ELDORADO…

Home Forum L’AGORÀ ELDORADO…

  • This topic has 8 partecipanti and 16 risposte.
Stai vedendo 7 articoli - dal 11 a 17 (di 17 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #125348
    kingofpopkingofpop
    Partecipante

    comunque è vero ke la scienza c vuol far credere tante cose su basi troppo ma troppo incocludenti…nn hanno prove abbastanza x dimostrare tante cose ke x loro sono 'incinfutabili'.
    sto sempre d+ vivendo la mia vita seguendo il mio istinto e quello ke sento da dentro sxando ke qualkuno da qualke parte superiore a me sappia guidarmi


    #125349
    Marcopan
    Partecipante

    E' un altro dei tasselli che retrodata la storia umana di migliaia di anni.


    #125350
    Pasquale GalassoPasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1266429765=farfalla5]
    [quote1266420609=pasgal]
    Sono enormi…
    [/quote1266420609]

    guarda al 1,15 minuto del secondo video dove c'è la rappresentazione grafica di questo enorme sito….

    [/quote1266429765]

    Enorme è la parola giusta farfallina…


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #125351
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    commento del video a lato:
    RUSSIAN TEAM OF DIVERS-EXPLORERS, LEAD BY ANDREY MAKAREVICH explores 80-100 feet high underwater man-made structure that composes a temple-pyramid YONAGUNI. This is the best underwater footage in existence so far that I came across with about the legendary site. ANDREW commenting their manmade discoveries in Russian (I did not translate footage with adding English subtitles-translation), but just watching the footage one would come to the realization of the presence of manmade artifacts and constructions, including THE HEAD. The site included a square-shaped structure covered with coral, a giant platform with edges and corners, as well as streets, stairways, and an arched building. One could say that the ruins resembled an ALTAR IN THE ANCIENT CITY. It covered about 200 meters from west to east, and about 140 meters from north to south. Its highest point reached about 26 meters. NOTE: The whole story started in 1986, when a diver near the island of Yonaguni Jima, off the southern tip of Japan (around Okinawa) came across some strange structures about 25 meters below sea level. They appeared to be stepped structures with terraces and ramps. One of the largest pyramid structures is 600 feet wide and 90 feet high with five separate levels of stone blocks with what appears to be road surrounding the structure. Tool marks and carvings have been discovered upon the stones (and documented) which indicate that they have were constructed rather than being natural stone structures. Masaaki Kimura, a marine geologist from Japans Ryukyus University, Japan has been studying and mapping the site for over 15 years and believes that the site is over five thousand years old but was sunk during an earthquake two thousand years ago. Others have estimated that the structure is far older including Teruaki Ishii, professor of geology at Tokyo University who determined that the submergence occurred at the end of the LAST ICE AGE which was around 10000 (12000 BC) years ago (allegedly over twice as old as the pyramids in Egypt by suggestion of the modern science) If this is the case, then our history books would have to be revised to take into account an advanced Eastern culture (LEMURIA, MU?) advanced than any early Western culture. It is interesting to note that a number of tools have been discovered both on land and in the sea around the structures. Close to the pyramid structure, what is thought to be the carving of a human head has been discovered (several feet tall), along with numerous unknown hieroglyphs (see hieroglyphs here http://www.pureinsight.org/node/1678).

    NOTE 2: VEDIC TEXTS state that 4 types of people arrived on this planet UNCHANGED (were not created by Hebrew-Jewish, Christian & Muslim God) WHITES, called RASA all current white people of Europe, also all dispersed all over the planet from this race; BLACKS all black people in Africa, also all dispersed all over the planet from this race; ORIENTALS all oriental people including Japanese, Chinese, Koreans, Mongolians, Evenki, Chukcha, etc, also all dispersed all over the planet from this race; REDS all native American Indians Inca, Maya, Aztec, etc, Australian Aborigines, also all dispersed all over the planet from this race. Taking in consideration Vedic knowledge – IT IS VERY OBVIOUS THAT UNDERWATER TEMPLE IN YONAGUNI BELONGS TO THE ORIENTAL RACE THAT EXISTED ON THIS PLANET IN PRE-DELUVIAN TIMES AND SUBMERGED UNDERWATER DURING THE ENF OF THE LAST ICE AGE. NOTE 3: Studies show scientists now estimate that the earth was born 4.6 billion years ago. Pre-hominid primates did not appear until the Pleistocene time, the Quaternary of Cenozoic, namely the Ice Age, which was about 1.8 million years ago. Based on fossil studies, some scientists believe that social activities and culture did not emerge until Holocene, about 12,000 years ago, during the decline and ending of the last ice age. Therefore, during the next 7,000 years, these cultures didn't appear to advance much and remained in the Stone Age. Records of writings and symbols first appeared about 5,000 year ago. The era before that time was referred to as the prehistoric period. HOWEVER, to the scientists' bewilderment, more and more prehistoric relics discovered on the ocean floor are challenging this point of view. The architects of the undersea relics not only had ingenious building and artistic skills, but also showed signs of an advanced civilization. Moreover, they knew written language and were able to build the pyramids. Current technology indicates that the area was above sea level 10,000 or more years ago. It is thus apparent that advanced civilization existed during prehistoric times, long before the Neolithic Period. Due to unknown reasons, these civilizations disappeared and left only wreckage under the sea. Here is some evidence for their existence.


    #125352
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    chissà quante ancora scopriremo….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #125353
    farfalla5farfalla5
    Partecipante

    Gli archeologi individuano l'entrata del tunnel teotihuacano

    Dopo otto mesi di scavo gli archeologi dell'Instituto Nacional de Antropologìa e Historia (INAH-Conaculta) hanno localizzato, a 12 metri di profondità, l'entrata del tunel che conduce a una serie di gallerie sottostanti al Tempio del Serpente Piumato nella Zona Archeologica di Teotihuacan, dove potrebbero essere stati deposti i resti dei governanti dell'antica città.

    E' stato effetuato stamane un giro nel sito archeologico con gli addetti stampa, e con l'archeologo Sergio Gómez Chávez, direttore del Progetto Tlalocan. Camminare sotto terra, ha permesso di conoscere i progressi nell'esplorazione sistematica che ha realizzato l'INAH in questo condotto sotterraneo, che fu chiuso circa 1800 anni fa dagli stessi teotihuacani e nel quale nessuno è mai entrato da allora.

    Gli specialisti dell'INAH aspettano di entrare nel tunnel nei prossimi due mesi ed essere così i primi dopo secoli dalla sua chiusura. Questi scavi, che sono i più profondi che sono stati fatti nel sito preispanico, si inseriscono nei festeggiamenti per la commemorazione dei primo centenario di esplorazioni archeologiche ininterrotte e dell'apertura al pubblico (realizzata nel 1910) di quella che fu rinominata Città degli Dei.

    Gómez Chávez ha spiegato che il passaggio sotterraneo passo sotto il Tempio del Serpente Piumato – l'edificio più importante del complesso – ed il suo ingresso fu localizzato a pochi metri da questa piramide.
    L'accesso si realizza attraverso una cavità a pianta quadrata verticale di quasi 5 metri di lato che scende fino ad una profondità di 14 metri dalla superficie; l'entrata conduce ad un largo corridoio di una lunghezza stimata di 100 metri che termina in una serie di camere sotterranee scavate nella roccia.

    Il tunnel fu scoperto nella fine del 2003 da Sergio Gómez e Julie Gazzola, ma la sua esplorazione ha richiesto vari anni di pianificazione e gestione delle risorse economiche necessarie per portare a termine l'investigazione al miglior livello scientifico. Il gruppo di ricercatori si integra di 30 persone e numerosi assessori di riconosciuto prestigio nazionale ed internazionale.

    Prima di iniziare gli scavi, gli archeologi dell'INAH, ebbero usufruirono della collaborazione del Dott. Víctor Manuel Velasco, dell'Instituto de Geofísica de la UNAM, che mediante un georadar riuscì a determinare che la lunghezza del tunnel era di cento metri e che al suo interno erano presenti anche grosse camere.

    Un'altra tecnologia utilizzata nell'esplorazione è stato lo scanner laser, un sofisticato dispositivo a grande risoluzione, facilitato dalla Coordinación Nacional de Monumentos Históricos (CNMH) del INAH, che registra in 3D i ritrovamenti archeologici.

    Appena un paio di settimane fa gli archeologi riuscirono a scoprire che l'ingresso del tunnel era sito nella posizione prevista, e fu allora che aprirono una piccola cavità nella sua parte superiore, e utilizzando uno scanner si presero le prime immagini dell'interno del passaggio fino ad una lunghezza di 37 metri, dei 100 che si ritiene raggiunga il corridoio sotterraneo interno.

    “Anche se ci rimane da scavare 2 metri in più per raggiungere la camera del tunnel, avendo le prime immagini dell'interno sapremo pianificare al meglio il modo in cui entrarci. Ancora, avremo la necessità di ritirare una grande quantità di terra ed un pesante blocco di pietra che ostacola l'accesso”.

    “Tutto il processo potrà portarci via più di due mesi di lavoro, ed è possibile che dovremo continua l'esplorazione con la stessa sistematicità che abbiamo avuto dall'inizio, in maniera tale da evitare di perdere informazioni importanti che ci permettano di conoscere come operavano i teotihuacani di migliaia di anni fa, ma soprattutto per quale motivo decisero di chiuderlo”, commenta l'archeologo Sergio Gómez.

    Fin'ora sono stati ritirati, a suo dire, 200 tonnellate di terra, tra cui sono stati ritrovati 60 mila frammenti di artefatti e pezzi di ceramica.

    Da parte sua, Ángel Mora, dell'Unidad de Apoyo Tecnológico della CNMH, e l'ingegnere Juan Carlos García, che opera con lo scanner, dettagliarono che introducendo il laser, che raggiunge i 300 metri, attraverso la piccola cavità aperta dagli archeologi, si registro una lunghezza di soli 37 metri. Mora ha segnalato che questa lettura è dovuta al fatto che il raggio laser “si scontra contro qualcosa, chissà con una grossa pietra, o perchè il corridoio ha un qualche dislivello”.

    Sergio Gómez riferisce che non è ancora potuto determinare con precisione l'epoca della costruzione del tunnel, ma senza dubbio è stato riscontrato che fu chiuso dagli stessi teotihuacani. “Vari indizi appuntano che l'ingresso sotterrane fu chiuso tra il 200 ed il 250 d.C., probabilmente dopo aver depositato qualcosa al suo interno. Una delle ipotesi che postuliamo è che dentro le grandi camere segnalate dal georadar, si potrebbero localizzare i resti di importanti personaggi della città”.

    Le investigazioni hanno permesso di sapere con esattezza che questo tunnel sia anteriore alla costruzione del Tempio del Serpente Piumato, così come della Ciudadela de Teotihuacan. Il tunnel è contemporaneo ad una struttura architettonica di grandi dimensioni, che potrebbe essere un campo di gioco al pallone, in accordo con la forma che ha la sua pianta, ha ipotizzato l'archeologo.

    Sfortunatamente, segnalò l'investigatore dell'INAH, allo stesso tempo in cui fu chiuso il tunnel – arroccando una grande quantità di pietre, che bloccarono l'accesso – il terreno di gioco fu anch'esso distrutto e smantellato dai teotihuacani. Ne restano appena pochi pezzi, per cui le ricerche proseguono ancora con molta attenzione.

    “Localizzando l'entrata del tunnel si compie uno degli obiettivi più importantidel Progetto Tlalocan che era, precisamente, raggiungere l'accesso principale in cui è ubicato l'ingresso, per poter effetuare gli scavi. Dobbiamo continuare a scavare il tunnel verticale, tanto da poter arrivare all'altezza delle camere interne e cominciare l'esplorazione del tunnel in direzione Est. ”

    Nella parte bassa dell'enerme cavità, gli archeologi localizzarono vari muri sovrapposti fatti di enormi blocchi perfettamente tagliati. Fino ad ora hanno dissotterrato 2 metri di altezza dei 4 o 5 che raggiungono.

    Secondo l'ipotesi sul significato ed il simbolismo del tunnel l'archeologo Sergio Gómez, commentò che il tunnel doveva essere vincolato a concetti di relazioni con l'inframondo, in manieta tale da non scartale l'idea che in questo luogo avvenissero rituali di iniziazione ed investitura divina di governanti teotihuacani.

    Anche se è risaputo che quando morivano i governati erano seppelliti nei luoghi più sacri. “Da molto tempo gli archeologi nazionali e stranieri hanno cercato di localizzare le tombe dei governanti della antica città, ma la ricerca era stata infruttuosa.”

    “E' proprio per questo che le nostre aspettative vanno crescendo di giorno in giorno, proprio per cui c'è la possibilità che una delle camere interne nasconda una o più tombe”.

    Fino a questo momento gli scavi hanno permesso di recuperare migliaia di piccoli ornamenti e pietre preziose, alcune anche di importazione dal Guatemala, che furono poste all'ingresso della cavità, come segno propiziatorio nel momento della sua chiusura.

    http://www.climatrix.org/2010/08/gli-archeologi-individuano-lentrata-del.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+climatrix-blog+(Climatrix+Blog)


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #125354
    kingofpopkingofpop
    Partecipante

    gran bella notizia..speriamo si vada ancora avanti


Stai vedendo 7 articoli - dal 11 a 17 (di 17 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.