io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie

Questo argomento contiene 874 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 1 anno, 11 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 541 a 550 (di 875 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #310560
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Giulio Regeni, lo studente friulano scomparso al Cairo in Egitto immolato per mettere in crisi i rapporti con il governo egiziano?
    La faccenda puzza di imbroglio.
    A chi giova? Tutto ciò?
    Prima considerazione: se fosseo stati i sevizi segreti egiziani al 99,9% non ne avremo saputo più nulla (Argentina, Cile, Grecia dei colonnelli ecc. insegnano)
    Il fatto di depositare il cadavere in bella vista e con evidenti segni di tortura, mi fa pensare che qualche linea Islamica abbia subodorato che il ragazzo fosse una spia, sono andati giù pesanti e gli è morto tra le mani. Che fare? Usiamolo come martire per la causa dell’Islam (fratelli mussulmani e &) facciamo in modo che incolpino il governo. Quindi il ragazzo diventerà un Martire della rivoluzione islamica.
    Detto fatto. Gli imbarazzatissimi poliziotti egiziani non hanno subito compreso il trappolone e, come di abitudine, coprono, depistano confondono. Ma il depistaggio sfuma in un batter d’occhio. Ora si trovano con il cerino fumante e una colpa ce l’hanno sicuramente, dovranno rendere conto del depistaggio.

    Chi va in quelle zone da amico STIA MOLTO ATTENTO. L’isis è incavolato nero per le continue sconfitte in Siria e Irak, ha problemi di fondi di rifornimenti, e non arrivano più volontari. Si apre la caccia agli untori, alle spie, a tutti coloro che stanno impedendo che il volere di Allah si compia.


    #310573

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Caro Camillo,le tue sono solo ipotesi campate in aria senza la minima pezza d’appoggio.Dammi un solo motivo,una sola argomentazione che possa suffragare la tua ipotesi.
    Per conto mio penso che i colpevoli siano i poliziotti o i servizi egiziani.
    Dico questo perché proprio nel giorno della scomparsa di Giulio,la polizia egiziana ha fatto numerose retate con migliaia di arresti.Da notare che di centinaia di persone arrestate ancora non si sa nulla.
    Il secondo motivo è che le torture subite da Giulio sono conpatibili col “modus operandi”dei servizi di sicurezza egiziani,che con la scusa dell”Anti terrorismo”ci vanno giù duro(nel 2015 sOno 16 i cadaveri ritrovati con i segni delle stesse torture).

    Il terzo è l’assoluta incompatibilità delle dichiarazioni delle autorità egiziane,assolutamente contrapposte tra loro.
    Il quarto motivo è che se c’era qualcuno che aveva interesse a “interrogare”il nostro ragazzo,questi erano i servizi egiziani.
    A questo punto ti chiedo:che c’entra l’Isis in tutto questo?
    Mi sento di dire:io sono Giulio Regeni
    Oggi hanno ucciso mio figlio.


    #310574
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Caro Orso meraviglio di te che normalmente vai a vedere il nascosto “a chi giova”.
    Ti faccio una domanda:
    Tu pensi che i poliziotti siano STUPIDI?
    Vedi se devono dare avvertimenti ai loro fanno trovare il corpo a macabro avvertimento,
    ma qui con l’Italia con delegazione in arrivo, buoni rapporti, un sacco di turisti lasciare il corpo per strada è come suicidarsi.
    Proprio questa sera un giornalista quotato in TV ha fatto le identiche considerazioni.

    I poliziotti si sono trovati la patata bollente del corpo e, come il loro solito, hanno cercato di depistare malamente. Quando sono arrivati gli ordini dall’alto ormai la frittata era fatta. Ci sono un sacco di dichiarazioni idiote.

    Anche un mentecato aguzzino della polizia segreta avrebbe fatto sparire il corpo. Costava niente! Ci sono migliaia di persone scomparse. Il far ritrovare il corpo è studiato a tavolino.
    Pensa che se io fossi un inquirente comincerei ad indagare proprio da quel sedicente “amico” egiziano che dice che ha riconosciuto ferite, trattamento e che vede che è esattamente quello che è successo a lui” Mmmmm…
    Pensi inoltre che i Fratelli Mussulmani siano santi? Per loro uno studente che di nascosto invia articoli ad un giornale (di cui capiscono poco) è un possibile infiltrato, ammazzano e torturano per molto meno.

    Pensavo che avresti convenuto con me sui ragionamenti molto semplici e direi evidente.
    Che entra l’Isis? Vedi mentre tu vedi tutto manovrato dal denaro, io vedo in questo caso, una motivazione religiosa. Tu pensi che l’ISIS sia un movimento rivoluzionario su base finanziaria? Io no!


    #310578

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Caro Camillo,quando ti parlo di qualcosa porto delle evidenze che avvalorano il mio pensiero.In questo caso tu non porti assolutamente nessun indizio che faccia pensare che la tua ipotesi sia valida.
    Non dico che di aver ragione,ma ,se non altro, ho fatto qualche considerazione su cui baso il mio pensiero.Leggile e dimmi dove sbaglio.


    #310585
    camillo
    camillo
    Partecipante

    In questa fase si parte da supposizioni usando la logica.
    L’ipotesi è passata. Soprattutto mi seccherebbe che gli assassini pensino che siamo tutti allocchi e beviamo le sceneggiate.
    Le prime notizie dicevano che quella sera doveva incontrare qualcuno..
    Appena trovato il morto tutti parlano di retata
    Ora si scopre che c’era una festa con gli amici… Mmmm…
    Una cosa è certa far trovare il corpo nel fossato ai bordi di una strada trafficata significa qualcosa, si vuole ottenere una reazione, si vuole destabilizzare i rapporti con l’Italia. Chi vuole questo? Chi ha fatto attentati in Egitto e in Tunisia per destabilizzare il turismo?


    #310602

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Camillo,ammesso e non concesso che tu abbia ragione,dire che questo assassinio è per rovinare i rapporti con l’Italia mi sembra grossa.Avessi detto gli Usa o la Francia….ma l’Italia?
    E poi perché gli egiziani,se fosse stata l’isis ad uccidere,perché non dirlo subito,o forse è una versione che fa comodo a tutti,noi per primi?


    #310605
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Caro Orso premetto che siamo sempre nel campo delle ipotesi. Non pensare che si possa risolvere il quesito con un’uscita astrale, ammesso di riuscire a contattare molto probabilmente si vedrebbe solo il riflesso di ciò che si suppone.
    Fra l’altro Giulio è un Veneto e tra noi c’è un naturale campanilismo, forse per questo mi secca maledettamente che i gli assassini la facciano franca.

    Il ragionamento porta ha dei punti fermi:
    Giulio è stato ucciso per le sue conoscenze, NON certo per quello che scriveva, articoli più o meno innocui che rimanevano per lo più in attesa di essere scritti in un giornale a bassa tiratura.

    Ipotesi 1° I servizi segreti governativi lo hanno torturato perchè volevano conoscere i contatti che Giulio aveva con l’opposizione (opposizione = Fratelli mussulmani con facciata da sindacalisti con alle spalle ISIS)

    Ipotesi 2° Lo hanno rapito i suoi stessi “amici” dell’opposizione suddetta. Se Giulio ha dato l’impressione di “insistere” troppo per entrare nelle conoscenze a monte del “sindacato”, potrebbe essere nato il sospetto: “Questo signore che si interessa troppo a noi non è che sotto sotto è una spia dell’America? Si sta infiltrando?” Hanno ammazzato, torturato crocifisso un sacco dei loro chissà quanti innocenti sono morti confessando sotto tortura come accadeva nelle Inquisizioni della Chiesa.

    Se fosse vera l’Ipotesi 1° a meno di non essere stupidi a livello inimmaginabile, certamente non avrebbero fatto trovare il corpo seminudo ai margini di una strada affollatissima con i vestiti da tutt’altra parte. Per farla bene, bene ammesso che avessero ricevuto l’ordine di far ritrovare il corpo, lo avrebbero prima manipolato, poi lo avrebbero gettato di notte proprio sotto un camion o simile in modo che non si potesse risalire alle torture. Certo c’è la faccenda del depistaggio. Ma qui interviene l’atteggiamento grezzo dei “servitori” di terza fascia abituati a scavalcare la verità. La verità è imposta dalla forza (in quei paesi è quasi una prassi, il più forte ha ragione). Ricordiamo il depistaggio nell’aereo russo, che scopo avevano di depistare inizialmente? Hanno paura di perdere clienti, l’Egitto vive molto sul turismo. Loro pensano che noi si accetti il metodo in cui la verità va imposta, da questo punto di vista tutto l’Islam è messo malissimo. Senza il metodo verificabile usato per abitudine la verità e la menzogna si confondono.

    Se fosse vera l’Ipotesi 2° Avrebbero fatto esattamente ciò che è accaduto:
    – mettere il corpo in modo che lo trovino una strada trafficata per evitare che venga trovato e possa essere fatto sparire
    – strada vicino ad una caserma così uno fa il collegamento
    – mettono subito in atto una campagna che “suggerisce” che i colpevoli siano i governativi
    – quindi si accaparrano parte dell’opinione pubblica che ragiona a livello terra- terra
    – trasformano colui che loro hanno seviziato in un martire per la loro causa.
    Direi che quadra tutto.


    #310607

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Caro Camillo,concordo con te che siamo sempre nel campo delle ipotesi,non potrebbe essere altrimenti.
    Ti cito:”Ipotesi 1° I servizi segreti governativi lo hanno torturato perchè volevano conoscere i contatti che Giulio aveva con l’opposizione (opposizione = Fratelli mussulmani con facciata da sindacalisti con alle spalle ISIS)”

    Vorrei chiarire che Giulio non aveva contatti con l’opposizione,ma con i sindacati.E questo è cosa molto diversa.
    E come tu ben sai,i sindacati sono molto mal visti dal potere dittatoriale,qualsiasi esso sia.
    Gia questo giustificherebbe il suo fermo,e magari comportandosi da eroe,e non volendo fare nomi,qualche figlio di p…,erroneamente pensando che sarebbe stato facile estorcere informazioni da uno straniero,ha perso la testa e è andato oltre nelle torture.
    Plausibile.
    Seconda tua citazione
    “Ipotesi 2° Lo hanno rapito i suoi stessi “amici” dell’opposizione suddetta. Se Giulio ha dato l’impressione di “insistere” troppo per entrare nelle conoscenze a monte del “sindacato”, potrebbe essere nato il sospetto: “Questo signore che si interessa troppo a noi non è che sotto sotto è una spia dell’America? Si sta infiltrando?” Hanno ammazzato, torturato crocifisso un sacco dei loro chissà quanti innocenti sono morti confessando sotto tortura come accadeva nelle Inquisizioni della Chiesa.”

    Portami un solo esempio di tentativo di depistaggio fatto dai terroristi dell’Isis e di Al Quaeda nella loro storia.
    Il loro modo di operare è esattamente il contrario.Questi lo sbandierano ai quattro venti quando eliminano un avversario.E’ un atto di potenza,è la base stessa della loro propaganda.


    #310608

    orsoinpiedi
    Partecipante

    Cosa pensava Giulio Regeni dell’Egitto di Al-Sisi
    di Rossana Miranda

    Al-Sisi ha ottenuto il controllo del Parlamento con il più alto numero di poliziotti e militari della storia del Paese mentre l’Egitto è in coda a tutte le classifiche mondiali per rispetto della libertà di stampa”. È questo l’incipit dell’articolo inviato da Giulio Regeni alla redazione del Manifesto a metà gennaio. Il giovane ricercatore aveva chiesto, anche quella volta, di pubblicarlo con uno pseudonimo. Ma oggi, all’indomani del ritrovamento del suo cadavere in un fosso vicino al Cairo, il giornale ha deciso di pubblicarlo con il vero nome. “Sfidare lo stato di emergenza e gli appelli alla stabilità e alla pace sociale giustificati dalla ‘guerra al terrorismo’ – è la conclusione dell’articolo – significa oggi, pur se indirettamente, mettere in discussione alla base la retorica su cui il regime giustifica la sua stessa esistenza e la repressione della società civile“.

    il resto qui http://formiche.net/2016/02/05/giulio-regeni-egitto-al-sisi/

    Non mi senbra che Giulio fosse tenero con il regime
    Il comportamento delle dittature è sempre lo stesso,sotto ogni latitudine.
    E il fatto che si incominci a cercare di dare la colpa all’Isis,è un brutto segnale.I rapporti economici a favore dell’Ialia sono tali che un simile depistaggio ci farebbe molto comodo da dare in pasto all’opinione pubblica italiana.
    Ilaria Alpi docet.


    • Questa risposta è stata modificata 3 anni, 9 mesi fa da  orsoinpiedi.
    #310610
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Caro Orso.
    Penso che devi rileggere ciò che ho detto.


Stai vedendo 10 articoli - dal 541 a 550 (di 875 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.