Dubbio….

Home Forum SPIRITO Dubbio….

Questo argomento contiene 33 risposte, ha 14 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 9 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 34 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #45384
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    Se non lo hai, fammi sapere….


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #45385

    viandante
    Partecipante

    mi chiedevo se è poi cosi' importante dimostrare l'esistenza di Gesù storico, trovo piu' importante il messaggio veicolato dai vangeli(tutti)…e se si vuole essere cristiani questo dovrebbe bastare.


    #45386
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1361438937=farfalla5]
    Mi è venuto un altro dubbio su una questione. Non mi ricordo se è stato Mauro Biglino o DeAngelis a dire della non esistenza di Gesù storico. Cioè, mi ricordo che c'era scritto che gli Ebrei annotavano ogni piccolo particolare di tutti i giorni e di tutti gli anni. E non c'è nessun accenno alla figura di Gesù, sembra strano che non abbino scritto nulla su un personaggio così scomodo a loro, no? Oggi parlando con la mia amica mi venuto questo dubbio, per appunto, ma i rotoli del mar morto, i vangeli apocrifi non parlavano di Gesù e altri apostoli????
    [/quote1361438937]
    capisco chi cerca “verità storiche”
    ma mi posso davvero fidare di cosa e come è arrivato sotto gli occhi degli storici e dei ricercatori? Io no

    A cominciare da avvenimenti di questo tipo che mi insegnavano a scuola
    http://it.wikipedia.org/wiki/Biblioteca_di_Alessandria

    La Biblioteca reale di Alessandria fu la più grande e ricca biblioteca del mondo antico ed uno dei principali poli culturali ellenistici.
    Andò distrutta nell'antichità, probabilmente più volte tra l'anno 48 a.C. e il 642 d.C.; in suo ricordo è stata edificata, ed è in funzione dal 2002, la moderna Bibliotheca Alexandrina.

    Fonti antiche e moderne identificano quattro possibili occasioni dove sarebbe potuta intervenire una distruzione parziale o totale della Biblioteca:
    L'incendio del 48 a.C. di Giulio Cesare;
    L'attacco di Aureliano intorno al 270 d.C.;
    Il decreto di Teodosio I del 391 d.C.;
    La conquista araba del 642 d.C.

    Questo non perchè ci si debba ancorare a propri desideri o convinzioni, ma sempre perchè cerchiamo di conoscere cosa sia avvenuto nel nostro passato e come mai certe storie sono arrivate fino a noi, quella di Gesù ma anche tante altre..come leggiamo su AG e di cui abbiamo discusso nel forum.

    Sappiamo anche che:
    http://www.edicolaweb.net/librs92i.htm
    Milioni di persone sono cresciute con l’idea che la missione di Gesù si sia conclusa con la crocifissione per redimere i nostri peccati, ma quest’idea sta diventando insostenibile.
    Le ricerche di Hassnain descrivono un Gesù venuto a insegnare in tutto il mondo allora conosciuto e non solo nell’Impero Romano: i manoscritti scoperti da Hassnain provano che Gesù fu cresciuto e protetto dall’ordine degli Esseni e che trascorse gli anni “mancanti” della sua gioventù in Persia e in India.

    Vediamo nella storia e tutt'ora l'oscurità profonda che pervade la Chiesa, se Gesù è veramente esistito portando un certo messaggio e addirittura manifestandolo con cosiddetti “miracoli”, potremmo chiederci se la Chiesa ne avrebbe veramente protetto e difeso la testimonianza come esempio nel mondo o potremmo anche chiederci se la Chiesa sia veramente riuscita ad entrare in possesso dei documenti e delle complete informazioni su una esperienza di un tale livello divino…come suggerisce Haramein, se Gesù era l'”Arca vivente” capace di manifestare nel fisico il potere creativo alla base dell'Universo, forse non facevano “pubblicità”.

    Poi ci mettiamo anche che gli studiosi entrano in possesso di ciò che gli viene permesso e mi sa che rischiano se parlano e dimostrano ciò che non viene permesso..

    http://it.wikipedia.org/wiki/Manoscritti_del_Mar_Morto
    Fino al 1968 la maggior parte delle pergamene conosciute e dei frammenti sono stati custoditi nel Museo Rockefeller (già noto come Museo Archeologico della Palestina), a Gerusalemme. Dopo la guerra dei sei giorni, queste pergamene e frammenti furono spostati al Santuario del Libro, presso il Museo d'Israele, che tuttora ne conserva numerosi, mentre altri sono presso l'Istituto Orientale dell'Università di Chicago, al Seminario teologico di Princeton, all'Azusa Pacific University e nelle mani di collezionisti privati.

    ——–
    Recentemente questa teoria è stata criticata da diversi studiosi, che hanno proposto spiegazioni alternative che rivoluzionano del tutto le precedenti sino a mettere in dubbio l'esistenza stessa degli esseni e l'organizzazione della comunità del Mar Morto. Secondo tali teorie i rotoli proverrebbero da Gerusalemme, portati a Qumran da sacerdoti in fuga dalle persecuzioni ed accolti, rotoli e sacerdoti, da una comunità di famiglie sacerdotali ebraiche, dedite alla fabbricazione di ceramica rituale «pura»
    http://it.wikipedia.org/wiki/Manoscritti_del_Mar_Morto

    http://www.linchiesta.net/index.php?option=com_content&view=article&id=410:i-segreti-dei-rotoli-del-mar-morto&catid=1:ultime&Itemid=50
    La conclusione dell'analisi, condotta su richiesta dell'Istituto tedesco per la ricerca sui materiali (Bam) di Berlino, e' che la pergamena dei rotoli potrebbe essere stata realizzata sulle rive del Mar Morto nella zona di Qumran, proprio nella zona in cui i documenti sono stati trovati. Il prossimo passo dei ricercatori sara' analizzate gli inchiostri con cui sono stati realizzati i testi.

    http://studiumanistici.unipv.it/seth/ej/Jucci-Lo%20status%20quaestionis%20dell%E2%80%99archeologia%20qumranica%20RSB%201-2011%20p177-198%20(bozze).pdf
    Lo status quaestionis
    dell’archeologia qumranica

    Padre De Vaux, come riferiva Jean-Baptiste Humbert una decina
    d’anni fa, in un breve articolo scritto con gli amabili toni di un mediatore, amava raccontare un aneddoto a proposito delle famose «Stalle di re
    Salomone»: un gesuita ci vedeva un tempio, un magistrato un centro am –
    ministrativo e un militare dei baraccamenti, «ognuno vede ciò che vuole».


    #45387

    orkid
    Partecipante

    [quote1361440710=farfalla5]
    [quote1361436059=pasgal]
    Ismahel di Daniel Quinn
    [/quote1361436059]
    Alla fine Pas tu mi consigli sempre questo libro. Bene, appena finito il libro che leggo in questo momento leggerò anche Daniel Quinn.
    [/quote1361440710]

    Ismahel, The story of B., e My Ismahel sono da leggere uno in fila all'altro, ti cambiano veramente la vita!!! i migliori libri che io abbia mai letto!!! Per lo meno i più utili!!!

    http://nuovarivoluzionetribale.uphero.com/


    #45388

    Xeno
    Partecipante

    [quote1361443733=orkid]
    [quote1361440710=farfalla5]
    [quote1361436059=pasgal]
    Ismahel di Daniel Quinn
    [/quote1361436059]
    Alla fine Pas tu mi consigli sempre questo libro. Bene, appena finito il libro che leggo in questo momento leggerò anche Daniel Quinn.
    [/quote1361440710]

    Ismahel, The story of B., e My Ismahel sono da leggere uno in fila all'altro, ti cambiano veramente la vita!!! i migliori libri che io abbia mai letto!!! Per lo meno i più utili!!!

    http://nuovarivoluzionetribale.uphero.com/

    [/quote1361443733]

    Uauh Orkid sei un genio!

    :ok!:


    #45389
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ok, mi sa che mi avete convinto.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #45390
    kingofpop
    kingofpop
    Partecipante

    [quote1361453501=orkid]
    [quote1361440710=farfalla5]
    [quote1361436059=pasgal]
    Ismahel di Daniel Quinn
    [/quote1361436059]
    Alla fine Pas tu mi consigli sempre questo libro. Bene, appena finito il libro che leggo in questo momento leggerò anche Daniel Quinn.
    [/quote1361440710]

    Ismahel, The story of B., e My Ismahel sono da leggere uno in fila all'altro, ti cambiano veramente la vita!!! i migliori libri che io abbia mai letto!!! Per lo meno i più utili!!!

    http://nuovarivoluzionetribale.uphero.com/

    [/quote1361453501]

    concordo in pieno.Come sempre il tutto non deve essere preso come un dogma,ma questi testi APRONO DAVVERO GLI OCCHI.

    GRAZIE PAS :sagg:


    #45391
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    F.A.Q.
    Domande frequenti sulle idee di Daniel Quinn

    http://nuovarivoluzionetribale.uphero.com/faq.html

    http://nuovarivoluzionetribale.uphero.com/faq.html#faq_tribalismo
    FAQ sul tribalismo e sulla Nuova Rivoluzione Tribale:

    Come possiamo diventare dei Lascia?

    Risposta di Quinn:

    “Non vedo il diventare dei Lascia come qualcosa che possa essere ottenuto direttamente, come le persone diventano cristiane o diventano scienziati. Non è una questione di vivere in un certo modo o di fare più di qualcosa e meno di qualcos'altro. Io vedo la questione in questo modo. Se ci saranno ancora persone qui nel 2100, non vivranno nel nostro stesso modo (perché se le persone continueranno a vivere come noi, non ci saranno più persone qui nel 2100). Non vivranno come noi perché non penseranno a se stessi e al mondo come noi. Noi ci consideriamo una specie superiore e separata dal resto della comunità vivente, e se la gente continuerà a pensarla in questo modo, la specie umana si estinguerà.

    Uno dei peggiori risultati del considerarci superiori e separati dal resto della comunità vivente è che immaginiamo che mentre la nostra popolazione cresce, il resto della comunità della vita rimane uguale (perché è separata da noi), mentre invece la biomassa che stiamo aggiungendo alla popolazione umana viene direttamente dal resto della comunità vivente. Secondo stime conservative, fino a 200 specie al giorno si stanno estinguendo per sostentare la nostra crescita – la loro biomassa sta andando perduta (contribuendo alla desertificazione del mondo) o sta venendo convertita in cibo umano (e alla fine in biomassa umana).

    Se ci saranno ancora persone qui tra cento anni, sapranno che non sono separati dal resto della comunità della vita (e vivranno di conseguenza). In sostanza, saranno diventati Lascia – ma COME vivranno esattamente va oltre i miei poteri di previsione. Tutto ciò che posso dire con certezza è che è possibile per le persone vivere qui sostenibilmente. In un certo senso, sono come un fisico del 1890 che poteva dire con certezza che il volo di oggetti più pesanti dell'aria è possibile, ma senza sapere esattamente come fosse possibile farlo.”


    #45392

    orkid
    Partecipante

    “Ciò che ho detto è: se il mondo verrà salvato, lo sarà da persone con menti cambiate, persone con una nuova visione. Non verrà salvato da persone con vecchie menti e nuovi programmi. Non verrà salvato da persone con vecchie visioni e nuovi programmi.”
    Tutti nella stanza sembrarono guardarmi e aspettare la mia risposta.
    Non riuscivo a immaginare perché, ma non c'era modo di sbagliarsi. Dissi:
    “Non sono sicuro di capire la differenza tra un programma e una visione.”
    “Riciclare è un programma”, disse B. “Sostenere legislazioni ambientaliste è un programma. Non serve avere una nuova visione del mondo per praticare queste attività.”
    “Sta dicendo che programmi del genere sono una perdita di tempo?”
    “Niente affatto, per quanto tendano a dare alla gente un falso senso di progresso e speranza. I programmi sono avviati per contrapporsi e/o sconfiggere una visione.”
    “Mi dia un esempio di cosa intende per 'visione'.”
    “La visione della nostra cultura, per esempio, sostiene l'isolamento. Sostiene una casa diversa per ogni famiglia. Sostiene serrature alle porte. Sostiene vigorosamente rimanere isolati dietro le proprie porte e vedere il mondo elettronicamente. Stando così le cose, nessun programma è necessario per spingere le persone a starsene in casa a guardare la televisione. Invece serve un programma per spingerli a spegnere la
    televisione e uscire di casa. Per quello sì che hai bisogno di un programma.”
    “Capisco… Credo.”
    “L'isolamento è sostenuto da una visione, quindi si prende cura di se stesso. Ma gli edifici comunitari non lo sono, quindi devono essere supportati da un programma. I programmi inevitabilmente si contrappongono a una visione, e quindi devono essere imposti alle persone… Devono essere 'venduti' alle persone. Per esempio, se vuoi che le persone vivano semplicemente, riducano i consumi, riutilizzino e riciclino, devi creare programmi che incoraggino tali comportamenti. Ma se vuoi che consumino e sprechino molto, non hai bisogno di creare  programmi di incoraggiamento, perché questi comportamenti sono supportati dalla nostra visione.”
    “Sì, capisco.”
    “La visione è un fiume. I programmi sono dei bastoncini conficcati nel letto del fiume per cercare di impedirne il flusso. Quello che sto dicendo è che il mondo non verrà salvato da persone con dei programmi. Se verrà salvato, lo sarà perché le persone che lo abitano avranno una nuova visione.”

    estratto dal libro the story of B una delle mie citazioni preferite…


    #45393

    Paco
    Partecipante

    Anch'io ringrazio Pas per avermi fatto conoscere questo autore e i suoi libri…ti danno una bella botta in testa e nell'animo!! :si:


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 34 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.