Georges Ivanovič Gurdjieff

Home Forum L’AGORÀ Georges Ivanovič Gurdjieff

Questo argomento contiene 56 risposte, ha 14 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ezechiele 10 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 57 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #118815

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1290343689=Xeno]
    Attiva, passiva,neutra sono dei nomi. Queste tre forze sono tutte attive; ci appaiono attive, passive o neutre quando entrano in relazione fra di loro.
    [quote1290341487=Nuzzi]
    Che senso avrebbe l'esistenza di una forza che media fra due forze opposte?
    Due forze opposte si scontrano, entrano in contatto, che necessità hanno di un mediatore?[/quote1290341487]

    Infatti non necessariamente.
    Il tuo discorso segue una logica matematica algebrica mentre è più quantistica la cosa.

    Prendiamo questo esempio:
    Ogni volta che metto un seme dentro un vaso di terra ottengo una pianta.
    Questo non è sempre vero.
    Potremmo semplicemente avere un seme mischiato con della terra (effetto)
    Laddove come risultante abbiamo una pianta entra in gioco un X (terza forza) che ha permesso questo.
    Sta a noi capire qual'è il fattore X che ha dato questa risultante (pianta)

    Oppure si può andare a ritroso:
    Abbiamo una risultante (pianta),si cerchi a questo punto,di risalire a cosa ha determinato ciò (tre forze)

    Tornando al tuo discorso di zero matematico,la pianta è lo zero (l'equilibrio delle tre forze)

    Poniti questa domanda:
    Perchè ogni volta che metto un seme (attivo) nella terra (passiva) non ottengo sempre una pianta?
    Per forza dirai tu ci vuole l'acqua.
    Ma spesso anche se metti l'acua non la ottieni
    Come mai?
    Perche serve quel quid che equilibria il tutto e determina la pianta.
    (e bada bene ogni pianta è diversa e serve l'esatta x per essa)
    [/quote1290343689]

    Rimango dell'opinione che la risultante di due forze opposte della stessa intensità non sia una forza neutra ma una “non forza” qualcosa che non esiste. CErto esiste nel calcolo, matematicamente, ma lo zero in natura non esiste. L'equilibrio non è una forza è una risultante. come tale non può essere opposto alle due forze di partenza-

    Per quanto riguarda l'esempio della pianta:

    Non è necessaria una terza forza per far nascere una pianta.

    Se il seme ha come caratteristica l'essere vitale, e l'ambiente (la terra, l'umidità, la luce) le giuste condizioni per far si che quel seme germogli allora il seme germoglierà senza l'utilizzo di una terza forza.

    Non 'è bisogno di una terza forza. E' necessario che le prime due siano “giuste” e allora produrranno la pianta, se una delle due è “sbagliata” allora la pianta non si produrrà.

    L'esempio della pianta è a mio parere non preciso perchè seme e terra non sono poi opposti, se mai sono differenti e possiamo dire che incarnano fuzioni complementari: nel loro sistema a due uno è attivo e l'altra ricettiva, non parlerei di opposti.


    #118816

    Xeno
    Partecipante

    :nono:

    :uuuu:


    #118817

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1290348568=Xeno]
    :nono:

    :uuuu:

    [/quote1290348568]

    Che ci posso fare se mi vengono i dubbi? Comunque non dico che non esista la forza di Gurdjieff, dico solo che non riesco a capire come possa esistere… che necessità ci sia di un terza forza.

    -|-


    #118818

    Tilopa
    Partecipante

    Questo simbolo è chiamato Taijitu, rappresenta la relazione tra Yin e Yang, anzi, rappresenta lo Yin/Yang

    Questo è il Tomoe, detto anche Yin-Yang-Yuan o Triplo Taijitu, è il simbolo della triplicità dell'energia cosmica: Yin e Yang e tutta la manifestazione, materiale e spirituale (Yuan, come la moneta cinese)

    Questa è la rappresentazione del Tomoe più usata nella tradizione shintoista


    #118819
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #118820
    Pasquale Galasso
    Pasquale Galasso
    Amministratore del forum

    [quote1309214467=Nuzzi]
    Dunque, a prima vista mi verrebbe da dire che c'è un problema in questa frase ma questa forse apparente contraddizione mi pone un quesito che giro a voi:

    Sostanzialmente il testo dice che ci sono tre le forze che si incontranoe che sono opposte.

    Ora la domanda che mi si pone è:

    Il concetto di opposto può appartenere al 3?
    Cioè gli opposti sono sempre due oppure possono esistere 3 cose che sono opposte fra loro.
    Ha senso parla di tre opposti?

    Perchè di prim oacchito mi viene da pensare che se A è opposto a B e B opposto a C significa che A è uguale a C o sbaglio? quindi cade il principio dei 3 che diventano 2 + un doppione…

    A voi l'ardua sentenza..

    [/quote1309214467]

    Ci ho riflettuto un po, forse la risposta potrebbe essere che C sia il mutamento. Polarità in equilibrio (A+B) che si rinnovano col mutamento. Senso.


    CONOSCERE NON È AVERE L'INFORMAZIONE

    #118821
    elerko
    elerko
    Partecipante

    [quote1309255917=pasgal]
    [quote1309214467=Nuzzi]
    Dunque, a prima vista mi verrebbe da dire che c'è un problema in questa frase ma questa forse apparente contraddizione mi pone un quesito che giro a voi:

    Sostanzialmente il testo dice che ci sono tre le forze che si incontranoe che sono opposte.

    Ora la domanda che mi si pone è:

    Il concetto di opposto può appartenere al 3?
    Cioè gli opposti sono sempre due oppure possono esistere 3 cose che sono opposte fra loro.
    Ha senso parla di tre opposti?

    Perchè di prim oacchito mi viene da pensare che se A è opposto a B e B opposto a C significa che A è uguale a C o sbaglio? quindi cade il principio dei 3 che diventano 2 + un doppione…

    A voi l'ardua sentenza..

    [/quote1309214467]

    Ci ho riflettuto un po, forse la risposta potrebbe essere che C sia il mutamento. Polarità in equilibrio (A+B) che si rinnovano col mutamento. Senso.

    [/quote1309255917]

    Sono d'accordo con te, infatti ho sempre creduto che la trinità sia una “fusione” della dualità quindi il terzo elemento che accomuna e amalgama i 2 opposti. Il ritorno alla vera realtà insomma.

    Ad esempio mi viene in mente la trinità cristiana:
    Padre (1 parola) – Figlio (1 parola) e Spirito Santo (2 Parole risultato dei precedenti) Quindi:
    Padre(1) + Figlio(1)= Spirito Santo (2)
    soluzione forse un pò stupida e semplicistica, ma a me rende l'idea :uuuu:


    #118822
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1309257108=ezechiele]
    mi piacerebbe avere la vostra opinione su questa affermazione

    OGNI FENOMENO, SU QUALUNQUE SCALA ed in qualunque mondo possa avvenire, dai fenomeni molecolari a quelli cosmici, è il risultato della combinazione o dell’incontro di tre forze differenti o opposte. Il pensiero contemporaneo comprende l’esistenza di due forze, e la necessità di queste due forze per la produzione di un fenomeno: forza e resistenza, magnetismo positivo e negativo, elettricità positiva e negativa, cellule maschili e femminili, e via di seguito. Non osserva però neppure queste due forze sempre e dovunque. Non si è mai sollevata una questione rispetto alla terza forza, oppure se la questione è stata sollevata, non è quasi stata udita.

    FRAMMENTI DI UN INSEGNAMENTO SCONOSCIUTO

    [/quote1309257108]
    direi che ci siete sul punto..al momento mi viene in mente..
    espansione, contrazione e rotazione
    esteriorizzazione, interiorizzazione, volontà


    Il cerchio a sinistra in basso sarebbe la prima dimensione, col simbolo di un punto nel mezzo del vuoto. Il cerchio di sopra rappresenterebbe questo punto che entra in movimento, allargandosi a spirale dal suo centro. Ecco la seconda dimensione, la prima volta in cui il moto avviene in un medium altrimenti statico, formando una superficie piatta.
    Infine, il basso a destra, la terza forma, rappresenta la prima volta in cui questa energia a spirale porta la sua forma a divenire entità tridimensionale. Se guardiamo l'immagine di sotto, possiamo infatti vedere come spirale descriva completamente la forma di una piramide o la metà superiore di un ottaedro.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4618
    http://divinecosmos.com/index.php?option=com_content&task=view&id=242&Itemid=30

    Poi…

    Spiritualità, mentalità e l’essere fisico sono tutti una sola cosa, eppure possono davvero dividersi e funzionare uno senza l’altro — e uno a spese dell’altro. Rendili cooperativi, rendili come uno solo nel loro proposito — e avremo una maggiore attività. 307-10

    Il corpo è fatto del fisico, del mentale, dello spirituale. Tutti questi hanno la loro legge che opera una con l’altra e il tutto è l’uomo fisico; però non trattate le condizioni fisiche interamente attraverso le leggi spirituali o mentali aspettandovi che rispondano come uno. E nemmeno trattate le condizioni spirituali o mentali come materiali; perché la Mente è il costruttore e attraverso l’applicazione mentale delle leggi che riguardano il fisico, il mentale e lo spirituale si diventa tutt’Uno con il tutto. 4580-1

    La base, l’inizio della legge va avanti fino in fondo. E ciò che viene o comincia dapprima viene concepito nello spirito, cresce nel mentale, si manifesta nel materiale. 2072-10
    Ciò che è stato, ciò che è, ciò che può essere, — queste cose sono sempre fondate in ciò che viene riassunto con :”Il Signore tuo Dio è Uno” (Marco 12:29).

    Padre– Dio è come il corpo, o come il tutto. La mente è come il Cristo che è la Via. Lo Spirito Santo è come l’anima, o — nell’interpretazione materiale — propositi, speranze, desideri. 1747-5

    Mentre il corpo è soggetto a tutte le influenze della materialità, esso può essere controllato — cioè nelle emozioni — dalla mente. E la mente può essere diretta dallo spirito.2533-1

    E.Cayce
    ecc.. https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3911.9


    #118823

    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1309432927=pasgal]
    [quote1309214467=Nuzzi]
    Dunque, a prima vista mi verrebbe da dire che c'è un problema in questa frase ma questa forse apparente contraddizione mi pone un quesito che giro a voi:

    Sostanzialmente il testo dice che ci sono tre le forze che si incontranoe che sono opposte.

    Ora la domanda che mi si pone è:

    Il concetto di opposto può appartenere al 3?
    Cioè gli opposti sono sempre due oppure possono esistere 3 cose che sono opposte fra loro.
    Ha senso parla di tre opposti?

    Perchè di prim oacchito mi viene da pensare che se A è opposto a B e B opposto a C significa che A è uguale a C o sbaglio? quindi cade il principio dei 3 che diventano 2 + un doppione…

    A voi l'ardua sentenza..

    [/quote1309214467]

    Ci ho riflettuto un po, forse la risposta potrebbe essere che C sia il mutamento. Polarità in equilibrio (A+B) che si rinnovano col mutamento. Senso.

    [/quote1309432927]

    E' una visione suggestiva però dobbiamo tener conto di una cosa:
    Ciò che noi chiamiamo forza non è qualcosa di statico e immutevole ma, nel termine forza, io vedo già comunque qualcosa che cambia che si muove che agisce. Nell'idea di forza è quindi forse già presente l'idea del mutamento che potrebbe non essere necessario iscrivere in un terzo punto.
    Se A spinge in una direzione e B in quella opposta staranno già cambiando di per loro senza che debba intervenire una terza forza a obbligarli a farlo.
    Ho detto la mia.

    P.s. non voglio dire che i sistemi a tre non funzionino, ci mancherebbe; voglio sottolineare l'incongruenza logica nel pensare le tre forze come opposte. Nella trinità cristiana, ad esempio, padre, figlio e spirito santo non sono in opposizione fra loro ma sono 3 facce della stessa medaglia (ora parte la megacacciaaltesoro per trovare una medaglia a 3 facce)


    #118824

    Xeno
    Partecipante

    [quote1309434095=Nuzzi]
    (ora parte la megacacciaaltesoro per trovare una medaglia a 3 facce)
    [/quote1309434095]

    http://i.ebayimg.com/23/!!f4-r-QB3U~$%28KGrHqJ,!h!E0fTdt1iHBNS%293IoZJQ~~_7.JPG

    😀


Stai vedendo 10 articoli - dal 31 a 40 (di 57 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.