Guerra al cancro – fallimento totale?

Home Forum SALUTE Guerra al cancro – fallimento totale?

Questo argomento contiene 334 risposte, ha 40 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Medico omeopata 10 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 151 a 160 (di 335 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #55626
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #55630
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    Le confessioni di un insider dell'industria del cancro
    By Cristina Bassi – Posted on 17 agosto 2011

    “Lavoro per un “centro di ricerca sul cancro” e lo chiamo cosi solo perchè questo è ciò che c'è nel loro nome vero. Negli anni ho visto e letto cose che fanno inorridire al solo pensiero, nel cosidetto trattamento delle persone.

    L'unica spiegazione è che una volta che appare la parola “C”, la gente diventa sorda e muta a tutto pur di disfarsi di questa orribile piaga.

    Il trattamento è simile all'uso di percolati … e di peggio… ma ad un prezzo molto più alto. Entrate in un ospedale senza avere la copertura assicurativa e vedete bene quanto “trattamento” vi fanno. Uscite dalla vostra copertura fondi nel mezzo del trattamento…e vedrete che il trattamento cessa. Immediatamente. Probabilmente si è sempre trattato solo di denaro.

    Continuo a dire alla gente di smettere di dare denaro “alla ricerca sul cancro” perchè nessuno si sbatte per cercare una cura (ne abbiamo molte di cure e sono state nascoste accuratamente al pubblico). Questa è un'industria multimiliardaria annuale e una “cura” estrometterebbe troppi dal lavoro. Nessuno è seriamente alla ricerca di una cura…almeno non i “seri accademici”…(…) Ho lavorato in ramo medico per oltre 20 anni, molti dei quali in stretta associazione con la ricerca e trattamento del cancro… quando personalmente mi fu diagnosticato un cancro al seno 7 anni fa. Allora vivevo a Phoenix.

    (…) personalmente decisi di non farmi operare, né di fare la chemio, né radiazioni (perché perdere i miei lunghissimi capelli?) Ho usato Essiac…ed ho avuto una risposta eccellente: ho tutte le mie parti attaccate ed anche i miei capelli.

    CONCLUSIONE

    Quando dite di essere ostaggi del cancro, dovete riferirvi alla diagnosi originale. Avete…mezzi per comprendere la diagnosi che vi viene fatta? NO? Ma che sorpresa. Quindi siete alla mercé dell'ospedale.

    Quando un medico dice cancro, voi partite dal presupposto che conosca ciò di cui parla. Pensate male. E anche partire dal presupposto che “loro” sappiano quale è il migliore trattamento. Anche qui pensate male.

    L'industria maggiore che l'ospedale vende non è la guarigione… è la formazione (o la sua mancanza) e fede cieca in qualcosa che non si capisce. Questo è vero per molte diagnosi e non solo il cancro, solo che il cancro è quel che fa più soldi per la maggior parte delle strutture.

    Gli ospedali sono luoghi spaventosi per molte ragioni e gli errori sono molti più comuni di quanto se ne legga o senta in merito. Chiunque fa errori naturalmente…i medici seppelliscono i loro.. con la completa conoscenza e la copertura dell'amministrazione dell'azienda ospedaliera. Non vedo l'ora di andare in pensione…”

    by Geraldine Philips (nome pseudonimo creato ad hoc di una lavoratrice nell'industria del cancro. Sono stati cambiati dei dettagli per proteggere il suo anonimato) / Fonte originale: henrymakow.com / Traduzione a cura di: Cristina Bassi / Fonte: saluteolistica.blogspot.com

    http://www.ecplanet.com/node/2641


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #55631
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    “Nature”, la più importante rivista scientifica mondiale, ha pubblicato sul suo sito online del 14 gennaio 2010 la notizia che il genetista Tian Xu dell'università di Yale ha scoperto che i tumori possono anche essere causati dallo stress emotivo e fisico. E' la prima volta che viene collegato, dalla medicina convenzionale, lo stato emotivo all'insorgere di una patologia.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5875

    Finalmente una ragione che lega stress a danno genetico

    http://medicalxpress.com/news/2011-08-stress-dna.html

    Nello studio ai topi è stato dato un composto tipo adrenalina che funziona tramite un recettore chiamato recettore beta adrenergico studiato a lungo la Lefkowitz. Gli scienziati hanno scoperto che questo modello di stress cronico ha stimolato dei percorsi biologici che hanno portato accumulazione di danno al DNA.


    #55632
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Potenzialmente una notizia davvero molto molto buona.
    Stephan A. Schwartz

    STEPHEN C. WEBSTER – The Raw Story

    Questa settimana gli scienziati del Penn State College of Medicine hanno dichiarato di aver scoperto il virus in grado di uccidere tutti gli stadi del cancro al seno “entro sette giorni” dalla prima introduzione in un ambiente di laboratorio.

    Il virus, noto come virus adeno-associato di tipo 2 (AAV2), si verifica naturalmente e fino all’80 percento degli esseri umani ne sono portatori, ma non causa malattie.

    I ricercatori hanno appreso la sua proprietà di killer del cancro nel 2005, dopo che gli scienziati del Penn State lo hanno osservato uccidere le cellule tumorali del collo dell'utero. Hanno anche scoperto che le donne portatrici del virus AAV2 e del papillomavirus umano (HPV), che causa appunto il cancro del collo dell’utero, avevano una minore propensione a sviluppare questo tipo di cancro.

    http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=1248


    #55633
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Caro Daniele,

    vagando su questo blog ho scoperto che Andrea Rossi vuole dedicare il 50% dei proventi che egli riuscirà a ottenere dalla sua invenzione ad aiutare i bambini affetti dal cancro.

    Siccome io provengo da una famiglia di clinici, qualcosa sui tumori la so. Ciò che so è abbastanza sconfortante, perché al di là di quello che viene detto sui media in realtà finora nessuno sa come mai si forma una neoplasia, salvo in pochissimi e rarissimi casi. E ancora meno si sa sui tumori in sé, tanto è vero che la stragrande maggioranza dei cosiddetti “esperti” del ramo propone metodi per annichilire le CELLULE tumorali. Il che in linea di massima serve a molto poco, visto che il cancro è una malattia di tipo TESSUTALE e non CELLULARE.

    Sicché lo stato dell'arte, riassunto così, è francamente alquanto demoralizzante.

    E allora, non c'è proprio alcunché da fare per evitare le morti inerenti alle patologie tumorali?

    In effetti esiste qualcosa di rivoluzionario per raggiungere questo obiettivo, uno strumento innovativo che è a mio avviso è una scoperta apicale, e tale scoperta è stata fatta da un italiano: Clarbruno Vedruccio.
    http://22passi.blogspot.com/2011/09/il-tricorder-di-star-trek-lo-ha.html


    #55634
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    “Era quasi come se questa cosa dovesse rimanere soltanto in mano ad un gruppo di persone. Finmeccanica aveva il potere, forse lo avrebbe ancora, per fare navigare questa tecnologia”. Clarbruno Vedruccio, scienziato e militare, racconta all’AgenParl della sua invenzione, il Trim Prob, una sorta di sonda che, attraverso un piccolo campo elettromagnetico, rivela la presenza di tumori con un esame veloce, economico e poco invasivo. Questa macchina era prodotta e distribuita da una società del gruppo Finmeccanica, la Galileo Avionica. Almeno fino al 2007, quando il colosso industriale italiano ha detto stop. Da anni, dunque, il dott. Vedruccio combatte per superare il muro di silenzio e scetticismo che si è creato intorno ad un’invenzione che sembra dare molto fastidio. “Molti dicono: non è omologata. Non è vero. Molti dicono: è un oggetto sperimentale. Non è vero. Sarebbe molto più onesto dire: non la vogliamo. E poi bisognerebbe chiedere: perché non la volete?”
    http://www.giornalettismo.com/archives/152237/io-e-lo-scanner-scova-tumori-che-finmeccanica-non-vuole-produrre/

    CHE BOMBA! – Che cosa è successo? E’ successo che la Johnson & Johnson’s, che tramite una sua controllata produce e distribuisce il prodotto, avrebbe fatto di tutto per inibire la contemporanea diffusione di un test per il cancro al cavo orale, sollevando più di un sospetto.

    Secondo i documenti, nel febbraio 2010 l’OCPI (Organizzazione per la prevenzione del Cancro Orale, ndt) ha firmato un contratto con una società chiamata OraPharma – che era allora una sussidiaria della Johnson & Johnson – per distribuire un test per il cancro, chiamato il test Oral CDx Brush. Il test è pensato per identificare le cellule pre-cancerose nelle bocche del cliente. La OCPI sostiene che la Johnson & Johnson sarebbe presto diventata “estremamente preoccupata riguardo le implicazioni” di uno studio australiano che collegava i colluttori al cancro. L’OCPI afferma che la multinazionale non voleva “far credere che esistesse un collegamento fra il Listerine e il cancro orale” vendendo entrambi i prodotti.
    http://www.giornalettismo.com/archives/142223/listerine-e-cancro-la-johnson-ci-risponda/


    #55635
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1322650952=Richard]
    “Era quasi come se questa cosa dovesse rimanere soltanto in mano ad un gruppo di persone. Finmeccanica aveva il potere, forse lo avrebbe ancora, per fare navigare questa tecnologia”. Clarbruno Vedruccio, scienziato e militare, racconta all’AgenParl della sua invenzione, il Trim Prob, una sorta di sonda che, attraverso un piccolo campo elettromagnetico, rivela la presenza di tumori con un esame veloce, economico e poco invasivo. Questa macchina era prodotta e distribuita da una società del gruppo Finmeccanica, la Galileo Avionica. Almeno fino al 2007, quando il colosso industriale italiano ha detto stop. Da anni, dunque, il dott. Vedruccio combatte per superare il muro di silenzio e scetticismo che si è creato intorno ad un’invenzione che sembra dare molto fastidio. “Molti dicono: non è omologata. Non è vero. Molti dicono: è un oggetto sperimentale. Non è vero. Sarebbe molto più onesto dire: non la vogliamo. E poi bisognerebbe chiedere: perché non la volete?”
    http://www.giornalettismo.com/archives/152237/io-e-lo-scanner-scova-tumori-che-finmeccanica-non-vuole-produrre/

    [/quote1322650952]
    Da qualche parte ho messo questa notizia, se non erro era uno che presentava questo strumento a TED, e spiegava che sarebbe meraviglioso perchè questo metodo è molto più sicuro e non invasivo. Mi ricordo che si trattava delle diagnosi del colon e della prostata. Ma purtroppo la Finmeccanica non vuole più produrre questi strumenti.. 🙁


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #55636
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1322651327=farfalla5]
    [quote1322650952=Richard]
    “Era quasi come se questa cosa dovesse rimanere soltanto in mano ad un gruppo di persone. Finmeccanica aveva il potere, forse lo avrebbe ancora, per fare navigare questa tecnologia”. Clarbruno Vedruccio, scienziato e militare, racconta all’AgenParl della sua invenzione, il Trim Prob, una sorta di sonda che, attraverso un piccolo campo elettromagnetico, rivela la presenza di tumori con un esame veloce, economico e poco invasivo. Questa macchina era prodotta e distribuita da una società del gruppo Finmeccanica, la Galileo Avionica. Almeno fino al 2007, quando il colosso industriale italiano ha detto stop. Da anni, dunque, il dott. Vedruccio combatte per superare il muro di silenzio e scetticismo che si è creato intorno ad un’invenzione che sembra dare molto fastidio. “Molti dicono: non è omologata. Non è vero. Molti dicono: è un oggetto sperimentale. Non è vero. Sarebbe molto più onesto dire: non la vogliamo. E poi bisognerebbe chiedere: perché non la volete?”
    http://www.giornalettismo.com/archives/152237/io-e-lo-scanner-scova-tumori-che-finmeccanica-non-vuole-produrre/

    [/quote1322650952]
    Da qualche parte ho messo questa notizia, se non erro era uno che presentava questo strumento a TED, e spiegava che sarebbe meraviglioso perchè questo metodo è molto più sicuro e non invasivo. Mi ricordo che si trattava delle diagnosi del colon e della prostata. Ma purtroppo la Finmeccanica non vuole più produrre questi strumenti.. 🙁
    [/quote1322651327]

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6004.5
    Diagnosi precoce tumore alla prostata

    http://www.ilgiornale.it/interni/ha_inventato_macchina_che_vede_i_tumori_accusano_stregoneria/14-03-2010/articolo-id=429339-page=0-comments=1

    http://www.beppegrillo.it/2005/05/nonostante_tutt/index.html
    Nonostante tutto, anche a dispetto delle mancanze di fondi e della disorganizzazione strutturale, che ci rendera' schiavi nel giro di un decennio o poco piu' dei brevetti depositati in altri paesi, qualche volta il genio italico produce cose straordinarie..


    #55638
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    guarigione con la cura Di Bella

    Con questo commento nella testa mi infilo nella Pet. A fine esame il radiologo dice testuale: ‘Non so che dirle, se per lei fosse il primo esame di questo tipo le direi di stare tranquillo, non ha niente (in realtà avevo ancora qualche linfonodo ingrossato, ma tre mesi prima ne avevo molti di più, più grossi e ‘captanti’, ossia pericolosi). Il radiologo prosegue: ‘Forse il suo non era un linfoma, o forse tutte le terapie che ha fatto si fanno sentire ora…’ Penso: chissenefrega se non riconosce che sto bene per la Di Bella, io mi sento in paradiso.
    http://www.ilgiornale.it/tumori/vi_racconto_mio_linfoma_guarito_quinto_tentativo/27-12-2011/articolo-id=564321-page=0-comments=1


    #55639
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Nuovi strumenti tecnologici per fermare la crescita delle cellule tumorali.
    NovoCure, la società privata israeliana specializzata in dispositivi medici innovativi contro il cancro, ha annunciato la chiusura della raccolta di fondi per finanziare il nuovo studio clinico sul Novo-TTF per il trattamento del glioblastoma multiforme, il tipo di tumore maligno cerebrale più comune e più aggressivo. Il dispositivo Novo-TTF è un esclusivo trattamento contro il cancro, che utilizza campi elettrici a bassa intensità e appositamente regolati (Tumor Treating Fields – campi TTF) per interrompere la divisione delle cellule tumorali. I campi TTF, generati da elettrodi applicati sulla superficie del cuoio capelluto, agiscono sulle cellule cancerose in rapida divisione e le distruggono, o fanno sì che non si dividano adeguatamente; al contrario, le cellule sane, che non si dividono, non vengono assolutamente influenzate.
    http://italiasalute.leonardo.it/copertina.asp?Articolo_ID=10136


Stai vedendo 10 articoli - dal 151 a 160 (di 335 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.