ISON … forse .. "la cometa del secolo"

Home Forum EXTRA TERRA ISON … forse .. "la cometa del secolo"

Questo argomento contiene 165 risposte, ha 16 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Rebel 4 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 41 a 50 (di 166 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #33254
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    Ucraina, Sebastopoli, ore 03.50 21 novembre 2013

    http://infosevas.ru/news/647


    #33255
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    Trasmesso in streaming dal vivo il 22/nov/2013
    LIVE: CHI HA PAURA DELLA COMETA ISON?

    La cometa ISON non deve farci paura, è uno spettacolo meraviglioso che và goduto con tranquillità! Non crediamo a chi vuole terrorizzarci con notizie assurde ma cerchiamo sempre di ragionare e capire con gli strumenti che la scienza ci offre.

    https://www.facebook.com/orsocientifi
    http://www.youtube.com/playlist?list=
    http://www.nasa.gov/mission_pages/ste
    http://www.flickr.com/photos/gsfc/
    http://stereo.gsfc.nasa.gov/
    http://stereo.gsfc.nasa.gov/news/Four
    http://stereo-ssc.nascom.nasa.gov/com
    http://www.cometison2013.co.uk/perihe
    http://www.youtube.com/watch?v=DjSy4e


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #33256
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    Il meteorite in Crimea 21/11/2013 ha trasformato per una seconda volta una notte oscura in giorno.

    http://www.mr7.ru/articles/95014/

    Conosco bene beforeitsnews, segnidalcielo e mi scuso, la mia è stata solo una piccola provocazione per stuzzicare la curiosità, la ricerca della verità.

    Mi auguro che Ison possa sopravvivere al perielio e offrire a tutti noi uno dei più grandi spettacoli offerti dalla natura, da appassionato però mi chiedo cosa succede se il nucleo (stimato 10Km), non è solo ghiaccio, ma un nocciolo duro di roccia o di metallo?

    Potrebbe vaporizzare completamente? Potrebbe esplodere e frammentare in pezzi consistenti?
    Qual'è il rischio reale che la terra deve affrontare visto che le comete che si stanno avvicinando al sole sono 4 o 5? Per non parlare di asteroidi e meteore.

    La terra dovrà attraversare i residui cometari, ebbene, mi auguro che si tratti soltanto di minuscole particelle …


    #33257
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    Il 28 novembre,giorno del perielio della Ison, si avvicina! Ormai la cometa è molto vicina al Sole ed è già ripresa dai satelliti che studiano la nostra stella! Ecco una ripresa dalla sonda STEREO della NASA. Si vede benissimo la Ison,la Terra e Mercurio!

    https://www.facebook.com/PassioneAstronomia


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #33258
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1385400356=Hypercom]

    Mi auguro che Ison possa sopravvivere al perielio e offrire a tutti noi uno dei più grandi spettacoli offerti dalla natura, da appassionato però mi chiedo cosa succede se il nucleo (stimato 10Km), non è solo ghiaccio, ma un nocciolo duro di roccia o di metallo?

    [/quote1385400356]

    stime attuali del nucleo compreso tra 0,5 e 2Km
    http://www.diregiovani.it/rubriche/scientificamente/26037-ison-misteri-e-news-sulla-cometa-del-secolo.dg


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #33259
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    Negli ultimi giorni uno o più frammenti potrebbero essere scissi dal nucleo della cometa ISON.
    Ciò è suggerito da due strutture alari nel gas che circonda la cometa.

    http://www.uni-muenchen.de/forschung/news/2013/f-m-73-13.html


    #33260
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    [quote1385587861=Richard]

    [/quote1385587861]

    http://gaianews.it/scienza-e-tecnologia/spazio/la-cometa-ison-perde-dei-frammenti-che-formano-delle-ali-48386.html#.UpZkd8TuLGE

    Nessuno sa cosa accadrà alla cometa nei prossimi giorni “Tuttavia , in base alle esperienze passate, le comete , che hanno perso una volta un frammento tendono a farlo di nuovo “, dice Böhnhardt .


    #33261
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    Nelle scorse ore si e' verificata una potentissima CME (espulsione di massa coronale).
    Le particelle sono dirette grandissima velocità verso ISON

    [size=18]Comet C/2012 S1 Ison flaring up! (27 Nov. 2013)

    Mentre si avvicina al Sole, la cometa C/2012 S1 Ison è monitorato tramite SOHO LASCO C3. Negli ultimi minuti, la cometa si illuminò un sacco, ora splende intorno mag. -1! Un grande spettacolo di sicuro.

    Sopra è un film che mostra cometa Ison entrare nel campo di vista di SOHO LASCO C3 e illuminante. La stella luminosa sulla sinistra è Antares, brillante a ~ mag. 1

    Ora, non ci resta che vedere cosa accadrà nelle prossime 24 ore per scommettere nel prossimo futuro di questo incredibile cometa.

    http://www.cometison.org/2013/11/27/comet-c2012-s1-ison-flaring-up-27-nov-2013/


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #33262
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    La meta è sempre più vicina. Tra pochissimo, esattamente il 28 novembre, Ison raggiungerà il perielio- il punto di minima distanza dal Sole. Per la cometa, è la prova del nove: se supererà indenne l'incontro ravvicinato con la nostra stella, poi nulla potrà fermarla e splenderà nei nostri cieli, luminosa e suggestiva, proprio nella notte di Natale. Ma non è detto che tutto fili liscio…

    La settimana scorsa, l'Istituto per la Ricerca sul Sistema Solare del Max Planck Institut di Katlenburg-Lindau, in Germania, ha diffuso un comunicato stampa, corredato di immagini riprese nello spazio, che mostrano la presenza di “ali”: attorno al nucleo di C/2012 S1 (il nome scientifico del corpo celeste in avvicinamento) si sono formate due protuberanze laterali. Erano quasi invisibili il 14 novembre, ma solo 48 ore erano molto nette. Tutte le foto, riprese da quel momento in poi, da diversi astronomi, le confermano.
    I ricercatori tedeschi hanno osservato Ison dal telescopio del Monte Wendelstein. “La due ali arcuate appaiono in direzioni opposte rispetto al nucleo, le loro chiome raggiungono i 13.500 km. Non si vedevano nella precedente foto del 13 novembre. Esse suggeriscono la presenza di due o più sub-nuclei con una propria atmosfera in espansione e possono indicare che di recente il nucleo della cometa si sia spaccato”, si legge nel testo.
    “Simili caratteristiche si registrano dopo che singoli frammenti sono fuoriusciti dal nucleo”, ha aggiunto il dottor Hermann Böehnhardt. Un altro ricercatore, Gary Kronk, ha verificato quante comete abbiamo presentato delle simili ali e quante di esse si siano poi frantumate: ben sei su sette. Per quanto riguarda però l'unica eccezione, i dati non sono certi, visto che risale alla prima metà dell'800, quando i metodi di osservazione erano molto meno avanzati.
    Ignacio Ferrin, astronomo dell'Università di Antioquia (Colombia) che sta seguendo di giorno in giorno gli sviluppi della situazione con una pagina web, ha però avanzato un'ipotesi differente sulla formazione delle due protuberanze: sarebbero prodotte dal materiale emesso dal nucleo surriscaldato, come un geyser o come gli spruzzi di una fontana.

    La temperatura superficiale della cometa sarebbe molto elevata: almeno 240 °C. Questo perché, dalle immagini, sembra che il nucleo non stia rotando su se stesso: volge dunque sempre lo stesso lato alla luce solare. E quella faccia già bollente lo diventa sempre di più, man mano che Ison si approssima al perielio.
    Sopravvivrà? Non è facile rispondere, dice Ferrin. La superficie della cometa viene continuamente erosa dal calore solare: qualche metro ogni secondo. Se il suo diametro è ridotto, potrebbe scomparire nel giro di qualche giorno, dal momento che crepe e fessure aumentano con un tasso crescente. Ma se il nucleo è abbastanza grande, invece, potrebbe resistere. “C'è ancora controversia su questo punto. Niente di cui preoccuparsi, la scienza funziona così”, chiosa il ricercatore sudamericano.
    Ma davvero non c'è nulla da temere? Da più parti, incomincia a diffondersi il dubbio. Ison si sta comportando in un modo anomalo. Lo stesso Ferrin, a fine ottobre, aveva predetto (addirittura con una certezza vicina al 100 per cento) che si sarebbe disintegrata entro breve. Invece, ha già superato ben 11 red line – i punti nei quali altre comete della stessa magnitudo, nel corso degli anni, si sono polverizzate. Lei no: continua imperterrita il suo viaggio attraverso il sistema solare.
    Lo fa anche adesso, nonostante sia entrata nella zona di “allarme rosso”: forse già spaccata in frammenti, forse consumata dalla radiazione solare, con tutta l'acqua presente sotto forma di ghiaccio quasi esaurita, insomma, praticamente a fine corsa… Ma è sempre lì. “Basandoci sulle prove e imparando dalle passate esperienze (comete Tabur, Elenin, Linear e Hönig ) Ison dovrebbe essere sul punto di disintegrarsi”, ribadisce Ferrin. “Ecco perché è stato lanciato l'allarme rosso.”

    Ma… c'è un ma. “Aspettiamo e vediamo cosa succede. Se si frantumerà, l'ipotesi sarà confermata e potremo dire che Ison ha seguito lo schema previsto. Se invece non accadrà, allora l'ipotesi sarà bocciata e la scienza avrà il compito di spiegare perché non si è comportata come le altre comete. In ogni caso, la scienza non prende posizioni: aspetta, osserva e poi trae le sue conclusioni.” Anche se, questa volta, sembra decisamente in difficoltà.

    http://scienza.panorama.it/spazio/extremamente/ison-distrutta-calore


    #33263
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    10 ore, 20 minuti e 55 secondi al perielio della cometa ISON.
    Perielio 28 novembre 2013, alle 18:37:45 UTC, 19:37 ora locale.

    http://www.cometison2013.co.uk/perihelion-and-distance/
    http://www.cometison2013.co.uk/interactive-model/


Stai vedendo 10 articoli - dal 41 a 50 (di 166 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.