un periodo in cui si tratta di fare i Napoleoni, di non guardare in faccia nessuno, perchè, se una persona adesso cercasse di aiutare persone in difficoltà, nel senso, non “l’amico in difficoltà”, ma situazioni che non vogliono cambiare, e che tu aiuti frenandoti, fai del male a loro e a te stesso. E’ un periodo così, in cui, chi si è ribellato negli anni precedenti, ha davanti a se una quantità di possibilità meravigliose, chi non si è ribellato nei sei anni precedenti ha ancora, diciamo un due mesi di tempo [da ottobre a dicembre 2012], quindi si può mettere in pari – sapete che c’è quella bella parabola dell’ “Undicesima ora”, in cui, anche quello che ha lavorato per un’ora viene pagato uguale, che nessuno mai capisce cosa vuol dire quella parabola lì, ma [può essere anche interpretata come]: “se la storia comincia a cambiare, non importa che tu sia in orario fin dall’inizio, basta che tu sia in orario per tempo, basta che sali per tempo sulla nave, poi la nave parte. L’importante è che non arrivi al porto quando la nave è già partita.”

    Tradizionalmente, è l’inverno il momento in cui decolla l’anno dopo. Per esempio, nel 1940, ma questo è un discorso su cui ci si dilungherebbe troppo. Quindi, se non vi siete ancora ribellati, ribellatevi, e preparatevi a questo periodo di conquista. Secondo me qualcuno di voi, da dopo l’estate, un’aria nuova l’ha già sentita. Qualcosina ha già sentito che stava cambiando. Io l’ho sentito benissimo. Interiore, esteriore, si sente un periodo diverso che incomincia, ed è sempre bellissimo essere dentro un periodo nuovo.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #118275

    Solone
    Bloccato

    [quote1364380276=Tru]
    è ora di finirla
    con questo fatto di aiutare i poveri e la crisi un cazzo basta crisi noi umani siamo immortali moriamo solo nei nostri desideri, smetti di desiderare e sei libero. Devi cambiare ambiente perchè l'ambiente crea la vita quindi anzi ora cambia le cose ambientali basta poco, rivolta il letto la tua camera sposta i mobili cambia ambiente l'ambiente determina tutta la tua vita il nord non è come il sud a causa dell'ambiente est e ovest uguale muovi le cose che ti circondano e il mondo cambia.
    [/quote1364380276]

    Inutile, vogliono la botte piena e la moglie ubriaca, i poveri sono la controparte dei loro comodi sfarzi, poi fingono filantropia, ma quando gli sbatti in faccia la verità ti ignorano tutti o ti attaccano per difendere lo status quo, cioè il sistema, cioè loro stessi. Ipocriti.


    #118276
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://hearthaware.wordpress.com/2013/02/06/wilcock-la-tv-russa-smaschera-la-tirannia-finanziaria/
    Lo scorso 16 gennaio la TV russa “REN-TV” ha mandato in onda un primo storico documentario di ben tre ore intitolato “Un Milione per un Matrimonio“, realizzato in collaborazione con David Wilcock e finalizzato a smascherare la più grande copertura della storia dell’umanità: usando toni inusitati per una rete televisiva, il video denuncia apertamente il governo occulto che tira le fila della finanza mondiale.

    ..Questo è veramente tutto l’oro che sia mai stato estratto dalla terra durante l’intera storia umana? A quanto pare NO. Il vero ammontare è di circa 14 cubi e mezzo identici a questo. Il volume totale, che ora viene tenuto nascosto dalla “versione internazionale” della Federal Reserve, chiamata BIS (Bank for International Settlements..

    ..La Prima e la Seconda Guerra Mondiale erano false. Entrambe le parti sono state segretamente gestite dalle stesse persone e con lo stesso obiettivo. Oltre 100 milioni di persone sono morte per un motivo completamente diverso da quello che pensavano. I due fronti che hanno combattuto queste guerre – l’Asse e gli Alleati – erano entrambi sotto il dominio ed il controllo degli stessi banchieri internazionali. ..
    .. Rubando l’oro di tutti, nessuno avrebbe potuto più competere con la “Money Magic Press”, cioè la capacità di creare denaro dal nulla per il mondo intero. Chi è al potere può stabilire chi vive e chi muore, chi mangia e chi sta affamato, controllando il flusso della moneta…

    ..I Conti Globali di Garanzia sono stati utilizzati per finanziare ogni genere di cose. Gli utili, erano stati originariamente destinati a ricostruire l’Europa dopo la seconda guerra mondiale. Almeno così era stato fatto credere ai leader etici del mondo. Invece i Conti sono serviti per pagare le campagne di propaganda, gli assassinii politici, il traffico d’armi e di droga, le basi sotterranee, i programmi spaziali top-secret…


    #118277
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1364383955=Richard]
    Invece i Conti sono serviti per pagare le campagne di propaganda, gli assassinii politici, il traffico d’armi e di droga, le basi sotterranee, i programmi spaziali top-secret…

    [/quote1364383955]
    e ora Rich cos'è cambiato secondo te? O meglio, cosa cambia?


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #118278

    Solone
    Bloccato

    [quote1364385805=farfalla5]
    Nasce il supermercato per i disoccupati: lavoro in cambio della spesa gratis

    Niente carità per gli indigenti: chi usufruirà del servizio dovrà in cambio offrire il proprio lavoro per almeno una volta alla settimana. Succede a Modena, città dove non ti aspetteresti di certo di trovare dei nuovi poveri che non solo non ce la fanno ad arrivare alla terza settimana ma neanche alla seconda.

    Le famiglie che verranno aiutate da questa bella iniziativa riceveranno (gratuitamente) una tessera e dei bollini e con questa potranno fare la spesa durante tutto l’anno. In cambio dovranno prestare il loro lavoro, proprio all’interno del supermercato e il magazzino dell’associazione almeno per una volta a settimana.

    Tutto questo, dicevamo, avviene nella ricca (almeno un tempo) Emilia Romagna, e precisamente a Modena; qui il Centro Servizi per il Volontariato inaugurerà a maggio l’Emporio Portobello, un vero e proprio supermercato per famiglie in grossa difficoltà economica e persone disoccupate. Non avverrà più l’umiliazione, per un padre, di non poter mettere qualcosa nel piatto dei figli quando tornano da scuola. E’ questo forse uno dei colpi più duri per i nuovi poveri, circa 4 milioni in tutta Italia, non avere niente da mettere nel piatto. A Modena sono circa 450 i nuclei familiari in forte difficoltà e che potranno in questa iniziativa trovare un aiuto concreto.

    Dice Angelo Morselli, presidente del Centro per il Volontariato e portavoce di un nuovo welfare dove la parola d’ordine è dignità. “L’idea ci è venuta semplicemente ascoltando i problemi dei nostri

    http://www.cometrovarelavoro.it/240/nasce-il-supermercato-per-i-disoccupati-lavoro-in-cambio-della-spesa-gratis/
    [/quote1364385805]

    Work for food? !amazed

    Preparatevi schiavi sognatori, il buon Ebreo sta per realizzare il suo grande sogno divino, macchinato nell'ombra da millenni, la conquista del mondo. Oggi fa la prova con i barboni e domani tocca a voi.


    #118279
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1364389328=farfalla5]
    [quote1364383955=Richard]
    Invece i Conti sono serviti per pagare le campagne di propaganda, gli assassinii politici, il traffico d’armi e di droga, le basi sotterranee, i programmi spaziali top-secret…

    [/quote1364383955]
    e ora Rich cos'è cambiato secondo te? O meglio, cosa cambia?
    [/quote1364389328]
    la notizia in questo caso
    è che una televisione con milioni di spettatori in russia sta denunciando questa cosa

    non cambia certo in un battito di ciglia


    #118280

    orsoinpiedi
    Partecipante

    [quote1364388274=Richard]
    http://hearthaware.wordpress.com/2013/02/06/wilcock-la-tv-russa-smaschera-la-tirannia-finanziaria/
    Lo scorso 16 gennaio la TV russa “REN-TV” ha mandato in onda un primo storico documentario di ben tre ore intitolato “Un Milione per un Matrimonio“, realizzato in collaborazione con David Wilcock e finalizzato a smascherare la più grande copertura della storia dell’umanità: usando toni inusitati per una rete televisiva, il video denuncia apertamente il governo occulto che tira le fila della finanza mondiale…….

    [/quote1364388274]

    E' da anni che queste cose si conoscono,eppure ancora la gente non sa,o non vuol sapere.
    Troppo fuori dagli schemi mentali che sono stati costruiti,e dalla visione di una societa costruita ed imposta in maniera subdola.
    Qui ci vuole un unione di Stati che prendono parola nei giusti consessi ,e denunciare in maniera netta ed inequivocabile lo stato in cui ci troviamo.Forse solo allora la gente incomincera ad aprire gli occhi,e la mente.
    Da anni porto avanti questi discorsi,ma difficilmente vengo ascoltato,il piu delle ottengo un ” ma cosa possiamo fare”, intendendo che nulla si puo fare e pertanto il problema non va preso in considerazione.Oltre alla totale incredulita.
    Forse stiamo ancora troppo bene,ed abbiamo paura di perdere quel poco che ancora,illusoriamente,pensiamo di possedere.
    Difficile,troppo difficile,cambiare prospettiva,mentalita e desideri.
    E' come cercare di moversi immersi in un fluido sempre piu denso,sino a non aver piu possibilita di movimento.
    C'è troppa ignoranza,e l'ignoranza porta alla schiavitu di chi ha un piano ben pianificato.


Stai vedendo 10 articoli - dal 3,041 a 3,050 (di 3,276 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.