Il ritorno del fantamedico: T. Simoncini colpisce ancora

Home Forum SALUTE Il ritorno del fantamedico: T. Simoncini colpisce ancora

Questo argomento contiene 44 risposte, ha 12 partecipanti, ed è stato aggiornato da  darwindeus 6 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 41 a 45 (di 45 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #61135

    Anonimo

    [quote1351597460=Spiderman]
    Già che ci siamo:

    [/quote1351597460]

    si vabbè ma non è WIKImazzucco…!!!! :hehe:


    #61136
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    darwindeus già fai veramente na figuraccia e non certo una figura da intelligente quale vorresti fare rispetto ad altri, per come ti poni con questa cosa del santone
    Io non conosco Simoncini e cerco solo di capire e informarmi e dire la mia opinione e non ho certo la convinzione che il bicarbonato sia uno srumento magico o Simoncini abbia trovato la soluzione e sia un santo, questo lo dici tu per vomitare in faccia agli altri l'acido che porti dentro, ti chiedo per cortesia prima di tutto rispetto. Visto che anche io ho le mie esperienze in merito in famiglia e non ho certo visto la meraviglia delle cure convenzionali, per nulla.

    Premesso questo, io ragiono sul discorso dell'acidità e non mi frega piu di tanto se secondo Simoncini la causa è la candida. Ho letto le notizie e gli abstract di studi clinici che dicono esplicitamente che il bicarbonato ha una efficacia, ora si ragiona sul perchè e dall'inizio avendo qualche base di chimica scolstica, ho pensato (rasoio di Occam come dicono i grandi debunkers dei miei stivali) all'acidità, infatti poi sono usciti articoli che parlano proprio di questo. Una tesi sarebbe che il cancro cerca ossigeno e per questo metastatizza.
    Inoltre è appunto come ho scritto da tempo risaputo il collegamento:
    http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=1378

    troppo frettolosamente accantonata dalla ricerca. Risale infatti agli Venti del secolo scorso, quando il premio Nobel Otto Heinrich Warburg, mise in luce che al di là di tutte le anomalie che si possono riscontrare nelle cellule tumorali, “c’è una sola causa originaria. Detto in poche parole – affermava Warburg in una rivisitazione della Lecture del Nobel – la prima causa del cancro è la sostituzione della respirazione dell’ossigeno che avviene in una cellula sana con la fermentazione dello zucchero”.

    Quindi o modulando l'acidità si spinge anche all'apoptosi il cancro perchè viene modificato il suo ambiente, ho pensato, oppure perlomeno lo si isola ossigenando l'ambiente e lo si rende più vulnerabile ai farmaci…

    Chiaramente se usato male il bicarbonato puo fare danni, e grazie al cavolo, è sempre chimica, chiamalo bicarbonato o usa degli antiacidi, l'equilibro chimico dell'organismo è una base fondamentale, lo insegnano mi pare anche alle medie.

    Però vediamo che ad esemio

    http://www.giornalettismo.com/archives/446215/chemioterapia-puo-aiutare-il-cancro/
    La chemioterapia usata da decenni per combattere il cancro in realta’ puo’ stimolare, nelle cellule sane circostanti, la secrezione di una proteina che sostiene la crescita e rende ‘immune’ il tumore a ulteriori trattamenti

    oppure:
    http://www.ifom-firc.it/release/041020.pdf
    Dal punto di vista delle implicazioni terapeutiche, la scoperta di Foiani e colleghi è una novità
    assoluta: fino a questo momento si pensava infatti che, per aiutare una cellula a riparare i
    danni al DNA, il CDK dovesse essere inibito farmacologicamente. Ma, alla luce dei nuovi
    risultati, questa strategia potrebbe essere pericolosa: in alcuni pazienti inibire l’azione del
    CDK potrebbe infatti inceppare i sistemi di controllo e addirittura favorire la crescita del
    cancro

    Quindi anche qui viene fuori che la chemio ..se usata male ti apre in quattro.

    Darwindeus rilassati, non sei il solo ad avere il cervello, puoi starne certo.

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=nahco3%20cancer


    #61137
    giusparsifal
    giusparsifal
    Partecipante

    Eh caro troll, (ma lo sai perchè ti chiamo così, perchè ignori quel che ti vien detto, e continui ad andare spedito con i tuoi termini, è una tecnica molto diffusa), io non ho affatto vissuto un caso di malasanità, io ho vissuto un “normalissimo” caso di sanità.
    Cioè quel che è successo alla mia famiglia tocca a tutti.
    E il punto non è che avremmo potuto salvarlo, a quel punto solo Lui poteva, ma che era ad uno stadio irreversibile.
    E senza fare il santone o spillarmi soldi, Simoncini mi ha comunicato questa cosa.
    L'illusione, semmai, me l'han data all'ospedale, solo che i soldi per avvelenare mio padre li hai messi anche tu, testolina, è di questo che non ti rendi conto.
    E metti i soldi per una moltitudine di ammalati che non guariranno mai, per centinaia di migliaia di essi ma a te mai è venuto in mente, come mai, di citare in giudizio lo Stato per cure inefficaci che distruggono il paziente e fanno aumentare i costi della Sanità pubblica.
    Ad ogni povera persona che va via con la cura Simoncini, 2 per quanto ne sappiamo ad oggi, ce ne sono 1.000 che se ne vanno, purtroppo, con le cure ufficiali.
    Ecco, te la sei posta questa domanda?
    E ricorda che alle cure ufficiali accedono tutti sin dalla diagnosi, dai Simoncini, Di Bella e compagnia varia (medici, non santoni, vedi che sei un troll?) si arriva a diagnosi di cancro terminale.
    Ho paura che sei tu ad avere avuto una brutta esperienza e ora butti veleno ed il fatto che sia un troll sarà la tua risposta a questo mio messaggio nel tenore che hai sempre avuto, vai dritto per la tua strada a continuare a scrivere fiumi di parole che a nessuno servono ed utilizzando termini poco corretti nei confronti di chi studia il problema da decenni.
    Ah dimenticavo, un troll non puoi convincerlo perchè lo fa per creare scompiglio, quindi non citarmi più in pubblico, se hai qualcosa da dirmi scrivimi in privato, troll.


    #61138

    Spiderman
    Partecipante

    [quote1351600209=giusparsifal]

    E senza fare il santone o spillarmi soldi, Simoncini mi ha comunicato questa cosa.
    L'illusione, semmai, me l'han data all'ospedale, solo che i soldi per avvelenare mio padre li hai messi anche tu, testolina, è di questo che non ti rendi conto.

    [/quote1351600209]

    E quanti di questi soldi!! [link=http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4653]IL LATO OSCURO DELL'ONCOLOGIA: PERICOLI E COSTI[/link]


    #61139
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1351600855=Spiderman]
    [quote1351600209=giusparsifal]

    E senza fare il santone o spillarmi soldi, Simoncini mi ha comunicato questa cosa.
    L'illusione, semmai, me l'han data all'ospedale, solo che i soldi per avvelenare mio padre li hai messi anche tu, testolina, è di questo che non ti rendi conto.

    [/quote1351600209]

    E quanti di questi soldi!! [link=http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4653]IL LATO OSCURO DELL'ONCOLOGIA: PERICOLI E COSTI[/link]
    [/quote1351600855]
    scusa magari non vanno a leggere

    1. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 128.217,00 euro.

    2. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Vinolrelbina associata a Cisplatino (TAX 326 + ILCP) per 100 pazienti: 200.940,00 euro

    3. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Carboplatino (ECOG 1594 + ILCP) per 100 pazienti: 216.945,00 euro

    4. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Gemcitabina associata a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 409.020,00 euro

    5. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594 + TAX 326) per 100 pazienti: 540.093,00 euro

    6. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Carboplatino (TAX 326) per 100 pazienti: 548.955,00 euro

    Cifre colossali che si riferiscono “solamente” ai costi dei farmaci chemioterapici nei sei tipi di trattamenti terapeutici presi in considerazione nella “Valutazione dei costi associati alle terapie ‘platinum based’” e pubblicate nel Giornale italiano di Farmacia clinica”. Se a questo sommiamo i costi della “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” il totale ha dell’incredibile!

    1. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 452.096,00 euro

    2. Costo 6 cicli di chemioterapia (Vinolrelbina e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 814.366,00 euro

    3. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Carboplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 467.550,00 euro

    4. Costo 6 cicli di chemioterapia (Gemcitabina e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 703.251,00 euro

    5. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Cisplatino) per 100 pazienti: 841.978,00 euro

    6. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Carboplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 825.887,00 euro

    ————-
    Posso pensre che ci siano di mezzo interessi diversi dalla salute dei pazienti? .. visto quello che ogni giorno scopriamo dai telegiornali direi di sì. E' semplice logica.

    “it will be true for the forseable future that a vast amount of information will remain hidden from even our best noninvasive technology.
    There is no better illustration than the case of my young breast cancer patient. While preparing my final report shortly after the autopsy, i reviewed slices of organs removed during the procedure. Although the presumed cause of death was organ failure due to end-stage metastatic breast cancer, close examination of her tissues with a light microscope revealed tiny, branching structures overwhelming nearly all of her tissues, the evidence of an invasive fungal infection, most likely due to the suppression of her immune system by chemotherapy”
    ftp://64.14.13.138/AMS_20100501_May_2010.pdf

    Poi traduco questo sull'articolo riguardante l'importanza delle autopsie che ho citato prima

    “Sarà vero per il futuro prossimo che molta informazione rimarrà nascosta anche dalla nostra migliore tecnologia non invasiva. Non c'è migliore illustrazione del caso di una mia giovane paziente morta di cancro. Anche se la causa presunta della morte era il danno agli organi dovuto alle metastasi del cancro al seno, un esame preciso dei suoi tessuti con un microscopio ha rivelato strutture ramificate che coprivano quasi tutti i suoi tessuti, l'evidenza di una infezione fungina invasiva, molto probabilmente dovuta alla sopressione del suo sistema immunitario per la chemioterapia”

    Perchè non si fanno dei telegiornali su queste informazioni e denuncie a gran voce su questi pericoli sui giornali? Perchè “il paziente in cura non si deve allarmare, è tutto da verificare…bla bla bla”.

    Siccome non leggono..

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2363059/
    Miglioramenti della chemioterapia tramite manipolazione del ph del tumore
    Questi dati indicano che alzare il ph incrementa l'effetto citotossico della doxorubicina in vitro e in vivo. ..
    La terapia combinata con bicarbonato e doxorubicina è risultata in un'abbassamento significativo della frequenza di crescita del tumore rispetto all'uso di sola doxorubicina…
    ..Riassumendo, i dati correnti indicano che il phe del tumore del seno è acidico e che questo riduce la citotossicita della doxorubicina in vitro e in vivo. Il ph del tumore puo essere alzato cronicamente tramite bicarbonato di sodio messo nell'acqua da bere di topi e questo puo aumentare significativamente l'efficacia della chemioterapia con doxorubicina in vivo.

    http://link.springer.com/article/10.1007%2Fs10585-011-9415-7?LI=true
    Riduzione delle metastasi tramite un buffer non volatile
    Abbiamo di recente dimostrato che il consumo cronico di bicarbonato di sodio può aumentare il ph del tumore e ridurre le metastasi spontanee e sperimentali. Questo è avvenuto senza influenzare il ph sistemico, che è stato compensato. Inoltre questi dati preliminari non escludono la possibilita che il bicarbonato stesse funzionando tramite effetti sulla anidrasi carbonica e non come buffer per sè…
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21155627
    Manipolazione dell'acidificazione del tumore come strategia di cura
    La manipolazione del ph extra e intracellulare dei tumori puo avere un considerevole potenziale nella terapia del cancro. Esiste evidenza crescente che l'acidita extracellulare per se accelera l'invasivita e la capacita metastatica delle cellule cancerose e questa acidita rende le cellule cancerose relativamente resistenti a molte chemioterapie leggermente alcaline e puo impedire la repulsione immunitaria dei tumori.Strategie pratiche per elevare il ph extracellulare dei tumori possono avere utilita terapeutica. Nei roditori, l'amministrazione orale del bicarbonato di sodio puo elevare il ph extracellulare dei tumori, un effetto associato con l'inibizione delle metastasi e la migliorata risposta a certi agenti citotossici, l'applicazione clinica sembra fattibile.

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19276390
    Il bicarbonato incrementa il ph dei tumori e inibisce le metastasi spontanee
    Mostriamo che il bicarbonato orale nahco3 incrementa selettivamente il ph dei tumori e riduce le metastasi spontanee in modelli su topo di cancro al seno.


Stai vedendo 5 articoli - dal 41 a 45 (di 45 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.