DIO MIO SANTO CIELO – NOI UMANI SIAMO SOLO IN VISITA.

Home Forum EXTRA TERRA DIO MIO SANTO CIELO – NOI UMANI SIAMO SOLO IN VISITA.

Questo argomento contiene 71 risposte, ha 10 partecipanti, ed è stato aggiornato da  giovanni 6 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 51 a 60 (di 72 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #32866

    civile
    Partecipante

    [quote1340609172=FREESPIRIT]
    E si bravo CIVILE, aspetta pure, ma quando non dovrai più aspettare , allora sarà troppo tardi, i dormienti non sono nella logica del RITORNO.Mi dispiace per coloro che stanno a guardare e aspettare.!! 🙁
    [/quote1340609172]

    Su dai….quando arriva gesù sicuramente mi perdonerà per il mio ateismo


    #32867

    Anonimo

    [quote1340612280=civile]
    si parla di apocalisse da 2000 anni,ancora niente,la fede é proprio ultima a morire…
    [/quote1340612280]
    [color=#0088ff]Sull'uso corretto del termine APOCALISSE, che etimologicamente non vuol dire “distruzione” o “fine del Mondo”.[/color]

    La parola apocalisse deriva dal greco ἀποκάλυψις (apokalypsis), significa un gettar via ciò che copre, un togliere il velo, letteralmente scoperta o rivelazione.

    Nella terminologia della letteratura del primo ebraismo e Cristianesimo, indica una rivelazione di cose nascoste da Dio a un profeta scelto; questo termine è più spesso usato per descrivere il resoconto scritto di tale esperienza.

    La letteratura religiosa apocalittica viene considerata una branca distinta della letteratura. Il genere possiede diverse caratteristiche peculiari. La rivelazione dei misteri svela cose che vanno oltre la normale portata dell'umana conoscenza. Dio concede a santi o profeti selezionati le istruzioni al riguardo, sia per aspetti estranei all'esperienza umana o per vicende che l'umanità non ha ancora affrontato.

    Normalmente, ma non sempre, i fatti vengono riportati in prima persona. Esiste qualcosa di portentoso nelle circostanze, commisurato all'importanza dei segreti che verranno svelati. L'elemento del mistero, spesso in primo piano nella visione stessa, è presagito negli eventi preliminari. Alcune delle caratteristiche classiche della “tradizione apocalittica” sono collegate con le circostanze della visione e con l'esperienza personale del veggente.

    L'esempio primario di letteratura apocalittica nella Bibbia ebraica è il Libro di Daniele. Mentre si trova lungo il fiume dopo un lungo digiuno Daniele vede apparire un essere celeste, che gli svela la rivelazione (Daniele, 10:2 segg.).

    Spesso la visione comprende anche il passato, per dare forza all'inquadramento storico, così che il panorama degli eventi successivi possa passare impercettibilmente dal noto all'ignoto. Perciò nell'undicesimo capitolo del libro di Daniele il dettagliato resoconto delle vicende dell'impero greco d'oriente, a partire dalla conquista di Alessandro fino all'ultima parte del regno di Antioco Epifane (versi 3-39, tutti presentati in forma di predizione) continua, senza interruzione, con una descrizione appena meno vivida di eventi che non sono ancora accaduti (versi 40-45), ma che lo scrittore si aspetta: le guerre che risulteranno dalla morte di Antioco e la caduta del suo regno. Tutto ciò, comunque, serve solo da introduzione alle notevoli profezie escatologiche del dodicesimo capitolo, in cui si trova lo scopo principale del libro. In maniera del tutto simile, il sogno raccontato nel secondo libro di Esdra, 11 e 12, l'aquila che rappresenta l'Impero Romano è seguita dal leone, che è il messia promesso che dovrà salvare gli eletti e stabilire un regno imperituro.

    Un altro esempio dello stesso genere è negli Oracoli Sibillini, iii.608-623. Probabilmente si può paragonare anche Assumptio Mosis, vii-ix.

    Il significato corrente può essere un'ellisse della frase apokalupsis eschaton (escatologia apocalittica), che significa “rivelazione della conoscenza alla fine dei tempi”.

    Una delle rappresentazioni moderne dell'apocalisse è per esempio quella che emerge dagli scritti di Pierre Teilhard de Chardin molto più vicini al tipico discorso scientifico e evoluzionista che al discorso svolto totalmente nel linguaggio teologico.
    Il suo discorso, in qualche modo profetico sull'avvento dell'Homo noeticus (punto di arrivo, “uomo nuovo”, del futuro processo evolutivo della specie umana) che rappresenta un salto evolutivo rispetto all'attuale Homo Sapiens Sapiens, non è indolore come molti interpreti di questa nuova figura umana ritengono.

    Molte religioni trattano il tema dell'allontanamento dell'uomo dalla sua originaria comunione con l'Assoluto, il Divino.

    Nelle religioni fondate sul monoteismo (Ebraismo, Cristianesimo, Islam) il punto di partenza è la caduta di Adamo in seguito alla quale l'uomo realizzerà sulla Terra un Regno delle Tenebre. Tuttavia, nell'escatologia e soteriologia delle religioni, a questa caduta seguirà l'intervento divino, l'arrivo di un Redentore dell'umanità: il Gesù Cristo del Secondo Avvento nel Cristianesimo; il Messia annunciato dai Profeti nell'Ebraismo; il profeta Gesù che affiancherà il Mahdi (il “Ben Guidato”, discendente di Maometto) nell'Islam; il Kalki Avatara, ultima manifestazione di Visnù, nell'Induismo; i Buddha e i Bodhisattwa (i Misericordiosi) nel Buddhismo; il Saosyant o “Redentore universale” nell'Iran di Zoroastro.

    Le culture orientali e quelle indoeuropee pre-cristiane (Indù, Greci, Romani) rappresentano il tempo ciclicamente, secondo una scansione in quattro cicli che la tradizione classica greco-romana chiama età dell'oro, dell'argento, del bronzo e del ferro. L'uomo, al termine di ognuna delle quattro fasi, si allontana progressivamente dalla virtù e dal bene.

    I miti antichi parlano della redenzione del mondo che avverrà attraverso la redenzione dell'umanità. Vaticinano il ritorno dell'età primordiale caratterizzata dalla pietas, dalla pace, da una saggia frugalità, espressione di ricchezza interiore, dalla prosperità della terra e dalla letizia dell'uomo e del creato. Profetizzano una renovatio preceduta da uno sconvolgimento: la grande dissoluzione del cosmo, il mahāpralaya indiano; il mare di metallo fuso, dal quale, nella tradizione iranica, i giusti emergeranno indenni; l' ekpýrosis dei presocratici e degli stoici; la concussio mundi di Seneca; il ragnarökkr germanico, l'”estate senza fiori” e “il mare senza vita” dei druidi; l' ollin dei testi profetici aztechi che, come il pachakuti andino, connota il sommovimento ciclico del tempo e il capovolgimento dello spazio”. Esiste però un disegno divino di redenzione nelle antiche tradizioni di molte civiltà. Esse “consegnano un messaggio di speranza espresso in India dalla discesa dell' avatāra, divino giudice e rinnovatore. Per bocca di Zarathustra, dopo la conflagrazione, Ahura Mazda promette il frashkart, il “rinnovamento nella luce” del mondo e dell'umanità. Platone, attingendo a una speranza remota, annuncia “nuova vita e immortalità rinnovata”. Virgilio e le Sibille cantano il ritorno della Vergine Astrea e del regno di Saturno. Seneca, dopo la concussio mundi, saluta il ripristino dell' antiquus ordo, il ritorno dell'èra in cui pace, pietas e giustizia regnavano sulla terra. “Pace fino al cielo e dal cielo fino in terra” , profetizza la celtica Mórrígain e, dopo la distruzione del mondo, dinanzi alla sibilla germanica si dispiega la visione della jörð iðjagroena, la terra di nuovo verdeggiante che emerge dal mare.

    Secondo le religioni orientali cosmocentriche il Mondo Nuovo sarà l'inizio di un nuovo ciclo cosmico…

    Tuttavia vi sono delle differenze. Nell'Ebraismo l'attesa del Giorno del Signore con le sue elaborazioni dottrinarie, escatologiche e messianiche, appare nei momenti più convulsi e drammatici della storia di Israele, mentre nel Cristianesimo e nell'Islam il messaggio apocalittico costituisce una parte fondamentale della struttura di queste religioni.

    I miti dei Tempi Ultimi descrivono dunque le modalità dell'intervento divino nella storia universale al suo tramonto, intervento ripristinatore dell'ordine cosmico nella creazione con cui la realtà tutta riacquista il proprio autentico significato iniziale.

    Secondo l'esegeta francese Paul Beauchamp “la letteratura apocalittica nasce per aiutare a sopportare l'insopportabile”. Nasce cioè in momenti di estrema crisi per portare un messaggio di speranza: anche se il male sembra prevalere, bisogna aver fiducia nella vittoria finale del Bene.

    [color=#00aaff]E' una sintesi di questa pagina Web: http://it.wikipedia.org/wiki/Apocalisse

    Io direi che i segni del cambiamento o Passaggio da un'Era ad un altra sono evidenti a tutti. Non sembra anche a te, che l'umanità si è allontanata progressivamente dalla virtù e dal bene, e che oggi nell'epoca di internet ciò diventa intollerabile in quanto la Scienza senza Coscienza porta la rovina? Osserva intorno a te, che cosa vedi esattamente, dentro e fuori? [/color]


    #32869

    civile
    Partecipante

    scritto da “nessuno”

    Io direi che i segni del cambiamento o Passaggio da un'Era ad un altra sono evidenti a tutti. Non sembra anche a te, che l'umanità si è allontanata progressivamente dalla virtù e dal bene, e che oggi nell'epoca di internet ciò diventa intollerabile in quanto la Scienza senza Coscienza porta la rovina? Osserva intorno a te, che cosa vedi esattamente, dentro e fuori?

    Vedo che và sempre peggio,la massa si dirige verso una superficialità imposta dai grandi,la spiritualità,l'interiorirità viene non considerata,in quanto non di moda e non insegnata nelle scuole,prime fabbriche per eccellenza di automi non-ribelli :hehe: ….
    Vedo che i credenti delle varie religioni si appoggiano sempre più alle credenze aspettando un salvatore che riscatti il loro vissuto secondo le regole…
    vedo che la ricchezza esiste perché il povero é invidioso…esso alimenta la richezza con l'invidia…
    vedo che la massa non é crescita spiritualmente di una virgola,quindi non pronti ad aprire la porta ai vari salvatori religiosi…
    scusa la mia negatività,sono in cura :hehe:


    #32868

    Anonimo

    [quote1340617416=civile]
    Vedo che và sempre peggio,la massa si dirige verso una superficialità imposta dai grandi,la spiritualità,l'interiorirità viene non considerata,in quanto non di moda e non insegnata nelle scuole,prime fabbriche per eccellenza di automi non-ribelli :hehe: ….
    Vedo che i credenti delle varie religioni si appoggiano sempre più alle credenze aspettando un salvatore che riscatti il loro vissuto secondo le regole…
    vedo che la ricchezza esiste perché il povero é invidioso…esso alimenta la richezza con l'invidia…
    vedo che la massa non é crescita spiritualmente di una virgola,quindi non pronti ad aprire la porta ai vari salvatori religiosi…
    scusa la mia negatività,sono in cura :hehe:
    [/quote1340617416]
    Tu hai Visto, tutte quelle Brutte Cose !? :hehe:
    Ok, molti se ne sono accorti…
    Ma non molti le hanno ri-Conosciute…
    Ora, come dice il saggio: :hehe:
    [size=18]”Guai a quelli che non riconoscono la loro Miseria”. “Guai, ancor più a quelli che amano questa vita miserabile e destinata a finire”.
    “Gente pazza” (cit.) :hehe:
    -segue la meditazione della miseria umana- :hehe:


    #32871

    civile
    Partecipante

    [quote1340618226=♫nessuno♫]
    [quote1340617416=civile]
    Vedo che và sempre peggio,la massa si dirige verso una superficialità imposta dai grandi,la spiritualità,l'interiorirità viene non considerata,in quanto non di moda e non insegnata nelle scuole,prime fabbriche per eccellenza di automi non-ribelli :hehe: ….
    Vedo che i credenti delle varie religioni si appoggiano sempre più alle credenze aspettando un salvatore che riscatti il loro vissuto secondo le regole…
    vedo che la ricchezza esiste perché il povero é invidioso…esso alimenta la richezza con l'invidia…
    vedo che la massa non é crescita spiritualmente di una virgola,quindi non pronti ad aprire la porta ai vari salvatori religiosi…
    scusa la mia negatività,sono in cura :hehe:
    [/quote1340617416]
    Tu hai Visto, tutte quelle Brutte Cose !? :hehe:
    Ok, molti se ne sono accorti…
    Ma non molti le hanno ri-Conosciute…
    Ora, come dice il saggio: :hehe:
    [size=18]”Guai a quelli che non riconoscono la loro Miseria”. “Guai, ancor più a quelli che amano questa vita miserabile e destinata a finire”.
    “Gente pazza” (cit.) :hehe:
    -segue la meditazione della miseria umana- :hehe:

    [/quote1340618226]
    Mah vedi…in fondo io sono felice perché ho costruito un esistenza cvome la volevo,pochi soldi e molto tempo libero,dedico molto tempo a me stesso e ai miei cari,non ho desideri materiali,solo quelli neccessari,non sono schiavo delle mode,non neccessito di mezzi di trasporto costosi e mi dedico ai miei passatempi preferiti,io in realtà stò benissimo,ma ovviamente commento l'andatura della società secondo il mio punto di vista,ma il malessere non influisce minimamente sul mio stato d'animo.Non mi piacciono le favole specie quelle a scopo di lucro che certe persone offrono alla gente,rendendoli schiavi,infondo mi dispiace ma la mia vita é comunque gia regolata a misura secondo le mie esigenze,ma dispiace vedere tutto ciò,essendo ateo mi piace vedere come certe favole possano prendere vita nei cervelli altrui,con tutto il rispetto il mio rimane immune :hehe:


    #32870

    Anonimo

    [quote1340620113=civile]
    Mah vedi…in fondo io sono felice perché ho costruito un esistenza cvome la volevo,pochi soldi e molto tempo libero,dedico molto tempo a me stesso e ai miei cari,non ho desideri materiali,solo quelli neccessari,non sono schiavo delle mode,non neccessito di mezzi di trasporto costosi e mi dedico ai miei passatempi preferiti,io in realtà stò benissimo,ma ovviamente commento l'andatura della società secondo il mio punto di vista,ma il malessere non influisce minimamente sul mio stato d'animo.Non mi piacciono le favole specie quelle a scopo di lucro che certe persone offrono alla gente,rendendoli schiavi,infondo mi dispiace ma la mia vita é comunque gia regolata a misura secondo le mie esigenze,ma dispiace vedere tutto ciò,essendo ateo mi piace vedere come certe favole possano prendere vita nei cervelli altrui,con tutto il rispetto il mio rimane immune :hehe:
    [/quote1340620113]
    Hai notato quanto bene ti ha fatto il mio post sulla miseria umana? Ora hai cominciato a ragionare solo in positivo.

    PS: Ma sarà illusione o realtà?

    Ecco, quindi l'utilità del contrasto. Comunque la falsa “vita” da non apprezzare sono le abitudini legate al sistema delle ombre, mentre la vera Vita da amare sarebbe l'Essere quando sceglie di manifestare la Sorgente, attraverso i tuoi talenti. Ovvio, per un Ateo la Sorgente è la Natura e la Coscienza mentre per gli altri è una divinità.


    #32872

    civile
    Partecipante

    [quote1340622952=♫nessuno♫]
    [quote1340620113=civile]
    Mah vedi…in fondo io sono felice perché ho costruito un esistenza cvome la volevo,pochi soldi e molto tempo libero,dedico molto tempo a me stesso e ai miei cari,non ho desideri materiali,solo quelli neccessari,non sono schiavo delle mode,non neccessito di mezzi di trasporto costosi e mi dedico ai miei passatempi preferiti,io in realtà stò benissimo,ma ovviamente commento l'andatura della società secondo il mio punto di vista,ma il malessere non influisce minimamente sul mio stato d'animo.Non mi piacciono le favole specie quelle a scopo di lucro che certe persone offrono alla gente,rendendoli schiavi,infondo mi dispiace ma la mia vita é comunque gia regolata a misura secondo le mie esigenze,ma dispiace vedere tutto ciò,essendo ateo mi piace vedere come certe favole possano prendere vita nei cervelli altrui,con tutto il rispetto il mio rimane immune :hehe:
    [/quote1340620113]
    Hai notato quanto bene ti ha fatto il mio post sulla miseria umana? Ora hai cominciato a ragionare solo in positivo.

    PS: Ma sarà illusione o realtà?

    Ecco, quindi l'utilità del contrasto. Comunque la falsa “vita” da non apprezzare sono le abitudini legate al sistema delle ombre, mentre la vera Vita da amare sarebbe l'Essere quando sceglie di manifestare la Sorgente, attraverso i tuoi talenti. Ovvio, per un Ateo la Sorgente è la Natura e la Coscienza mentre per gli altri è una divinità.
    [/quote1340622952]
    ti do ragione,però vedi l'essere positivo aiuta gli altri,ma a me credimi non aiuta perche io sto gia bene,la mia vita é pianificata con tutte le leggi che io conosco,il problema rimane la massa…..essa non cambia,lavora su di loro magari si rivolgono a dio,io ho fatto da solo…. :hehe:


    #32873

    giovanni
    Partecipante

    civile, tu credi di aver fatto da solo, ma in vero, Dio ti ha dato ancora questa opportunità, ricorda, anche se tu non credi in dio, Dio crede in te.

    Appunto, dici di esserti pianificato con le leggi che conosci, appunto civile, con le leggi che tu conosci….


    #32874

    civile
    Partecipante

    [quote1340702984=giovanni]
    civile, tu credi di aver fatto da solo, ma in vero, Dio ti ha dato ancora questa opportunità, ricorda, anche se tu non credi in dio, Dio crede in te.

    Appunto, dici di esserti pianificato con le leggi che conosci, appunto civile, con le leggi che tu conosci….
    [/quote1340702984]
    Io ho ragiunto quello che cercavo grazie a Dio,ora mi stò godendo la vita a pieno,si può progettare un futuro positivo anche senza credere in essere superiori invisibili,rendo grazie a Dio per la mia splendida vita :hehe:


    #32875

    giovanni
    Partecipante

    Quello che dici, ti dà merito, caro civile.


Stai vedendo 10 articoli - dal 51 a 60 (di 72 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.