I DIECI PUNTI FONDAMENTALI DELLA NUOVA RIVELAZIONE

Home Forum TEOLOGIA I DIECI PUNTI FONDAMENTALI DELLA NUOVA RIVELAZIONE

Questo argomento contiene 71 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  windrunner 10 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 72 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #34404

    windrunner
    Partecipante

    Richard che dire !!!
    Grazie infinite per la ricerca che stai compiendo !!!

    E' davvero molto interessante !!! 🙂


    #34405
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Anche Cayce dava spiegazioni scientifiche, dovremmo confrontare


    #34406

    windrunner
    Partecipante

    Porto alla vostra attenzione questo che è il capitolo 11 di uno del libro chiamato “Le 12 Ore”.
    Questo è il capitolo dell'undicesima ora. Davvero da rileggere più volte per comprendere… secondo me !!! Buona lettura !!! 🙂

    Capitolo 11
    11. ORA

    1. Voi avete letto nel Mio Libro (Vangelo Luca 15) la storia del figlio perduto e non l'avrete letta ed udita una volta sola, ma già più volte. Ebbene Io vi dico che in tutto il Libro non c'è alcun versetto e alcun capitolo, che comprenda in sè qualcosa di più grande del figlio perduto . Come pure non è tanto facile trovare un punto che possa essere per voi più difficile da comprendere, di questo. E ciò proprio per la ragione che dovete conoscere, poichè essa è della massima importanza e, come tale, è una chiave indispensabile per la contemplazione interiore.
    2. Questa causa fondamentale però è la seguente e dice così: “Io parlo spesso di cose elevate, dalla Mia Sapienza, attraverso il Mio Amore; spesso però parlo dall'Amore attraverso la Luce della Sapienza di cose che apparentemente sembrano piccole. Ora, tenete presente che nel primo caso vi viene comandato soltanto quanto è possibile sopportare alla vostra individualità del momento; nel secondo caso viene invece data un'infinità velata, al cui scioglimento finale non sono sufficienti delle eternità”.
    3. E vedete, proprio uno di questi doni, apparentemente piccoli, è pure il figlio perduto. Infatti, Io dico che, se voi sapeste tutto quello che si cela dietro al figlio perduto, in verità, gli Arcangeli verrebbero a scuola da voi. Io ho già fatto degli accenni, nelle dieci precedenti ore, su come vanno le cose sulla Terra al tempo presente, tacendovi però le infamie più grosse di tutte.
    4. Io vi ho mostrato in generale la manchevolezza della giurisprudenza; Io vi ho indicato la pazzia dell'Asia, come pure la barbarie dell'Africa. Io vi ho mostrato certamente soltanto la minima parte delle infamie dell'America; Io vi mostrai l'amministrazione della giustizia dell'Inghilterra, preferibilmente nelle sue condizioni esteriori, come pure il trattamento dei malfattori sulle coste australiane, a voi rese note.
    5. Vi ho pure indicato, nell'estremo Sud, un paese maltrattato, come era e come in gran parte è ancora attualmente, tuttavia, proprio riguardo a questo paese, Io devo farvi notare qualcosa e cioè prioritariamente il fatto che voi dovete indirizzare una doppia attenzione proprio su quanto detto riguardo a tale paese e, in secondo luogo, che proprio su quanto detto di tale paese, meno di tutto dovete comprenderlo in senso letterale. Il perché ve lo mostrerà quanto segue. Inoltre Io vi ho pure mostrato le condizioni, quanto mai tirannicamente severe, di altri stati insulari, specialmente di quello giapponese e qualcosa in breve riguardo allo stato della Russia settentrionale.
    6. Per quanto le cose nel mondo stiano così, a prescindere da ciò, però, queste condizioni non sono state comunicate da Me a voi, perché da ciò dobbiate scorgere tutt'al più come vanno avanti le cose nel mondo, poichè ciò, e ancora mille volte peggio in futuro, lo leggerete comunque anche troppo spesso. La ragione però per la quale Io vi ho comunicato queste cose, non è altro che quella che da ciò possiate riconoscere un po' più profondamente, a vostra grande utilità, il grande mistero del figlio perduto.
    7. Voi di certo ora pensate cosa ha a che fare, dunque, il figlio perduto con tutte queste crudeltà, che avvengono nel mondo. E siete pieni di curiosità su come il figlio perduto potrebbe trovare la via d'uscita da tutto questo labirinto del mondo. Però Io vi dico: “Eppure è certo più facile trovare il figlio perduto da tutte queste scene e comprenderlo che far passare un cammello per la cruna di un ago”.
    8. Per comprendere l'insieme di queste cose è necessario che apprendiate anzitutto chi è, di fatto, questo figlio perduto. Quando Io vi indicherò il figlio perduto, sia pure solo per nome, in verità dovreste essere colpiti da una cecità più che settupla, se all'istante non vi dovreste accorgere che una grossa benda vi è stata tolta dagli occhi . Ora preparatevi ed udite il nome! Vedete, esso è “Lucifero!” . Vedete, in questo nome sta l'intero compendio, per voi eternamente inafferrabile ed infinito, del figlio perduto.
    9. Riflettete ora, che quasi tutta la presente umanità è nient'altro che le membra di questo unico figlio perduto e cioè, soprattutto in preminenza, quegli umani che discendono dalla linea non benedetta di Adamo. Vedete, questo figlio perduto ha preso tutti i beni che gli spettavano ed ora li sta scialacquando, per dei periodi di tempo infinitamente estesi per quanto riguarda i vostri concetti. Voi sapete, dalla storia del figlio perduto, come andò a finire con il suo destino finale. Ora esaminate tutte queste condizioni del mondo e davvero non scorgerete altro se non il destino finale del figlio perduto, in maniera estesa. Vedete la carente amministrazione giuridica. Dove pensate che stia la causa di tutto ciò? In verità in null'altro che nella sconsideratezza e nella insensibilità di coscienza, che ne deriva.
    10. Ora osservate di nuovo il figlio perduto. Non è la prima caduta per lui, quando abbandona la casa paterna? Considerate le pazzie asiatiche. Cosa sono esse, se non la conseguenza naturale di ciò, che il susseguirsi dei tempi ha via via formato fino all'attuale punto culminante di orrore? Ora procedete oltre, verso l'Africa, portate con voi per mano il figlio perduto e se ora indirizzate là un'occhiata spirituale, discretamente penetrante, scorgerete con meravigliosa fedeltà che là il figlio perduto si è trovato nella stessa situazione di quando, dopo aver sperperato il suo patrimonio, ha tentato tutte le vie, per ricostruirsi delle proprietà, che corrispondessero a quelle avute precedentemente. In grazia a tale sguardo illuminato dallo Spirito, scoprirete ciò non soltanto nella condizione attuale, ma in tutte le situazioni pensabili di questo continente, sì Io dico, non soltanto dell'Egitto, ma dell'intera Africa. E questo non soltanto in ciò e da ciò che il tempo attuale offre, bensì attraverso tutti i periodi di tempo, che il pensiero di un uomo può raggiungere ed anche più in là. Osservate gli sterili sforzi barbari di quelli, di questa intera parte del mondo, che vogliono diventare ricchi!
    11. Molte cose vi verranno chiarite dalla storia del passato, però le stesse cose ve le mostra inappellabilmente anche il presente di questo continente, preso nel suo insieme. Infatti Io vi dico che la situazione del figlio perduto non viene rappresentata da ogni singolo uomo e da ogni singolo popolo, bensì da tutto quanto il continente, dal primo fino all'ultimo granello di sabbia, dal primo all'ultimo raggio di sole e tutti i suoi paesi, monti, fiumi, deserti ed animali sono l'esatta raffigurazione del figlio perduto, come tutto ciò che lo concerne, a cominciare dai primordi fino all'epoca presente ed oltre.
    12. Adesso prendete nuovamente per mano il figlio perduto, non dimenticate però durante questo viaggio di incatenarlo come uno schiavo e recatevi con lui in America. In verità voi dovreste essere più ciechi del centro della Terra, se là non lo incontrerete dappertutto, riprodotto mille volte in tutte le sfumature immaginabili. A questo punto non c'è bisogno che Io aggiunga altro, se non che l'America del Nord rappresenta il suo essere interiore, mentre quella del Sud il suo essere esteriore, ragion per cui tale continente, già nella sua forma, offre una figura del figlio perduto, che rammenta quella di un insetto denutrito. Chi ha orecchi da udire, oda, e chi ha occhi, veda.
    13. Voi tutti saprete come stanno le cose, nei riguardi del figlio perduto nell'ultimo periodo, quando la Scintilla interiore santificata dell'Africa, venne destata in lui. In Australia egli trovò un datore di lavoro, che non gli permetteva di nutrirsi nemmeno con il cibo destinato ai maiali, cosicchè era costretto a riempire il suo stomaco con qualsiasi cosa gli capitasse sottomano. Ora voi penserete: “Che cosa mai farà costui in Nuova Zelanda?”. Non occorre neanche affatto che lo mandiamo in Nuova Zelanda, ma ci costerà davvero ben poca fatica il riconoscere la Nuova Zelanda nel figlio perduto stesso. Notate dunque: “Il Sud rappresenta la massima esteriorità dell'uomo”. Ora osservate il figlio perduto nel suo abbigliamento, che in questo ultimo spaventoso periodo di prova non è certo vestito secondo la moda di Parigi, ma soltanto coperto con luridi stracci, tanto da poter sì o no nascondere le sue parti vergognose.
    14. Come vedete, qui abbiamo la fedele carta geografica, che svolazza intorno alle nudità del nostro “perduto”. Estendiamo o ingrandiamo questo figlio perduto e cogliamo l'occasione per fare una breve visita alla Chiesa cristiana, come presentemente si trova. Non assomiglia a questo continente? Potete osservarla come volete, sia spiritualmente, come Io vi ho mostrato, che materialmente, come viene descritto ovunque. In verità dovreste essere già di nuovo più ciechi del punto centrale della Terra, se vi sfuggisse l'evidente somiglianza di questo Paese con gli stracci del figlio perduto e di quest'ultimi con la Chiesa. Come là, nelle Terre del Sud, la povertà di questi abitanti viene dispersa dai venti, lo stesso fece il vento con i putridi stracci del figlio perduto e la medesima cosa ora fanno i santi venti, che soffiano dall'Alto con quelle sette chiesastiche cristiane che, prese nel loro assieme, sono più pagane che cristiane. Non ci sarà ora un gran bisogno da parte vostra di profonde conoscenze matematiche, per dedurre quale sia attualmente l'ora del “grande giorno”.
    15. Se gettate ancora uno sguardo al Giappone, esso vi rivelerà facilmente e vi indicherà in modo più che evidente con chiarissimi segni la costrizione interiore del figlio perduto, come anche delle attuali condizioni delle chiese, per quanto riguarda il loro aspetto interiore. Di più non occorre qui, che Io vi dica.
    16. Che cosa dite ad un uomo molto ammalato, quando i suoi piedi sono diventati freddi e la sua fronte è imperlata di sudore freddo? In verità non è necessario per questo alcuna preparazione medica specifica, per potere affermare in qualche modo in spirito profetico: “Solo ancora alcune poche pesanti pulsazioni e la stanchezza ed il tormento della vita sono cessati!”.
    17. Dunque, come prima cosa toccate i piedi del figlio perduto, nel Sud della Terra e, per seconda cosa tastate il suo capo nel grande Regno del Nord, poi ponete la mano sul vecchio cuore stanco della Chiesa. Veramente dovreste essere nuovamente più ciechi del centro della Terra, se non riuscite a contare sulle dita a che ora avvenga il “gran giorno”. Certamente ricorderete bene l'ultima ora illustrata, come vi è stata data notizia, nonchè le spiegazioni con riguardo alla “seconda vista”.
    18. Ora certamente penserete: “Dovrebbe anche questa seconda vista avere qualche affinità elettiva con il figlio perduto?”. O Miei cari, quando Io do qualcosa a qualcuno, non la do come gli uomini, i quali, anche con la migliore buona volontà, non possono dare mai qualcosa di completo, ma Io do in ogni tempo qualcosa di intero e così Io vi dico: “Proprio in questa seconda vista vi verrà sciolto tutto il nodo e dopo questa soluzione non vi sbaglierete più, nemmeno di un minuto nel vostro calcolo”.
    19. Ritorniamo ora al nostro figlio perduto e vediamo un po' come lotta nella grande stretta della morte. Guardate la sua anima, com'è oppressa eccetto un unico punto, e in verità a questo si deve anche arrivare! Però vedete, ora accade, con l'anima del figlio perduto, proprio quello che Io vi ho detto, riguardo alle anime di coloro che ricevono, in simili circostanze, la seconda vista . Ecco, la loro grande pena si estende ora in rapide vibrazioni e quest'ultime arrivano dinanzi alla grande Casa paterna e le vibrazioni del Padre, colmo d'Amore, si scambiano con quelle del figlio perduto, che sono di paura, di miseria e di pena.
    20. L'anima del figlio perduto percepisce un simile dolce e santo Alito, proveniente dalla Casa del Grande Padre. Essa, alimentata da queste sante vibrazioni, ritorna nuovamente nella sua casa fatiscente, la riedifica e si dirige, nella più grande umiltà annullando se stessa, laddove voi sapete che si è diretto il figlio perduto. Ma cosa succede, là? Vedete, solo gli stracci vengono tolti al figlio e bruciati e, come sapete, soltanto il figlio verrà nuovamente ripreso.
    21. Vedete, ora avete svelato davanti ai vostri occhi tutto il mistero, nascosto fino a questo attuale istante, del numero profetico dell'uomo. Se ritornate, anche soltanto un poco, sulle condizioni di questo tempo, in verità dovreste essere più che morti, se non vi accorgete neppure adesso delle sante vibrazioni di Grazia, che ora sgorgano a torrenti dalla santa Casa del Padre!
    22. Anche voi siete membra del figlio perduto! Allargate la vostra anima e fate in modo che lo Spirito in essa si desti e ritornate, confidenti, in tutta umiltà, come il figlio perduto consolato nella grande Casa del vostro amorosissimo Padre. In verità vi dico, che Egli vi verrà incontro a metà strada!
    23. Come vedete, il tempo della Mia Grazia si è avvicinato e perciò Io vi ho dato quanto precede, affinchè riconosciate che questo è quel grande tempo, che i profeti hanno annunciato, sì proprio quel tempo, che è stato annunciato dalla Mia bocca. Dunque, perseverate soltanto un breve tempo ancora e rallegratevi con grande fiducia!
    24. Infatti, in verità vi dico: “La grande Casa paterna è venuta incontro a voi, e tanto vicino a voi, che non potete immaginarvi!”.
    25. Come però possiate riconoscere in voi stessi il figlio perduto e tutte queste condizioni del tempo attuale e come viene ritrovato in ogni singolo uomo questo figlio perduto, o come piuttosto egli ritrovi se stesso, come “il grande uomo” venga recuperato nel piccolo; cari figli, di tutto ciò vi verrà data fedele notizia nell'ultima ora. Amen!

    http://www.jakoblorber.it/ita/X0030_capitolo03.php


    #34407

    mysterio
    Partecipante

    Mi sorge spontanea una domanda: qualcuno sa qual'è la posizione ufficiale della Chiesa rispetto agli scritti di Lorber?

    Sia al giorno d'oggi che all'epoca della redazione della “Nuova Rivelazione”..quali furono le reazioni in campo ecclesiastico?

    Sarei proprio curioso di sapere la posizione del Vaticano a riguardo..


    #34408

    windrunner
    Partecipante

    [quote1222724477=mysterio]
    Mi sorge spontanea una domanda: qualcuno sa qual'è la posizione ufficiale della Chiesa rispetto agli scritti di Lorber?

    Sia al giorno d'oggi che all'epoca della redazione della “Nuova Rivelazione”..quali furono le reazioni in campo ecclesiastico?

    Sarei proprio curioso di sapere la posizione del Vaticano a riguardo..
    [/quote1222724477]

    Caspiterina…. ottima domanda mysterio !!!
    Proverò a cercare qualche informazione in merito !!! 🙂


    #34410

    windrunner
    Partecipante

    Biografia di Jakob Lorber trovata su Wikipedia… davvero vorrei invitare a riflettere su questo…
    Ad ogni modo… dovunque mi giri… si capisce che i tempi sono questi… ci siamo dentro in pieno ! 🙂

    http://it.wikipedia.org/wiki/Jakob_Lorber
    Biografia [modifica]

    Vita in solitudine [modifica]

    Una breve biografia scritta dal suo amico Karl Gottfried Ritter von Leitner indica che Lorber era una persona semplice [1]. Era nato a Kaniža, un piccolo villaggio della Slovenia (allora governato dall'Impero Austriaco) dove viene formato come insegnante da villaggio. Aveva talento musicale ed impara a suonare il violino, ricevendo lezioni dal violinista Paganini, ed arrivando a suonare in un concerto di violino alla Scala di Milano. Nel 1841, nello stesso anno in cui dichiara di cominciare a sentire la “voce interiore”, a Jakob Lorber venne offerto il ruolo di direttore musico (vice-capocoro ?) in un teatro di Trieste. Lui dichiaro' che la sua voce interiore, lo sollecitava a declinare l'offerta e ad intraprendere invece una vita di solitudine. Gli scritti di Lorber rivelano che la voce interiore che gli parlava in prima persona, si presentava come la voce di Gesù Cristo. [2]

    Lorber aveva un atteggiamento aperto, franco ed amichevole riguaardo alle sue “trascrizioni”, ma nonostante questo si trovo' al centro di polemiche e piccoli intrighi destinati a provare che era un falso. Ad esempio la sposa di uno dei suoi amici era certa che Lorber avesse studiato il materiale che pretendeva di udire dalla voce interiore, ma non riusci mai a trovare i libri di scienza che lei supponeva nascosti e consultati segretamente da Lorber, ed infine riusci a scoprire che il suo unico materiale d'indagine bibliografico era una comune copia stampata della Bibbia. [3]

    Venne osservato mentre trascriveva le sue alocuzioni interiori da uomini istruiti della citta austriaca di Graz, come il Dr. Justinus Kerner; dal Dr. Ch. F. Zimpel; dal sindaco di Graz, Anton Hüttenbrenner; da suo fratello, il compositore Anselm Hüttenbrenner; dal poeta e Secretario di Stato Karl Gottfried von Leitner; dal Dr. Anton Kammerhuber; da Leopold Cantily, farmacista di Graz, ed altri. Questi uomini l'osservarono mentre scriveva e verificarono la semplicita' della sua vita [4]. Leopold Engel era uno dei suoi seguaci.

    Scritti visionari [modifica]

    Jakob Lorber si dichiarava incapace di capire molte delle cose che suppostamente gli venivano dettate dalla voce interiore, che scriveva di oggetti scientifici oppure di concetti come l'atomo, le particelle elementari ed il tremendo potenziale energetico nella materia, molto prima che fossero state scoperte o semplicemente ipotizzate le varie forme di energia nucleare [5].

    Scrisse di un'era della tecnologia nella quale l'uomo avrebbe inventato la comunicazione wireless, avrebbe volato sopra gli oceani e costruito vagoni in acciaio viaggianti a velocita' superiori a quelle delle frecce; ma anche delle conseguenze del bruciare vari tipi di combustibile fossile, dell' inquinamento, della deforestazione e del loro potenziale per causare una grande devastazione, che avrebbe provocato grandi tempeste e terremoti [6]. Scrisse di macchine di forma antropomorfa o simili a creature viventi che avrebbero eseguito compiti umani “e che allora molte mani sarebbero rimaste inoperose e che gli stomaci dei poveri e disoccupati sarebbero stati tormentati dalla fame”.

    Il Sole e Saturno abitati da 'corpi spirituali' [modifica]

    Inoltre Lorber afferma che corpi celesti come il Sole oppure Saturno sono abitati (da corpi “spirituali” piuttosto che materiali).

    Seconda venuta di Gesù Cristo [modifica]

    Ad esempio, mentre descrive la Seconda Venuta di Cristo, Lorber fornisce informazioni che alcuni lettori considerano una descrizione della Internet, della possibilita' di caricare e scaricare articoli e libri, oltre alla possibilita' di stamparli in milioni di copie:

    Nell'occasione della Mia Seconda Venuta, Io non rinasceró di nuovo come un bambino nato dal ventre di una donna, dal momento che il Mio corpo rimane trasfigurato come uno spirito, nell'eternita', e per questa ragione, Io non avro' piu bisogno di un'altro corpo nella maniera da voi indicata. Comunque, prima Io dovro' arrivare invisibilmente nelle nubi del cielo, che vuol dire: Io prima mi avvicinero' all'umanita attraverso gli autentici veggenti, grazie a persone sagge ed a profeti risvegliati di nuovo. E in quei giorni anche alcune fanciulle profetizeranno, e giovani uomini avranno sogni di chiaroveggenza che annunceranno il Mio avvento. Molti gli ascolteranno e ammenderanno le loro errate vie, ma il mondo li chiamera' pazzi fanatici e non gli crederra', allo stesso modo che fecero con i profeti.

    Inoltre, Io svegliero' di tempo in tempo alcune persone, alle quali Io dettero' attravverso il loro cuore, tutto quello che allora verra' detto, durante la Mia presenza qui, quello che succede e che viene discusso. Quello che viene scritto sara' moltiplicato, entro sole poche settimane e giorni, verra' moltiplicato in molte migliaia di copie identiche in quella ottima maniera molto ben conosciuta e disponibile a molte persone a quei tempi, che allora le renderanno accessibili in modo piu comodo a se stessi ed a tanti altri non tanto edotti. Allora le persone in quei giorni, quasi tutti quelli in grado di leggere e scrivere, saranno capaci di leggere e comprendere i nuovi libri. Questo nuovo modo di spargere i Miei insegnamenti, direttamente dal cielo, consegnati di nuovo ed incontaminati, rendera' possibile il raggiungere le persone di tutta la Terra molto piu velocemente ed efficacemente rispetto a quel che e' possibile adesso tramite i messenggeri inviati in Mio nome, che pronunciano le Mie parole per bocca. Quando in questo modo i Miei insegnamenti saranno consegnati alle persone di buona volonta' e di fede attiva, ed almeno un terzo dell'umanita sapra' di questa cosa, allora Io arrivero' personalmente qui ed altrove, e mi rendero' fisicamente visibile a quelli che piu' Mi amano, che da lungo tempo attendono il Mio ritorno e hanno una fede pienamente viva. [7]

    Teologia, geologia, storia, libera scelta [modifica]

    La prosa di Jakob Lorber e' stata descritta come commovente, ed ha indotto alcuni lettori a compararla agli scritti di altri mistici come Emanuel Swedenborg e Jakob Boehme. Il suo Grande Vangelo di Giovanni e una narrazione dettagliata in prima persona del ministero triennale di Gesù sulla Terra, di circa 2.000 pagine di lunghezza e si basa sulla stessa struttura del Vangelo di Giovanni, che viene descritto come un libro eterno, dal momento che persiste continuamente nell'Apostolo Giovanni, il desiderio di comprendere l'interpretazione più spirituale delle parabole di Gesù. Il libro più grande, conferma le dichiarazioni di Gesù sull'essere se stesso Dio, e gli rivela molti altri miracoli di un grado stupefacente e molto più grandioso rispetto a quello dei vangeli originali. Nel Grande Vangelo di Giovanni, il narratore, lo stesso Gesù, spiega essere il creatore dell'Universo materiale, Afferma di aver fatto questo per inspirare i suoi bambini che altrimenti non l'avrebbero potuto percepire nella sua forma primordiale dello spirito.

    Evoluzione e geologia formulate in modo sostanzialmente corretto [modifica]

    Fornisce accurate descrizioni degli eoni di tempo trascorsi nella creazione della Terra. Lorber la spiega in modo simile alla moderna teoria dell'Evoluzione, descrivendo tutta la lunghissima strada percorsa fino al punto, diverse migliaia di anni fa', quando Gesù mise Adamo sulla Terra, che a quei tempi conteneva soltanto creature umanoidi che non avevano libero arbitrio, dal momento che semplicemente erano i più intelligenti tra gli animali [8] Alcuni lettori hanno notato che Lorber scriveva queste cose molti anni prima che Charles Darwin publicasse la sua teoria sull'evoluzione nel 1859 (Darwin, oltre al grado accademico, si basava su dati oggettivi, su lievi e progressive divergenze di caratteristiche fisiche, osservate su popolazioni di uccelli delle Galapagos, in condizioni di grande isolamento evolutivo e grande deriva genetica rispetto al continente sudamericano).

    Libero arbitrio: inferno e paradiso [modifica]

    In questo modo inclusivo, il Grande Vangelo di Giovanni continuamente mette in risalto l'importanza del libero arbitrio. In questo modo, il paradiso e l'inferno sono presentati come condizioni gia' presenti al nostro interno, espresse in base al fatto di vivere in armonia oppure contrariamente all'ordine stabilito da Dio. Il Grande Vangelo di Giovanni dichiara anche che i vangeli di San Giovanni e San Matteo sono stati scritti proprio al tempo degli eventi che narrano; ad esempio, Lorber scrive che Gesù specificamente chiese a Matteo di prendere note durante il Sermone della Montagna. [9] Questo dato, preso in esame di prim'acchito, sembra essere contrario alla Teologia cristiana piu' ortodossa, che tipicamente colloca la redazione del vangelo di Matto alcuni anni dopo la risurrezione di Gesù Cristo e quello di Giovanni nel II secolo A.D. Comunque, nel Grande Vangelo di Giovanni il narratore spiega come possa essere sorta tutta questa confusione. Lorber dichiara che vi furono molti successivi redattori-elaboratori del Vangelo, includendo alcuni autori che si tramandavano il nome Matteo di padre in figlio, che hanno elaborato scritti simili in un periodo di molti anni.

    Scomparsa del manoscritto originale [modifica]

    Al giorno d'oggi, i manoscritti originali dall'autore sono scomparsi, e dunque non esiste alcuna evidenza che sia testimonianza della loro data di redazione. Secondo Lorber, Dio permise specificamente questa perdita, in modo di prevenire l'idolatria. Come spiegato nel capitolo 134 del primo libro del Grande Vangelo di Giovanni:

    Saggiamente, gli originali sono stati rimossi, per la semplice ragione di evitare sul nascere qualsiasi pratica idolatrica con queste reliquie. Questo ancora accade, anche con reliquie false o che semplicemente (senza alcuna garanzia da parte della Chiesa), vengono assunte come oggetto di devozione, anche se il Mio autentico puro insegnamento lo proibisce con un dettame contro il lievito dei Farisei. Ora immaginiamo che si abbia una reliquia storicamente provata come vera. Io vi dico che sarebbe praticata un'idolatria peggiore rispetto a quella che si verifica nel Santo Sepolcro di Gerusalemme, dove, eccetto che per l'autenticità della località, neanche un granello di sabbia é autentico. Questa é la vera ragione per la quale gli originali sono stati rimossi. [10]

    La traduzione delle opere di Lorber in italiano [modifica]

    Dal 1924 al 1934, a Trieste lo studioso Salvatore Piacentini comincia a tradurre quasi tutta l’opera di Lorber, in un'italiano che attualmente risulta piuttosto arcaico. Dal 1970 vengono eseguite copie dattiloscritte che saranno fotocopiate, da allora molti termini in italiano arcaico oppure alcuni difficoltosi termini e passaggi in tedesco sono stati tradotti.

    Nel 1995 il gruppo “Amici di Lorber” intraprende un'approfondita revisione della traduzione italiana a confronto dei testi originali tedeschi. Nel 1998 viene fondata l’Associazione Jakob Lorber, con 70 aderenti, che fonderanno nel 2000 “La Nuova Rivelazione”, casa editrice nata per diffondere gli scritti di Jakob Lorber.


    #34411

    iniziato
    Partecipante

    fa sorridere che egli stesso ammettesse di non capire ciò che gli veniva dettato …


    #34409
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Wind non ho approfondito la questione ma mi sembra che questo Lorber sia stato una specie di medium tipo :
    Cayce , Roberto Setti del cerchio 77 di Firenze…e Swedenborg, un mistico del 1600…

    Interessante che tutti loro hanno avuto lo stesso messaggio cosmico.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #34413

    windrunner
    Partecipante

    [quote1222766191=iniziato]
    fa sorridere che egli stesso ammettesse di non capire ciò che gli veniva dettato …
    [/quote1222766191]

    Si si infatti 🙂
    Ma in parte lo capisco… insomma si parlava di dimensioni ed in un certo senso di cose scientifiche che solo nei tempi moderni stiamo scoprendo… in un uomo del 1800… hihihi

    Ciao ! 🙂


    #34414

    windrunner
    Partecipante

    [quote1222766435=farfalla5]
    Wind non ho approfondito la questione ma mi sembra che questo Lorber sia stato una specie di medium tipo :
    Cayce , Roberto Setti del cerchio 77 di Firenze…e Swedenborg, un mistico del 1600…

    Interessante che tutti loro hanno avuto lo stesso messaggio cosmico.
    [/quote1222766435]

    E' proprio vero farfalla… identici messaggi e non solo… pare che ci siano molte coincidenze con Cayce circa le conoscenze scientifiche… 🙂


Stai vedendo 10 articoli - dal 61 a 70 (di 72 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.