Dualità o non Dualità

Home Forum L’AGORÀ Dualità o non Dualità

Questo argomento contiene 26 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da Wind Wind 3 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 21 a 27 (di 27 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #309730
    abuandre
    abuandre
    Partecipante

    Anch’io ho la mia opinione che vale quanto la tua o quella di Wind. Solo che non la considero vangelo. Discutere con te è come parlare con un muro di gomma.


    #309733

    orsoinpiedi
    Partecipante

    @abuandre said:
    Anch’io ho la mia opinione che vale quanto la tua o quella di Wind. Solo che non la considero vangelo. Discutere con te è come parlare con un muro di gomma.

    Certo che la tua opinione vale,quanto quella di qualsiasi altro.Non è questo il punto,e non è questo che ho detto.
    Sei tu che ti sei espresso ironicamente,e questo non è rispetto dell’altrui opinione.
    Ripeto,ciò che si è detto non sarà vangelo,ma rimane pur sempre un opinione che aiuta a creare una visione delle cose che porta conforto a se stessi.
    Ironizzare su questo è sbagliato ed inaccettabile.


    #309884
    Wind
    Wind
    Partecipante

    @orsoinpiedi said:
    Concordo con te,Wind.
    A questo punto sorge una domanda:la dualità,perchè e che scopo ha.

    Stiamo cercando una risposta tutti e che sia anche logica e comprensibile non di certo un’altro dogma, credo che in tantissimi la scopriremo in questa esistenza, in Meditazione è saltato fuori che il mio scopo è ricercare:”Il senso del mio esistere”, in me: L’Energia Creatrice, la mia Coscienza si pone la Domanda del perchè Esiste e cosa significa il suo Contrario nella sua medesima Creazione e solo vivendo pienamente in piena Coscienza, ossia presente a me stessa in ogni Istante potrò scoprirlo: se questa è la mia Domanda è perchè già esiste anche la risposta, altrimenti non avrebbe senso, non trovi Orso?

    Stanotte ho fatto un altro Sogno per me indelebile: “Ero insieme a tanti amici della mia prima giovinezza, alcuni per me più grandi erano il mio punto di riferimento da ragazzina, ebbene nel sogno costoro facevano delle cose in automatico, senza senso ma seguivano gli altri come incatenati uno all’altro. Allora mi sono accorta nel sogno che ciò invece a me mi annoiava, non mi appagava ed infatti guardandomi intorno ho visto che eravamo circondati da rovine rovine come gli scavi di Pompei, e vi era una costruzione altissima quanto il Colosseo ma senza buchi, da cui si è staccata una parete enorme e cadeva sulle persone, ma loro continuavano a fare cose inutili, non ne erano consapevoli, allora mi sono scostata per salvarmi ed ho cercato di tirare via qualcuno da quella situazione che era inchiommato per terra,facevo fatica a tirarlo via, non vedeva essendo di spalle questa costruzione di pietra che si stava sgretolando.
    Ho Intuito che dovevo andare via al più presto, niente mi apparteva più, comprese le persone che invece di mettersi in salvo erano come imbambolati, Non vedevano l’INSIEME, lo scenario completo di ciò che stava accadendo, e quando ho visto che le mura delle stradine strette iniziavano addirittura a chiudersi, curvandosi in alto, intorno a loro come fosse un tunnel che li avrebbe inesorabilemnte inghiottiti per sempre, allora non ho più esitato, li ho lasciati lì al loro destino.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 8 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 8 mesi fa da Wind Wind.
    #309902

    orsoinpiedi
    Partecipante

    @wind said:
    Stiamo cercando una risposta tutti e che sia anche logica e comprensibile non di certo un’altro dogma, credo che in tantissimi la scopriremo in questa esistenza, in Meditazione è saltato fuori che il mio scopo è ricercare:”Il senso del mio esistere”, in me: L’Energia Creatrice, la mia Coscienza si pone la Domanda del perchè Esiste e cosa significa il suo Contrario nella sua medesima Creazione e solo vivendo pienamente in piena Coscienza, ossia presente a me stessa in ogni Istante potrò scoprirlo: se questa è la mia Domanda è perchè già esiste anche la risposta, altrimenti non avrebbe senso, non trovi Orso?……..

    Il Budda disse:Non puoi viaggiare su una strada senza essere tu stesso la strada.
    @wind
    Assolutamente si!La vita è un cammino per conoscere se stessi,nella ricerca di valori fondamentali.Forse la dualità ci offre la libertà di scegliere la strada che più ci aggrada.Ma per scegliere bene abbiamo bisogno di credere fermamente in certi valori.Senza questi sarà sempre una scelta casuale,o una mancanza di scelta.

    Un giorno Alice arrivò ad un bivio sulla strada e vide lo Stregatto sull’albero.
    – “Che strada devo prendere?” chiese.
    La risposta fu una domanda:
    – “Dove vuoi andare?”
    – “Non lo so”, rispose Alice.
    – “Allora, – disse lo Stregatto – non ha importanza”.


    #309906
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Si Orso! ^ _ ^
    E mi sono accorta che la strada essendo sempre io ovvero la mia Coscienza interiore che la stà spianando a mano a mano non può essere che questa che stò percorrendo, istante per istante, non ne eiste un’altra, nè esiste chi me la potrà disegnare, anche se l’Ascolto del percorso degli altri è meraviglioso quando ti Rispecchi.

    Non vedo più 2 strade, Orso, ciò è DUALE, vi è il mio personale percorso, in parte diverso da quello altrui, con momenti moooolto appaganti e limpidi che si alternano a certi in cui c’è ancora tanto smarrimento, solitidine nonchè sofferenza anche fisica, la somatizzazione si manifesta quando non comprendo cosa stò vivendo e perchè, fortunatamente non ne sono più terrorizzata come prima di intraprendere il mio cammimo attuale, sento più leggerezza dell’Essere, ecco, ma sovente sono ancora alquanto insicura.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 8 mesi fa da Wind Wind.
    #309921

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Avere dubbi è normale,Wind.È come camminare nel bosco.Possiamo solo percepire di andare nella direzione giusta,ma la certezza si ha solo a meta raggiunta.Un passo alla volta Wind,un passo alla volta.
    La cosa importante è il viaggio,la meta ne è il naturale approdo.


    #309951
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Esiste un Unico Percorso Finale che è quello individuale, dove si può sperimentare di tutto, ovvero ciò che pensiamo e crediamo sia più giusto per noi e quindi anche per altri, senza scinderli da noi ovviamente, e perfino tornare indietro sui nostri passi incerti: siamo nella virtualità.
    Se altre parti del nostro Essere Uno, nel mondo o altrove, stà vivendosi esperienze diversificate dalle nostre, non deve spaventarci per niente, perchè il nostro scopo è la Conoscenza, altrimenti cosa? dato che non esiste alcun Errore primordiale, che si sono inventati di sana pianta le religioni, altrimenti dovremo ammettere che la nostra Matrice è completamente idiota e perfettibile, e ciò è mendace! Invece, tutto nel nostro Creato è limpidamente integrato e vive placido; e tutto stà andando perfettamente così come deve andare fino a quando la materia e tutte le creature che vi vivono dentro, sia materiali che aereoformi, un giorno si dissolveranno nella Quiete, perchè non hanno più Ragione.
    Esistere pienamente coscienti, felici di esistere, anche quando ti viene il mal di testa, anche quando ti annoi per le feste pagane consumistiche pregne di falsi valori e false esigenze personali: è solo una grande abbuffata di cibo, di alcool, un pavoneggiarsi di luci finte ed inutili sui balconi e regali assurdi, un buonismo ed un perbenismo solo consumistico che ha il solo scopo di tenere buoni e sotto un altro anno i servi della gleba, finchè morte non li separi definitamente dalla loro Essenza mai conosciuta: ma anche questo è un Percorso. ^_*


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 8 mesi fa da Wind Wind.
Stai vedendo 7 articoli - dal 21 a 27 (di 27 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.