FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Home Forum L’AGORÀ FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Questo argomento contiene 1,071 risposte, ha 53 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 3 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 1,072 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #123394
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    SONO A SULMONA E C'è STATA UNA FORTISSIMA SCOSSA DI TERREMOTO.
    EPICENTRO L'AQUILA
    AMICI DI ROMA MI DICONO CHE SI è AVVERTITA MOLTO FORTE ANCHE NELLA CAPITALE.


    #123397

    silvana
    Partecipante

    Terremoto all'Aquila: esatte le previsioni di Giuliani pero' denunciato dalla Protezione Civile per procurato allarme
    http://www.primapress.it/news/118/ARTICLE/2598/2009-04-06.html

    Non ho parole ~grrr


    #123399
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    cavoli ragazzi..


    #123400

    Sephiroth
    Partecipante

    [quote1238999741=silvana]
    Terremoto all'Aquila: esatte le previsioni di Giuliani pero' denunciato dalla Protezione Civile per procurato allarme
    http://www.primapress.it/news/118/ARTICLE/2598/2009-04-06.html

    Non ho parole ~grrr
    [/quote1238999741]

    Dovrebbe essere denunciato Bertolaso per palese incompetenza, Giuliani dice di aver scoperto il metodo con cui prevedere i terremoti fino a 6-24 ore prima

    Il tecnico abruzzese, denunciato per procurato allarme, spiega
    a un blog il funzionamento del suo “precursore sismico”
    “Così posso prevedere i terremoti
    In Abruzzo ci sono 5 apparecchi”

    Giampaolo Giuliani
    ROMA – Giampaolo Giuliani, il tecnico denunciato per procurato allarme dopo aver previsto che un terremoto di grande entità avrebbe potuto colpire la zona di L'Aquila, era stato intervistato il 24 marzo anche dal blog DonneDemocratiche.it . Nell'intervista, dopo aver raccontato com'è nato il suo apparecchio, aveva corretto la sua prima previsione, dicendo: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini”.

    In un'altra intervista, rilasciata ad una tv locale, ora visibile su You Tube e sul sito di Repubblica.it, era stato più determinato e aveva detto che una rete di “precursori” potrebbe garantire una capacità predittiva di grande rilevanza umana e sociale.

    Nell'intervista Giuliani specifica che il precursore arriva ad anticipare il verificarsi di un terremoto fino a 6-24 ore prima.

    La tecnica è basata sullo studio del “comportamento” dell'elemento chimico chiamato Radon: “Nel 2001 stavamo osservando il misuratore di particelle cosmiche presso l'Istituto quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo una quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon. Così ho impiegato quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l'aiuto di un sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in corrispondenza di un evento sismico. Nel 2002, ad esempio, in corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100 volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava più di 50 km da L'Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa la collocazione o la direzione dell'evento stesso. Oggi con 5 precursori saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i segnali di concentrazione del radon”

    Dopo aver fornito elementi utili sulle caratteristiche del Radon, Giuliani dice che il suo apparecchio non si trova nel campo della teoria, me ne esistono già cinque esemplari:” “I 5 Precursori sismici si trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell'INFN), presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3 metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente sovrapponibile.”

    Poi Giuliani entra nel merito degli allarmi che si sono verificati in Abruzzo e della sua previsione: “I dati ottenuti in questi 9 anni di studi, ci hanno consentito di rilevare un rischio sismico maggiore nel periodo invernale che va da novembre ad aprile. Senza voler banalizzare, ma per semplificare i concetti, posso aggiungere anche che l'attività sismica è strettamente correlata alle fasi lunari. In particolare quest'anno, il sistema Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio (punto più vicino al Sole, in inverno) con la Luna nello stesso periodo alla minima distanza dalla Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in fase di Venere piena anch'essa vicina. L'attrazione gravitazionale delle masse sulla Terra hanno intensificato l'effetto marea sul nostro pianeta, rendendo gli eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri sciami, cui siamo stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.”

    Ma evidentemente il metodo non è ancora accettato uniformemente. Giuliani descrive così l'atteggiamento della comunità scientifica: “Mi osserva con interesse … una parte mi da fiducia, come dimostra anche il Direttore dell'INFN che mi ha messo a disposizione un locale per ospitare uno dei 5 Precursori sismici; una parte è un po' più cauta e scettica.”

    http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/cronaca/terremoto-nord-roma/giulianigiampaolo/giulianigiampaolo.html


    #123402
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Riporto una nota scritta da Andrea Doria su Facebook poco fa:

    Durante la serata e la nottata di ieri mezza italia si è svegliata per il gran numero di terremoti che si è sviluppato partendo dall'appennino tosco-emiliano, fino a giungere per risonanza sino alle porte di Roma, dove il mio soppalco ha dondolato come una gondola per poco meno di un minuto. Chiaramente quando accadono questi eventi c'è immediatamente chi pensa che siano di origine prettamente terrestre, ma in realtà non è sempre così. Difatti, evento segnalato da nessuno, è che la situazione astronomica di ieri è stata solo in apparenza “calma”:

    il Sole appare assolutamente privo di macchie. Solo una anomalia che non dovrebbe succedere in assenza di “spots”. Proprio ieri c'è stato un totalmente inaspettato Flare di Plasma sul Sole alto 50.000 chilometri (foto), talmente forte che il suo campo magnetico non è riuscito a trattenerlo…

    Ora ho qualche certezza in più circa i miei dubbi su ciò che dobbiamo attenderci nei prossimi anni…

    http://www.new.facebook.com/note.php?note_id=75935551568&ref=nf


    #123403

    sephir
    Partecipante

    negue tutto bene a sulmona ?… ho un po di amici e conoscenti da voi!
    Anche io ho avuto notizie fresche da roma e a quanto pare si è sentita una scossa fortissima stamattina!

    Speriamo bene ragazzi! ora vedo un po di notizie!


    #123404
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1239007115=Sephiroth]
    [quote1238999741=silvana]
    Terremoto all'Aquila: esatte le previsioni di Giuliani pero' denunciato dalla Protezione Civile per procurato allarme
    http://www.primapress.it/news/118/ARTICLE/2598/2009-04-06.html

    Non ho parole ~grrr
    [/quote1238999741]

    Dovrebbe essere denunciato Bertolaso per palese incompetenza, Giuliani dice di aver scoperto il metodo con cui prevedere i terremoti fino a 6-24 ore prima

    Il tecnico abruzzese, denunciato per procurato allarme, spiega
    a un blog il funzionamento del suo “precursore sismico”
    “Così posso prevedere i terremoti
    In Abruzzo ci sono 5 apparecchi”

    Giampaolo Giuliani
    ROMA – Giampaolo Giuliani, il tecnico denunciato per procurato allarme dopo aver previsto che un terremoto di grande entità avrebbe potuto colpire la zona di L'Aquila, era stato intervistato il 24 marzo anche dal blog DonneDemocratiche.it . Nell'intervista, dopo aver raccontato com'è nato il suo apparecchio, aveva corretto la sua prima previsione, dicendo: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini”.

    In un'altra intervista, rilasciata ad una tv locale, ora visibile su You Tube e sul sito di Repubblica.it, era stato più determinato e aveva detto che una rete di “precursori” potrebbe garantire una capacità predittiva di grande rilevanza umana e sociale.

    Nell'intervista Giuliani specifica che il precursore arriva ad anticipare il verificarsi di un terremoto fino a 6-24 ore prima.

    La tecnica è basata sullo studio del “comportamento” dell'elemento chimico chiamato Radon: “Nel 2001 stavamo osservando il misuratore di particelle cosmiche presso l'Istituto quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo una quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon. Così ho impiegato quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l'aiuto di un sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in corrispondenza di un evento sismico. Nel 2002, ad esempio, in corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100 volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava più di 50 km da L'Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa la collocazione o la direzione dell'evento stesso. Oggi con 5 precursori saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i segnali di concentrazione del radon”

    Dopo aver fornito elementi utili sulle caratteristiche del Radon, Giuliani dice che il suo apparecchio non si trova nel campo della teoria, me ne esistono già cinque esemplari:” “I 5 Precursori sismici si trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell'INFN), presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3 metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente sovrapponibile.”

    Poi Giuliani entra nel merito degli allarmi che si sono verificati in Abruzzo e della sua previsione: “I dati ottenuti in questi 9 anni di studi, ci hanno consentito di rilevare un rischio sismico maggiore nel periodo invernale che va da novembre ad aprile. Senza voler banalizzare, ma per semplificare i concetti, posso aggiungere anche che l'attività sismica è strettamente correlata alle fasi lunari. In particolare quest'anno, il sistema Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio (punto più vicino al Sole, in inverno) con la Luna nello stesso periodo alla minima distanza dalla Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in fase di Venere piena anch'essa vicina. L'attrazione gravitazionale delle masse sulla Terra hanno intensificato l'effetto marea sul nostro pianeta, rendendo gli eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri sciami, cui siamo stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà scemando con la fine di marzo.”

    Ma evidentemente il metodo non è ancora accettato uniformemente. Giuliani descrive così l'atteggiamento della comunità scientifica: “Mi osserva con interesse … una parte mi da fiducia, come dimostra anche il Direttore dell'INFN che mi ha messo a disposizione un locale per ospitare uno dei 5 Precursori sismici; una parte è un po' più cauta e scettica.”

    http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/cronaca/terremoto-nord-roma/giulianigiampaolo/giulianigiampaolo.html

    [/quote1239007115]

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.989

    REPORT: Dal sole parte una spirale gialla. Dalla terra, invece, una spirale blu. Proseguendo gli studi di Marconi, Ighina ha determinato che l’incontro dell’ energia solare, positiva, e dell’ energia terrestre, negativa, forma la materia. La pulsazione di questo incontro è l’ atomo magnetico.

    PIERLUIGI IGHINA: L’ atomo magnetico prende l’ energia solare e si apre, prende quella terrestre e si chiude. Questa è la vita nostra. Pulsare sempre, tutto pulsa.
    Quello che non pulsa non vale niente.

    REPORT: Tutti gli esperimenti di Ighina sono basati sul ritmo di energia solare e terrestre. Attraverso questo ritmo si possono rigenerare cellule vive, neutralizzare terremoti, allontanare e avvicinare le nuvole…

    ———
    REPORT: E lei ci può provare che attraverso questa valvola si evita il terremoto?

    PIERLUIGI IGHINA: Si, se ho ancora i giornali glieli porterò: a Modena è venuto il terremoto, a Faenza è venuto il terremoto e a Imola niente.

    REPORT: Lei l’ha proposta a qualcuno questa valvola?

    PIERLUIGI IGHINA: A tutti.

    REPORT: E cosa le hanno risposto?

    PIERLUIGI IGHINA: Che se ne fregano.

    REPORT: Perché?

    PIERLUIGI IGHINA: Perché gli costerebbe troppa fatica. E poi non ci credono.

    REPORT: Lei ha mai provato a brevettare una sua invenzione per commercializzarla?

    PIERLUIGI IGHINA: Non serve.

    REPORT: Perché non serve?

    PIERLUIGI IGHINA: Perché se lo sanno lo fanno tutti. Perché frenare una cosa che posso divulgare a tutti per farla adoperare?


    #123401

    sephir
    Partecipante

    [quote1239007222=giusparsifal]
    Riporto una nota scritta da Andrea Doria su Facebook poco fa:

    Durante la serata e la nottata di ieri mezza italia si è svegliata per il gran numero di terremoti che si è sviluppato partendo dall'appennino tosco-emiliano, fino a giungere per risonanza sino alle porte di Roma, dove il mio soppalco ha dondolato come una gondola per poco meno di un minuto. Chiaramente quando accadono questi eventi c'è immediatamente chi pensa che siano di origine prettamente terrestre, ma in realtà non è sempre così. Difatti, evento segnalato da nessuno, è che la situazione astronomica di ieri è stata solo in apparenza “calma”:

    il Sole appare assolutamente privo di macchie. Solo una anomalia che non dovrebbe succedere in assenza di “spots”. Proprio ieri c'è stato un totalmente inaspettato Flare di Plasma sul Sole alto 50.000 chilometri (foto), talmente forte che il suo campo magnetico non è riuscito a trattenerlo…

    Ora ho qualche certezza in più circa i miei dubbi su ciò che dobbiamo attenderci nei prossimi anni…

    http://www.new.facebook.com/note.php?note_id=75935551568&ref=nf

    [/quote1239007222]

    ecco infatti ..dicevo appunto SPERIAMO BENE in questo senso… richard che dici tu? sospetti, qualcosa di già preannunciato o un semplice caso sismico…. mi sa che di semplice pian piano rimarrà pochino…


    #123406
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Richard, in parte questo confermerebbe ciò che ha scritto Doria, giusto?


    #123407

    sephir
    Partecipante

    Scossa di terremoto tra le Marche e la Romagna e nell'Aquilano

    Attorno alle 22.20 e' stata avvertita una forte scossa di terremoto in alcune zone dell'Emilia-Romagna. In particolare la scossa e' stata avvertita nel ferrarese e nell'imolese. Non si hanno ancora notizie di eventuali danni a cose o persone.

    La scossa, particolarmente intensa, e' stata avvertita anche nel Forlivese, nella zona dell'appennino, nel Cesenate e a Rimini e nel Bolognese. A Forli' e Cesena alcune persone sono anche scese in strada. Per la protezione civile dell'Emilia-Romagna, il sisma ha avuto epicentro nella zona dell'appennino forlivese, e sono in corso verifiche sui danni.

    L'epicentro
    Ha avuto magnitudo 4.6, con epicentro tra i comuni di Forli', Forlinpopoli e Castrocaro Terme, in provincia di Forli', e di Faenza in provincia di Ravenna, la scossa che e' stata avvertita questa sera in varie regioni dell'Italia centrale. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione civile. Il dato tecnico e' dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. La scossa e' avvenuta alle ore 22.20. Dalle verifiche della Protezione civile, non risultano al momento danni a persone o cose.

    Scossa avvertita fino a Trieste
    E' stata avvertita anche a Trieste la scossa di terremoto che intorno alle 22:20 ha interessante alcune zone dell'Emilia Romagna. La scossa – si e' saputo dalla Sala Operativa di Palmanova (Udine) della Protezione Civile – e' stata sentita in varie zone di Trieste, a Muggia (Trieste), Grado (Gorizia) e Lignano (Udine), oltre che ai piani alti di varie localita' lungo la costa friulana. L'epicento – secondo i rilevamenti della rete sismica della stessa Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia – e' stato localizzato nella zona di Ravenna, con intensita' fra il quarto e il quinto grado della scala Richter. Alla Protezione Civile sono giunte varie telefonate da localita' costiere friulane e giuliane, ma non sono segnalati ne' danni, ne' feriti.

    Scossa anche nell'Aquilano
    Una scossa sismica e'stata avvertita alle 22.48 dalla popolazione nella provincia de L'Aquila. Le localita' prossime all'epicentro sono state L'Aquila, Pizzoli, Barete e Scoppio. Dalle verifiche effettuate dalla sala situazione del Dipartimento della Protezione Civile, non risultano al momento danni a persone o cose.

    La scossa sarebbe stata di magnitudo 3.9, secondo quanto appreso dai Vigili del Fuoco dell'Aquila, che hanno ricevuto molte telefonate da gente allarmata. Molti cittadini hanno abbandonato le abitazioni. Per il momento non si segnalano danni a persone o cose.

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=113577

    Aspide, non pensavo! io sono a bologna e mica ho sentito scosse alle 22:00!
    Qualcuno emiliano romagnolo ha sentito???


Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 1,072 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.