Guerra al cancro – fallimento totale?

Home Forum SALUTE Guerra al cancro – fallimento totale?

Questo argomento contiene 334 risposte, ha 40 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Medico omeopata 9 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 335 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #55620
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [color=#0033ff]E' ufficiale: la cannabis ha proprietà miracolose[/color] :sagg:

    04 aprile 2011

    In uno studio pubblicato sul web un paio di giorni fa dal, National Cancer
    Institute (sito governativo), si mettono finalmente nero su bianco (ma
    soprattutto ufficialmente) le grandi caratteristiche di questa pianta.

    I cannabinoidi sono un gruppo di 21 composti terpenofenoli prodotti
    unicamente dalla Cannabis sativa e dalla Cannabis indica. [1,2] Questi
    composti derivanti dalla pianta possono essere indicati come
    phytocannabinoidi. Anche se il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) è il
    principale ingrediente psicoattivo, vi sono altri composti noti che hanno
    attività biologica tipo: il cannabinolo, il cannabidiolo, il cannabicromene,
    il cannabigerol, il tetrahydrocannabivirin, e il delta-8-THC. Il
    cannabidiolo, ha la caratteristica di avere una significativa attività
    analgesica e anti-infiammatoria senza l’effetto psicoattivo (alto) del
    delta-9-THC.

    [color=#0033ff]GLI EFFETTI ANTI TUMORALI[/color]

    Uno studio su topi e ratti indica che i cannabinoidi hanno un effetto
    protettivo contro lo sviluppo di alcuni tipi di tumori. [3] Nel corso di
    questo studio di 2 anni, i gruppi di topi e di ratti hanno ricevuto varie
    dosi di THC attraverso una sonda gastrica. Nei topi, venne osservata, una
    riduzione sull’incidenza dei tumori epatici e sui carcinomi epatocellulari.
    Una minore incidenza dei tumori benigni (polipi o adenomi) negli altri
    organi (mammelle, utero, ghiandola pituitaria, testicoli e pancreas) vennero
    anche osservati nei ratti. In un altro studio, il delta-9-THC, il
    delta-8-THC, e il cannabinolo si sono dimostrati utili nell’inibire la
    crescita del carcinoma del polmone di Lewis in vitro ed in vivo. [4]
    Inoltre, altri tumori sono risultati sensibili agli effetti inibenti di
    questa pianta. [5-8]

    I cannabinoidi possono causare effetti antitumorali attraverso vari
    meccanismi: inducendo la morte cellulare, interropendo la crescita
    cellulare, e attraverso l’inibizione dell’angiogenesi tumorale e della
    metastasi. [9-11] I cannabinoidi sembrano uccidere le cellule tumorali
    lasciando intatte quelle sane proteggendole, addirittura, da quelle
    cancerogene. Questi composti hanno dimostrato di indurre l’apoptosi nei
    glioblastomi sotto coltura e indurre la regressione degli stessi nei topi e
    nei ratti. I cannabinoidi proteggono le normali cellule gliali astrogliale e
    oligodendrogliali dall’ apoptosi mediata dal recettore CB1. [10,11]

    In un modello in vivo utilizzando topi con una grave immunodeficienza,
    vennero generati dei tumori sotto cutanei inoculando gli animali con cellule
    tumorali (del polmone) umane [12]. La crescita del tumore è stata ridotta
    del 60% nei topi trattati con il THC rispetto ai topi che componevano il
    gruppo di controllo. I campioni di tumore hanno rivelato che il THC ha avuto
    effetti antiangiogenici e antiproliferativi.

    Inoltre, sia i cannabinoidi di origine vegetale che quelli endogeni sono
    stati studiati per i loro effetti anti-infiammatori. Uno studio sui topi ha
    dimostrato che sistema cannabinoide endogeno fornisce una protezione
    intrinseca contro l’infiammazione del colon. [13] Come risultato, è stata
    promulgata l’ipotesi che i phytocannabinoidi e gli endocannabinoidi
    potrebbero essere utili nella lotta al cancro colon/rettale [14].

    Un altro studio ha dimostrato che il delta-9-THC è un potente agente
    antivirale selettivo contro il sarcoma di Kaposi (KSHV). [15] I ricercatori
    hanno concluso, garantendo un maggior approfondimento sugli studi dei
    cannabinoidi e degli herpesvirus, poiché essi porteranno allo sviluppo di
    farmaci che inibiscono la riattivazione di questi virus oncogeni.
    Successivamente, un altro gruppo di ricercatori ha riportato un aumento
    nell’efficienza dell’infezione umana KSHV nelle cellule dermiche
    microvascolari epiteliali in presenza di basse dosi di delta-9-THC [16].

    STIMOLAZIONE DELL’APPETITO

    Molti studi sugli animali hanno già dimostrato che il delta-9-THC e gli
    altri cannabinoidi hanno un effetto stimolante sull’appetito e
    sull’assunzione di cibo. Si ritiene che il sistema dei cannabinoidi endogeni
    possa servire come regolatore del comportamento alimentare. Il cannabinoide
    endogeno anandamide, potenzia notevolmente l’appetito nei topi. [17]
    Inoltre, i recettori CB1 nell’ipotalamo potrebbero essere coinvolti negli
    aspetti motivazionali e appaganti del mangiare [18].

    ANTI DOLORIFICO

    La comprensione del meccanismo attraverso cui i cannabinoidi inducono
    l’analgesia (assenza di dolore) è aumentata grazie allo studio dei recettori
    dei cannabinoidi, gli endocannabinoidi, e degli agonisti e antagonisti
    sintetici. Il recettore CB1 è presente sia nel sistema nervoso centrale
    (SNC) che nelle sue terminazioni nervose periferiche. Simile ai recettori
    degli oppioidi, livelli molto alti del recettore CB1 sono stati trovati
    nelle sezioni del cervello che regolano il processo nocicettivo [19]. Il
    recettore CB2, che si trova principalmente nei tessuti periferici, esiste a
    livelli molto bassi nel sistema nervoso centrale. Con lo sviluppo degli
    antagonisti dei recettori specifici, sono state ottenute ulteriori
    informazioni sul ruolo dei recettori cannabinoidi endogeni e sulla gestione
    del dolore. [20,21]

    Fonte originale: cancer.gov
    Traduzione a cura di: neovitruvian.wordpress.com

    http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/cam/cannabis/healthprofessional/page4

    http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Support/marijuana


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #55621

    CANERO
    Partecipante

    …l'ho sempre detto :medit: :hihi:


    #55622
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Akrit Jaswal ( nato il 23 aprile 1993 ) è un adolescente indiano che viene ritenuto un genio in medicina. Ha guadagnato fama eseguendo un intervento chirurgico a 7 anni. Akrit è un giovane talento che è divenuto conosciuto in India come medico, senza aver mai seguito una scuola. E' un Rjput Hindu del clan Jaswal del Himachal Pradesh.
    https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.3805

    [youtube=400,333]eltvplayer.swf

    Un canale ionico è una glico-proteina trans-membrana (cioè attraversa la membrana cellulare) che permette il passaggio di determinati ioni dall'esterno all'interno della cellula o viceversa. I canali ionici sono selettivi per una o poche specie ioniche.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Canale_ionico

    Quei cancelli elettrici che regolano le cellule
    BIOLOGICAMENTE parlando, siamo fatti di cellule, geni e DNA. Ma molti nostri meccanismi sono «elettrici» e i canali ionici sono la loro componente fondamentale..
    ..MacKinnon, invece, voleva “vedere” il canale e ben presto capì che l'unica via da imboccare era la cristallografia ai raggi X, una tecnica che permette di «vedere» le strutture molecolari. Ma i canali ionici, essendo proteine di membrana, erano considerati dai cristallografi tra le molecole più difficili, se non impossibili, da cristallizzare. Nel 1996 MacKinnon accettò l'invito di spostarsi alla Rockefeller University (New York), che gli diede carta bianca sulla ricerca da perseguire e uno straordinario finanziamento, sostenuto anche dall'Howard Hughes Medical Institute.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5779.11

    I canali ionici mitocondriale sono importanti per le funzioni cellulari fisiologiche come il rilascio di metaboliti nel citosol. Questi canali ionici possono giocare un ruolo chiave nell’apoptosi.
    http://www.fondazioneunich.it/portal/Default.asp?p=28&m=1&iduu=9

    http://www.molecularlab.it/news/view.asp?n=5891
    In tutto il mondo si è diffusa la notizia che una sostanza chiamata dicloroacetato (DCA) è in grado di curare il cancro. Sui siti web che vendono farmaci non testati, con fantomatiche proprietà curative, da tempo il dicloroacetato è presentato come farmaco antitumore, dopo che è stata diffusa la notizia di promettenti risultati su animali di laboratorio.
    Secondo la teoria avanzata dai due scienziati, il DCA ripristinerebbe la funzionalità dei mitocondri (gli organelli cellulari deputati alla produzione di energia per la cellula) nelle cellule tumorali, consentendo così di autodistruggersi e quindi di bloccare la crescita della massa tumorale. Proprio sfruttando questa notizia, il titolare di un'impresa californiana di derattizzazione, Jim Tassano, ha iniziato a produrre questo composto chimico e a venderlo su un sito internet.

    A Mitochondria-K+ Channel Axis Is Suppressed
    in Cancer and Its Normalization
    Promotes Apoptosis and Inhibits Cancer Growth

    http://tansleyaes.com/articles/DCA_cancer_treatment.pdf


    #55623
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Trovata in Canada una cura per il cancro, ma le big pharma fanno finta di niente

    pubblicata da Uniti contro la multinazionale del CANCRO il giorno domenica 22 maggio 2011 alle ore 22.16

    [color=#ff0000]I ricercatori dell'Università di Alberta, a Edmonton, in Canada hanno trovato la cura per il cancro, la settimana scorsa, ma se ne parla pochissimo nei notiziari e alla TV.
    [/color]
    È una tecnica semplice, si utilizza un farmaco molto semplice.

    Il metodo impiega dicloroacetato, che è attualmente usato per trattare i disordini metabolici. Quindi, non vi è alcuna preoccupazione per gli effetti collaterali o gli effetti a lungo termine.

    Questo farmaco non richiede un brevetto, per cui chiunque lo può utilizzare ampiamente ed è economico rispetto ai costosi farmaci antitumorali prodotti da grandi aziende farmaceutiche.

    Gli scienziati canadesi hanno testato questo dicloroacetato (DCA) sulle cellule dell'uomo, ed ha ucciso le cellule del cancro dal polmone, mammella e cervello ed ha lasciato intatte quelle sane. È stato testato su topi con tumori gravi che si sono ridotti quando sono stati alimentati con acqua integrata con DCA. Il farmaco è ampiamente disponibile e la tecnica è facile da usare. Perché le case farmaceutiche più importanti non sono coinvolte? O i media non ne sono interessati?

    Nel corpo umano c'è un elementa naturale che lotta contro il cancro: i mitocondri, ma hanno bisogno di essere “spinti” per essere abbastanza efficaci .

    Gli scienziati hanno sempre pensato che i mitocondri venissero danneggiati dal cancro e quindi hanno pensato di concentrarsi sulla glicolisi che è meno efficace e più dispensiosa. I produttori di farmaci si sono concentrati solo su questo metodo della glicolisi per combattere il cancro. Questo DCA invece non si basa sulla glicolisi ma sui mitocondri, “innesca” i mitocondri che combattono le cellule tumorali.

    L'effetto collaterale di questo è che viene anche riattivato un processo chiamato apoptosi. Vedete, i mitocondri contengono un fin troppo importante “pulsante di autodistruzione” che viene a mancare nelle cellule tumorali. Senza di esso, i tumori diventano più grandi e le cellule rifiutano di estinguersi.

    I mitocondri pienamente funzionanti, grazie al DCA invece possono finalmente morire. Le aziende farmaceutiche non investono in questa ricerca perché il metodo DCA non può essere brevettato, senza un brevetto non possono fare soldi, come stanno facendo ora con le cure contro l'AIDS.

    Dal momento che le case farmaceutiche non se ne interesseranno, altri laboratori indipendenti dovrebbero iniziare a produrre questo farmaco e fare ulteriori ricerche per confermare le conclusioni di cui sopra e produrre i farmaci.
    http://www.facebook.com/notes/uniti-contro-la-multinazionale-del-cancro/trovata-in-canada-una-cura-per-il-cancro-ma-le-big-pharma-fanno-finta-di-niente/203685126335536


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #55624
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Metodo Di Bella e carcinoma mammario: ultimi aggiornamenti
    di Giuseppe Di Bella
    Ho voluto presentare personalmente i risultati ottenuti dallo studio osservazionale retrospettivo riguardante 122 casi di “carcinoma mammario”, 92 dei quali riguardanti pazienti giunti in cura allo studio medico della Fondazione – di cui abbiamo valutato caratteristiche istologiche, immunoistochimiche, grado nucleare, differenziazione, esami ematochimici, efficacia terapeutica (valutando Remissione/Stabilità/Progressione) performance status, e sopravvivenza a 5 anni rapportata alla stadiazione, secondo l'American Joint Committee on Cancer Staging 7 th – e di 30 cartelle cliniche che hanno ottenuto da tribunali l'erogazione gratuita del MDB per perizie giurate di CTU che avevano certificato risultati superiori, con MDB, rispetto alle terapie tradizionali, nelle stesse patologie e stadi.

    I nostri dati rappresentano significativi miglioramenti sia della sopravvivenza per ogni stadio, sia della risposta obiettiva e della qualità di vita, rispetto ai parametri riscontrabili in letteratura per gli stessi stadi, istotipi e gradi, trattati con chemio-radioterapia-anticorpi monoclonali. ..
    http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/metodo-di-bella-carcinoma-mammario.php


    #55625
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Una dieta a basso tenore di carboidrati e ad alto contenuto proteico consente di rallentare l'evoluzione di un tumore già presente: è questo il sorprendente risultato pubblicato in un articolo apparso sulla rivista Cancer Research, organo dell'American Association for Cancer Research.
    Lo studio, condotto sui topi, ha permesso di ottenere importanti indicazioni biologiche che dovrebbero essere attentamente valutate anche nell'essere umano.
    (fc)
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Una_dieta_che_rallenta_il_tumore/1348294
    ————
    cibi che bloccano angiogenesi William Li http://www.standup2cancer.org/node/3950?page=1

    tè verde, vino rosso, lavanda, fragole, bok choy, zucca, more, cavoli, cetrioli di mare, lamponi, semi di soia, tonno, mirtilli, ginseng, il prezzemolo, le arance, maitake, aglio, pompelmo, funghi, pomodori, limoni, liquirizia , olio d'oliva, mele, curcuma, olio di vinaccioli, ananas, cannella, cioccolato fondente, ciliegie, noce moscata, melograno, uva rossa, carciofi

    [youtube=446,326]EmbedPlayer.swf


    #55627
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Cercare i frattali aiuta la lotta al cancro
    Le cellule sane appaiono e si comportano diversamente da quelle cancerose. Per esempio, il nucleo delle cellule sane, dove si trovano i cromosomi, tende ad avere una superficie arrotondata rispetto a quelle cancerose.
    Un nuovo esperimento qualifica le differenze geometriche tra esse. Frattale è il nome usato per le curve molto indentate o le forme simili in varia scala dimensionale. Ad esempio la posizione della galassia nel cielo sembra frattale. Cosi anche il corso dei fiumi o le foglie di un albero, ….
    Accade anche nel corpo umano, i battiti cardiaci su lunghi intervalli sono frattali. Idem per la geometria delle cellule e possiamo cosi identificare quelle cancerose.

    ecc..
    http://translate.google.it/translate?u=http%3A%2F%2Fwww.physorg.com%2Fnews%2F2011-07-fractals-cancer-cell.html&sl=en&tl=it&hl=&ie=UTF-8
    http://www.physorg.com/news/2011-07-fractals-cancer-cell.html

    arriva la rivoluzione in tutti i campi della scienza 🙂


    #55628

    derekwillstar
    Partecipante

    Ciao a Tutti.

    Mi domandavo se conoscete gli studi sull'energia vitale (Orgone) condotti da Wilhem Reich.

    James De Meo ha continuato gli studi di W.R. incluso il CloudBuster

    W.R. per scopi curativi ha inventato l'Accumulatore Orgonico

    Includo una pubblicazione in italiano sull'Accumulatore orgonico di W.R. a cura di James De Meo

    James DeMeo – Manuale Dell'Accumulatore Orgonico

    E' lo stesso tipo d'energia che studiava e sperimentava anche Pier Luigi Ighina, il suo accumulatore orgonico (poltrona magnetica) è molto più sofisticato (e potente) di quello di W.R.

    Ighina_allegato_070 – Apparato Per l'Elettrolisi Magnetica – Poltrona Magnetica

    Il prototipo fu smantellato dallo stesso Ighina e non so se qualcuno l'ha più riprodotta, ma per quanto riguarda l'Accumulatore Orgonico di W.R. la storia è ben diversa :

    Vi invito a visitare questo link [link=http://www.cellulacancerosa.it/][/link] del Dott. Armando Vecchietti che coraggiosamente affronta questo male sotto un'altro punto di vista.

    http://www.cellulacancerosa.it/

    Saluti


    #55618
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    :bay:
    cambiano le parole ma parliamo sempre della stessa energia direi..
    http://www.arnoldehret.it/downloads/La-natura-dei-Bioni-Dr-Nader-Butto.pdf

    “Per mia opinione non doveva accadere. Il modo migliore che avete per vedere le evidenze che questa spontanea emersione della vita possa esistere, è una pubblicazione con un nome molto complicato
    “Ultrastructural and light microscopy analysis of SAPA bions formation and growth in vitro” del Prof. Ignacio Ochoa Pacheco.
    SAPA significa sand packet e bions significa forma luminosa, una forma di vita che inizialmente appare come luce
    ed emerge spontaneamente in un medium. Se guardate vedete il link su orgone.org e potete vedere da voi lo studio.
    Nella prossima slide vedete polvere e sabbia presa dall'oceano e messa in una provetta, quindi sulla superficie del contenitore cresce qualcosa che poi osservate al microscopio.
    Non vedete nulla di notevole in termini di struttura su questa foto. Vedete solo piccolo globuli apparire. La chiave nell'esperimento di Pacheco
    è che dovete scaldare la sabbia prima portandola ad una calda luminosità bianca e una volta fatto la mettete nel tubo sterilizzato solo con acqua distillata
    Tutto eseguito in un vacuum, senza possibilità che vi crescesse vita all'interno. Quindi guardate la pelle,
    quella che Pacheco chiama surfactant che cresce dall'acqua, la raccogliete e la osservate al microscopio.
    Cercate di vedere se in effetti crescono piccole creature in un ambiente non vivente. Guardate la prossima immagine. Vedete che assomiglia a un cervello,
    vedete due lobi piuttosto simmetrici bilateralmente, sembrano uguali nei due lati, sembra una forma di microorganismo vivente. Questo mi ha sconvolto di piu, perchè vedete che sembra una foglia,
    che viene da una forma di vita vegetale. Potete ingrandire ancora di piu con lo zoom come vediamo nella prossima immagine e vedete una organizzazione cellulare complessa nella stessa foglia
    Vedete chiaramente che questa è una forma di vita biologica. Nella prossima immagine vedete quello che sembra un globulo rosso, ovviamente biologico.
    Quello che vedete nella prossima immagine sembra un globulo bianco, chiaramente una creatura vivente.
    Infine questo, sembra un piccolo porcospino nel mare, queste piccole spine sul suo corpo
    è un sistema di difesa se è in pericolo e potete vedere una piccola bocca davanti e qua sembra esserci la testa …”
    quindi questo è un organismo complesso multicellulare che emerge da niente altro che sabbia dalla spiaggia sterilizzata e acqua distillata
    lasciata ferma 5 giorni, quindi sull'acqua cresce una sostanza e viene analizzata al microscopio. Da dove viene il dna di questa piccola creatura?
    Com'è emerso? Quello che dico è molto semplice e diretto, il dna che cresce nel reattore nucleare, il dna che cresce nel vulcano,
    il dna che cresce a miglia sotto il fondale oceanico, il dna che sopravvive per 10.000 anni nel ghiaccio dell'Antartico,
    il dna che cresce nello spazio, il 99.9% di tutta la polvere galattica ha la firma spettrografica
    dei batteri, tutto appare dal Campo, che prende il materiale esistente attorno ad esso.
    In questo caso il materiale grezzo che trovate nella sabbia della spiaggia e la struttura di base di ossigeno e idrogeno in acqua e quindi la vita viene organizzata intelligentemente,”


    #55629

    derekwillstar
    Partecipante

    🙂

    Il Prof. Ignacio Ochoa Pacheco ha ripetuto un'esperimento di W.Reich sui Bioni e sulla loro coltivazione in vitreo…
    La Scienza convenzionale è incapace di classificare se si tratta di una forma di vita o meno, del resto ha difficoltà anche a dichiarare i virus come organismi viventi…


Stai vedendo 10 articoli - dal 141 a 150 (di 335 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.