l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina

Questo argomento contiene 3,614 risposte, ha 101 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 4 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 2,041 a 2,050 (di 3,615 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #69363

    Anonimo

    http://www.ilcambiamento.it/crisi/berlusconi_dimesso_monti_prospettive.html

    Ciao ciao Berlusconi, ma non è il momento di festeggiare
    di Andrea Degl'Innocenti – 12 Novembre 2011

    Berlusconi e Monti, il passato ed il futuro dell'Italia, il primo responsabile di uno dei capitoli più bui del nostro paese, il secondo emissario di forze internazionali che mirano a depredarlo delle proprie risorse
    Certo, dopo 17 anni ce lo saremmo immaginati in un altro modo. Non mancano le feste e i caroselli, le grida di giubilio per le strade, le piazze gremite di gente e di bandiere. Ma la sensazione di fondo è quella di una gioia che non riesce ad esplodere. Quello che con ogni probabilità è l'addio definitivo di Silvio Berlusconi alla politica merita oggi giusto un melanconico brindisi, un'alzata di calici alla fine di un'era buia del nostro paese, con la felicità uccisa sul nascere dalla mancanza di prospettive future confortanti.

    Immagino che qualcosa di simile possano averlo provato i popoli libici o iracheni, quando hanno festeggiato la fine di una dittatura salutando al tempo stesso l'avvento di un'altra, forse persino peggiore. Già, perché se un Saddam e, ancor più, un Gheddafi erano figli della storia e della cultura del proprio paese, frutti degeneri del proprio albero, la dittatura avventizia ne era del tutto estranea, e somigliava piuttosto ad un'invasione.

    Similmente, Silvio Berlusconi appartiene alla nostra storia. Al lato peggiore della nostra storia, fatta di mafia e di logge massoniche, di corruzione, di inganno delle masse, di populismo di comodo. Ma ogni tratto della sua figura e ogni aspetto della sua controversa parabola personale e politica è riconducibile alle fila delle vicende italiane.

    Dai finanziamenti ottenuti dalla Banca Rasini – la principale banca usata dalla mafia nel nord Italia per il riciclaggio di denaro sporco, che aveva come clienti Totò Riina, Bernardo Provenzano, Pippo Calò – per avviare la sua carriera d'imprenditore nel campo dell'edilizia, nel 1961, alle pressioni su politici e ministri, qualche anno più tardi, per ottenere il cambio di alcune rotte aeree dell'aeroporto di Linate, che a causa dei decibel eccessivi rendevano difficili da vendere gli stabili di Milano 2.

    Per non parlare dell'amicizia con Craxi, sotto la cui ala protettiva nasce e cresce la figura politica di Berlusconi. Fu Craxi, nel 1984 ad evitare con una prima legge ad personam la chiusura delle reti Mediaset, ree di aver infranto il monopolio delle tv di stato. Berlusconi ebbe poi a ringraziare con una letterina inviata all'allora primo ministro – che inizia con “Caro Bettino grazie di cuore per quello che hai fatto” – ed una tangente di 21 miliardi di lire, passati attraverso la società All Iberian.

    Fra i mille processi che caratterizzano la parabola di Berlusconi spiccano quello che riguarda le stragi del 1992-93 e quello per mafia. Nel primo gli inquirenti hanno a lungo indagato sulla sua presenza fra i mandanti a volto coperto della morte dei magistrati Falcone e Borsellino, nel '92, e delle stragi di Firenze, Roma e Milano, l'anno successivo. Nel secondo Berlusconi è stato indagato per concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio di denaro sporco, ma nel 1998 l'indagine è stata archiviata per scadenza dei termini massimi concessi, nonostante i numerosi indizi sui rapporti di Berlusconi e Dell'Utri con uomini di Cosa nostra e la condanna del secondo a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

    E poi gli innumerevoli processi per corruzione, ed una carriera politica costellata da leggi ad personam e disprezzo per gli avversari politici e – soprattutto – per la volontà popolare (quest'ultimo mal celato da un finto populismo, sgretolatosi in fretta non appena i suoi interessi si sono allontanati da quelli del suo elettorato).

    Insomma, il nome di Berlusconi spunta in molte delle vicende più oscure della nostra storia, compresa quella della loggia massonica P2 di Licio Gelli; egli annovera fra i membri del suo entourage rinomati mafiosi, faccendieri, massoni. Per questi motivi avrebbe avuto un sapore diverso se a porre fine al suo percorso politico fosse stata una sollevazione popolare, un movimento intestino, piuttosto che una tempesta finanziaria internazionale, sorretta e convogliata sul nostro paese da poteri che hanno le proprie origini altrove. E se a prendere il suo posto fosse stato un soggetto democraticamente eletto, magari figlio della cultura legalista, pacifista e ambientalista che da anni si oppone all'ex presidente del consiglio.

    Invece, se andiamo ad analizzare la figura che si prospetta come leader dell'instaurando governo tecnico, il grido di gioia per la fine dell'era Berlusconi rischia di morire in gola, sul nascere. Mario Monti è un emissario diretto di quelle forze ultraliberali che premono sui governi nazionali per imporre altre ondate di privatizzazioni e deregolamentazioni, facendole passare come ricette anticrisi. È la figura scelta per perpetuare il furto di democrazia, diritti e beni materiali ai danni del nostro paese, il dottore che ci farà ingerire l'amara pillola, propinandocela come medicina.

    Il meccanismo è noto, ed è illustrato con chiarezza nel documentario “Shock Economy” curato da Naomi Klein. La giornalista e scrittrice canadese spiega come il sistema capitalistico neoliberista, nato dalle teorie dell'economista Milton Friedman in opposizione politiche keynesiane, utilizza gli stati di shock emotivo per imporre alle popolazioni misure che altrimenti non sarebbero disposti ad accettare. Gli shock possono essere provocati da catastrofi naturali, guerre, crisi economiche ed hanno. In ciascuno di questi casi il risultato non cambia. È avvenuto in Cile con il regime di Pinochet, amico e seguace di Friedman, si è ripetuto ad Haiti dopo lo Tsunami – tutte le spiagge sono state privatizzate – e avviene nelle recenti guerre in Iraq, Afghanistan e Libia.

    “Stiamo assistendo ad un trasferimento di beni di dimensioni incommensurabili – spiega la Klein nel documentario – dalle mani pubbliche, dei governi (soldi presi dalla gente comune, sotto forma di imposte), nelle mani delle persone e delle imprese più ricche del mondo, tralasciando di dire che sono le stesse persone e imprese che creano questa crisi”. E tutto ciò avviene proprio attraverso la “Dottrina dello shock”, ovvero “ il sistematico saccheggio della sfera pubblica dopo un disastro”.

    Mario Monti ha tutte le caratteristiche per essere il nostro “Dottore dello shock”. Si è formato negli Usa, dove ha conseguito una laurea a Yale ed è cresciuto sotto l'influenza di Zbigniew Brzezinski, influentissimo politologo statunitense alla base di molte delle decisioni strategiche nella politica estera americana degli ultimi quarant'anni.

    Dopo essere stato rettore e presidente della Bocconi, è diventato, a partire dal 2005, international advisor della Goldman Sachs, la più potente banca d’affari americana, che condiziona mercati e governi. Per dare un'idea dell'influenza della Golman Sachs sulle politiche mondiali, basta citare le parole del trader indipendente Alessio Rastani e riportate da un interessante articolo del Fatto Quotidiano: “i governi non governano il mondo, Goldman Sachs governa il mondo”.

    Ma non è tutto. Monti è stato anche il primo presidente del Think Thank “Bruegel”, finanziato da 16 stati membri dell'Ue e da 28 multinazionali per influire sulle politiche comunitarie ed è presidente europeo della Commissione Trilaterale. Quest'ultima è un club ultraliberale fondato nel 1973 da Brzezinski su incarico di David Rockfeller per incentivare la collaborazione fra Stati Uniti, Europa e Giappone, diventato in breve un luogo d'incontro degli uomini più potenti del pianeta, all'interno del quale si stringono patti informali destinati, secondo molti, a condizionare l'economia mondiale.

    Insomma, sebbene nessuno ci possa togliere la soddisfazione di un brindisi all'addio di Berlusconi, condito dalla certezza che non lo rimpiangeremo, è pur vero che forse non è ancora giunto il momento di festeggiare.


    #69364

    sephir
    Partecipante

    Sempre dal sito di mazzucco, un intervista televisiva seria…
    ho comunque un'impressione “positiva” in mezzo alla tempesta,
    la sensazione che ci sia la possibiltà che le voci dissonanti abbiano più spazio
    nell'informazione anche più conservatrice… e che i labirinti forse possono essere visti sempre
    più dall'alto e non solo dall'interno.

    anche io su santoro ho provato molto fastidio, anche per il modo sbrigativo con cui
    è stato fatto parlare il blogger su cose fin troppo importanti,
    nonostante tutto ho anche io l'impressione che sia un piccolo traguardo il fatto che
    si siano dette o almeno accennnate verità, di fronte ad un pubblico ignaro, che fino
    a poco tempo fa non avrebbero mai avuto alcuna probabilità (forse su report?)
    di essere menzionate su larga scala.

    Al giorno d'oggi, in una rara quanto inaspettata apparizione televisiva, Lew Rockwell espone una serie di considerazioni che lasciano di stucco la conduttrice che lo intervista, evidentemente non abituata a persone con un punto di vista così poco politically correct.

    TRADUZIONE DEL VIDEO:

    RT : […] la crisi e la Grecia avranno un effetto domino sull'economia globale, facendo finire i vari paesi in una spirale recessiva. In collegamento per avere maggiori delucidazioni su questo argomento, Lew Rockwell Presidente del Ludwig von Mises Institute. Quanto è in pericolo l'Europa al momento?

    L.R.: Spero molto in pericolo. Intendo dire, spero che l'Europa cessi di esistere. L'Europa è stato un errore, un errore nato dalla pianificazione centrale, la stessa Unione Europea è stata un errore.

    Credo che sia molto importante chiarire quale sia il vero problema della Grecia, dell'Europa, e degli altri paesi. Non sta venendo salvata la Grecia, o meglio, non è che vorrebbero salvare la Grecia, sono le banche che vengono salvate. [continua]

    Le banche che possiedono debito Greco, un debito altamente rischioso e con enormi tassi d'interesse, si aspettano di venire salvate se la Grecia non può pagare. Quello che vogliono fare, quindi, è danneggiare i Greci e caricarli di oneri finanziari fino a spaccargli la schiena, in modo che le grandi banche possano essere ripagate.

    Ma tutto ciò è sbagliato, non vogliamo che accada questo. Se vogliamo davvero ricostruire la situazione in Europa e fare in modo che ci sia nuova prosperità in particolare in Grecia, queste banche devono fallire.

    Non devono essere sostenute. Stanno distruggendo l'euro e l'Europa, il che è un bene, ma stanno anche distruggendo la prosperità e lo standard di vita di queste persone e degli Stati Uniti e di altre persone nel mondo.

    Le banche sono fuori controllo. Non si parla mai delle banche quando si affronta l'argomento. Non ne sentiamo parlare perché è una sorta di messaggio segreto. Penso che dobbiamo focalizzare chi e cosa sia il problema.

    Ad esempio, per quanto riguarda tutta la questione del “contagio”, la General Motors è uscita di scena ma ciò non ha danneggiato le altre case automobilistiche, anzi, forse hanno anche festeggiato perché hanno meno concorrenza.

    Ma le banche sono tutte connesse, sono tutte intrinsecamente in bancarotta, a causa della riserva frazionaria. Nessuna banca possiede i soldi di tutti i depositanti. Basta che pochi correntisti ritirino i propri soldi da un istituto bancario per mandarlo in fallimento, se non fosse per banche centrali. La BCE in Europa e la FED negli Stati Uniti hanno causato enormi danni generando espansioni e recessioni, depressioni, tutto per proteggere le banche.

    Viviamo in una sorta di bancocrazia. Che parliamo di Europa o America, dobbiamo eliminare le banche centrali; abbiamo bisogno di denaro sonante, abbiamo bisogno di un sistema bancario onesto, dobbiamo eliminare il sistema bancario centrale. Ed in fondo in fondo sta accadendo.

    Possono protrarre la situazione ancora un pò in Europa, ma le banche sono così fuori controllo, così indebitate, che non esiste abbastanza denaro al mondo per aggiustare queste pericolose e mostruose istituzioni. Quindi devono essere riformate, devono essere riformate in massa, e forse potrebbe anche succedere.

    Ci sarà maggiore dolore economico in arrivo. Ma siamo già inondati di dolore. Siamo in una grave recessione negli Stati Uniti, ed anche in Europa. Le cose stanno peggiorando, perché non esiste ripresa. Possiamo solo sperare in una seria riforma, un altro giro di alcool fornito dalla banca centrale non fermerà il dolore. Ci sarà dolore quando l'alcool si fermerà, ma questo sarà necessario.

    RT : Ha menzionato le cattive notizie per l'Eurozona, ma c'è la paura che se non viene salvato l'euro il continente potrebbe finire in recessione. Qual'è la risposta a questa paura?

    L.R.: Il continente è già in recessione. Forse sarebbe stato meglio il Marco Tedesco che era una moneta 'fiat' meno folle e meno inflazionata rispetto alle altre.

    Il problema sono tutte le monete 'fiat', ma rispetto a questa moneta unica Europea sarebbe stato meglio che ogni paese avesse avuto la propria valuta.

    Ci sono alcune persone, ad esempio John Maynard Keynes, che vogliono una moneta unica globale: il bancor. Sarebbe ancora peggio.

    Ma noi vogliamo decentramento politico e monetario, fintanto che esiste il denaro fiat. Se invece avessimo un gold standard, l'oro sarebbe lo stesso materiale in Sri Lanka, in Lussemburgo, in Venezuela.

    E' di questo che avremmo bisogno per puntare ad una crescita reale, ad una moneta sonante, ad una moneta onesta; senza che il governo, le grandi banche e le grandi istituzioni connesse al governo ci derubino.

    RT : Quindi lei pensa che l'euro debba essere abbandonato come valuta. Ora la discussione verte se cacciare la Grecia fuori dall'Eurozona. Pensa che non sia nei migliori interessi dell'Eurozona?

    L.R.: Probabilmente è nei migliori interessi della Grecia, non nell'interesse dell'Establishment Greco. Penso che sia nell'interesse della popolazione Europa, delle singole popolazione dei paesi Europei che l'Europa esca di scena.

    Avremo che la Germania sarà più solida, il Lussemburgo sarà più solido, l'Austria sarà più solida della Grecia, Portogallo o Spagna, ma qualsiasi altro paese può diventare più solido.

    E' la centralizzazione che fornisce potere alla banca centrale, sono i suoi burocrati di Bruxelles che stanno imbastendo sempre di più un regime autoritario cercando di gestire ogni aspetto della vita in ogni paese.

    Proprio come il governo degli Stati Uniti fa qui. Non è una cosa buona avere un grande governo centrale negli Stati Uniti e non è una cosa buona avere un grande governo centrale in Europa. Abbiamo bisogno di decentralizzazione, libertà, denaro onesto, denaro sonante, un settore bancario onesto.

    RT : Abbiamo avuto con noi Lew Rockwell, presidente del Ludwig von Mises Institute.

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3877


    #69365

    Erre Esse
    Partecipante

    Personalmente, a me pare di vedere aumentare lo spazio, nell'informazione mainstream, dedicato a temi che qualche tempo fa erano solo di nicchia, come le organizzazioni internazionali di cui fanno parte i due prossimi premier greco e italiano.


    #69366
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1321205569=Pier72Mars]
    [quote1321112099=prixi]
    [quote1321102464=Richard]
    [quote1321052076=prixi]
    perchè credo che abbia la sua importanza anche immaginare l'inimmaginabile … se nessuno crede ad una via di uscita, anche molto improbabile, la via di uscita di sicuro non ci sarà … sperare, immaginare che ci sia, non sarà determinante, ma può favorire ….
    ma naturalmente questo è solo il mio pensiero 🙂
    [/quote1321052076]
    non è importanza
    è fondamentale

    http://www.thrivemovement.com/
    guardate il documentario, siete stati gia preparati da AG per capirlo, vedrete che favola!
    [/quote1321102464]
    Richard … da qualche anno (circa 12) ho abolito la carta di credito … è la prima volta che me ne dispiaccio … :p
    in quale altro modo si potrebbe “acquistare” il film ?
    [/quote1321112099]

    Che film è?

    IO mi scarico tutto, fammi sapere.

    [/quote1321205569]

    Il sito contiene gia tutte le informazioni per partecipare volendo al movimento che si cerca di creare
    quindi non è indispensabile vedere il film, il noleggio è 3 euro e se si usa la funzione play it forward lo si fa vedere via internet ad amici o parenti con lo sconto del 20%, sul film e il progetto e il sito sono stati investiti milioni di dollari.

    ll documentario riunisce tutti i punti che abbiamo discusso negli anni su AG, non li ho certo notati solo io, quindi soppressione della free energy, piramide del potere e distruzione ambientale e sociale, soppressione di informazione alternativa, ecc..quindi propone delle soluzioni e la creazione di un movimento informato che possa collaborare per contrastare tutto questo, il fondatore del progetto viene dal mondo del business dove pero è andato controcorrente e si è rotto le balle..
    in poche parole, questo capisco.
    Si puo evitare il film, nel sito leggendo si trovano le informazioni, il sito è studiato in modo da permettere la condivisione e comunicazione fra chi partecipa al movimento di informazione, studio e azione.

    Ho tradotto delle risposte nella pagina delle FAQ

    http://www.thrivemovement.com/faqs
    Thirve è nato per creare un movimento con una prospettiva comune. Puoi invitare altri a vedere il filmato, la nostra strategia di distribuzione è sulla rete.
    Foster è nipote di secondo grado di James Gamble, fondatore della Procter & Gamble. Non è legato alla compagnia multinazionale di oggi, ha partecipato in iniziative per cambiare la politica della compagnia riguardo problemi come i test sugli animali e inquinamento. Foster ha cercato di raccogliere fondi per fare ricerche su problemi di cui nessuno si occupa. Assieme a Kimberly ha investito 8 anni di tempo gratuitamente e 4.5 milioni di dollari di propri fondi. assieme ad altri investitori che hanno aggiunto 2.5 milioni di dollari per creare il film THRIVE e il sito per creare il movimento che favorisca un mondo dove si possa prosperare. Procter&Gamble non ha finanziato THRIVE. Potete verificare direttamente alla Procter & Gamble

    Perchè devo pagare 5 dollari per vedere il film?

    Prima di tutto vogliamo profondamente ringraziarvi.
    Abbiamo ricevuto migliaia di risposte e siamo molto grati ed emozionati. La nostra collaborazione con la PlayitFWD, la piattaforma che vi permette di affittare e condividere THRIVE è vitale.
    Potete usare la funzione play it forward mentre lo guardate, per i vostri amici e parenti, è rivoluzionario, avranno lo sconto.
    Capiamo che molti film su internet sono gratuiti e introduciamo THRIVE non solo come artefatto importante basato sul suo messaggio, ma anche come cambiamento trascendentale nel modo in cui il denaro fluisce nella societa
    Siete esausti di vedere le enormi corporazioni che acquisiscono e consumano tutta la ricchezza nel mondo danneggiando le persone? Siete stanchi di sentire che nuovi grandi progetti finiscono per finire i fondi?
    Dopo 8 anni di lavoro e milioni di dollari in THRIVE vogliamo cambiare il sistema. Crediamo che il nostro lavoro abbia valore, se non credete che valga 5 dollari affittarlo, ok. Potete vederlo in gruppo assieme. Avete anche il sito pieno di risorse e strumenti che potete usare liberamente. Pero pensate che spendete 5 dollari in cose di meno valore. Molto deve cambiare nel nostro sistema finanziario (corrotto del tutto) e questo porta molti a pensare che ogni forma di scambio monetario non sia sano. Pero noi crediamo fermamente che THRIVE dimostrera di essere un modello vincente di prosperita
    La nostra iniziativa si fermerebbe rapidamente senza fondi e crediamo sia preferibile uno scambio volontario con le persone che vedono un vero valore nella nostra offerta, piuttosto che cercare aiuti dal sistema no profit regolato dal governo.
    Ora siamo organizzati come for-profit. Negli ultimi 8 anni abbiamo speso milioni di dollari per creare il film e il sito, nostri e da investitori.
    Il nostro piano sara ricompensare il gruppo, gli investitori e continuare a distribuire soluzioni critiche per creare il mondo che desideriamo!
    Affittando THRIVE per 5 dollari potrete farlo vedere ad amici col 20% di sconto
    Pensiamo che creare nuovi modelli di business per la trasformazione globale sia critico e apprezziamo la vostra partecipazione. Grazie per l'aiuto.

    Foster, Kimberly e il team di THRIVE


    #69367
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    [quote1321210054=Richard]
    [quote1321205569=Pier72Mars]
    [quote1321112099=prixi]
    [quote1321102464=Richard]
    [quote1321052076=prixi]
    perchè credo che abbia la sua importanza anche immaginare l'inimmaginabile … se nessuno crede ad una via di uscita, anche molto improbabile, la via di uscita di sicuro non ci sarà … sperare, immaginare che ci sia, non sarà determinante, ma può favorire ….
    ma naturalmente questo è solo il mio pensiero 🙂
    [/quote1321052076]
    non è importanza
    è fondamentale

    http://www.thrivemovement.com/
    guardate il documentario, siete stati gia preparati da AG per capirlo, vedrete che favola!
    [/quote1321102464]
    Richard … da qualche anno (circa 12) ho abolito la carta di credito … è la prima volta che me ne dispiaccio … :p
    in quale altro modo si potrebbe “acquistare” il film ?
    [/quote1321112099]

    Che film è?

    IO mi scarico tutto, fammi sapere.

    [/quote1321205569]

    Il sito contiene gia tutte le informazioni per partecipare volendo al movimento che si cerca di creare
    quindi non è indispensabile vedere il film, il noleggio è 3 euro e se si usa la funzione play it forward lo si fa vedere via internet ad amici o parenti con lo sconto del 20%, sul film e il progetto e il sito sono stati investiti milioni di dollari.

    ll documentario riunisce tutti i punti che abbiamo discusso negli anni su AG, non li ho certo notati solo io, quindi soppressione della free energy, piramide del potere e distruzione ambientale e sociale, soppressione di informazione alternativa, ecc..quindi propone delle soluzioni e la creazione di un movimento informato che possa collaborare per contrastare tutto questo, il fondatore del progetto viene dal mondo del business dove pero è andato controcorrente e si è rotto le balle..
    in poche parole, questo capisco.
    Si puo evitare il film, nel sito leggendo si trovano le informazioni, il sito è studiato in modo da permettere la condivisione e comunicazione fra chi partecipa al movimento di informazione, studio e azione.

    Ho tradotto delle risposte nella pagina delle FAQ

    http://www.thrivemovement.com/faqs
    Thirve è nato per creare un movimento con una prospettiva comune. Puoi invitare altri a vedere il filmato, la nostra strategia di distribuzione è sulla rete.
    Foster è nipote di secondo grado di James Gamble, fondatore della Procter & Gamble. Non è legato alla compagnia multinazionale di oggi, ha partecipato in iniziative per cambiare la politica della compagnia riguardo problemi come i test sugli animali e inquinamento. Foster ha cercato di raccogliere fondi per fare ricerche su problemi di cui nessuno si occupa. Assieme a Kimberly ha investito 8 anni di tempo gratuitamente e 4.5 milioni di dollari di propri fondi. assieme ad altri investitori che hanno aggiunto 2.5 milioni di dollari per creare il film THRIVE e il sito per creare il movimento che favorisca un mondo dove si possa prosperare. Procter&Gamble non ha finanziato THRIVE. Potete verificare direttamente alla Procter & Gamble

    Perchè devo pagare 5 dollari per vedere il film?

    Prima di tutto vogliamo profondamente ringraziarvi.
    Abbiamo ricevuto migliaia di risposte e siamo molto grati ed emozionati. La nostra collaborazione con la PlayitFWD, la piattaforma che vi permette di affittare e condividere THRIVE è vitale.
    Potete usare la funzione play it forward mentre lo guardate, per i vostri amici e parenti, è rivoluzionario, avranno lo sconto.
    Capiamo che molti film su internet sono gratuiti e introduciamo THRIVE non solo come artefatto importante basato sul suo messaggio, ma anche come cambiamento trascendentale nel modo in cui il denaro fluisce nella societa
    Siete esausti di vedere le enormi corporazioni che acquisiscono e consumano tutta la ricchezza nel mondo danneggiando le persone? Siete stanchi di sentire che nuovi grandi progetti finiscono per finire i fondi?
    Dopo 8 anni di lavoro e milioni di dollari in THRIVE vogliamo cambiare il sistema. Crediamo che il nostro lavoro abbia valore, se non credete che valga 5 dollari affittarlo, ok. Potete vederlo in gruppo assieme. Avete anche il sito pieno di risorse e strumenti che potete usare liberamente. Pero pensate che spendete 5 dollari in cose di meno valore. Molto deve cambiare nel nostro sistema finanziario (corrotto del tutto) e questo porta molti a pensare che ogni forma di scambio monetario non sia sano. Pero noi crediamo fermamente che THRIVE dimostrera di essere un modello vincente di prosperita
    La nostra iniziativa si fermerebbe rapidamente senza fondi e crediamo sia preferibile uno scambio volontario con le persone che vedono un vero valore nella nostra offerta, piuttosto che cercare aiuti dal sistema no profit regolato dal governo.
    Ora siamo organizzati come for-profit. Negli ultimi 8 anni abbiamo speso milioni di dollari per creare il film e il sito, nostri e da investitori.
    Il nostro piano sara ricompensare il gruppo, gli investitori e continuare a distribuire soluzioni critiche per creare il mondo che desideriamo!
    Affittando THRIVE per 5 dollari potrete farlo vedere ad amici col 20% di sconto
    Pensiamo che creare nuovi modelli di business per la trasformazione globale sia critico e apprezziamo la vostra partecipazione. Grazie per l'aiuto.

    Foster, Kimberly e il team di THRIVE

    [/quote1321210054]

    Certo che l'albero-mappa del sito è inquietante con tutti quei 666
    http://www.thrivemovement.com/faqs#sector_navigator


    #69368
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    va beh se ci vuoi vedere dei 6 …

    comunque 666 dipende dalle interpretazioni

    Per afferrare il significato del numero 666 dobbiamo analizzarne per prima cosa la somma, ovvero 6+6+6 = 18; Che numero è il 18 per la Tradizione? Esso corrisponde allo Sperma, il liquido seminale nell’uomo, quindi allude all’energia sessuale. Sono convinto che qualcuno di voi sta già cominciando ad intuire qualcosa, non mi fate rimanere male!
    Il 18 è la Forza Sessuale che se lasciata incontrollata e usata solo per soddisfare gli istinti più meschini, assume il controllo su di noi come il peggior vizio, riportandoci ad uno Stato di Coscienza di Bestialità, ovvio… ma se imparassimo a controllarla attraverso l’uso della Volontà essa da vizio si trasmuterebbe nella Virtù del numero 9, perché se si sommano le cifre del numero 18, cioé 1+8, la risultante è proprio 9.
    http://crepanelmuro.blogspot.com/2011/07/la-verita-sul-numero-666.html

    Il nostro sé collettivo femminile Lunare, simbolizzato negli insegnamenti antichi dal numero 1080, deve rovesciare la presa strangolante che il sé maschile solare conosciuto come 666 ha attualmente sul pianeta. (E sì, è la dominazione dell’archetipo maschile sulla Terra che sta dietro alle metaforiche profezie Bibliche per questo periodo). Sia noi stessi sia la nostra società devono ancora abbracciare l’Universo Femminino con amore, dandoci così unità, come rappresenta l’antico numero 1746. I nostri numerosi lavori creativi ci preparano per questo evento di “fusione” a livello di subconscio.
    http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_CambioEra_01.htm

    e piu che altro il sito sfrutta le forme del toroide..


    #69369

    Anonimo

    Bene, cominciamo bene, Tremonti ha detto all'UE che l'introduzione dell'ICI sulla prima casa equivale a 3,5 miliardi incassati, come aperitivo non c'è male.


    #69371
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    bhe non è che i simboli e i numeri li possiamo vedere negativi se associati alla massoneria o cose simili e positivi in altri casi.

    Io non dico nulla….faccio notare che quei numeri ci sono…e vuoi o non vuoi hanno un significato preciso.
    Ci possiamo filosofeggiare ma di essserci ci sono.
    poi se vogliamo dire che lucifero ha portato la conoscenza e quindi il culto luciferino, di cui il 666 è un simbolo, è un culto misterico di antica tradizione e fondamentalmente PULITO e attivo contro l'aoscurantismo dei “buoni” ovvero la Chiesa Cattolica… e dunque in quel sito ha un senso,.possiamo ragionarci


    #69370
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1321213250=NEGUE72]
    bhe non è che i simboli e i numeri li possiamo vedere negativi se associati alla massoneria o cose simili e positivi in altri casi.

    Io non dico nulla….faccio notare che quei numeri ci sono…e vuoi o non vuoi hanno un significato preciso.
    Ci possiamo filosofeggiare ma di essserci ci sono.
    poi se vogliamo dire che lucifero ha portato la conoscenza e quindi il culto luciferino, di cui il 666 è un simbolo, è un culto misterico di antica tradizione e fondamentalmente PULITO e attivo contro l'aoscurantismo dei “buoni” ovvero la Chiesa Cattolica… e dunque in quel sito ha un senso,.possiamo ragionarci
    [/quote1321213250]
    Negue è tua opinione ok 🙂
    Io non ci vedo nulla di satanico o simbolico in modo negativo
    Io vedo il contenuto, non ci vedo nulla di maligno a priori, poi ho solo consigliato la visione del film, sicuramente piu chiaro per capire il contenuto rispetto a leggere il sito col traduttore automatico
    io non mi interesso piu di tanto delle simbologie sataniche da trovare per la rete o altrove, ho capito la questione e mi basta, vado avanti cercando di fare qualcosa di utile, quella della simbologia è una cosa che ho appreso strada facendo ma non mi sono soffermato
    dico solo che i simboli per quanto ne so sono stati distorti e non per forza devono essere visti in modo maligno, ma è un mio parere.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Pentacolo

    A differenza di quella che è stata per secoli la credenza popolare, il significato originale in passato del pentacolo non era negativo, o correlato alla figura di satana…

    Comunque potete anche evitare il sito con il filmato e lasciare tutto assolutamente da parte, non era una forzatura, solo qualcosa per me di valore che ho voluto indicarvi.. 🙂


    #69372
    NEGUE72
    NEGUE72
    Partecipante

    ma guarda che la penso come te….credo di non essermi espresso bene.


Stai vedendo 10 articoli - dal 2,041 a 2,050 (di 3,615 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.