Energia

Home Forum MISTERI Energia

Questo argomento contiene 145 risposte, ha 14 partecipanti, ed è stato aggiornato da  paolo-r 10 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 146 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #5179

    paolo-r
    Partecipante

    Se ne parla tanto ma cosa è?Una di quelle cose che a scuola fanno passare in secondo piano..o meglio la descrivono senza però spiegare cosa sia…In generale quello che sappiamo è la capacità di compiere lavoro…Ma che vuol dire???Nulla…
    Vi dò la mia versione personalissima di energia…la vostra?
    Energia: essenza fluida presente in quiete in varie densità, in presenza di un'anomalia perde lo stato di quiete generando spazi tridimensionali secondo geometrie predefinite…ogni spazio tridimesionale sarà così caratterizzato dalla geometria del fluido e dalla sua frequenza di pulsazione che genera l'illusione del tempo.In ogni spazio l'energia dinamica riproduce l'anomalia (che l'ha resa tale) in scala sempre più piccola con le stesse regole geometriche e di frequenza….


    #5180

    paolo-r
    Partecipante

    quindi non è la spazio a definire le regole geometriche..ma è la geometria che definisce lo spazio…così come non è il tempo a definire la frequenza ma è la frequanza che genera l'illusione di tempo..


    #5181

    windrunner
    Partecipante

    Ti rispondo di getto però voglio approfondire perchè mi interessa ed ho sottomano degli articoli che ne parlano !!! 😉

    Allora, secondo me

    ENERGIA –> SUONO –> VIBRAZIONE

    VIBRAZIONE –> SUONO –> ENERGIA

    Voglio approfondire perchè sto arrivando a questa comprensione scaturita da una semplice frase: “All'inizio ci fu il Verbo”

    Ciao ! 🙂


    #5183
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    “L'etere è portatore di luce e riempie ogni spazio, l'etere agisce come forza creativa che dà la vita.

    Viaggia in “turbini infinitesimi” (“micro eliche”) prossime alla velocità della luce, divenendo materia misurabile. La sua forza diminuisce e arriva a terminare del tutto, regredendo in materia, secondo una specie di processo di decadimento atomico. Gli uomini possono dunque imbrigliare questi processi di passaggio dall'energia alla materia, e dunque può catturare materia dall'etere, alterare la grandezza della Terra, controllare le stagioni, guidare la rotta della terra attraverso l'Universo, come una navicella spaziale, e poi causare collisioni di pianeti per produrre nuovi soli e stelle e dunque, calore e luce. L'uomo può originare e sviluppare la vita infinitamente.”
    N.Tesla

    http://etleboro.blogspot.com/

    [youtube=425,344]iM_E6sRQQAg

    ———

    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm

    Capitolo Uno

    LE CONQUISTE DEL DOTT. N.A. KOZYREV

    di David Wilcock

    1.1 – L’ETERE

    Il termine “aether” in greco significa “splendore”, e la realtà fondamentale di una tale invisibile, fluida sorgente di energia universale è da sempre una delle caratteristiche delle scuole segrete misteriche di tutto il mondo

    .

    Le opere dei filosofi greci Pitagora e Platone vi dedicano molto spazio, così come le scritture dei Veda dell’antica India; queste opere chiamano l’etere in molti modi fra cui “prana” o “Akasha”. In Oriente, esso è conosciuto come “chi” o “ki”, e viene data una speciale importanza alle sue interazioni con il corpo umano, come nella scienza dell’agopuntura. Maestri e adepti che ereditassero una tale tradizione segreta potrebbero eventualmente imparare a manipolare quest’energia, creando risultati miracolosi, quali levitazione, teletrasporto, manifestazioni, guarigioni istantanee, telepatia e simili. Tali risultati sono stati ripetutamente documentati nel XX secolo e studiati in laboratorio, come abbiamo scritto in Convergence III.

    L’esistenza dell’etere è stata manifestamente accettata senza riserve nei circoli scientifici a partire dai primi anni del XX secolo, dopo che l’esperimento Michelson-Morley del 1887 era stato “cooptato” per provare che una simile forma di energia nascosta non esisteva. D’altra parte, le scoperte più recenti sulla “massa oscura”, l’”energia oscura”, le “particelle virtuali”, il “vacuum flux”, e l’”energia del punto-zero”, per citarne solo alcune, hanno portato gli scienziati occidentali riluttanti a dover riconoscere che invece doveva esistere un medium energetico nascosto nell’Universo. Finché si adopera un termine rassicurante come “quantum medium” anziché la parola proibita “etere”, è possibile parlare sulla stampa ufficiale senza timore di cadere nel ridicolo. L’establishment scientifico di base è assai duramente polarizzato contro chiunque si avvicini ad una teoria “eterica”: loro “sanno” che una simile teoria è palesemente falsa, e si batteranno vigorosamente per questo. Comunque, una simile repressione non fa altro che incrementare il desiderio e l’impegno di quanti si adoperano per risolvere il puzzle.

    Uno dei primi esempi della prova dell’esistenza dell’etere proviene dal dott. Hal Puthoff, un rispettabile scienziato della Cambridge University. Puthoff menziona di frequente gli esperimenti compiuti all’inizio del XX secolo, prima dell’avvento della teoria meccanica dei quanti, che cercavano di definire se ci fosse una forma di energia nello spazio vuoto. Per verificare quest’idea in laboratorio, era necessario creare uno spazio completamente privo di aria (il vacuum), schermato e protetto da tutti i tipi di radiazione elettromagnetica, usando ciò che è noto con il nome di gabbia di Faraday. Questo vacuum veniva portato alla temperatura di meno 273 gradi (lo zero assoluto), alla quale tutta la materia dovrebbe smettere di vibrare e di produrre calore.

    Questi esperimenti provarono che, anziché assenza di energia nel vacuum, si verificava un tremendo aumento di essa, per giunta da una fonte non-elettromagnetica! Il dott. Puthoff ha spesso definito questo processo come “un calderone in ebollizione” di energia alla più elevata magnitudine. Dato che questa energia potrebbe essere trovata allo zero assoluto, tale forza è stata chiamata “energia del punto zero” o ZPE (zero point energy), mentre gli scienziati russi di solito la definiscono “il vacuum fisico”, o PV (phisical vacuum). Recentemente, gli affermati fisici John Wheeler e Richard Feynman hanno calcolato che:

    La quantità di zero point energy nel volume spaziale di un singolo bulbo luminoso è potente abbastanza da portare tutti gli oceani del mondo al punto di ebollizione!
    —————-
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_09.htm
    Capitolo Nove

    COLLEGAMENTO FRA ONDE DI TORSIONE E COSCIENZA

    di David Wilcock

    9.3 – I CAMBI DI POLARIZZAZIONE DI SPIN DI UN ATOMO SONO POSSIBILI

    Prima di procedere, dobbiamo qui notare che la polarizzazione di spin di un atomo non è necessariamente fissa in direzione destra o sinistra. L’Istituto di Ricerche Materiali di Kiev, in Ucraina, ha eseguito una serie di esperimenti dove un oggetto è stato esposto ad un campo torsionale creato dal terzo processo della lista precedente. Essi hanno trovato che se la radiazione di torsione è sufficientemente forte, lo stato di spin degli atomi stessi può essere cambiato. Più avanti in questo capitolo vedremo che questi cambi possono essere eventualmente abbastanza sostanziali da alterare la struttura e l’apparenza di un materiale, come il colore del granito o l’affilatura della lama di un rasoio.

    In modo ancor più interessante, l’ Istituto di Ricerche Materiali ha anche determinato che persone con forti capacità psichiche sono capaci anche di creare identici cambiamenti nella polarizzazione di spin di varie sostanze semplicemente focalizzando la loro coscienza.

    Nessun’altra tecnologia può creare tali cambiamenti negli oggetti fisici. Questo suggerisce ancora che la coscienza e le onde di torsione sono in realtà la stessa identica cosa, e nella ricerca russa ed ucraina sulla piramide di questo capitolo potremo vedere di più della crescente evidenza che punta direttamente a questa conclusione.

    ……………….

    DIO L’ENERGIA CREATIVA O FORZA UNIVERSALE

    http://www.edgarcayce.it/media/diol%27energia.htm

    D- E’ corretto pregare pensando a Dio come forza o energia impersonale, ovunque presente; oppure come mente intelligente in ascolto la quale è consapevole di ogni individuo sulla terra e che conosce intimamente i bisogni di ognuno e sa come affrontarli ?
    R- Entrambe le cose. Perché Egli è anche le energie nel finito che si muovono nella manifestazione materiale. Egli è anche l’Infinito, con la consapevolezza. E così, come metti in sintonia la tua stessa coscienza, la tua consapevolezza, lo sviluppo della presenza dentro di te testimonia della presenza fuori di te. 1158-14

    Ogni individuo è, in realtà, quella manifestazione della concezione dell’individuo della forza che lo incita dal suo intimo, sia essa chiamata Dio, Natura, Forze Universali, poteri naturali o che altro. 900-234

    La vita è creativa ed è la manifestazione di quell’energia, quell’unità che non potrà mai essere completamente percepita o scoperta nella materialità — eppure è la base di tutte le forze e influenze motivanti nelle esperienze di un individuo. 2012-1


    #5182

    paolo-r
    Partecipante

    nel mio caso il “Verbo”..è “l'anomalia”


    #5184

    paolo-r
    Partecipante

    energia=etere…dovrebbe essere così…la cosa interessante è che gli antichi alchimisti pensavano all'etere come al quinto elemento e come indispensabile per la produzione della Pietra…lo ricercavano in quella che loro chiamavano “prima materia” da cui l'opera doveva avere inizio…comincio a pensare che questa prima materia sia , passatemi il termine, etere condensato in materia senza una connotazione tipica della materia stessa…un solido amorfo che non corrisponde a una materia fatta di elementi chimici conosciuti….certo è che secondo gli alchimisti di “prima materia” ce n'era in abbondanza in tutto il mondo…per i non iniziati all'arte era materia vile che si compra al mercato per due soldi e che le massaie buttano con disprezzo dalla finestra…mah


    #5185
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Tutto è prodotto da questa “Anomalia”
    Leggi DivineCosmos e avrai molte informazioni

    LUCE SULLA FISICA QUANTICA

    di David Wilcock
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_02.htm

    2.1 – MECCANICA BASILARE DEL QUANTUM ETERICO

    Gli esperimenti del dott. Kozyrev forniscono un punto di vista radicalmente differente sulla materia e le sue interazioni e connessioni con l’ambiente circostante, rispetto a ciò che si dice nella scienza ufficiale. Perciò, per giustificare il motivo per cui la materia incrementa e decrementa leggermente di peso è necessario pensare a un nuovo modello di meccanica quantica, basato sulle interazioni con una fonte non-elettromagnetica di energia fluida. Questioni di tipo più esoterico, collegate al modo di connettersi dei campi torsionali con la coscienza e la spiritualità saranno discusse nei successivi capitoli; a questo punto, il nostro proposito principale è quello di stabilire in fisica un sistema di lavoro che spieghi esattamente che cosa sia la materia. Se non altro, le scoperte di Kozyrev ci fanno capire che non possediamo ancora un modello adeguato per rispondere a questa domanda.

    Per fortuna, molti pensatori esperti stanno affrontando i problemi relativi alla fisica quantica, e sono riusciti ad illustrare modelli basati sull’etere che rispondono a queste assillanti questioni, ma questi risultati sembrano essere stati completamente ignorati nella comunità scientifica ufficiale occidentale. Fra questi pionieri possiamo includere i professori Milo Wolff, Vladimir Ginzburg, Volodymyr Krasnoholovets, Charles Cagle, “Smart 1234”, John Nordberg, Henry Myers, Harold Aspden, R.B. Duncan, Buckminster Fuller, Oliver Crane, il Ten. Col. Tom Bearden e molti altri. Ognuna di queste fonti contiene differenti pezzi del ‘puzzle’, ma immaginiamo che il lavoro di Rod Johnson possa servire a spiegare una serie di paradossi restanti – di questo studioso parleremo nel capitolo quattro. Anche se certamente è possibile per autori futuri presentare un modello completo e unificato, tratteremo solo alcune interessanti linee guida allo scopo di dimostrare che un simile modello può e deve invece esistere.


    #5186

    paolo-r
    Partecipante

    lo conosco a memoria…ma ci sono alcune cose che non riesco a capire…


    #5188
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Cosa è l'Energia?
    Potrei dire la Vita stessa più che il motore della Vita
    Qua entriamo in un campo di contrasti per chi non vuole accettare
    Credo che qua Cayce dia la spiegazione più profonda che possiamo cogliere
    http://www.edgarcayce.it/media/diol%27energia.htm

    Poi come centri di “distribuzione” potremmo attingere da questo
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm

    ..Secondo Sciama ed altri, i campi torsionali statici sono causati da sorgenti ruotanti che non irradiano alcuna energia. Perciò, se si ha una qualsiasi fonte ruotante in grado di rilasciare energia sotto qualunque forma, come il Sole o il centro della Galassia, e/o una fonte ruotante che possiede più forme di movimento che agiscono contemporaneamente, come un pianeta che sta ruotando intorno al proprio asse e nello stesso tempo intorno al Sole, allora viene prodotta una torsione dinamica….

    in questo video che ti consiglio

    Alla fine un scienziato Giapponese mostra un piccolo dispositivo in funzione e spiega che per capire come attinge energia dobbiamo dimenticare le leggi fisiche che regolano questa dimensione e apprenderne altre..
    Capisci che la domanda “cos'è l'Energia” forse non ha ancora una risposta così precisa..forse però parlando di “energia” stiamo facendo confusione con i termini

    http://it.wikipedia.org/wiki/Energia
    L'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico l'energia è definita come tutto ciò che può essere trasformato in calore a bassa temperatura.
    La parola energia deriva dal tardo latino energīa, a sua volta dal greco energheia, parola usata da Aristotele nel senso di azione efficace, composta da en, particella intensiva, ed ergon, capacità di agire. Fu durante l'epoca del Rinascimento che, ispirandosi alla poesia aristotelica, il termine fu associato all'idea di forza espressiva. Ma fu solo nel 1619 che Keplero usò il termine nell'accezione moderna di energia fisica.

    Sei sicuro che la tua domanda non vada riformulata? Cosa vuoi capire?


    #5187

    paolo-r
    Partecipante

    vorrei capire cosa è dato che se ne parla tanto ma come vedi la definizione accademica è un pochetto debole..
    in più conosciamo veri tipi di energia..nucleare elettrica termica ecc…sono tutte cose diverse?diverse espressioni di una stessa cosa?e se quest'ultima è vera come si collegano all'energia primaria o etere..?


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 146 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.