l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina

Questo argomento contiene 3,614 risposte, ha 101 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 3 anni, 10 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 3,031 a 3,040 (di 3,615 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #70352
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    [quote1357200448=InneresAuge]
    [quote1357178902=Richard]
    brividi lungo la schiena, orrore, nausea, spasmi addominali…
    http://www.lista-monti.it/
    [/quote1357178902]

    Fa venir voglia di tirar fuori i forconi, ne stanno combinando tante… addirittura avevano messo uno spottone elettorale testuale sul sito del governo e poi l'han tolto … :grrr:

    Altro che illuminazione globale per il 21-12… :hehe:
    [/quote1357200448]
    oh se non capisci così che ti fregano alla luce del sole..


    #70354
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    #70355

    Erre Esse
    Partecipante

    [quote1357216796=InneresAuge]

    Altro che illuminazione globale per il 21-12… :hehe:
    [/quote1357216796]

    L'illuminazione globale è una cazzata, certo è, però, che più “luce” affluisce sulla Terra più ciò che era nell'oscurità e ne aprofittava, si manifesta, e reagisce. Parafrasando Mao Tse Tung (“la rivoluzione non è un pranzo di gala”), l'illuminazione non è un pranzo di gala.

    [quote1357219612=InneresAuge]
    https://www.youtube.com/watch?v=irB2j7u9iew
    [/quote1357219612]

    Questo Claudio Borghi giustifica le spese militari (altrimenti i dipendenti rimangono disoccupati) e giustifica le percentuali di ricchezza in mano a pochi. Ottimo.
    Però è contro l'euro…

    A proposito del servizio sulle slot machines, il gioco è una vera e propria eggregora divorante.


    #70356
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    [quote1357226344=Richard]
    [quote1357200448=InneresAuge]
    [quote1357178902=Richard]
    brividi lungo la schiena, orrore, nausea, spasmi addominali…
    http://www.lista-monti.it/
    [/quote1357178902]

    Fa venir voglia di tirar fuori i forconi, ne stanno combinando tante… addirittura avevano messo uno spottone elettorale testuale sul sito del governo e poi l'han tolto … :grrr:

    Altro che illuminazione globale per il 21-12… :hehe:
    [/quote1357200448]
    oh se non capisci così che ti fregano alla luce del sole..
    [/quote1357226344]

    ahahahah risata amara :hehe:

    [quote1357226358=Erre Esse]
    L'illuminazione globale è una cazzata, certo è, però, che più “luce” affluisce sulla Terra più ciò che era nell'oscurità e ne aprofittava, si manifesta, e reagisce. Parafrasando Mao Tse Tung (“la rivoluzione non è un pranzo di gala”), l'illuminazione non è un pranzo di gala.[/quote1357226358]

    Fosse vero, ben venga la resa dei conti… ma qui luce non ne vedo.

    [quote1357226358=Erre Esse]Questo Claudio Borghi giustifica le spese militari (altrimenti i dipendenti rimangono disoccupati) e giustifica le percentuali di ricchezza in mano a pochi. Ottimo.
    Però è contro l'euro…[/quote1357226358]

    Neanch'io sono d'accordo con lui, però è contro l'Euro perché danneggia le PMI, l'economia del nostro paese… e quando non c'è trippa per gatti, non si può litigare su come distribuirla.

    [quote1357226358=Erre Esse]A proposito del servizio sulle slot machines, il gioco è una vera e propria eggregora divorante.[/quote1357226358]

    Da conati di vomito, e ora è pure online… ti rovini con pochi click…


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #70357
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/03/trattativa-stato-mafia-esposto-avverte-spiati-pm-di-palermo/460095/
    Trattativa Stato-mafia, un esposto avverte: “Spiati i pm di Palermo”
    La lettera anonima è stata inviata al pm Antonino Di Matteo. Nelle dodici pagine è indicato anche dove trovare altre prove del patto coi boss dopo le stragi del '92. Secondo gli investigatori della Dia il documento sarebbe “attendibile”


    #70358

    Erre Esse
    Partecipante

    Discorso di Capodanno di Natalino Balasso


    #70359
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    MONETA PUBBLICA, DEMOCRAZIA DIRETTA, SOVRANITA' NAZIONALE
    pubblicata da Fernando Rossi il giorno Martedì 1 gennaio 2013 alle ore 16.25 ·

    AIUTACI A FAR PARTIRE L'ASSEMBLEA SOVRANA DELLA TUA COMUNITA'

    Liberiamoci e liberiamo la nostra patria !

    FA QUALCOSA ANCHE TU.

    TU PUOI :

    CHIDERE DI ADERIRE a PBC. Non cerchiamo adesioni “di sostegno” o di “simpatia”, ma patrioti disposti a dedicare un po’ del loro tempo al movimento e che concepiscano la politica come servizio. Dopo averne letto e condiviso i materiali che troverai sul sitowww.perilbenecomune.net, puoi cliccare su: http://www.perilbenecomune.net/index.php?p=24%3A1%3A2%3A164
    ORGANIZZARE UN INCONTRO (o una pizzata) con PBC, anche se non sei aderente, per discutere il nostro progetto delle Assemblee Sovrane delle Comunità e organizzare un programma di lavoro.

    Leggi attentamente i documenti ( http://www.assembleesovrane.it ) e valuta l'opportunità di una tua personale partecipazione o parlane nella tua associazione, partito, movimento. E’ l'unica proposta che non dice : “DEVI VENIRE CON NOI”; ma che metterà insieme i saperi, le culture, le esperienze e le libertà del 99% dei tuoi concittadini, rispettando la pari dignità e l’autonomia di ognuno. E' la strada più semplice per unire chi, indipendentemente dalla propria ideologia, religione, sesso o collocazione sociale, ha già fatto lo sforzo più grande: quello di liberarsi dall’ipnosi in cui ci hanno tenuto i media ed i partiti del centrodestrasinistra, ed ha compreso la crudeltà e l’ingiustizia che stanno alla base di questa società creata dai seguaci del diodenaro. Il Progetto rivoluzionario delle Assemblee Sovrane delle Comunità vuole mettere al centro la persona, recuperandone diritti, funzione sociale e valori spirituali, ed è anche pensato per accelerare la liberazione del popolo dalla oppressione del potere finanziario, costruendo la più avanzata esperienza di democrazia e convivenza civile, che eviti il formarsi di nuovi poteri oligarchici che, come la storia insegna, finirebbero per sottrarci nuovamente la sovranità popolare. Nelle Assemblee Sovrane delle Comunità, le idee e le proposte di tutti i partiti (che non abbiano già governato), movimenti, associazioni e singole persone, verranno discusse e votate come deliberazioni della Comunità, con il metodo della Democrazia Diretta.

    3. FARE UNA DONAZIONE – cliccando su

    http://www.perilbenecomune.net/index.php?p=24%3A1%3A2%3A181

    4. SEGUIRE IL VIDEOBLOG di Monia Benini , la nostra presidente, cliccando su :www.ilpuntotv.it

    Contatta

    Per il Bene Comune – Movimento Politico di Liberazione

    Via Luca Gaurico 9/11 00143 ROMA

    oppure chiamami al 338 2826217


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #70360

    Anonimo

    http://www.disinformazione.it/disintossichiamoci_euro.htm

    Disintossichiamoci o l’ultima dose sarà letale
    Giuseppe Turrisi – 6 gennaio 2013

    Che l’agenda Monti sia stata un disastro su tutti i fronti lo hanno capito anche gli stessi sostenitori di tale governo pseudo tecnico. Tutti i parametri, e sottolineo i “loro parametri” sono peggiorati, è un dato storico. Ma allora perché tale “uomo” ha ancora il coraggio di ripresentarsi per continuare la sua “agenda”? Semplice, ubbidisce agli ordini. Il motivo è che il suo operato, per chi lo ha mandato a fare quello che doveva fare, è andato benissimo. Sfasciare l’Italia per favorire la Germania, e far recuperare soldi alle banche internazionali. L’italiota teledipendente non riesce ad avere una visione complessiva sui meccanismi della finanza internazionale e continua a pensare che destra, sinistra e ancor peggio il “centro” possa essere una soluzione politica alla questione.

    La crisi indotta dal sistema finanziario non dipende dal popolo (cattivo evasore) cosi come non dipende dal sistema produttivo (che chiude per mancanza di liquidità), dipende da “meccanismi internazionali” a cui dobbiamo obbedire. ll sistema produttivo certamente si rovinerà continua questa anemia monetaria forzata. Se si continua a credere che la credibilità italiana dipende da un certo “Monti” che estorce ricchezza al popolo italiano per darla ai mercati speculativi sanguinari, la strada per la catastrofe è segnata. Sempre tardi sarà la benvenuta la divisione tra banche d'affari e banche commerciali, ma gli alieni arriveranno certamente prima.

    L’applicazione pedissequa del neoliberismo dove il profitto per il profitto giustifica qualsiasi mezzo con l’imposizione coatta di una “moneta debito” privata non controllabile da una politica unitaria europea assolutamente inesistente, fa succedere che: la “BCE” pensa solo a salvare i suoi azionisti a scapito della popolazione europea, i mercati pensano solo a fare il proprio profitto, gli stati sono solo dei miseri crumiri a servizio delle lobby bancarie a danno dei popoli. Lo ribadisco da tempo non può esistere una politica economica se non strettamente correlata ad una politica monetaria.

    Con l'euro nessuno stato, compresa la Germania, può seriamente fare politiche economiche poiché questo euro vive di autonomia emissiva propria secondo criteri completamente staccati dal tessuto produttivo. Gli interessi sul denaro si dovrebbero calcolare secondo la capacità produttiva del paese ed invece vengono stabiliti da società di rating controllate dagli stessi investitori. Uno stato con propria capacità ed autonomia monetaria può regolare la quantità di liquidità secondo le proprie esigenze produttive senza dover sottostare agli umori degli investitori internazionali.

    Continuare a pensare che un'unica politica monetaria, tra l’altro perversa come quella della BCE, possa essere di aiuto ad economie completamente diverse come quelle delle nazioni europee, è da pazzi, da TSO giornaliero. Ma allora perché si continua per questa strada? Probabilmente perché ormai tutti, soprattutto la Germania è entrata nell’ottica di raccogliere al più presto tutto quello che si può raccogliere e poi abbandonare la “nave euro” piena di drogati, “ognun per se e Dio per tutti”. Tra l’altro bisogna anche sbrigarsi a trasformare le liquidità in beni reali prima del crollo.

    L’anemia monetaria indotta serve anche a questo, a comprarsi beni e aziende di stato e lasciare il cerino (euro) in mano all’ultimo coglione pensando di aver saldato parte del debito. La svendita del patrimonio come vorrebbe qualche lista (tra le migliaia che stanno sorgendo come funghi) è l’errore più grande che si possa fare, perché è proprio la strada che ci hanno preparato per caderci dentro. I beni e le aziende non devono essere vendute, ma messe a redito, e non farci profitto vendendole, tanto e vero che le caserme non siamo riusciti a venderle mente Finmeccanica ed ENI si.

    Allora se queste aziende facevano profitto perché si sono vendute? Vogliamo dire che la politica è complice? Sarebbe da alto tradimento allo stato italiano ma lasciamo stare. Le politiche Keynesiane che sono spesso troppo bistrattate sono l’unica soluzione, certamente vanno rivisitate secondo il nuovo contesto storico e sociale, in una economia sempre più tecnologica che erode posti di lavoro. La piena occupazioni lasciando i modelli vecchi è una utopia come è una utopia realizzarla con la flessibilità se non in minimissima parte. La logica dei servizi deve ritornare, solo per fare un esempio siamo stufi di sentire dischetti registrati, basterebbe una stupida legge che imponesse la risposta obbligatoria di una persona fisica.

    E' chiaro che se questa azienda deve rispondere ad un sistema ci competizione sfrenata per produrre profitto di cui oltre il 50% va allo stato ciò non potrà avvenire mai perché si è perso il principio della “natura sociale” dell'impresa. Che il libero mercato si autoregoli è la più grande barzelletta mai inventa, in quanto i fenomeni di “cartello” la dicono lunga sulla libera concorrenza. Non a caso il neoliberismo predica uno “stato snello”, proprio perché cosi da meno fastidio ai poteri finanziari, alle multinazionali alle banche d’affari. Diversa è la burocrazia statale che certamente va snellita, ma non bisogna confondere le cose, uno stato snello anche di sovranità monetaria non è più uno stato che può occuparsi del suo popolo.

    Lo stato compatibilmente alla evoluzione tecnologica deve essere il “motore dell’economia” sia con interventi diretti ossia con “potere di spesa” senza sottostare al vincolo di usura internazionale, sia con interventi indiretti, facilitando settori con detassazioni e sburocratizzazioni. Introdurre le politiche keynesiane senza prevedere una trasformazione della economia e una ridistribuzione reale del redito (C.H. Douglas), significa non voler arrivare al risultato. In tutto questo è fondamentale ragionare fortemente in termini di “autonomia”, poiché il primo intoppo che si avrà è proprio sulla bilancia con l’estero.

    Ridurre al massimo le dipendenze soprattutto energetiche, oltre che culturali e politiche. In una famiglia prima di compare altre bottiglie di vino si va a vedere se nella dispensa siano rimaste bottiglie e solo dopo avere appurato che non c’è niente si va a comprare e solo se è necessario. Le multinazionali, le compagnie petrolifere, le società finanziarie non vogliono sentire parlare di questi argomenti, tacciandoli come “orrore” poiché ogni nazione deve approvvigionarsi da queste, infatti queste vengono si comprano le nostre industrie e poi ci vendono ciò che era nostro.

    Per far si che funzioni quindi il sistema keynesiano (ma anche sistema MATTEI) è importante che ci siamo della premesse chiare: attuare un sistema massimo di ottimizzazione di *risorse locali* (in altri tempi si sarebbe chiamato protezionismo) in termini di risorse, energia, idee, uomini, tutto quello che si può produrre, fare in Italia va fatto in Italia, con italiani. Poi avere una “moneta sovrana” proprietà del popolo con la possibilità anche di monete locali, questo per radicare il più possibile la ricchezza al territorio. Piano di riconversione industriale con studi e ricerche (il più possibile italiane) per la bonifica dei territori, mari inquinati, ristrutturazione di tutto il patrimonio immobiliare pubblico e privato con finanziamenti diretti ed indiretti. Sistemazione del sistema idrogeologico e forestale nazionale. Creazione di cooperative di servizi per la sanità e gli anziani visto che la popolazione italiana sta lentamente invecchiando.

    Redito minimo di cittadinanza a tutti. Finanziamento della ricerca in ogni settore soprattutto nel settore delle energie rinnovabili. Ristrutturazione e riforma di tutto il sistema d’istruzione, dagli edifici, ai programmi, ai testi, ai corsi, alla valorizzazione dei docenti. Piano di riqualificazione e risparmio energetico di tutti gli edifici pubblici e privati. Piano di consolidamento degli edifici sotto il profilo sismico. Piano di ingegnerizzazione ed infrastruttura per internet sia via cavo che WIFI libero per tutti. Mi sono limitato solo ad alcuni settori tralasciando per esempio il turismo e l’arte che sono un altro immenso settore di lavoro potenziale, solo per dire che la “mancanza di lavoro” è una pura illazione se solo ci fosse una classe dirigente che non ragionasse con le mutande sopra gli occhi del profitto facile e mentalmente drogati di neoliberismo con visione solo dell'oggi.

    Se solo si capisse che i signori che odiano il protezionismo sono i primi ad aver creato dei monopoli monetari, energetici, alimentari,ecc super potetti, si invertirebbe subito la tendenza. La strada è lunga tortuosa perché siamo stati drogati di neoliberismo da oltre venti anni dove ci hanno raccontato una storia distorta per farci credere che i buoni erano cattivi e che i cattivi erano

    buoni e questo è il risultato, “spogliati di ogni ricchezza”. La disintossicazione è lunga e difficile e spesso fallimentare. L’euro è stata l’ultima droga in ordine di tempo che ci hanno somministrato per distruggere la “nazione” e ridurci solo a un “paese” (come un altro). Certo si potrebbero rinegoziare i trattati di Lisbona, Maastricht, il MES, nonché il funzionamento della stessa BCE, ma è più facile che “Israele faccia pace con la Palestina” che questa macchina da guerra civile dell’Europa cambi!!! (e gli hanno dato pure il Nobel).
    Restare nell’euro equivale a suicidarsi.

    Giuseppe Turrisi


    #70361
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #70363

    Anonimo

    http://www.beppegrillo.it/2013/01/onesti_senza_difese/index.html

    Onesti senza difese

    “Ed ecco perchè si continua a parlare di Stato di polizia fiscale. Da Italia Oggi, p. 22 “Nel nuovo redditometro la prova contraria del contribuente può rivelarsi una vera e propria mission impossible. Dall'analisi del nuovo redditometro applicabile per determinare sinteticamente il reddito delle persone fisiche per gli anni 2009 e successivi emerge che per i contribuenti la possibilità di difendersi è difficile. Costituisce un ostacolo praticamente insormontabile la spesa media stimata dall'Istat per determinare il contenuto induttivo degli elementi indicativi di capacità contributiva. Ogni prova contraria sarà impossibile da costruire. Dimostrare la diversa e reale entità delle voci di spesa è possibile teoricamente ma praticamente no. Tutto questo contrasta con il diritto di difesa sancito dall'ordinamento e dalla Costituzione. Rischio di legittimità, dunque, per il valore attribuito ai dati Istat.”. Invece sul Corriere, Befera vuole farci credere che “non è uno Stato di polizia fiscale”. In una cosa ha ragione: non è uno Stato!”


Stai vedendo 10 articoli - dal 3,031 a 3,040 (di 3,615 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.