Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation

Stai vedendo 10 articoli - dal 1,181 a 1,190 (di 1,809 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #94965
    camillocamillo
    Partecipante

    Vorrei qui proporre queste due informazioni a titolo sperimentale di verifica di quanto da me asserito nell'ultimo post.
    Poi, fra qualche tempo, se finalmente sarà dato l'accesso all'impianto Hot-Cat e verificato il suo funzionamento riprenderemo questo discorso.

    caso1°
    Prove con Nichel+Idrogeno + ricercatori non convinti =…. ecco il risultato.
    In Svezia, paese molto caro ad Andrea Rossi, un team di scienziati finanziati dalla Defence Materiel Agency (FMV) ha portato avanti una serie di esperimenti con nickel e idrogeno nel tentativo di riprodurre quelli condotti da Rossi e Focardi descritti nella rivista Ny Teknik.

    Purtroppo l’esito e’ stato tutt’altro che incoraggiante. Nel rapporto redatto dai tre scienziati in questione (Abraham Langlet, Curt Edstrom e Jan ErikNowacki) si sostiene addirittura che nel corso degli esperimenti non e’ avvenuta nessuna reazione positiva.

    (Gli svedesi hanno provato in tutti i modi possibili, varia granulometria, varie pressioni, varie temperature, e… per quello che ho sperimentato io avrebbero dovuto vedere qualcosa, anche senza catalizzatore, soprattutto con nanopolveri sottili)

    Caso 2°
    Rossi invece rilancia, e con lui funziona tutto o quasi tutto.

    Frank Acland, di e-catworld.com, ha inoltrato ad Andrea Rossi una serie di domande attraverso il blogtenuto da Rossi  sul Journal of Nuclear Physics.
    E Rossi, sempre lieto dell’interesse di Acland e dei suoi lettori, anche questa volta ha risposto.
    Come di consueto lo stile usato e’  estremamente asciutto e conciso, e immancabile e’ stato anche il riferimento alla riservatezza di alcuneinformazioni.
    Ecco i sei interrogativi posti da Acland:
    1. l’importanza ai fini commerciali dell’esito dei test che terzi stanno svolgendo.
    2. Il partner americano: sara’ coinvolto nella commercializzazione della tecnologia di Rossi al di fuori degli Stati Uniti?
    3.  Che tipo di societa’ e’ quella del partner americano (public company?).
    4. A che punto e’ la richiesta di certificazione di sicurezza dei primi impianti industriali in Europa e negli USA.
    5. Lo stato di produzione del primo impianto non-militare a bassa temperatura.
    6. A che punto e’ la produzione del prototipo dell’hot cat.
    Le risposte di Rossi , come dicevamo, estremamente essenziali, son state queste:
    1. non sono collegati.
    2. Si.
    3. Riservato
    4. Abbiamo gia’ ottenuto la certificazione di sicurezza
    5. Quasi completato.
    6. Avanzata, gia’ in fase di collaudo.
    Chiaramente, ancora una volta, bisogna fidarsi delle parole di Rossi, poiche’ al momento non abbiamo modo di verificare le sue affermazioni

    Se le situazioni si rivelassero entrambe VERE, come concigliarle?
    Vorrei invitare i lettori a cominciare a porre attenzioni su tutti i fenomeni Free Energy e provare a ipotizzare la componente umana. Sapeste quante, quante cose tornano con questa spiegazione ipotizzata


    #94966
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    Un problema può essere che non hanno usato l elemento segreto aggiunto da Rossi


    #94967
    camillocamillo
    Partecipante

    Si le condizioni non sono esattamente le stesse, ma come dicevo, con nanopolveri intorno ai 100 nm si vedono bene delle “stranezze” io le chiamo così.
    Lo stesso Rossi ha più volte affermato che anche senza catalizzatore con le nanopolveri si vede qualcosa. Certo sembra che questo catalizzatore poi moltiplichi il fenomeno per 100 o 1000.

    Richard se guardi il motore perendev originale quello piccolino, è difficile ammettere che sia taroccato. eppure non mi risultano che ci siano state repliche funzionanti. se poi ti guardi la cella Joe e la sua storia.. Poi Minato che in un congresso a città del Messico montò personalmente una ruota di bicicletta e la fece girare, eppure poi non ne è uscito niente di utilizzabile dal pubblico.
    Ovviamente io parlo da un punto differente dal tuo io ho VISTO che può succedere e quindi potrei commettere sopravalutazioni ingenue, tu d'altro canto potresti commettere sottovalutazioni corrette e in perfetto accordo con la fisica classica, ma che magari in futuro si riveleranno errate.
    ciao


    #94968
    corry
    Partecipante

    Camillo, ad un ricercatore di free-energy (che la cerca e non la trova), quale indizio o consiglio gli daresti da seguire?

    Ciao


    #94969
    camillocamillo
    Partecipante

    Bella domanda! Caro Corry
    Io posso solo testimoniare ciò che ho visto e verificato ed è questo:
    Ad un certo punto di evoluzione l'uomo interagisce o meglio alcuni uomini sono in grado di interagire con la materia “modificando” le leggi della fisica classica.
    Su questo punto NON ho dubbi, anche se non lo posso dimostrare sperimentalmente. E questo mi pone immediatamente fuori dal campo scientifico, in quanto implica una certa “fede” da parte dell'interlocutore.

    Detto questo e visto che siamo su di un forum in cui ci si può esprimere liberamente (ma anche qui c'è un limite come dice Pasgal) aggiungo quanto segue:
    Il fenomeno dell'interazione coscienza-materia lo stiamo rilevando nell'ultramicroscopico mondo della quantistica.
    Lì si vede come le probabilità di un evento “sentano” l'influenza di un operatore.

    Comincio col ricordarti la diatriba che si pose all'inizio della fisica quantistica. Verso gli anni 30 del secolo scorso il gruppo Copenaghen di scienziati formulò il seguente quesito:
    Scegliamo una carta da un mazzo di carte e la mettiamo sul tavolo SENZA CHE NESSUNO conosca il contenuto, né ci siano fotografie o altro che la possano identificare. Nessuno al mondo potrebbe mai sapere quale carta è.
    La domanda posta dai giovani scienziati del gruppo Copenaghen era questa:
    1° sul tavolo esiste una carta che è ben definita e non può cambiare per nessun motivo dato che è stata separata dalle altre.
    2° sul tavolo c'è una carta indefinita dato che nessuno la conosce. Pertanto può essere qualsiasi carta, essa sarà determinata solo al momento in cui sarà rilevata da qualcuno o da qualche cosa.

    Einstein trovò assurdo il discorso e disse che ovviamente era vera la prima possibilità. Egli assunse una posizione filosofica chiamata “DETERMINISMO”. La realtà è determinata e non si può cambiare.

    Il novelli scienziati invece sostenevano la seconda posizione. Lo so sembra un discorso capzioso e inutilmente filosofico, invece crea delle implicazioni e conseguenze differenti. per la cronaca Einstein rimase sempre DETERMINISTA fino alla morte.
    Ora con la quantistica imperante e con le verifiche successive nei confronti delle implicazioni, un po' tutti i fisici moderni competenti in questa materia accettano la seconda posizione.
    ( Su questo tipo di argomentazioni che sono un po' ai confini, troverete che anche tra i fisici contemporanei solo una esigua minoranza è a conoscenza della cosa ed è competente; la maggior parte almeno 80% sono ancora fermi alle posizioni di Einstein)

    Quando operiamo nel campo quantistico il fenomeno dell'interazione tra esperimento e osservatore è molto evidente.
    Ti ricordo l'esperimento delle due fessure con rilevamento ritardato.
    Immagina di sparare con un cannoncino dei neutroni, per esempio esso sparerà un po' a caso verso un muro migliaia di colpi, ogni colpo sviene sparato uno ed un solo neutrone e tra un colpo e l'altro passa un tempo sufficientemente lungo da rendere impossibile che due neutroni siano in volo contemporaneamente.
    Tra lo schermo ricevente e il cannoncino mettiamo una parete con solo due fessure verticali piuttosto ravvicinate.
    COPRIAMO una fessura e spariamo 1000 colpi, sulla parete bersaglio vedremo la registrazione osserveremo una distribuzione casuale dei colpi
    COPRIAMO la seconda fessura e apriamo la prima fessura, sparati altri 1000 colpi avremmo sulla parete bersaglio la registrazione casuale del secondo tipo.
    APRIAMO LE DUE FESSURE e spariamo 2000 colpi, dovremmo ottenere sulla parete bersaglio una figura casuale simile alla somma delle altre due prove di 1000 colpi ciascuna.
    Invece no! Otteniamo una nuova e diversa figura di “interferenza”.
    Questo esperimento risale agli anni 30 e viene spiegato a tutti i fisici al terzo anno di università, per introdurre la fisica ondulatoria.

    Dopo gli anni 80 fu ripreso in mano dagli studiosi quantistici.
    Si lasciano aperte tutte e due le fessure e si sparano 2000 colpi, si vede sullo schermo bersaglio la figura di interferenza, che segnala il fatto che i neutroni si stanno comportando come fossero onde e non come fossero palle materiali. Ora mettiamo, per fare un esempio, una flebile lama di luce vicino alla parete di arrivo; la luce perpendicolare al moto dei neutroni permette di vedere l'ombra quando un neutrone passa per di lì. Insomma mettiamo dei rilevatori leggeri leggeri che non disturbano con la loro interazione il neutrone ma nello stesso tempo lo rileva, ebbene se facciamo l'esperimento con il rilevatore acceso e le fessure aperte NON abbiamo più la figura di interferenza.
    Ma c'è una situazione ancora più strana, facciamo partire il colpo e aspettiamo che il neutrone abbia passato le due fessure aperte, sappiamo che le ha passate come onda e non come massa, ma poco prima che tocchi la parete finale accendiamo il rilevatore trasversale… Ebbene non si forma più la figura di interferenza.
    Ma.. Che diamine!??? il neutrone aveva già passato da un pezzo le fessure e avrebbe già dovuto creare l'interferenza ora come mai se accendiamo il rilevatore cambia idea? ci ha letto nel pensiero?
    Non so quanto bene mi sono spiegato senza disegni, andatevi a vedere la cosa da chi la spiega meglio.

    Insomma in fisica quantistica, nell'ultramicroscopico il fatto che un qualche cosa rilevi un fenomeno lo fa cambiare. Le stranezze poi diventano ancora più incredibili nell'esperimento Mendel in cui il raggio che va a destra sembra conoscere cosa accade al raggio che va a sinistra.
    Tutti questi nuovi esperimenti inducono a pensare che l'universo sia olografico e descritto nella sua totalità da un qualche cosa chiamata superstringa. Il discorso si fa MOLTO complesso e… per certi versi stupefacente oltre ogni immaginazione. E… siamo nella fisica, quella ufficiale badate bene!

    Il punto chiesto da Corry è:
    Come si interseca la Free Energy con la coscienza?
    Intanto diciamo che se siamo ad un livello dimensionale molto elevato macroscopico il fenomeno è molto difficile.

    Con gli oggetti macroscopici difficilmente la coscienza dell'osservatore può agire, occorrono soggetti e condizioni particolari.. si chiama miracolo per dirla tutta.
    Molto meglio andare invece sul piccolo, più è piccolo più dovrebbe essere evidente il fenomeno.

    Prendi per esempi la fusione Nichel + Idrogeno, Abbiamo idrogeno ionizzato che si muove entro la struttura cristallina del nichel siamo su un campo molto piccolo. Lì possiamo cambiare le probabilità con più facilità.
    Ora occorre creare delle condizioni di estrema incertezza, situazioni in cui il nostro protone non sa cosa fare è come messo alle strette, e lì che la coscienza può agire spostando le probabilità in un senso da lei voluto.

    Per spiegarmi meglio prendiamo l'esempio dei motori a magneti permanenti nel campo macroscopico o anche il progetto Meg, occorre creare una forte condizione di indeterminismo i magneti DEVONO far fatica a trovare una zona di equilibrio, probabilmente occorre molta precisione. Ora se non esiste quasi un equilibrio ebbene lì può intervenire la coscienza, intesa come fede, sicurezza, certezza magari una certezza bigotta che il fenomeno accada e questa fede cieca lo realizza o cerca di realizzarlo.

    Sai la storiella dei plasmi di Keshe potrebbe avere un bel fondo di verità e andare in questa direzione. Prove NON ce ne sono e vedo che molti cominciano a non poterne più delle vane promesse. Per me è differente in quanto sono solo un paio di mesi che conosco la cosa e non sono saturo.

    Sai potrebbe essere che Keshe sia un signore tipo Ighina con lui funzionava tutto. Sai quando alla fine era senza il suo grande apparato che apriva le nuvole in quanto era stato smontato, lui si divertiva ad USARE IL CELLULARE, lo puntava sulle nuvole e… si apriva il buco di sereno. Così mi hanno riferito persone attendibili.
    Keshe o è uno scienziato (non certo ortodosso e comunque non dimostra nulla in modo corretto) o è un sensitivo (molto probabile, sto leggendo i suoi libri… sai mi ricordano MOLTO brani scritti con la così detta “scrittura automatica” fra l'altro occorre uno sforzo tremendo per capirci qualcosa) o più semplicemente è ciò che dice Pasgal .. frittata
    ciao


    #94970
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    [quote1362167307=corry]
    Camillo, ad un ricercatore di free-energy (che la cerca e non la trova), quale indizio o consiglio gli daresti da seguire?

    Ciao
    [/quote1362167307]
    come la cerchi?

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8402
    Non c’è niente di peggio, credo, che suggerire ai fisici accademici in particolare, ed agli accademici in generale, che non solo stanno sbagliando ma che stanno sbagliando disastrosamente, sbagliando catastroficamente. – See more at: https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8402#sthash.LKgzWm6q.dpuf

    Fisica delle particelle: il protone dell’idrogeno sorprende – See more at: https://www.altrogiornale.org/news.php?default.0.5#sthash.QznoLQUq.dpuf
    Nell’esperimento, i ricercatori hanno voluto indagare cosa cambia se si rimpiazza l’elettrone con un suo cugino più pesante, il muone. I colori emessi da questi atomi modificati saranno differenti, ma se, dalle formule complicate che legano il colore emesso alla grandezza del protone, si ricava il valore del suo raggio, questo risultato non dovrebbe cambiare se si usano elettroni o muoni. Invece, il protone sembra dire ‘ne la chiesa coi santi, e in taverna coi ghiottoni’. La misura del raggio del protone dà risultati differenti se misurato nell’atomo elettronico oppure in quello muonico. L’origine di questa discrepanza non è ancora nota: sono state avanzate molte ipotesi, ma molte sono state scartate con osservazioni successive o calcoli più avanzati. – See more at: https://www.altrogiornale.org/news.php?default.0.5#sthash.QznoLQUq.dpuf


    #94971
    RichardRichard
    Amministratore del forum

    a min50 esempio di f.fredda con catalizzatore, se manca o cambia, cambia o si perde il risultato

    CATALYTIC FUSION OF DEUTERIUM INTO HELIUM-4
    http://lenr-canr.org/acrobat/CaseLCcatalyticf.pdf


    #94972
    orsoinpiedi
    Partecipante

    [quote1362231379=Richard]
    Penso anche io che si sia presentato in modo troppo esuberante, non penso che le informazioni gli arrivino, ha seguito una interpretazione alternativa della fisica
    [/quote1362231379]

    Io penso il contrario.Posso esprimere solo una mia oppinione,e sono sicuro che mi portera derisione,ma tantè…..

    Io penso che Kesce sia in contatto con creature di altri mondi,e che lo stiano guidando
    Vi espongo perche penso questo.
    Da una sua intervista:“dove abbiamo sviluppato questa tecnologia,da dove è uscita fuori,da quale parte del mondo possa venire,è del tutto irrilevante”
    Ok non vuol dire nulla,ma perche essere cosi evasivi?Ma proseguendo
    “e questo(il modo di utilizzo della tecnologia)riguarda noi esseri umani,ma anche le altre creature che sono nell'universo…..facciamo parte di una catena di eventi”
    Frase strana questa,non credete?Ma andiamo avanti.Nell'intervista parla anche dell'anima e di come interagisce col corpo materiale e questa interazione sara:“come gli esseri(umani) interagiranno nel futuro con quello che sono altri livelli di vita non tangibili all'interno dell'universo”E qui parla della comunicazione che avverrà tramite l'interazione di campi magnetici che porta alla creazione di atomi.
    Quindi il passo fondamentale sara quello“dell'integrazione del genere umano nella comunita universale”
    Sembra saperne molto di esseri che abitano l'universo.
    Infine una frese ancor piu strana:”Noi non amiamo questa tecnologia,ma la prendo perche so quello che faremo con questa”
    Noi non amiamo…..ma la prendo…colpa del traduttore o…..

    orso in piedi

    p.s. Comunque sono convinto che il sig.kesce sia una bravissima persona,una persona che quando parla di valori umani ha ancora la capacita di commuoversi,di avere profondi sentimenti altruistici.Lo considero un ottimo rappresentante del genere umano.


    #94973
    Siberian KhatruSiberian Khatru
    Partecipante

    Dai su smettiamo di smacchiare giaguari Keshe è un imbroglio spostate i vostri sogni verso le vere cose svegliatevi lasciate i morti seppellire i morti come diceva YAshua


    « Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
    E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
    Jean Baudrillard

    #94974
    camillocamillo
    Partecipante

    Il paragone con il giaguaro mi sembra eccessivo, Keshe non sta operando con i nostri soldi, né impone il suo volere, al massimo gioca con i nostri sogni, e lì… siamo fragili tutti.
    Io dico di sospendere il giudizio ancora per un po', ci costa poco. In fin dei conti il mondo è … magico e… chissà.
    Una cosa invece per me è certa è iniziato il cambio di era è iniziato l'apertura del grande portale, i prossimi 20 anni saranno MOLTO interessanti.


Stai vedendo 10 articoli - dal 1,181 a 1,190 (di 1,809 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.