io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie

Questo argomento contiene 874 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 1 anno, 7 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 521 a 530 (di 875 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #310255
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Aggiornamento stragi 16/1/16
    Ougadougou, capitale del Burkina Faso. Un gruppo di persone armate ha preso d’assalto l’hotel Splendid e il caffè-ristorante “Le Cappuccino”, frequentati da occidentali e in particolare da personale dell’Onu.
    Al momento i morti sono 27.
    Non sono dell’ISIS ma Al-Qaeda comune denominatore: ISLAM.
    Ormai gli attentati terroristici di origine islamica passano dal 90% al 99%.


    #310256

    Rebel
    Partecipante

    Ancora una brutta notizia, di certo non è col buio che si fa luce nell’oscurità, per fare luce nell’oscurità serve la luce. Per arrestare l’odio non serve altro odio ma solo amore per il prossimo. Su questo pianeta ci sono disparità di esperienze animiche cosi grandi che non si fa fatica a capire come tutto questo sia possibile. Ci sono anime che sperimentano cose che altre hanno sperimentato mille vite prima, qualcuno ha deciso di miscelarci in questo modo per velocizzare la nostra decisione sulla scelta, luce o buio, positivo o negativo, servizio agli altri o servizio al se, siamo ancora in grande ritardo e molti non sceglieranno nessuna delle due cose.


    #310257
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Quelli siamo noi, ed anche questi siamo noi, siamo sempre noi che abbiamo deciso di scendere dal piedistallo ed incarnarci profondamente nella materia vivente, ovvero un ologramma virtuale che abbiamo inventato, per Conoscere “il pro ed il contro” di qualcosa nel Duale che non esiste nè ora nè esisterà mai: noi reggiamo la materia con il nostro pensiero vivente, quando non servirà più, sparisce in un attimo e ciò sarà naturale come ogni Scelta che facciamo in ogni Istante presente, anche se ci appare sofferta, come se ne avessimo molteplici a nostra disposizione, in Realtà è per forza di cose Quella, Univoca: la migliore per noi stessi in questa o quella circostanza. Anche quella che in passato ci ha cagionato tantissima sofferenza e che oggi ci appare sbagliatissima, era invece quella giusta e che ci ha condotto oggi a ciò che siamo, ciò comporta l’Accettazione completa delle nostre esistenze “errate” remote ed il completo Perdono di ciò che è successo anche cagionato da noi oppure dalle altre parti di noi stessi con cui abbiamo interagito.
    Stiamo facendo solo esperienza del CAOS: tranquilli, noi che siamo invece la Quiete Eterna imperturbabile, e secondo me siamo alla fine di un Ciclo durato millenni immersi nella completa incoscienza di noi stessi e del Senso reale del nostro vivere in questi panni di carne ed ossa, infatti ci stanno giungendo anche alcune Risposte Essenziali, nella nostra Intimità e tra queste, almeno per me, è che non resterà più nulla al di fuori delle nostre Emozioni vissute. ^ _ ^
    Chi è già Quiete cerca la Quiete e la emana in se e fuori di se.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    #310265
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Bello!
    In effetti anch’io penso che alla fine di tutto ciò che sta alla base è un uno unico,
    quindi anche noi siamo quella cosa là.
    Il mondo è fatto di opposti.
    Il punto è:
    dobbiamo lasciare che il nostro opposto (che sappiamo essere noi in altra veste) predomini?
    No! Ognuno fa la sua parte e cerca di riportare l’equilibrio. Niente vittime sacrificali in nome del puro amore. L’universo è EQUILIBRIO.

    Una religione che come l’ISLAM ha perso il senso del suo essere, una religione con un libro che può essere interpretato così male da giustificare assassini, spietatezze e terrore indiscriminato NON è nè equilibrata nè utile.

    L’ultima stupidità del jihadismo circa 400 persone CIVILI ammazzate in una città Siriana perché genitori o parenti di soldati che militano nell’esercito siriano contro l’ISIS.
    Se fosse solo un piccolo gruppo ad interpretare così male il Corano si potrebbe capire e anche scusare, in fin dei conti le teste calde ci sono ovunque, ma qui siamo di fronte ad un enorme quantità di persone alcune addirittura colte, molti poi di paesi che non hanno petrolio non hanno avuto guerre e sono governati dalla loro stessa religione. La mia posizione e analisi mi porta a sostenere che il corano è troppo interpretabile in modo violento. In fin dei conti la vita di Maometto che viene presa come riferimento è molto guerresca. Maometto stesso ha partecipato alla uccisione di almeno 600 persone.
    Quindi i discorsi di amore, comprensione, e gnosi che ci facciamo tra noi qui a loro manco interessano, e non sto parlando solo dei terroristi ma di una grossa fetta di seguaci dell’Islam.
    Ammazzare dei vignettisti perché si sentono offesi è il COLMO DELLA PRESUNZIONE e DELLA STUPIDITA’ A questi trogloditi provate a fare i discorsi d’amore e comprensione, vi dicono sì in faccia. Ma poi appena girate le spalle giustificano comprendono, approvano.
    Io sono Charlie è cercherò in ogni modo che il lato oscuro non oscuri le menti e non ottenga la vittoria con l’astuzia e approfittando del buonismo altrui.


    #310266
    camillo
    camillo
    Partecipante

    In Italia c’è la propensione di giustificare l’ISLAM in tutti i modi possibili.
    Stiamo diventando tutti psicologi, se dobbiamo dire che tutto è uno e noi siamo quello, dobbiamo coerentemente dirlo anche quando accusiamo i poteri forti economici o politici:
    Noi siamo anche quello.

    Comunque la domanda da porsi è questa: Come mai c’è stato un attentato nel Burkina Faso che non c’entra nulla?
    Ecco una possibile risposta
    http://www.internazionale.it/opinione//2016/01/18/burkina-faso-attentato-al-qaeda

    I burkinabè hanno deciso di dotare il loro paese di una vera e propria democrazia
    Per questo motivo l’immagine del Burkina, a lungo presentato come un’isola di pace, al riparo dalla furia jihadista in un oceano regolarmente insanguinato dai pazzi di Allah, non regge più. Le due grandi domande che uno si potrebbe fare sono le seguenti: perché anche il Burkina Faso è stato colpito così duramente e perché ora?


    #310279

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Blaise Compaoré,stai parlando dell’assassino di Thomas Sankara(con la partecipazione dei servizi segreti francesi)?.
    E ti chiedi perchè hanno fatto questi attentati?
    E’ unicamente contro la democrazia!
    E non mi stupirei se ancora una volta ci fossero di mezzo i servizi francesi.


    #310284
    camillo
    camillo
    Partecipante

    @orsoinpiedi said:
    Blaise Compaoré,stai parlando dell’assassino di Thomas Sankara(con la partecipazione dei servizi segreti francesi)?.
    E ti chiedi perchè hanno fatto questi attentati?
    E’ unicamente contro la democrazia!
    E non mi stupirei se ancora una volta ci fossero di mezzo i servizi francesi.

    No! sto parlando dell’attentato islamico recentissimo a Ouagadougou , dove sono morte altre 29 persone.
    11 Canadesi colpevoli solo di essere in albergo, un bambino italiano…
    e ora anche la fotografa ferita.
    http://www.repubblica.it/esteri/2016/01/19/news/burkina_faso_morta_leila_alaoui_ferita_in_attacchi-131601632/


    #310285

    orsoinpiedi
    Partecipante

    @camillo said:
    No! sto parlando dell’attentato islamico recentissimo a Ouagadougou , dove sono morte altre 29 persone.

    Anche io
    cito:
    …….”Quest’ultimo(Blaise Compaoré), durante tutto il periodo in cui è rimasto al potere, aveva offerto riparo e copertura nel paese a molti terroristi. A ciò si aggiunge il fatto che i negoziati per la liberazione degli ostaggi in mano ai terroristi erano diventati un vero e proprio giro d’affari che faceva la fortuna dei notabili del vecchio regime e di alcuni di questi terroristi.

    La caduta del loro gansoba (”tutore”, nella lingua nazionale moré) Compaoré potrebbe quindi aver significato per loro la rinuncia alla gallina dalle uova d’oro. Da questo nasce il loro odio ormai manifesto nei confronti del paese e dei suoi nuovi dirigenti. Da questo punto di vista, si può dire che il paese paga il prezzo dei compromessi del regime di Blaise Compaoré con la galassia jihadista.

    Gli osservatori accorti sapevano che, prima o poi, questi compromessi avrebbero potuto rivoltarsi contro il paese”
    fonte http://www.internazionale.it/opinione//2016/01/18/burkina-faso-attentato-al-qaeda
    Ti chiedi ancora del perche’ dell’attentato?


    #310288
    Wind
    Wind
    Partecipante

    Essere Uno non significa sentirsi “unomattina”, e vivere per nutrirsi dell’odio e della separazione, non ancora ai massimi livelli, di anime destinate a riunirsi, ovvero pronte già a farsi ingoiare fotonicamente, in gigantesche sfere di energia negativa Gestite da chi divide et impera.
    Io faccio parte di chi dice NO! A trovare un nemico condiviso umano da poter massacrare con bombe o con un pensiero massificato buio, che niente aggiunge o raggiungerà mai nè per se stesso nè per le coscienze altrui.
    C’è guerra e ve ne sarà ancora, ciò serve ad Insegnarci che il Cambiamento è nel Caos, ma non è il Caos. ^ _ ^

    null

    null


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da Wind Wind.
    #310292
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Caro Wind a dire No! e’ facile, sopratutto quando non si viene toccati direttamente.
    Il cercare l’equilibrio è molto più difficile.

    Sai quanti la pensavano così e tuonavano contro i primi intellettuali che gridavano al pericolo di Hitler? Grida nel deserto, con molte menti che odiando la guerra e l’odio volevano vedere le cose secondo il loro ideale. Hai visto come è andata a finire?

    L’equilibrio della pace può essere rotto che tu uno lo voglia o meno.
    Uno può dire no alla reazione! Ma se l’equilibrio è rotto ci saranno delle conseguenze piaccia o non piaccia.

    Io do un grido di ALLARME e non di odio. Tu la vedi così.
    La difesa è sacra! Se a casa tua sei attaccato nei valori conquistati a suon di martiri non ti difendi?
    Se non lo fai o aspetti troppo finisci come i pellirossa, erano MOLTO più umani e pacifici dell’uomo bianco, erano MOLTO più in armonia con la natura. Avevano una religione superiore alla nostra basata su esperienze dirette con il trascendente.
    Hanno lasciato fare, ma l’egoismo dell’uomo bianco li ha stroncati.

    La religione islamica è imposta male ed era dedicata ad un popolo di predoni, si è sempre espansa con la violenza e con il sistema: ci puoi entrare e non uscire. Ha avuto periodi storici migliori della chiesa Cattolica, ha avuto grandi anime.
    L’equilibrio era dato ed è dato dalla linea esoterica Sufi, che predica (e pratica) l’amore, il distacco e la compassione. Dove è finito il sufismo?
    Io non intendo tollerare che vengano qui quattro trogloditi ad ammazzare chi a parole o con vignette dice la sua.
    Ma il PEGGIO è che parlando col l’Islam di massa giustificano, comprendono tollerano e molti imam ISTIGANO.

    Se te la senti prova a scrivere ai parenti degli 11 canadesi appena martirizzati,
    oppure con i famigliari delle vittime francesi ecc

    Crederò alle tue intenzioni solo quando (speriamo di no) ti ammazzano il figli e tu ripeti il discorso.
    Filosofeggiare è fin troppo facile!
    Nella natura la difesa è sacra e tutto è proiettato a crearla.
    Certo tu puoi non odiare il microbo che ti infetta, puoi comprenderlo, puoi scusarlo, ma ti devi difendere.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 6 mesi fa da camillo camillo.
Stai vedendo 10 articoli - dal 521 a 530 (di 875 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.