la civiltà multinazionale

Home Forum L’AGORÀ la civiltà multinazionale

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  paolodegregorio 6 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #140640

    paolodegregorio
    Partecipante

    – la civiltà multinazionale –
    di Paolo De Gregorio, 27 gennaio 2012

    Secondo una inchiesta pubblicata dal New York Times, basata su documenti della multinazionale Apple e su testimonianze di ex impiegati e dirigenti, le condizioni di lavoro nelle fabbriche cinesi, dove si producono i gioielli della “mela”, sono le seguenti:

    -12 ore al giorno per 6 giorni la settimana
    -paghe al di sotto della minima
    -trattenute sul salario in caso di punizioni
    -dormitori con 7 lavoratori per stanza
    -assunzioni di minorenni
    -centinaia di operai intossicati dalla sostanza velenosa utilizzata per pulire gli schermi degli iPhone
    -un ex lavoratore ha detto: “ad Apple non è mai interessato null’altro che incrementare la qualità del prodotto e diminuire il costo”.

    Il vero “spirito del capitalismo” e il “comunismo cinese” vanno a braccetto nello sfruttamento bieco della classe operaia, non c’è distinzione se quello che ti sfrutta è il padrone o il Partito, ma sempre in nome dello “sviluppo” e della “inevitabile” globalizzazione.

    Tornando dalle nostre parti, mi piacerebbe domandare a Monti e ai suoi professori, che parlano tanto di ripresa e sviluppo, su quale base pensano di conquistare mercati, se vi sono paesi come la Cina, l’India, l’Indonesia, il Vietnam, che producono merci, anche di qualità e con marchi occidentali, a costi 10 volte inferiori a quelli italiani e sono presenti in tutti i settori.

    Se la matematica non è una opinione, ciò è impossibile e la tendenza visibile è (se restiamo nelle logiche della globalizzazione) che anche altri settori saranno conquistati dai paesi emergenti, come è già successo per il settore tessile italiano, i cantieri navali, quello siderurgico, che sono spariti, e molti altri settori ridimensionati o in difficoltà..
    La risposta di migliaia di imprenditori italiani è stata quella di delocalizzare in paesi tipo Romania, Albania, Tunisia, ma è una fuga dalla responsabilità verso quei cittadini italiani rimasti senza lavoro e il declino dell’Italia è assicurato comunque.

    A me è chiara una cosa: la globalizzazione conviene a chi ha materie prime, lavoro a basso costo, strutture produttive multinazionali. All’Italia, che non possiede nemmeno una di queste caratteristiche, la globalizzazione NON CONVIENE, e in fondo nemmeno all’Europa, che ha costi di lavoro simili, alti, poche multinazionali, poche materie prime.
    Passare attraverso una assurda e letale competitività globale, di tutti contro tutti, decretando il successo per chi sfrutta con più cinismo i lavoratori o per chi si impadronisce delle materie prime a costo di guerre di aggressione, è una FOLLIA che fa regredire il genere umano verso la barbarie, la completa instabilità e assenza di futuro.

    L’unica via d’uscita è quella di ritirarsi dalla WTO e poter mettere dazi o divieti di importazione per tutte quelle merci che possono essere prodotte localmente, dando certezze a imprese e lavoro, mettendo al primo posto i consumi interni e la piena occupazione, con la strategia di gettare le basi per una solida autosufficienza energetica ed alimentare, che sono i soli fattori che ci possono mettere al riparo da speculazioni, crisi petrolifere, crisi finanziarie.

    Sarebbe ora che si pensasse seriamente ad abbandonare la dittatura dei mercati e delle banche, poiché di vera dittatura si tratta, pensare al consumismo come ad una orgia che è finita, e occuparci di sostenibilità, energie rinnovabili, agricoltura biologica, riutilizzazione dei rifiuti, ritorno massiccio alle campagne, fine delle spese militari.
    Paolo De Gregorio


    #140641

    Rebel
    Partecipante

    Ok, Ok, e come glielo spieghiamo a Monti? con questi interminabili piagnistei sui forum o con qualche sano e nodoso forcone?


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.