FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Home Forum L’AGORÀ FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Questo argomento contiene 1,071 risposte, ha 53 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 4 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 811 a 820 (di 1,072 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #124204
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    la coscienza è in subbuglio, non si riesce piu a velare..


    #124205

    lila
    Partecipante

    SEQUENZA DI SISMI IN TUTTO IL MONDO: QUESTIONE PLANETARIA O NORMALE ATTIVITA’ TELLURICA?. GIAMPAOLO GIULIANI RISPONDE

    Giampaolo Giuliani, ricercatore aquilano che attraverso gli studi di precursori sismici (gas sotterranei) come il Radon, è stato in grado di prevedere attraverso le sue stazioni di rilevamento, il terremoto che colpì L’Aquila lo scorso 6 aprile 2009. Boicottato dalla comunità scientifica nazionale, ha trovato immediatamente credito presso gli studiosi sismologi e geologi esteri, i quali non solo lo hanno accreditato ma si sono anche complimentati con lui per la ricerca che sta conducendo. Giuliani inoltre nello scorso dicembre 2009, è stato relatore a S. Francisco presso il convegno internazionale di sismologia dell’AGU FALL, occasione in cui ha potuto presentare i suoi studi davanti ad una platea di eminenti studiosi mondiali che lo hanno acclamato.
    In una recente intervista Giampaolo Giuliani dichiarò che i terremoti che stanno avvenendo da un anno a questa parte in tutto il globo terrestre, a seconda dei suoi studi, hanno tutti una stretta correlazione. Dichiarò inoltre che la fascia planetaria interessata è quella legata al Tropico del Cancro. Nelle seguente intervista gli abbiamo rivolto domande su questo specifico argomento.

    INTERVISTA A CURA DI: Carla Liberatore e Marco Francesco Fabbri per MondoRaro Magazine

    CL. MF. – Giuliani, lei ritiene che gli eventi sismici che si stanno susseguendo a livello globale siano tutti interdipendenti?

    Giampaolo GIULIANI – La sequenza sismica mondiale che perdura ormai da più di un anno, non può essere considerata nella norma. L’alto numero di eventi settimanali, con grado sismico rilevante rispetto alle medie annuali precedenti, mostra per certo un incremento sul pianeta, raffrontabile solo alla crisi sismica, più vicina a noi, verificatasi tra gli anni del 1960 ed il 1962

    CL. MF. – State conducendo col suo staff delle ricerche i merito? Cosa ne risulta fino ad oggi?

    Giampaolo GIULIANI – Le nostre ricerche sono orientate principalmente al monitoraggio del territorio dove effettuano misure e controlli le nostre stazioni. I dati ottenuti e le analisi mirano alla realizzazione di un sistema che potrà permettere, a livello planetario, di disporre di un allarme preventivo sui terremoti, in una finestra temporale utile, indicazione della zona epicentrale dell’evento e relativo grado sismico

    CL. MF. – Quali potrebbero essere i motivi di questa sequenza sismica mondiale? E’ solo la fascia del Tropico del Cancro ad esserne interessata?

    Giampaolo GIULIANI– I motivi di questa crisi planetaria, vanno ricercati nelle cause che producono i terremoti. Le analisi relative ai nostri dati, lasciano pensare che attualmente il mantello, quella parte del pianeta dove galleggia la crosta terrestre, sviluppi una energia maggiore rispetto ai periodi in cui la sismogeneticità planetaria, risulta più attenuata

    CL. MF. – Il sisma avvenuto a L’Aquila il 6 aprile 2009, denota caratteristiche inconsuete, potrebbe dirci quali sono queste peculiarità che lo rendono così anomalo?

    Giampaolo GIULIANI – Sono diverse le concause che hanno reso l’evento del 6 aprile diverso da eventi che normalmente si sviluppano sul nostro pianeta. La superficialità degli ipocentri degli eventi sul nostro territorio, il fatto che l’evento delle 03:32 del 6 aprile 2009, in realtà siano stati 2 eventi che si sono prodotti a 5 secondi di distanza l’uno dall’altro e ad una distanza di 2000 metri l’uno dall’altro. La natura caratteristica del territorio del bacino aquilano, che presenta zone in cui l’onda sismica viene amplificata, anziché attenuata, (vedi terre di riporto, terreni costituiti da sedimenti alluvionali, sabbie, ciottoli) cavità a ridosso di zone argillose e rocciose, non ultima la particolare rete di faglie distribuita intorno ai monti che circondano tutto il bacino e sotto il bacino stesso. Tutto ciò ha confluito a rendere inconsueto lo sviluppo dell’evento sviluppatosi sotto la crosta terrestre su cui noi viviamo

    CL. MF. – I terremoti che si stanno verificando sul nostro pianeta potrebbero avere delle cause interplanetarie? E quali potrebbero essere queste cause?

    Giampaolo GIULIANI – Come già detto anche in precedenza, dall’ osservazione decennale dei dati ottenuti dalla nostra ricerca sperimentale, emerge una stretta correlazione tra l’azione planetaria indotta sul nostro pianeta, dalla Luna e dal Sole. Tra queste ne citiamo qualcuna tra le più evidenti: l’effetto mareale prodotto dal ciclo anomalistico astronomico della Luna, variazioni gravitazionali indotte dalla nostra stella e dal satellite nell’orbita di rivoluzione che il pianeta compie intorno al Sole

    CL. MF. – Secondo lei, a cosa è dovuto l’intensificarsi dell’attività sismica planetaria?

    Giampaolo GIULIANI – All’evoluzione cui la Terra naturalmente è sottoposta, come qualsiasi elemento appartenente al nostro sistema universale. Ciò che si sta verificando in questo momento è già accaduto in passato e si ripeterà ancora in futuro. Questi episodi appartengono a cicli molto più lunghi di quelli umani. I nostri antenati ci hanno lasciato memoria storica degli stessi avvenimenti, così come noi la lasceremo per i nostri posteri

    CL. MF. – La teoria dello slittamento crostale di C. Hapegood è coerente con quello che sta accadendo?

    Giampaolo GIULIANI – Certo! Appartiene a quell’evoluzione di cui parlavamo prima. Le Placche continentali sono in continuo movimento. Migrano. Sono destinate a continui urti e modificazioni, che poi rappresentano una delle risposte alle cause che producono i terremoti

    CL. MF. – E’ possibile che ci sia una correlazione tra l’irregolarità del ciclo delle macchie solari e l’intensificarsi dell’attività sismica sul pianeta?

    Giampaolo GIULIANI – E’ possibile. Tutte le attività della nostra Stella, regolano meticolosamente anche l’equilibrio endogeno del nostro pianeta

    CL. MF. – Lo spostamento dell’asse terrestre avvenuto con i recenti terremoti ( dal terremoto in Indonesia a quello del Cile) , può incidere nel movimento di rotazione del pianeta, tenendo conto che non è una sfera perfetta ma un geoide?

    Giampaolo GIULIANI – A questa domanda non posso dare una risposta onesta, dato che non rientra nell’ambito delle mie conoscenze

    CL. MF. – Per tornare più vicino a noi, quanto potrebbe costare una rete di monitoraggio e allarme sismico in Italia?

    Giampaolo GIULIANI – Sicuramente molto meno del costo di una vita umana. Di certo ancora meno di scelte scientifiche e politiche sbagliate

    CL. MF. – In base a quanto lei ha dichiarato rispetto alla portata del fenomeno che stiamo vivendo, che cosa ci dobbiamo aspettare per i prossimi mesi ed anni?

    Giampaolo GIULIANI – Tutti i fenomeni naturali, tutto ciò che ci circonda dell’universo che conosciamo, mostra di avere un inizio, una vita ed una fine, per poi ricominciare

    http://www.mondoraro.org/2010/03/22/giampaolo-giuliani-intervistato-sulla-sequenta-di-sismi-in-tutto-il-mondo/


    #124206
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    un accenno neanche tanto velato all'ipotesi di terremoto artificiale o quantomeno non evitato con un adeguato allarme.
    .
    [youtube=425,344]W5MxegbDRfk


    #124207
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Non so che dire….se piangere, riflettere…far finta di nulla??? Ho visto il documentario della BBC postato da Brig, quello censurato, e mi domando….ma sono quasi tutti così, pecoroni????


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #124208
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.corriere.it/cronache/09_aprile_08/atenei_radon_mangiarotti_6b70ff22-2403-11de-a75a-00144f02aabc.shtml
    Gli atenei «credono» nel radon:
    previsioni possibili
    Bari e Pisa: i sistemi efficaci esistono, mancano i soldi per perfezionarli


    #124209
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    per altre cazzate i soldi ce l'hanno….


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #124210
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    L'Aquila, schiaffo a Bertolaso
    negata la cittadinanza onoraria
    La commissione Statuto del Comune dice no al riconoscimento: 14 voti contrari e solo due favorevoli
    di Marina Marinucci
    http://ilcentro.gelocal.it/dettaglio/laquila-schiaffo-a-bertolaso-negata-cittadinanza-onoraria/1951342


    #124211
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    L'Aquila, indagine per mancato allarme
    Protezione Civile: “E' incomprensibile”
    Avvisi di garanzia per la sottovalutazione degli allarmi prima del sisma. Tra gli indagati per omicidio colposo i vertici della Protezione civile, sismologi e tecnici del dipartimento. Bertolaso: “Penalizzato chi si assume responsabilità”
    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/06/03/news/prot_civ-4538445/

    ma quando si ha la responsabilità poi si deve rispondere…


    #124212
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Migliaia di cittadini manifestano a L’Aquila, bloccata l’A24: il TG1 e il TG2 non ne parlano

    Quanti eravamo ieri a L’Aquila? 12, 20, 25.000? Poco importa, eravamo tanti, con le sole bandiere nero-verde simbolo della città. Più di quattro ore sotto il sole, un collettivo, unito, pacifico, per chiedere ancora una volta le stesse agevolazioni date per altri terremoti. Per chiedere che siano disponibili i finanziamenti per l’emergenza in corso e la Ricostruzione, ancora agli inizi. Per chiedere i necessari sostegni all’economia del territorio.

    Abbiamo le idee, abbiamo i progetti, abbiamo le capacità. Chiediamo soltanto i mezzi necessari per la rinascita del territorio dopo il sisma del 6 aprile 2009. Niente più promesse elettorali o passerelle, ma fatti e finanziamenti reali. Una popolazione finalmente unita. Sindaci, rappresentanti politici di entrambi gli schieramenti, associazioni, l’arcidiocesi.

    Un corteo di vari chilometri che è arrivato ad occupare, ancora pacificamente, l’autostrada A24 (Roma-L’Aquila-Teramo), per far arrivare un SOS forte alla popolazione abruzzese ed all’Italia intera, per scoprire ancora una volta quella cappa di informazione mediatica che avvolge da mesi la città.

    In diretta streaming su questo sito, e su canali come RaiNews24. Oltre a TV locali ne hanno dato informazione vari TG e giornali nazionali.

    Ma non il TG1 e TG2, che hanno semplicemente oscurato la notizia.

    TG pubblici, pagati con le TASSE dei contribuenti. Perché il cosiddetto “Canone RAI” è una tassa di possesso. Fosse un canone potremmo decidere se pagarlo o meno rinunciando al servizio. Ed essendo una tassa dobbiamo esigere che il servizio fornito sia adeguato, corretto, non una propaganda del politico di turno.

    Ieri abbiamo dimostrato che possiamo essere uniti a L’Aquila, se lo vogliamo, occupando anche l’autostrada.

    Oggi occupiamo le autostrade digitali, quelle di Internet. Scrivete sui vostri blog, forum, siti online. Inviate lettere di protesta, create gruppi su Facebook. Fate crescere il TAM TAM su Internet. Chiedete con forza un’informazione corretta. Per L’Aquila, e per l’Italia intera. La nostra forza è il collettivo, anche su Internet.

    http://www.agoravox.it/Migliaia-di-cittadini-manifestano.html


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #124213
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    che skifo Farfalla…io ormai seguo solo skytg24…ma immagino chi vede solo la rai che ha ignorato un evento del genere!!!!
    Siamo in un regime e pochi se ne accorgono.


Stai vedendo 10 articoli - dal 811 a 820 (di 1,072 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.