l’ italia in rovina

Home Forum PIANETA TERRA l’ italia in rovina

Questo argomento contiene 3,614 risposte, ha 101 partecipanti, ed è stato aggiornato da prixi prixi 3 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 421 a 430 (di 3,615 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #67741

    meskalito
    Partecipante

    A Napoli va in ospedale a partorire e viene denunciata come clandestina

    Ha partorito all'ospedale Fatebenefratelli di Napoli lo scorso 5 marzo, ma quel giorno per un'ivoriana di 25 anni e' iniziato un calvario, perche' i medici hanno fatto partire un fax alla polizia denunciando la clandestinita' della donna, come previsto dalla norma del pacchetto sicurezza che ha sollevato forti polemiche e non e' ancora stata approvata dal Parlamento.

    La protagonista della storia, raccontata oggi da Repubblica, si chiama Kante ed e' in Italia da due anni, da quando un commando di uomini delle “milizie governative” della Costa d'Avorio hanno ucciso suo marito. Al suo arrivo ha chiesto lo status di rifugiata politico che non ha ancora ottenuto.

    “Il giorno del parto – racconta la donna – in ospedale mi hanno chiesto i documenti ma non e' bastata la fotocopia del passaporto e la richiesta di soggiorno ormai scaduta e cosi'[u] per oltre dieci giorni mi hanno tenuta separata dal mio bambino”.[/u]

    Il piccolo Abou non e' stato quindi allattato dalla madre ed e' stato dimesso con lei solo quando all'undicesimo giorno la questura di Napoli ha confermato l'identita' della donna che vive nel quartiere napoletano di Pianura.

    I medici del Fatebenefratelli: non abbiamo denunciato nessuno
    E c'e' una precisazione da parte della direzione sanitaria dell'ospedale napoletano che sostiene: non abbiamo mai denunciato nessun clandestino. Dopo il parto era necessaria una dichiarazione di nascita ma la donna non aveva i documenti validi. Noi, concludono i medici del Fatebenfratelli, abbiamo quindi chiesto alla polizia l'identificazione, non l'abbiamo denunciata.

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=112916

    :eyebro:


    #67742
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    poi dicono che la Terra non dovrebbe iniziare a girare dall'altra parte??


    #67743
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    che vergogna… 🙁


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #67744
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [quote1238657769=meskalito]

    A Napoli va in ospedale a partorire e viene denunciata come clandestina

    Ha partorito all'ospedale Fatebenefratelli di Napoli lo scorso 5 marzo, ma quel giorno per un'ivoriana di 25 anni e' iniziato un calvario, perche' i medici hanno fatto partire un fax alla polizia denunciando la clandestinita' della donna, come previsto dalla norma del pacchetto sicurezza che ha sollevato forti polemiche e non e' ancora stata approvata dal Parlamento.

    La protagonista della storia, raccontata oggi da Repubblica, si chiama Kante ed e' in Italia da due anni, da quando un commando di uomini delle “milizie governative” della Costa d'Avorio hanno ucciso suo marito. Al suo arrivo ha chiesto lo status di rifugiata politico che non ha ancora ottenuto.

    “Il giorno del parto – racconta la donna – in ospedale mi hanno chiesto i documenti ma non e' bastata la fotocopia del passaporto e la richiesta di soggiorno ormai scaduta e cosi'[u] per oltre dieci giorni mi hanno tenuta separata dal mio bambino”.[/u]

    Il piccolo Abou non e' stato quindi allattato dalla madre ed e' stato dimesso con lei solo quando all'undicesimo giorno la questura di Napoli ha confermato l'identita' della donna che vive nel quartiere napoletano di Pianura.

    I medici del Fatebenefratelli: non abbiamo denunciato nessuno
    E c'e' una precisazione da parte della direzione sanitaria dell'ospedale napoletano che sostiene: non abbiamo mai denunciato nessun clandestino. Dopo il parto era necessaria una dichiarazione di nascita ma la donna non aveva i documenti validi. Noi, concludono i medici del Fatebenfratelli, abbiamo quindi chiesto alla polizia l'identificazione, non l'abbiamo denunciata.

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=112916

    :eyebro:
    [/quote1238657769]

    e per fortuna che l'ospedale si chiama Fatebenefratelli :hehe:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #67746
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    ANSA) – ATENE, 2 APR – I deputati greci hanno deciso di imporsi una tassa di solidarieta' del 5% una tantum e di congelare i propri compensi per tutto il 2009. Il piano del governo presentato all'assemblea prevede un contributo progressivo di solidarieta', a partire da 5.000 euro l'anno, per tutti coloro che guadagnano piu' di 150.000 euro. La proposta corregge quella iniziale che voleva tassare una tantum i redditi sopra i 60.000 euro.
    http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/mondo/news/2009-04-02_102316403.html

    (ANSA) – ATENE, 2 APR – La Grecia e' oggi semi paralizzata da uno sciopero generale contro la politica economica del governo, fatto coincidere con il G20 di Londra.La protesta fermera' per diverse ore trasporti e scuole, lasciando gli ospedali in situazione di emergenza.Le due principali centrali sindacali Adedy (settore pubblico) e Gsee (privato) hanno lanciato uno slogan simile a quello dei manifestanti contro il G20: 'Non fate pagare la crisi ai lavoratori'.(foto archivio)
    http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/mondo/news/2009-04-02_102316908.html


    #67747
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    [quote1238667090=Richard]
    ANSA) – ATENE, 2 APR – I deputati greci hanno deciso di imporsi una tassa di solidarieta' del 5% una tantum e di congelare i propri compensi per tutto il 2009. Il piano del governo presentato all'assemblea prevede un contributo progressivo di solidarieta', a partire da 5.000 euro l'anno, per tutti coloro che guadagnano piu' di 150.000 euro. La proposta corregge quella iniziale che voleva tassare una tantum i redditi sopra i 60.000 euro.
    http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/mondo/news/2009-04-02_102316403.html

    (ANSA) – ATENE, 2 APR – La Grecia e' oggi semi paralizzata da uno sciopero generale contro la politica economica del governo, fatto coincidere con il G20 di Londra.La protesta fermera' per diverse ore trasporti e scuole, lasciando gli ospedali in situazione di emergenza.Le due principali centrali sindacali Adedy (settore pubblico) e Gsee (privato) hanno lanciato uno slogan simile a quello dei manifestanti contro il G20: 'Non fate pagare la crisi ai lavoratori'.(foto archivio)
    http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/mondo/news/2009-04-02_102316908.html
    [/quote1238667090]

    questo è già un primo esempio di solidarietà … :fri: ma da noi Dracula non ci lascia una goccia di sangue … però ci lascia §(° e :ummmmm: ai santini di San Pietro 😕
    :to: è un credente :hehe:


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #67748

    deg
    Partecipante

    Riparte l'iter per gli inceneritori in Sicilia
    “Costosissime fabbriche di tumori, con notevoli sprechi di danaro pubblico, quella per la costruzione di quattro inceneritori, adesso ci riprovano e lanciano il nuovo bando“. Cosi Sonia Alfano, candidata indipendente nelle liste di Italia dei Valori alle elezioni Europee che in una nota si scaglia contro i quattro mega inceneritori che saranno costruiti in Sicilia.

    In questi giorni riparte infatti l’iter burocratico per la loro costruzione. “Spenderemo circa 200 milioni di euro – spiega Sonia Alfano – per ammalarci di cancro e bruciare ciò che invece potrebbe essere riciclato e produrre utili.

    La raccolta differenziata, così come già avviene in molti paesi europei ed in alcune realtà italiane, permetterebbe persino di ammortizzare i costi per lo smaltimento e, qualora ve ne fosse la volontà politica, di diminuire la tassa sui rifiuti. Al contrario, gli inceneritori, scoraggiano questo meccanismo poichè più è alto il quantitativo dei rifiuti riciclati meno gli inceneritori posso “bruciare”.

    Se pensiamo poi – ha affermato la candidata – che bruciamo soldi per produrre tumori, ci rendiamo conto di stare rasentando la follia. Da anni conduco una battaglia insieme ai meet up di Beppe Grillo, di cui faccio parte ed alle liste civiche di “Italia a Cinque Stelle”, che sostengo in tutta Italia, per fermare l’utilizzo improprio che attualmente si fa dei cip6 cioè di quel contributo che ogni mese tutti i cittadini pagano sulla propria bolletta che secondo le disposizioni dell’Europa dovrebbe essere speso per l’incremento delle energie rinnovabili e che invece l’Italia utilizza per costruire gli inceneritori. Abbiamo già presentato decine di esposti presso gli Europe Direct – ha spiegato Sonia Alfano che da anni si impegna in prima persona al fianco dei “grillini” di tutta Italia – e continueremo a proseguire la nostra battaglia per fermare le decisioni scellerate di una classe dirigente che non esita a mettere a repentaglio la vita ed il portafoglio dei cittadini pur di perseguire i propri interessi“. (IMG press) http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/?s=inceneritori+sicilia


    #67745

    skyligth
    Partecipante

    [quote1238669901=deg]

    Riparte l'iter per gli inceneritori in Sicilia
    “Costosissime fabbriche di tumori, con notevoli sprechi di danaro pubblico, quella per la costruzione di quattro inceneritori, adesso ci riprovano e lanciano il nuovo bando“. Cosi Sonia Alfano, candidata indipendente nelle liste di Italia dei Valori alle elezioni Europee che in una nota si scaglia contro i quattro mega inceneritori che saranno costruiti in Sicilia.

    In questi giorni riparte infatti l’iter burocratico per la loro costruzione. “Spenderemo circa 200 milioni di euro – spiega Sonia Alfano – per ammalarci di cancro e bruciare ciò che invece potrebbe essere riciclato e produrre utili.

    La raccolta differenziata, così come già avviene in molti paesi europei ed in alcune realtà italiane, permetterebbe persino di ammortizzare i costi per lo smaltimento e, qualora ve ne fosse la volontà politica, di diminuire la tassa sui rifiuti. Al contrario, gli inceneritori, scoraggiano questo meccanismo poichè più è alto il quantitativo dei rifiuti riciclati meno gli inceneritori posso “bruciare”.

    Se pensiamo poi – ha affermato la candidata – che bruciamo soldi per produrre tumori, ci rendiamo conto di stare rasentando la follia. Da anni conduco una battaglia insieme ai meet up di Beppe Grillo, di cui faccio parte ed alle liste civiche di “Italia a Cinque Stelle”, che sostengo in tutta Italia, per fermare l’utilizzo improprio che attualmente si fa dei cip6 cioè di quel contributo che ogni mese tutti i cittadini pagano sulla propria bolletta che secondo le disposizioni dell’Europa dovrebbe essere speso per l’incremento delle energie rinnovabili e che invece l’Italia utilizza per costruire gli inceneritori. Abbiamo già presentato decine di esposti presso gli Europe Direct – ha spiegato Sonia Alfano che da anni si impegna in prima persona al fianco dei “grillini” di tutta Italia – e continueremo a proseguire la nostra battaglia per fermare le decisioni scellerate di una classe dirigente che non esita a mettere a repentaglio la vita ed il portafoglio dei cittadini pur di perseguire i propri interessi“. (IMG press) http://www.9online.it/blog_emergenzarifiuti/?s=inceneritori+sicilia

    [/quote1238669901]

    Il problema non è solo politico. ma anche sociale!
    è inutile lamentarsi per gli inceneritori quando molta gente contnua a buttar l'immondizia ovunque.
    anche io sono contro a bruciarla, ma se manca un certo tipo di cultura si possono mettere tutti ifondi che si vuole e non se ne verrà cmq a capo.
    se poi si pensa agli interessi enormi della mafia e della camorra nella gestione dei rifiuti chiudiamo il cerchio…
    La soluzione deve arrivare soprattutto da noi.


    #67749
    Richard
    Richard
    Amministratore del forum

    però mi pare anche che non si faccia il massimo per diffondere la cultura e incrementarne la diffusione, chi studia e vuole portare conoscenza fa la fame..


    #67750

    deg
    Partecipante

    [quote1238675585=Richard]
    però mi pare anche che non si faccia il massimo per diffondere la cultura e incrementarne la diffusione, chi studia e vuole portare conoscenza fa la fame..
    [/quote1238675585]

    Quoto.
    E' chiaro che le soluzioni devono venire da noi, ma la diffusione dell'informazione è manipolata, e in mano di chi non ha assolutamente nessun interesse a darci la conoscenza e tantomeno i mezzi…


Stai vedendo 10 articoli - dal 421 a 430 (di 3,615 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.