Cuore di cane..e altri cuori.

Home Forum PIANETA TERRA Cuore di cane..e altri cuori.

Questo argomento contiene 67 risposte, ha 8 partecipanti, ed è stato aggiornato da sphinx sphinx 7 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 41 a 50 (di 68 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #91456
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1307830334=kingofpop]
    capisco cosa vuoi dire sphinx ma il mio pensiero e modo di vivere mi sta portando verso un 'non rispondete agli attacchi con altri attacchi'..non si finisce più se dovessimo vivere così..piuttosto pregare per quegli animali e per l anima del cacciatore affinchè possa sopprimere questa sua negatività e ritrovare la luce
    [/quote1307830334]
    Condivido buona parte del tuo pensiero King caro, e comprendo anche lo sfogo della nostra cara Spinx …
    ma desidero esprimere il mio punto di vista a proposito delle tue ultime parole …
    La Luce, non si trova reprimendo o sopprimendo la negatività … tutto ciò che si reprime o sopprime, presto o tardi ritorna ad affiorare (e probabilmente con maggiore impetuosità) ..
    La negatività, và lasciata andare via … consapevolmente, poichè dopo averla osservata, dopo esserci osservati in quei frangenti di negatività, ci si accorge della sua inutilità, della sua pochezza, e del fatto che dietro ad essa esiste un conflitto interiore che ci ostiniamo a non sciogliere …
    ed allora, dopo aver risolto il conflitto interiore, cessa di esistere anche la risultante negatività, e solo cosi, entra la Luce.
    Quello che credo importante, è non combattere o cercare di sconfiggere “l'armatura”, ma conoscere, comprendere e perdonare “il guerriero” che si nasconde dentro.
    :VV:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #91457
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    [quote1307840201=prixi]
    [quote1307830334=kingofpop]
    capisco cosa vuoi dire sphinx ma il mio pensiero e modo di vivere mi sta portando verso un 'non rispondete agli attacchi con altri attacchi'..non si finisce più se dovessimo vivere così..piuttosto pregare per quegli animali e per l anima del cacciatore affinchè possa sopprimere questa sua negatività e ritrovare la luce
    [/quote1307830334]
    Condivido buona parte del tuo pensiero King caro, e comprendo anche lo sfogo della nostra cara Spinx …
    ma desidero esprimere il mio punto di vista a proposito delle tue ultime parole …
    La Luce, non si trova reprimendo o sopprimendo la negatività … tutto ciò che si reprime o sopprime, presto o tardi ritorna ad affiorare (e probabilmente con maggiore impetuosità) ..
    La negatività, và lasciata andare via … consapevolmente, poichè dopo averla osservata, dopo esserci osservati in quei frangenti di negatività, ci si accorge della sua inutilità, della sua pochezza, e del fatto che dietro ad essa esiste un conflitto interiore che ci ostiniamo a non sciogliere …
    ed allora, dopo aver risolto il conflitto interiore, cessa di esistere anche la risultante negatività, e solo cosi, entra la Luce.
    Quello che credo importante, è non combattere o cercare di sconfiggere “l'armatura”, ma conoscere, comprendere e perdonare “il guerriero” che si nasconde dentro.
    :VV:
    [/quote1307840201]
    :ave:


    #91458
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    [quote1307840221=sphinx]
    [quote1307802991=kingofpop]
    capisco cosa vuoi dire sphinx ma il mio pensiero e modo di vivere mi sta portando verso un 'non rispondete agli attacchi con altri attacchi'..non si finisce più se dovessimo vivere così..piuttosto pregare per quegli animali e per l anima del cacciatore affinchè possa sopprimere questa sua negatività e ritrovare la luce
    [/quote1307802991]

    Lo so…e hai perfettamente ragione. Non è questa la strada.
    Purtroppo a volte, mi si rivolta lo stomaco a sentire certe cose,come ad esempio che c'è chi si dedica allo sport di sopprimere vite innnocenti…e ci ricasco.
    Anch'io sto cercando di cambiare,rispondere alla violenza con la violenza, non fa che alimentarla.
    Chiedo scusa a te e a tutto per questo mio pensiero.
    Ti ringrazio…
    :cor:
    [/quote1307840221]

    :fri:


    #91459
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    11/06/2011 –
    LUTTO NEL MONDO ANIMALISTA
    Addio a Celli, portò gli animali in tv
    L'entomologo, etologo e divulgatore scientifico Giorgio Celli

    :cor:

    L'etologo si è spento a 76 anni. Scrittore con il pallino del piccolo schermo, è stato parlamentare nelle file Verdi dal 1999 al 2004 a
    BOLOGNA.
    Una vita per gli animali. :cor: Verrà ricordato così Giorgio Celli, morto oggi in ospedale a Bologna a 76 anni, senza essersi mai del tutto ripreso da un intervento chirurgico di un mese fa. Fosse nella casa di via Mascarella mentre accarezzava i suoi gatti, oppure in Tv dove portò la sua scienza, o in cattedra mentre descriveva usi e costumi di bestie anche più grandi dell’essere umano, ma spesso meno feroci.

    Pensieri come questo, simpaticamente provocatori, lo avevano portato anche a scendere nell’agone politico, per i Verdi, consigliere comunale a Bologna ed europarlamentare dal 1999 al 2004. Ma Giorgio Celli è stato molte cose: docente all’Istituto di Entomologia – l’Università di Bologna gli dedica martedì una commemorazione funebre all’Archiginnasio – conduttore televisivo per la Rai (Nel Regno degli animali), scrittore, amante del teatro e della poesia: oltre all’innumerevole saggistica di settore, sono quasi una trentina le sue pubblicazioni tra narrativa, prosa e versi.

    Decine i titoli dedicati ai gatti: “Maestri senza parole” amava chiamarli dopo averli studiati a lungo. :cor: Nella sua profonda curiosità di vita, aveva anche recitato in un film di Pupi Avati del 1975 (La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone), ma con il regista aveva soprattutto collaborato a molte sceneggiature.

    Sarà tumulato a Monzuno, sull’Appennino Bolognese, luogo caro al figlio Davide, anche lui ex consigliere comunale verde, che un mese fa aveva annunciato la gravità delle condizioni del padre e oggi ne ha confermato la scomparsa: «Non ho più lacrime per piangere. È sempre rimasto in terapia intensiva, ma voglio ricordarlo battagliero e forte, con la sua voglia di cambiare le cose. Vorrei che tutti, allievi, collaboratori e amici, lo ricordassero così».

    [color=#ff0000]Questo Amico dei nostri Amici dal cuore grande, ci ha lasciato da questa parte del velo…nel ponte Arcobaleno avrà trovato ad attenderlo tutti i suoi protetti che lo stavano aspettando…
    Caro Giorgio,sarai felice e in buona compagnia..buon proseguimento.[/color]

    :cor: :cor:


    #91460
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    ciao Giorgio speriamo stia bene dove stai


    #91461
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    [color=#ff0000]Non avere paura[/color]

    :cor:
    Non aver paura, smetti di guardarti indietro. Il passato, i tuoi cari, non possono tornare. “Abbandona la paura, la tristezza, le emozioni” disse il Saggio. “Esse fanno parte dell'evoluzione dell'uomo, ma fino a che resti preda delle emozioni, non puoi essere ciò che sei.
    🙁
    Sei bloccato. Ma smetti di pensare e agisci. Ciò che conta è agire, solo fare conta, perché non è pensando che aiuterai il tuo popolo, o comprenderai te stesso.”
    E fu così che anch'io, l'imperatore della Cina, attraverso la terribile tragedia del terremoto e della distruzione,
    feci un grande passo sulla strada della mia evoluzione. Conquistai la stima e il rispetto della mia gente, che prima mi temeva soltanto. Ma, soprattutto, capii che conta più fare, agire, di mille parole. :ok!:
    Attraverso l'accettazione della prova, anche la più dura, si arriva al superamento della stessa. :medit:
    (Huang-Ti e Mo-Tzu)
    :cor:
    :bay:

    http://www.dbblog.it


    #91462

    Anonimo
    #91463
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    [youtube=tiny]a2NrF6wyfMY

    Qui non si capisce se il signor Siffredi fa pubblicità contro l'abbandono degli animali o a se stesso..
    Ad ogni modo..magari è efficace..


    #91464
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    [color=#ff0000]Storia di un cane e un semidio[/color]

    di Franco Libero Manco

    Vi riporto la bella storia-leggenda tratta dal poema sanscrito Mahablarata avvenuta in India circa mille anni a. C. in cui si parla di 5 eroi semidei, dotati di grandi virtù, nati da madre terrena e da padre immortale: gli imperiali fratelli Pandava. Questi alla fine della loro vita terrena abbandonano agi e ricchezze per ritirarsi in meditazione e austerità nella foresta in attesa di entrare nella dimora celeste del dio-padre Dharma. Salgono in un cammino sempre più faticoso. Nel cammino uno dopo l’altro fratelli Pandava si abbandonano ad una morte dolce. L’ultimo, sempre più oppresso dal dolore e consapevole della sua fine imminente, l’imperatore Yudhistir continua la sua ascesa insieme ad un cane sbucato all’improvviso dagli alberi che gli è rimasto accanto e che si è unito al gruppo nella vallata; un bastardino dagli occhi dolci. Quando l’imperatore giunge alla vetta del Kallash la porta, dove entrano solo gli eroi, coloro che hanno messo fine alle esistenze terrene, si apre; Indra e tutti gli dei appaiono nella luminosità del mondo ultraterreno. Yudhistir scorge festanti gli spiriti dei fratelli che lo hanno preceduto ma non vede il volto radioso del padre Dharma. “Tu che sei stato il più giusto degli uomini”, dice Indra sorridendo, “vieni, entra con me in questa dimensione dove dimenticherai ogni peso delle tue passate esistenze”. Yudhistir accenna al cane di precederlo, ma il dio lo ferma. “Lascia quel cane Yudhistir” gli dice, “non può entrare con te. Lascialo qui, non vi è nulla di crudele in questo”. Nulla? obietta l’imperatore. Dovrei abbandonare qui solo e sperduto questo essere che si è affidato a me? “E’ solo un cane” replica il dio, sempre sorridente, “lascialo alla sua vita, quale che sia. Tu sei già al di là di tutto questo”. Ma non sono al di là della mia coscienza: il suo abbandono offuscherebbe la serenità che tu mi prometti.

    Per 4 volte Indra enumera i vantaggi e le meraviglie della vita celeste che Yudhistir si è guadagnato e ogni volta lo invita ad abbandonare l’animale che continua a fissare il suo compagno. Ma per 4 volte il figlio di Dharma risponde con ferma umiltà che questo non gli è possibile e che se il cane non potrà venire con lui sarà lui ad aspettare sulla montagna finché abbia terminato il ciclo delle sue esistenze: “Allora, e non importa quando, entrerò nell’immortalità, nella pace del dovere compiuto”.

    Nel momento stesso in cui Yudhistir, dopo l’ennesimo rifiuto, si china ad accarezzare il suo ultimo compagno, quasi ad assicurargli che non lo :cor:abbandonerà, l’animale si trasforma in luce, ed egli si trova dinanzi suo padre Dharma che gli dice: “Nessuno potrà mai eguagliarti dopo questa prova, figlio mio. Oggi hai dimostrato agli uomini e agli dei che ogni vita, in quanto tale, è sacra e sacri e indissolubili sono i legami fra tutte le creature viventi, legami di compassione e di aiuto che nessuno deve ignorare o dimenticare mai”. Così l’imperatore e il dio, che si era fatto cane per mettere alla prova le virtù del figlio, entrano insieme nel fulgore dell’immortalità.

    http://www.vegan3000.info
    :cor: :cor:


    #91465
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    fantastica..insegnamenti che non tutti capiscono purtroppo


Stai vedendo 10 articoli - dal 41 a 50 (di 68 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.