Keshe Foundation

Home Forum PIANETA TERRA Keshe Foundation

Questo argomento contiene 1,808 risposte, ha 73 partecipanti, ed è stato aggiornato da Hypercom Hypercom 2 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 431 a 440 (di 1,809 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #94215
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Se davvero fino ad ora hanno sviluppato e testato la tecnologia, penso sia molto improbabile che tutti nel gruppo di lavoro di Keshe o di altri gruppi che avrebbero gia riprodotto il reattore, siano puri di spirito e di cuore e illuminati..

    Un conto è dire che la tecnologia e il fenomeno che si sviluppa al suo interno può entrare in relazione con chi lo usa
    e un conto è dire che solo chi è “illuminato” la può attivare.

    Prima di arrivare a conclusioni servono altre informazioni e prove sul campo.

    plasma cosciente ed intelligente?
    http://zaro41.wordpress.com/2010/10/20/il-grande-disegno-intelligente-plasma-cosciente-ed-intelligente-gd4/
    . Il grande fisico David Bohm, nel 1943, stava lavorando al Laurence Berkeley Radiation Laboratory. Il suo interesse era centrato sullo studio del plasma. Un plasma, come sappiamo, è un gas composto di un mix di elettroni e ioni positivi, cioè di atomi che hanno perso in tutto o in parte i loro elettroni. Che succede se si inseriscono degli elettroni in un plasma? Un plasma, in base alla definizione, è una struttura caotica e la risposta dovrebbe essere scontata: non succede niente. Eppure, Bohm, con stupore, scoprì che le cose andavano diversamente da come si aspettava. Gli elettroni avevano un comportamento strano: non sembravano più esser parte di una struttura caotica, ma si presentavano come un insieme interconnesso, organizzato, che si rigenerava continuamente.

    Bohm ebbe l’impressione di studiare una sorta di creatura ameboide, che rifiutava il diverso e le “impurità”, costringendole in una parte della parete, proprio come farebbe un organismo vivente, che incisti una sostanza estranea. Bohm fu talmente tanto colpito che più volte ammise di avere l’impressione che il plasma di elettroni fosse qualcosa di vivo. Come le cellule di un organismo vivente, gli elettroni si comportavano come se ciascuno fosse informato del comportamento dell’insieme.

    Bohm li definì plasmoni.


    #94216
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    Trovo sorprendente che la coscienza possa avere effetti fisici sulla materia … e se ci fosse una relazione del genere anche con i nuovi sistemi energetici?

    http://users.elo.com.br/~deaquino/Quantum%20Psychology.pdf


    #94217

    ronnie
    Partecipante

    Salve mi sono avvicinato a questo forum da poco tempo ,
    in maniera casuale dopo aver scoperto l'ing. KESHE , sul forum ufficiale http://www.keshefoundation.org/phpbb/viewtopic.php?f=10&t=296&start=70
    si parla della vendita di un generatore Keshe , chiedo se qualcuno di voi ne sa qualcosa . Grazie e cerco di leggermi un po' di post in maniera da poter approfondire meglio la materia


    #94218
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1354963238=Hypercom]
    Trovo sorprendente che la coscienza possa avere effetti fisici sulla materia … e se ci fosse una relazione del genere anche con i nuovi sistemi energetici?

    http://users.elo.com.br/~deaquino/Quantum%20Psychology.pdf

    [/quote1354963238]

    ———
    Più del 99 per cento della materia che compone l'universo si trova allo stato di plasma, ciò nonostante raramente sul nostro pianeta si trova in natura: l'ambiente elettricamente neutro della Terra è infatti una rara eccezione.

    I processi che involvono il plasma sono fattori importanti nello sviluppo delle caratteristiche di stelle, nubi interstellari, comete, aurore e persino della nostra atmosfera superiore. Per comprendere pienamente i fenomi astrofisici e geofisici, gli scienziati devono prima avere una chiara comprensione di come si comporta la materia allo stato di plasma.
    http://astrolink.mclink.it/ids/lib/plasma.htm

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8192
    Una teoria rivoluzionaria sostiene che l'anima umana è una delle strutture fondamentali dell'Universo..
    'If they're not revived, and the patient dies, it's possible that this quantum information can exist outside the body, perhaps indefinitely, as a soul.'

    Read more: http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2225190/Can-quantum-physics-explain-bizarre-experiences-patients-brought-brink-death.html#ixzz2ET0nnSkE
    Follow us: @MailOnline on Twitter | DailyMail on Facebook
    ———
    Bohm cominciò la sua ricerca investigando il comportamento dei plasmi, gas contenenti elettroni e ioni positivi ad alta densità (esempio di plasmi sono i fulmini, l’aurora boreale, le stelle). Egli si accorse ben presto che gli elettroni, una volta che diventano parte di un plasma, smettono di apparire come particelle individuali ed iniziano a comportarsi come se essi fossero parte di un tutto più grande ed interconnesso [v.1.9, 1.11], un mare di particelle che dà l’impressione di essere apparentemente vivo, intelligente e cosciente per via delle caratteristiche di auto-regolazione che vi si possono osservare (si dispongono armonicamente come un’orchestra). “Quando due elettroni negativamente carichi sono in totale isolamento, l’interazione tra loro si estende su una grande distanza. Ma in un plasma un numero enorme (dell’ordine di centinaia di milioni) di altre particelle cariche si riarrangia per schermare questa interazione su vasta scala. Come risultato, ognuna delle particelle cariche del plasma interagisce con quelle vicine solo sulle piccole distanze (realtà locale, spazio – tempo). Ma l’interazione a grande distanza non è ancora svanita.

    Sono queste interazioni a grande distanza (realtà non locale, sincronica e simultanea) che fanno in modo che il plasma si comporti in maniera coerente [v. 1.9, 1.11]. Visto a distanza, un plasma appare essere una serie di oscillazioni collettive che comportano un numero grandissimo di particelle (particelle danzanti in un plasma intelligente). Esaminate però a grande ingrandimento, risulta visibile solo il moto casuale delle particelle individuali [v. 1.9]. Bohm creò una descrizione matematica duale del plasma che contiene entrambi i punti di vista: l’individuale ed il collettivo. Una descrizione (coordinate collettive) riguarda le vibrazioni collettive, mentra l’altra (coordinate individuali) spiega il moto libero delle particelle individuali. Poiché le due descrizioni sono parte di un unico tutto, il moto collettivo del tutto è racchiuso dentro il movimento casuale individuale e viceversa”. Tra l’altro esiste un entangled (intrecciamento) quantistico tra cervello e plasma (il 99% dell’universo è plasma; es. fulmine, sole). E’ curioso poi il fatto che nei plasmi si formi un’elica simile al DNA.

    L’elettrone è secondo Bohm una struttura complessa che si muove in un soggiacente etere. A distanze milioni di volte più piccole dell’elettrone, la relatività di Einstein si rompe in un reale spazio assoluto, un etere fatto di particelle (o meglio entità) piccolissime. Nell’universo sembra esistere un quid che ne governa le proprietà materiali ed energetiche come una forza invisibile e per ora non misurabile. Questo quid, il potenziale quantico, null’altro è che lo spirito della materia vivente e non vivente, un ente infinito dotato di coscienza in grado di creare apparentemente dal nulla e di guidare il mondo della materia e dell’energia agganciandosi alle sue particelle più piccole, ovvero alla struttura intima della realtà, la realtà ultima delle cose. Grazie al potenziale quantico Bohm introduce per la prima volta in fisica il concetto di campo informativo o campo di informazione, in cui l’elettrone non è in balia del caso, ma è una quantità ben definita seppure in continua trasformazione, e continuamente e costantemente informata sull’ambiente che la circonda. Il concetto di informazione deve quindi essere posto a fianco dell’energia e della materia. Interessante a questo proposito è il concetto di Energia – Informazione elaborato da Paolo Manzelli:

    “considerando la legge di conservazione dell’energia, l’energia può trasformarsi in diverse forme, si può quindi ammettere l’esistenza di una sua nuova forma chiamandola Energia-Informazione che è la sezione dell’energia necessaria per processare ed elaborare la conoscenza a diversi livelli. Ricordando il principio di conservazione del’energia si può quindi ipotizzare che l’Energia Totale (ET) sia data dalla somma di tre principali componenti: Energia Vibrazionale (EV), Energia-Materia (EM) ed Energia-Informazione (EI). L’energia non può essere né creata né distrutta, quindi la somma totale dev’essere sempre costante. L’Energia Informazione è pura e catalitica e si associa alla realtà non-locale dell’universo.” Il mondo macroscopico può esistere solo se esistono lo spazio ed il tempo e qundi la fisica che lo descrive ha caratteristiche locali, mentre il mondo microscopico non ha bisogno dello spazio e del tempo ma percepisce la guida e l’informazione in maniera istantanea, per risonanza, ed in tal modo la fisica che lo descrive viene definita non locale. Il mondo microscopico riflette l’esistenza di un infinito al di fuori dello spazio-tempo e non riceve l’informazione da un luogo preciso, ma la riceve da tutto l’universo, da una specie di “prespazio al di là del tempo, dello spazio e della materia”, sede della coscienza dell’universo. Il potenziale quantico opera nell’ordine implicato.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7403

    http://books.google.it/books?id=R-U0LUGdbFYC&pg=PA57&dq=ragione+per+cui+i+plasma+possiedono+alcune+talbot&hl=it&sa=X&ei=8T_DULyzMsnVtAa6iYDwCA&ved=0CDAQ6AEwAA#v=onepage&q=ragione%20per%20cui%20i%20plasma%20possiedono%20alcune%20talbot&f=false

    ..ragione per cui i plasma possiedono alcune delle caratteristiche degli esseri viventi. Come dice Bohm: “la capacità della forma di essere attiva è la caratteristica che piu si confa alla mente, abbiamo qualcosa di simile alla mente già con l'elettrone”


    #94219
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1354973527=ronnie]
    Salve mi sono avvicinato a questo forum da poco tempo ,
    in maniera casuale dopo aver scoperto l'ing. KESHE , sul forum ufficiale http://www.keshefoundation.org/phpbb/viewtopic.php?f=10&t=296&start=70
    si parla della vendita di un generatore Keshe , chiedo se qualcuno di voi ne sa qualcosa . Grazie e cerco di leggermi un po' di post in maniera da poter approfondire meglio la materia
    [/quote1354973527]
    benvenuto
    avevo seguito un po quel forum e si parlava di vendita futura, non mi pare già disponibile


    #94220
    Hypercom
    Hypercom
    Partecipante

    [quote1354985676=Richard]
    [quote1354963238=Hypercom]
    Trovo sorprendente che la coscienza possa avere effetti fisici sulla materia … e se ci fosse una relazione del genere anche con i nuovi sistemi energetici?

    http://users.elo.com.br/~deaquino/Quantum%20Psychology.pdf

    [/quote1354963238]

    ———
    Più del 99 per cento della materia che compone l'universo si trova allo stato di plasma, ciò nonostante raramente sul nostro pianeta si trova in natura: l'ambiente elettricamente neutro della Terra è infatti una rara eccezione.

    I processi che involvono il plasma sono fattori importanti nello sviluppo delle caratteristiche di stelle, nubi interstellari, comete, aurore e persino della nostra atmosfera superiore. Per comprendere pienamente i fenomi astrofisici e geofisici, gli scienziati devono prima avere una chiara comprensione di come si comporta la materia allo stato di plasma.
    http://astrolink.mclink.it/ids/lib/plasma.htm

    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8192
    Una teoria rivoluzionaria sostiene che l'anima umana è una delle strutture fondamentali dell'Universo..
    'If they're not revived, and the patient dies, it's possible that this quantum information can exist outside the body, perhaps indefinitely, as a soul.'

    Read more: http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2225190/Can-quantum-physics-explain-bizarre-experiences-patients-brought-brink-death.html#ixzz2ET0nnSkE
    Follow us: @MailOnline on Twitter | DailyMail on Facebook
    ———
    Bohm cominciò la sua ricerca investigando il comportamento dei plasmi, gas contenenti elettroni e ioni positivi ad alta densità (esempio di plasmi sono i fulmini, l’aurora boreale, le stelle). Egli si accorse ben presto che gli elettroni, una volta che diventano parte di un plasma, smettono di apparire come particelle individuali ed iniziano a comportarsi come se essi fossero parte di un tutto più grande ed interconnesso [v.1.9, 1.11], un mare di particelle che dà l’impressione di essere apparentemente vivo, intelligente e cosciente per via delle caratteristiche di auto-regolazione che vi si possono osservare (si dispongono armonicamente come un’orchestra). “Quando due elettroni negativamente carichi sono in totale isolamento, l’interazione tra loro si estende su una grande distanza. Ma in un plasma un numero enorme (dell’ordine di centinaia di milioni) di altre particelle cariche si riarrangia per schermare questa interazione su vasta scala. Come risultato, ognuna delle particelle cariche del plasma interagisce con quelle vicine solo sulle piccole distanze (realtà locale, spazio – tempo). Ma l’interazione a grande distanza non è ancora svanita.

    Sono queste interazioni a grande distanza (realtà non locale, sincronica e simultanea) che fanno in modo che il plasma si comporti in maniera coerente [v. 1.9, 1.11]. Visto a distanza, un plasma appare essere una serie di oscillazioni collettive che comportano un numero grandissimo di particelle (particelle danzanti in un plasma intelligente). Esaminate però a grande ingrandimento, risulta visibile solo il moto casuale delle particelle individuali [v. 1.9]. Bohm creò una descrizione matematica duale del plasma che contiene entrambi i punti di vista: l’individuale ed il collettivo. Una descrizione (coordinate collettive) riguarda le vibrazioni collettive, mentra l’altra (coordinate individuali) spiega il moto libero delle particelle individuali. Poiché le due descrizioni sono parte di un unico tutto, il moto collettivo del tutto è racchiuso dentro il movimento casuale individuale e viceversa”. Tra l’altro esiste un entangled (intrecciamento) quantistico tra cervello e plasma (il 99% dell’universo è plasma; es. fulmine, sole). E’ curioso poi il fatto che nei plasmi si formi un’elica simile al DNA.

    L’elettrone è secondo Bohm una struttura complessa che si muove in un soggiacente etere. A distanze milioni di volte più piccole dell’elettrone, la relatività di Einstein si rompe in un reale spazio assoluto, un etere fatto di particelle (o meglio entità) piccolissime. Nell’universo sembra esistere un quid che ne governa le proprietà materiali ed energetiche come una forza invisibile e per ora non misurabile. Questo quid, il potenziale quantico, null’altro è che lo spirito della materia vivente e non vivente, un ente infinito dotato di coscienza in grado di creare apparentemente dal nulla e di guidare il mondo della materia e dell’energia agganciandosi alle sue particelle più piccole, ovvero alla struttura intima della realtà, la realtà ultima delle cose. Grazie al potenziale quantico Bohm introduce per la prima volta in fisica il concetto di campo informativo o campo di informazione, in cui l’elettrone non è in balia del caso, ma è una quantità ben definita seppure in continua trasformazione, e continuamente e costantemente informata sull’ambiente che la circonda. Il concetto di informazione deve quindi essere posto a fianco dell’energia e della materia. Interessante a questo proposito è il concetto di Energia – Informazione elaborato da Paolo Manzelli:

    “considerando la legge di conservazione dell’energia, l’energia può trasformarsi in diverse forme, si può quindi ammettere l’esistenza di una sua nuova forma chiamandola Energia-Informazione che è la sezione dell’energia necessaria per processare ed elaborare la conoscenza a diversi livelli. Ricordando il principio di conservazione del’energia si può quindi ipotizzare che l’Energia Totale (ET) sia data dalla somma di tre principali componenti: Energia Vibrazionale (EV), Energia-Materia (EM) ed Energia-Informazione (EI). L’energia non può essere né creata né distrutta, quindi la somma totale dev’essere sempre costante. L’Energia Informazione è pura e catalitica e si associa alla realtà non-locale dell’universo.” Il mondo macroscopico può esistere solo se esistono lo spazio ed il tempo e qundi la fisica che lo descrive ha caratteristiche locali, mentre il mondo microscopico non ha bisogno dello spazio e del tempo ma percepisce la guida e l’informazione in maniera istantanea, per risonanza, ed in tal modo la fisica che lo descrive viene definita non locale. Il mondo microscopico riflette l’esistenza di un infinito al di fuori dello spazio-tempo e non riceve l’informazione da un luogo preciso, ma la riceve da tutto l’universo, da una specie di “prespazio al di là del tempo, dello spazio e della materia”, sede della coscienza dell’universo. Il potenziale quantico opera nell’ordine implicato.
    https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7403

    http://books.google.it/books?id=R-U0LUGdbFYC&pg=PA57&dq=ragione+per+cui+i+plasma+possiedono+alcune+talbot&hl=it&sa=X&ei=8T_DULyzMsnVtAa6iYDwCA&ved=0CDAQ6AEwAA#v=onepage&q=ragione%20per%20cui%20i%20plasma%20possiedono%20alcune%20talbot&f=false

    ..ragione per cui i plasma possiedono alcune delle caratteristiche degli esseri viventi. Come dice Bohm: “la capacità della forma di essere attiva è la caratteristica che piu si confa alla mente, abbiamo qualcosa di simile alla mente già con l'elettrone”

    [/quote1354985676]
    Notevole Richard grazie, alcuni schemi del reattore keshe mi fanno venire in mente alcuni Crop Circles …

    http://www.youtube.com/watch?v=ECCNh6_iBLs


    #94221
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    http://www.dionidream.com/tecnologia-keshe-formazione-dei-gruppi-di-lavoro-dal-1512/

    Vorrei fare un punto in questa fase.

    Un certo numero di domande che sono sorte sul forum sono state discusse e affrontate con organizzazioni multinazionali per la produzione di equipaggiamenti spaziali da diversi mesi.

    Per stringere i tempi per lo sviluppo, nei prossimi incontri su questo forum cominceremo a rilasciare le scoperte di queste organizzazioni.

    Quindi presto inizieremo ad aprire il campo delle discussioni e investigazioni fatte dalle organizzazioni spaziali leader sui sistemi Magrav.

    Questo significa che una volta per tutte vi faremo sapere ciò che gli scienziati, che hanno lavorato più a stretto contatto con noi nei mesi passati e sondato ogni punto dei brevetti, hanno deciso e quali decisioni hanno preso riguardo la produzione dei sistemi Magravs, avendo piena conoscenza sulla tecnologia.
    Questi report sono fatti con la completa valutazione della tecnologia con l’intenzione di industrializzare e commercializzare la tecnologia.

    Attraverso questa mossa, mostriamo che le principali compagnie spaziali di produzione dopo aver studiato la tecnologia appieno, hanno deciso indipendentemente che la tecnologia è valida.

    Abbiamo tenuto segreti i report di queste organizzazioni abbastanza a lungo e ora che un certo numero di governi ha la tecnologia, lasciamo che anche il mondo dia un’occhiata al modo in cui funziona.

    Il tempo che i governi hanno per decidere è limitato come abbiamo promesso, e se come in precedenza assisteremo alle stessa minaccia di blocco, allora la Fondazione rilascerà tutti i dettagli per risparmiare tempo sulla valutazione e validazione della tecnologia e quindi siamo in grado di passare al pieno sviluppo dei sistemi per il pubblico dal pubblico.

    Cortesemente leggete il brevetto uno in dettaglio e comprendetelo in accordo con le definizioni dei libri e sono sicuro che svilupperete dei reattori in gruppi come questo nel giro di settimane.

    [NDT: Ecco il brevetto 1 caricato dal nostro sito Dionidream.com che potete scaricare cliccando qui]

    E’ ora di giocare al gioco dell’universo, e in qualità di inventore sono pronto a dare il via al gioco se il forum è pronto a portare la tecnologia pubblicamente allo stadio successivo e questo è ciò che state chiedendo.

    Abbiamo preso una decisione ed è di lavorare con scienziati e persone come avevamo promesso, i governi hanno avuto il loro tempo e il nostro tempo per il pubblico sta cominciando.

    Muoviamoci verso il prossimo step, ma cortesemente lavorate con i vostri governi dato che i loro scienziati prendono decisioni in accordo con le loro vecchie comprensioni ed ora è tempo di giocare al nuovo gioco dell’apertura della scienza e per voi di mostrare ai vostri governi i vostri prototipi funzionanti con l’aiuto degli altri in giro per il mondo.

    Siete tutti benvenuti nel partecipare, ma con conoscenza e non per fare caos. Diamo accesso inizialmente ad un numero limitato di informati e scienziati a questo processo di diffusione ed insegnamento e successivamente tramite questi gruppi studio e le loro decisioni come membri del pubblico su cosa rilasciare e quando rilasciare le loro scoperte ad ogni stage dello sviluppo.

    Scegliete il vostro team e una volta fatto entro i prossimi 14 giorni [NDT: Il post è stato scritto il 30 Novembre, quindi si ha tempo fino al 14 dicembre], sistemeremo le procedure di lavoro di questi gruppi.

    La Fondazione sviluppa gruppi di insegnamento e non sarà esclusiva e limitata ai membri iniziali, e lasciamo la porta aperta a tutti, ma chiuse le porte del controllo e della soppressione.

    Ho una buona idea circa alcuni che penso potrebbero andare bene a prendere parte a questo gruppo studio del forum, ma la mia decisione non conta nulla, siete voi a dover prendere visione l’un l’altro delle capacità e comprensioni e poi fornire al forum la lista e in seguito vi daremo accesso ad una posizione molto sicura in modo che potremo valutare punto per punto tutti gli aspetti del design di controllo e movimento nel primo momento.

    Il tempo di completamento e valutazione della tecnologia dovrebbe essere entro 30 giorni dall’impostazione di questo gruppo.

    I primi prototipi sviluppati e fatti dal gruppo saranno entro 3 mesi. Quindi, dalla fine di Marzo, il gruppo di insegnamento e studio del forum sarà in grado di mostrare il primo sistema al loro punto progettuale.

    Noi provvederemo a tutte le attrezzature e costi di sviluppo dei vostri prototipi.

    Alla fine dei test, ogni partecipante di ogni nazione avrà una copia dell’unità funzionante per mostrare alla propria parte di mondo e non solo alla propria nazione.

    Quindi, gli insegnamenti per la tecnologia spaziale con il mondo hanno inizio da oggi in avanti, è il vostro momento di stimare reciprocamente le vostre capacità e conoscenze riguardo l’universo in accordo con la vostra comprensione della nuova tecnologia.

    Quando avrete scelto i team, siamo qui per servire la tecnologia a tutti voi.

    Credo che questo dovrebbe portare con un salto la tecnologia spaziale nelle mani del pubblico, e crescerà tra le persone dalle persone per le persone, piuttosto che noi darla a voi in dimostrazione e poi lasciando chiedere a tutti come e cosa è successo, ora conoscerete e vi insegnerete a voi stessi e agli altri il processo universale.

    Diventate i revisori delle vostre proprie tecnologie per il genere umano.

    Sono pronto a essere un vostro studente in questo gruppo di studio se pensate che sia tagliato a prenderne parte visto che c’è ancora tanto da imparare.

    Provvederemo alla struttura per tutti i vostri lavori sul nuovo server a partire dal 15.12.2012 sul server della Fondazione che è stato appositamente comprato avendo in mente di usarlo per questo fine.

    M. T. Keshe

    Fonte http://www.keshefoundation.org/phpbb/viewtopic.php?f=2&t=3191&start=10

    Traduzione di Dioni


    #94222
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    http://www.ettoreguarnaccia.com/archives/1840

    Mehran Tavakoli Keshe, l’ingegnere nucleare che ha dato vita alla Keshe Foundation e alla tecnologia MAGRAVS, fa il punto della situazione e lancia un ultimatum agli scienziati e ai governi mondiali: è giunto il tempo di mettere in atto quanto è stato loro consegnato, altrimenti le tecnologie e la conoscenza verranno consegnati direttamente alle persone.

    Gli scienziati e le agenzie scientifiche che hanno lavorato a stretto contatto con la Keshe Foundation nei mesi scorsi hanno potuto sondare ogni specifico particolare dei brevetti e hanno riconosciuto la validità della tecnologia MAGRAVS. I report prodotti, finora tenuti secretati, verranno presto resi pubblicamente accessibili, ora che diversi governi del pianeta dispongono della medesima tecnologia.

    Keshe avvisa che il tempo a disposizione dei governi per i loro processi decisionali sta per concludersi e che qualsiasi minaccia di blocco della tecnologia sarà seguita dall’immediato rilascio di ulteriori dettagli e dal pieno sviluppo dei sistemi MAGRAVS a beneficio del pubblico. La Keshe Foundation, infatti, si pone l’obiettivo di aumentare la qualità della vita all’umanità intera e non quello di attrarre soggetti che hanno un piano differente. È giunto il tempo di cambiare il destino dell’umanità in un colpo solo.

    L’ingegner Keshe invita quindi chiunque sia realmente interessato a partecipare allo sviluppo e al collaudo della tecnologia MAGRAVS, purché in possesso di conoscenze e background adeguati, ad organizzarsi in gruppi paritari, senza leader, per studiarne il funzionamento e mettere a punto i primi prototipi di reattore. Per fare questo, egli ritiene indispensabile abbattere qualsiasi barriera culturale, linguistica o territoriale, unendosi tutti per garantire l’accesso ai benefici della tecnologia a tutti i cittadini e le nazioni del mondo, senza distinzione.

    La Keshe Foundation ha già sviluppato un prototipo di reattore, molto semplice quanto altamente avanzato, che è stato mostrato in pubblico per la prima volta alla delegazione scientifica intervenuta presso il Keshe Foundation Center il 2 dicembre 2012. Secondo Keshe, lo spazio cosmico non potrà più essere considerato un posto per sola gente appositamente addestrata, poiché il reattore MAGRAV, una copia in scala ridotta dell’universo in funzione, consentirà di ricreare la gravità terrestre, pari a 1G, in qualsiasi punto dell’universo.

    La posizione del governo italiano

    Il governo italiano ha ricevuto ufficialmente tutta la documentazione sulla tecnologia MAGRAVS il 26 ottobre scorso presso la Cancelleria Diplomatica dell’Ambasciata Italiana a Bruxelles, direttamente dalle mani di M.T. Keshe. A beneficio di coloro che non hanno seguito la vicenda, va detto che l’ambasciata italiana in Belgio è stata letteralmente travolta da numerose sollecitazioni inoltrate principalmente via email dai molti cittadini italiani interessati al rilascio e all’adozione della tecnologia MAGRAVS.

    La consegna della tecnologia MAGRAVS al governo italiano è stata anche oggetto di un’interrogazione parlamentare (C.4/18389) promossa dall’On. Fabio Meroni, deputato della Lega, e presentata alla Camera dei Deputati il 5 novembre scorso. Nella risposta, il Sottosegretario agli Affari Esteri, Marta Dassù, conferma l’avvenuta consegna della documentazione e afferma che “si sta provvedendo ad inviare tali file per un eventuale esame da parte degli Enti Competenti in materia”. Il nostro governo, che non ha mai brillato per celerità d’azione se non per sporchi interessi privati, dopo quaranta giorni dalla data di consegna, quindi, non ha ancora provveduto a trasmettere questa preziosa documentazione a laboratori ed università affinché sia consultata da personale qualificato e ne vengano approfonditi i contenuti e le potenzialità. Anzi ha scelto di trincerarsi dietro il termine “enti competenti in materia” senza specificare quali sarebbero questi organi e se sia prevista una qualche pianificazione in merito.

    Ciò dimostra purtroppo, qualora ve ne fosse bisogno, che la fantastica opportunità offerta gratuitamente dalla Keshe Foundation al nostro governo, in grado di rivoluzionare la nostra qualità della vita e di risolvere i più urgenti problemi umanitari, non è stata ancora seriamente valutata e presa nella dovuta considerazione. Evidentemente il nostro governo ha questioni più urgenti e prioritarie, ad esempio la bagarre per le prossime elezioni, il decreto liste pulite (che pulite non saranno per niente) oppure, ironia della sorte, il decreto sviluppo bis.

    L’On. Meroni, che ha l’indubbio merito di aver approfondito e sponsorizzato la tecnologia Keshe ed ha voluto essere presente alla conferenza del 17 novembre scorso a Firenze per conoscere M.T. Keshe dal vivo, intende organizzare un’audizione con l’ingegnere iraniano presso una delle Commissioni Permanenti della Camera dei Deputati. In quella sede sono intervenute circa 150 persone da tutta Italia, fra le quali molti fisici, ingegneri e medici, che hanno potuto assistere alla descrizione delle fasi di sviluppo della tecnologia e all’illustrazione delle relative applicazioni in campo spaziale, energetico, medico, idrico e alimentare.

    In ogni caso, per chiunque fosse interessato, M.T. Keshe sarà di nuovo in Italia il 15 dicembre presso la Fiera del Garda a Montichiari (BS) per presentare la tecnologia MAGRAVS e ricevere dalla Fondazione Zanetto il premio “International Gold Talent”.

    La roadmap della Keshe Foundation

    M.T. Keshe, sul forum della fondazione, ha illustrato la tabella di marcia che intende attuale per aprire l’accesso alla tecnologia MAGRAVS ad un numero limitato di informati e scienziati, dapprima con un processo di condivisione e insegnamento, per poi arrivare allo sviluppo e al collaudo dei primi prototipi funzionanti. L’intero processo richiede la valutazione e la piena comprensione delle potenzialità della tecnologia da parte dei collaboratori volontari e prevede la definizione di cosa rilasciare di volta in volta nelle diverse fasi dello sviluppo.

    La tabella di marcia consiste, in sintesi, nei seguenti passi:

    •Entro il 15 dicembre l’allestimento di una nuova infrastruttura web, con le procedure e gli strumenti necessari a consentire il lavoro dei vari team di collaboratori volontari sulla tecnologia.
    •30 giorni dall’avviamento dei gruppi di lavoro per valutare e studiare approfonditamente la tecnologia.
    •3 mesi, ovvero orientativamente verso la fine di marzo, per completare lo sviluppo e il collaudo dei primi prototipi e mostrarne il funzionamento al pubblico.
    La fondazione Keshe fornirà le strutture necessarie e sosterrà i costi di sviluppo dei prototipi. Grazie ai nuovi strumenti web che verranno allestiti e alla produzione di filmati che illustreranno i test condotti, migliaia di persone potranno assistere direttamente a tutte le fasi progettuali e ai risultati conseguiti.

    Il sistema MAGRAVS sviluppato dalla fondazione negli ultimi sei mesi sarebbe già molto avanzato e, nonostante le ridotte dimensioni (50cm di altezza e 30 cm di larghezza per 12 Kg di peso), avrebbe una capacità di sollevamento calcolata in 40-50.000 ton a piena capacità. Non è mai stato testato prima, ma Keshe spera che sia presto messo in funzione per consentire a chiunque di vederne il funzionamento e di comprenderne capacità e potenza.

    La creazione universale

    L’ingegnere nucleare iraniano aveva già più volte parlato in pubblico della possibilità di generare materia grazie all’utilizzo della tecnologia MAGRAVS, una prospettiva già di per sé infinitamente interessante e che aprirebbe opportunità di impiego in diversi campi. Ma ciò che mi ha più profondamente colpito è stata la recente affermazione di Keshe sull’assoluta necessità di comprendere appieno l’interazione della polvere cosmica e dei campi magnetici e gravitazionali come mezzo che consente di generare uno spettro di campi magnetici e, soprattutto, le condizioni specifiche che portarono alla creazione della vita sul pianeta Terra. Si, avete capito bene, la creazione della vita.

    Secondo Keshe, per la prima volta nella storia della scienza sarebbe possibile spiegare e addirittura dimostrare il processo di creazione della vita, nello stesso modo in cui ebbe luogo miliardi di anni fa e in cui continua ad avvenire ancora oggi sul nostro pianeta. Questa sarebbe anche una delle ragioni che hanno spinto la fondazione ad avviare il programma di adozione della tecnologia MAGRAVS per la salute umana. Un giorno, tutti potremo comprendere il processo della creazione perché il sistema è parte di noi e saremo in grado di controllarlo senza dover ricorrere a computer o altro tipo di ausili. Keshe afferma che esistono diversi modi per ricreare le condizioni necessarie alla creazione della vita come nelle stelle dell’universo, grazie al plasma, e ritiene indispensabile giungere ad una comprensione profonda della creazione e non limitarsi a seguire ed utilizzare ciecamente la tecnologia.

    Veniamo dal mare

    La creazione della vita avrebbe avuto inizio nel mare e non sarebbe stata possibile senza l’acqua come elemento fondamentale. Non in semplice acqua condensata, quindi, ma nei livelli più bassi delle profondità marine, dove l’acqua ha una composizione particolare ed è soggetta a determinati campi magnetici e gravitazionali del pianeta. L’interazione fra i campi magnetici e gravitazionali delle molecole d’acqua e i campi terrestri, insieme ad una particolare composizione di gas, indipendentemente dalle condizioni di pressione e temperatura, produce l’incubatrice ideale in grado di trasformare i gas in un’energia creatrice che dà origine alla vita. La stessa composizione in aria aperta non può resistere e l’interazione degli elementi allo stato solido è praticamente impossibile, ma nello stato liquido dell’acqua ai livelli più profondi del mare, in presenza di NHOC e idrocarburi (HC), i campi magnetici e gravitazionali formerebbero un particolare gel e la vita avrebbe miracolosamente inizio.

    In definitiva, per creare la vita su questo pianeta basterebbe portare i giusti gas e la corretta combinazione di campi magnetici e gravitazionali a temperature e pressione ambiente, per assistere con i nostri occhi alla creazione della vita secondo il processo universale. Secondo Keshe, il nostro pianeta creerà sempre nuove forme di vita e non si fermerà finché sarà mantenuta la variazione degli elementi, così numerosi e diversificati, nei rispettivi campi magnetici e gravitazionali che, combinati le enormi forze terrestri, facilitano la composizione dei gas idrocarburi in organismi viventi.

    Un’affermazione sconvolgente, che qualcuno potrà trovare offensiva o farneticante, ma che Keshe ritiene essere una verità assoluta che rappresenta l’accesso all’intero mistero della creazione della vita su questo pianeta e che può spiegare come mai la vita in questa forma è un’esclusività della Terra.

    L’umanità deve cambiare o si annienterà da sola

    Secondo Keshe, adesso l’uomo ha l’occasione di diventare creatore a sua volta, ma non senza addossarsi l’enorme responsabilità di dover pensare ed agire come un creatore, cioè in maniera giusta, altruista ed equa nel rapportarsi al tutto universale. Stiamo per salire sul primo gradino della lunga scala della conoscenza, ma c’è ancora molto da fare e dobbiamo impegnarci per costruire le fondamenta nella giusta maniera, se vogliamo realmente arrivare alla pace.

    In una lunga intervista rilasciata da M.T. Keshe a settembre, ad un certo punto (1:31:30-1:32:30) egli fa un’affermazione abbastanza criptica, addirittura commuovendosi visibilmente: “Con la tecnologia MAGRAVS non esisteranno più guerre, perché tutti avremo lo stesso livello di conoscenza e sapremo come annientarci l’un l’altro, col rischio di annullarci. L’uomo accetterà questa tecnologia, non perché privato della facoltà di amare, ma perché liberato dalla paura della propria esistenza. Noi non amiamo questa tecnologia, ma la prendiamo perché sappiamo cosa ne faremo. Non ci sarà più nessuno di noi, nessuno di noi sarà risparmiato, perché possiamo letteralmente portare noi stessi al punto del nulla, della non-esistenza”.

    La tecnologia, per quanto mirabolante e straordinaria sia, non potrà salvare l’uomo. C’è un’enorme differenza fra la consapevolezza e la coscienza, come ci spiega straordinariamente l’astrofisica Giuliana Conforto nell’articolo “Progetto Coscienza”: la consapevolezza è sapere, la coscienza è sentire. La tecnologia Keshe promette di metterci in grado di sapere come nasce la vita, cos’è la materia e come funziona l’intero universo. Ma sapere non basta, serve la coscienza di ciò che realmente siamo, dobbiamo metterci in completa sintonia con la vita, capire finalmente che il bene è di tutti o di nessuno, sentire con il cuore che cosa veramente crea, alimenta, unisce, spiega e regola il tutto: l’amore.

    Ettore Guarnaccia


    #94223

    Rebel
    Partecipante

    [quote1355007193=Rezlan]
    [quote1354925679=Rebel]
    I governi attuali sono fatti da entità provenienti da una densità inferiore che ha come presupposto l'esatto contrario del paradigma verso il quale stiamo andando[…]
    Sperare che si il governo di questo paese (dove risiede il male assoluto annidato nella sua capitale)[…]

    [/quote1354925679]

    Tutte certezze assolute, vedo! Secondo me invece i governi attuali son fatti da entità proveniente dal pianeta degli orsetti gommosi al gusto di lampone, abbiamo la stessa credibilità e basi per affermarlo, solo che io ho aggiunto “secondo me”.

    Certo che per credere ad uno che prima millanta di avere in mano le chiavi dell'universo e la potenza definitiva per viaggiare tra le galassie e fare tutto e che subito dopo aggiunge “-MA- può attivarle solo chi è puro di cuore” bisogna essere davvero “puri di spirito”, come si usava chiamare i “sempliciotti” tempo fa.
    Non c'è NIENTE al mondo che possa essere usato solo dai “buoni”, gli oggetti e le tecnologie restano -COSE- che non fanno alcuna distinzione, anche perché la morale è qualcosa che ci siamo inventati noi.
    Il signore Keshe è un venditore di fumo come milioni di altri, e con le sue ultime uscite ha dimostrato dove sta la truffa:
    Vende aria fritta, la passa per miracoli, ma i miracoli possono essere visti solo da chi dice lui, se ci vedi solo aria fritta sei tu ad essere indegno.
    Ricordatevi la favola del Re Nudo ed applicatela alla situazione, tutto avrà più senso.
    [/quote1355007193]

    ok, aggiungo secondo me, la cosa è scontata quando si scrive su un forum, ma se a te serve tutte le volte ti accontento.

    Per il resto ti posso dire che per replicare il reattore di Keshe serve solo un trapano di precisione se non si ha un tornio a portata di mano, il costo totale per farlo, partendo dal 90% delle cose che si trovano in commercio(rs-components per esempio) è di circa 300€, ovviamente dopo aver studiato per bene sia la teoria che i brevetti.

    Chi ti dice che io non sia gia in possesso di un reattore e non lo stia gia sperimentando? il tuo orsetto di gomma?


    #94224
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    Tutte certezze assolute, vedo! Secondo me invece i governi attuali son fatti da entità proveniente dal pianeta degli orsetti gommosi al gusto di lampone, abbiamo la stessa credibilità e basi per affermarlo, solo che io ho aggiunto “secondo me”.

    Certo che per credere ad uno che prima millanta di avere in mano le chiavi dell'universo e la potenza definitiva per viaggiare tra le galassie e fare tutto e che subito dopo aggiunge “-MA- può attivarle solo chi è puro di cuore” bisogna essere davvero “puri di spirito”, come si usava chiamare i “sempliciotti” tempo fa.
    Non c'è NIENTE al mondo che possa essere usato solo dai “buoni”, gli oggetti e le tecnologie restano -COSE- che non fanno alcuna distinzione, anche perché la morale è qualcosa che ci siamo inventati noi.

    e' il problema del
    scetticismo=ho capito
    e si arriva a conclusioni affrettate, poi si mette la frase ad effetto.


Stai vedendo 10 articoli - dal 431 a 440 (di 1,809 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.