La Coerenza

Home Forum SPIRITO La Coerenza

  • This topic has 16 partecipanti and 82 risposte.
Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 83 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #44913
    Nuzzi
    Partecipante

    Quoto giusiparsifal, in tutto.
    Premetto che ci sono degli studi (appena li ritrovo posto i link relativi) che affermano che per esempio le piante provano paura. Paura del fuoco, paura della mancanza d'acqua, paura delle persone…
    A parte questo, secondo me, il problema è un problema emotivo.
    Tu non mangi gli animali perchè questo ti provoca un malessere emotivo prima che razionale.
    L'emotività è una costruzione mentale personale, non eisiste un giusto o uno sbagliato nel provare sentimenti. C'è chi si distrugge per i cani che vengono abbandonati, chi se ne fotte.
    Tu puoi giudicare chi si abbatte per la sconfitta della sua squadra del cuore come una persona superficiale, ma chi ha tracciato il solco che divide le cose profonde da quelle superficiali? La risposta è l'uomo stesso.
    Io posso essere ateo e sentirmi superiore a chi crede che esista un essere barbuto che ti punisce se tu fai il “cattivo”.
    Un credente si sente superiore a un ateo perchè indaga il suo essere spirituale e pensa che un ateo sia superficiale nel non cercare la divinità dentro o fuori di se.
    Dove sta la verità?
    La risposta è che la verità sta nelle persone e siccome ogni persona è in qualche modo diversa dalle altre esistono tutte verità differenti.
    Un grande verità penso che sia che ognuno trova ottime motivazioni per giustificare il suo operato. Magari per te è una cazzata.
    Un onnivoro trova diversi motivi per esserlo così come un vegetariano o un vegan.
    Nessuno ha ragione e nessuno torto.
    E' semplicemente una questione di scelta.
    Una volta fatta la scelta la nostra mente è molto brava a trovare motivazioni per ritenere quella scelta la migliore in assoluto.
    Continuare una discussione di questo tipo è come far incontrare un ateo convinto e un credente convinto e pretendere che da quella discussione ne escano due persone con lo stesso parere: impossibile.


    #44915
    giusparsifalgiusparsifal
    Partecipante

    [quote1252948800=Nuzzi]
    Dove sta la verità?
    La risposta è che la verità sta nelle persone e siccome ogni persona è in qualche modo diversa dalle altre esistono tutte verità differenti.
    Un grande verità penso che sia che ognuno trova ottime motivazioni per giustificare il suo operato. Magari per te è una cazzata.
    Un onnivoro trova diversi motivi per esserlo così come un vegetariano o un vegan.
    Nessuno ha ragione e nessuno torto.
    E' semplicemente una questione di scelta.
    Una volta fatta la scelta la nostra mente è molto brava a trovare motivazioni per ritenere quella scelta la migliore in assoluto.
    [/quote1252948800]


    #44917
    Erre Esse
    Partecipante

    Io penso che non ci sarà MAI la pace nel mondo finchè non si aboliranno i campi di concentramento per animali.


    #44918
    Spiderman
    Partecipante

    Tutto è scelta, anche uscire di casa e violentare le ragazze, menare i bambini, imprigionare animali e ucciderli, cosi come è una scelta non farlo. La differenza tra queste scelte sta nel giusto e sbagliato. La libertà di scegliere è sacrosanta per tutti ma questo non esclude il fatto che le scelte siano fatte bene o male.


    #44919
    giusparsifalgiusparsifal
    Partecipante

    Già, l'unica limitazione alla scelta dovrebbe essere “senza nuocere” a essere vivente.


    #44914
    Spiderman
    Partecipante

    Comunque gius, tornando al tuo dubbio, ora come ora non ti rimane che scegliere il male minore. Per avere un kg di carne servono 15 kg di vegetali, considera quanto mangi con un kg di carne e quanto con 15 kg di cereali o legumi. Altrimenti, come detto diventa fruttariano.


    #44920
    Nuzzi
    Partecipante

    [quote1252950431=Spiderman]
    Tutto è scelta, anche uscire di casa e violentare le ragazze, menare i bambini, imprigionare animali e ucciderli, cosi come è una scelta non farlo. La differenza tra queste scelte sta nel giusto e sbagliato. La libertà di scegliere è sacrosanta per tutti ma questo non esclude il fatto che le scelte siano fatte bene o male.
    [/quote1252950431]

    Caro Spiderman, quando parli di giusto e sbagliato a che sistema ti riferisci?
    Perchè in molti parti del mondo picchiare la moglie, in taluni casi, è considerato scarosanto e giusto. Mangiare carne per alcuni popoli o persone è un abomio, per altri è piacevole, per altri è l'unico sostentamento possibile. Ridere a un funerale è sbagliato ma le persone ridessero al mio io sarei molto più felice.
    Come fai a definire bene e male? Secondo la logica Cristiana? Araba? Buddista? Vedica? Sufi? Maya?
    Si dice che i popoli precolombiani sacrificassero persone per aiutare il sole a ritornare alto nel cielo al solstizio di inverno… lo trovi barbaro? Per loro era una necessità.
    L'unica possibilità che abbiamo è il rispetto delle nostre volontà e in quello della volontà altrui. L'unica verità è quella che c'è dentro di te e che, per ingarbugliare ancora di più le cose, è mutevole.
    Oggi io posso essere carnivoro, domani vegetariano e sarei sempre la stessa persona…
    Personalmente disprezzo le persone che cercano di farti diventare vegetariano o chi cerca di convincere i vegetariani che stanno sbagliando. Qui non sbaglia nessuno.
    Un punto comune a tutti, me lo passerete, è che ogni vita si nutre di vita altrui. La considerazione che gli animali siano diversi dalle piante perchè non piangono è semplicemente un modo che la mente di un vegetariano ha trovato per sostenere la sua scelta. Ora io non ci vedo nulla di male. Se stai male a nutrirti di un essere che piange e che si lamenta non farlo…ma perchè ostinarsi a convicere altri che la propria scelta sia la migliore?
    Mi viene da pensare che ogni volta che qualcuno si ostina nel propugnare la sua tesi come la migliore, è perchè di quella tesi, in fin dei conti, non è totalemnte convinto e cerca, convincendo gli altri, di convincersene di più….


    #44916
    giusparsifalgiusparsifal
    Partecipante

    Ma il mio era un dubbio non legato a come mi alimenterò 🙂 la carne proprio non mi va più da 1 anno, come ho scritto.
    Però perdonami, il frutto è legato alla terra finchè è appeso all'albero… O mangio la frutta che cade, altrimenti il principio rimane invariato.
    Era solo per capire come si “giustifica” quella che per me rimane comunque una violenza ad un altro essere vivente, nella fattispecie al mondo vegetale.
    Poi, come ha scritto iniziato, fin quando non saprò nutrirmi di solo prana, sarò costretto a mangiare quello che la Terra mi da 🙂


    #44921
    Spiderman
    Partecipante

    [quote1252952040=giusparsifal]
    Ma il mio era un dubbio non legato a come mi alimenterò 🙂 la carne proprio non mi va più da 1 anno, come ho scritto.
    Però perdonami, il frutto è legato alla terra finchè è appeso all'albero… O mangio la frutta che cade, altrimenti il principio rimane invariato.
    Era solo per capire come si “giustifica” quella che per me rimane comunque una violenza ad un altro essere vivente, nella fattispecie al mondo vegetale.
    Poi, come ha scritto iniziato, fin quando non saprò nutrirmi di solo prana, sarò costretto a mangiare quello che la Terra mi da 🙂
    [/quote1252952040]

    Si infatti, come ti avevo scritto oggi la frutta e basta, non ho specificato forse solo quella che cade, so di gente che lo fa e intendevo questo.


    #44922
    Maisha
    Partecipante

    Uccidere è male.
    Non uccidere è bene.

    La cosa non mi sembra tanto opinabile. Se per qualcuno lo è, dovrebbe cominciare a preoccuparsi. E non poco.


Stai vedendo 10 articoli - dal 11 a 20 (di 83 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.