La crudeltà non ha fine

Home Forum PIANETA TERRA La crudeltà non ha fine

Questo argomento contiene 73 risposte, ha 17 partecipanti, ed è stato aggiornato da farfalla5 farfalla5 10 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 74 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #84246

    Maisha
    Partecipante

    [quote1253793029=bug]
    [quote1253708571=Maisha]
    E' importante smettere di mangiare maiali, mucche, conigli, cavalli, galline, galli, volatili, pesci, crostacei, latte, latticini, uova, miele e qualsiasi alimento di origine animale. E' importante smettere di comprare pelle, pellicce e quant'altro. Tutti gli animali, anche nei fantomatici allevamenti biologici, soffrono proprio come quelli del filmato. Non esistono allevamenti DIGNITOSI perchè tutti prevedono la morte.
    La scelta vegan è per noi, per il pianeta e i suoi abitanti di ogni genere e razza.

    [/quote1253708571]

    Anche se mangio carne le tue parole mi hanno molto colpito, sei stato chiaro.
    [/quote1253793029]

    Chiara, non chiaro 🙂 Ti/vi consiglio questo video.
    http://www.viverevegan.org/video.htm


    #84248

    Anonimo

    Mi sono imposta di guardare tutti e 10 i video. Ho fatto fatica, ma ci sono riuscita.

    [color=#ff3300]E' CERTO CHE SE L'UMANITA' VERRA GIUDICATA IN BASE ALLA SUA CAPACITA' DI PROVARE [/color][color=#cc3300]COMPASSIONE: SIAMO FOTTUTI.[/color]


    #84249

    Spiderman
    Partecipante

    [quote1253894388=Aldebaran]
    Mi sono imposta di guardare tutti e 10 i video. Ho fatto fatica, ma ci sono riuscita.

    [color=#ff3300]E' CERTO CHE SE L'UMANITA' VERRA GIUDICATA IN BASE ALLA SUA CAPACITA' DI PROVARE [/color][color=#cc3300]COMPASSIONE: SIAMO FOTTUTI.[/color]
    [/quote1253894388]

    L'altissimo perdona tutto figliuola, vai confessati e fai una cospicua donazione, vedrai che tutto si risolve. :hehe:


    #84250

    sephir
    Partecipante

    [quote1253927840=Maisha]
    [quote1253793029=bug]
    [quote1253708571=Maisha]
    E' importante smettere di mangiare maiali, mucche, conigli, cavalli, galline, galli, volatili, pesci, crostacei, latte, latticini, uova, miele e qualsiasi alimento di origine animale. E' importante smettere di comprare pelle, pellicce e quant'altro. Tutti gli animali, anche nei fantomatici allevamenti biologici, soffrono proprio come quelli del filmato. Non esistono allevamenti DIGNITOSI perchè tutti prevedono la morte.
    La scelta vegan è per noi, per il pianeta e i suoi abitanti di ogni genere e razza.

    [/quote1253708571]

    Anche se mangio carne le tue parole mi hanno molto colpito, sei stato chiaro.
    [/quote1253793029]

    Chiara, non chiaro 🙂 Ti/vi consiglio questo video.
    http://www.viverevegan.org/video.htm

    [/quote1253927840]

    Maisha, è tutto giusto e lo condivido appieno, ma va bene che il fine (nobilissimo e necessario per il mondo, lo sottolineo) giustifica i mezzi, ma quando il video ad un certo punto si chiede come mai nel mondo milioni di persone muoiono letteralmente di fame, o vivono di stenti, semplificare dicendo che derivi dallo spreco di grano e acqua (dovuto agli animali maltrattati e uccisi) di un altra parte del mondo non è esattamente dire la più articolata verità… è anche più difficile capire per chi si avvicina! ed è per questo a mio avviso che poi alcuni vegan lasciano quel che diventa per molti una lotta di restrizioni contro il sistema e non un istinto di amore…

    La povertà e la morte per fame è guidata da un sistema molto articolato antico e noto di sperequazione distributiva dei beni prodotti tramite privatizzazioni estese di terre mezzi di produzione e manodopera (nada comunismo, che non mi interessa, solo realtà), di un antico e noto assoggettamento di terre sfruttate fino al midollo compresa la popolazione che vive sopra di essa e che dovrà lavorarla per conto di una piccola fetta di popolazione mondiale convinta che questo sia normale se non giusto; è guidata da antichi imperi mai declinati ma solo spostati di sede; deriva da interessi economici, di guerre, di occupazione geografica e politica; deriva dalla volonta di potere che in tutti noi alberga e che crea o riflette il meccanismo di cui ci lamentiamo: le gerarchie e i vertici da raggiungere; deriva dall'egoismo di ogni giorno che si ritorce contro nella proprietà privata e nell'idea di governo, che tutelano ma lasciano fuori chi non ha forza per avere la sua fetta e deve aspettare l'elemosina…così in un paese e in scala in una città una regione stato mondo….

    un mondo del genere è sicuramente nutrito di carne, dunque a mio avviso chi non mangia carne ha più possibilità di depurare l'interiorità (ma ne sò troppo poco) eppure non credo che basti per rendere un uomo consapevole di tutto, seppur ne aiuta probabilmente la crescita interiore e quindi la volontà di cambiamento…

    un mondo del genere, in cui l'uomo guerreggia con l'uomo, l'essere umano distorto uccide l'animale in camere di tortura come sa fare anche con l'uomo stesso per puro potere… e inizia a sprecare acqua grano a inquinare terre e acque e aria per poter sempre più produrre e vendere per nutrire ancora più le pance gonfie di chi può e deve spendere, e svuotare sempre più quelle di chi deve assoggettarsi alle auto-remunerative e sempre benviste attività umanitarie di innumerevoli organizzazioni statali sovranazionali non governative e chi più ne ha… così che non importa chi uccido quando e come… nè quanto fa bene alla mia salute corporea e spirituale ma conta
    la quantità e l'introito conseguente. devastante.

    scegliendo di essere vegan o vegetariano non stai evitando, come fosse la chiave di volta, che la gente dall'altra parte del mondo muoia di fame, non più per lo meno di quanto accada nel momento in cui attui una forte scelta etica (nei campi elencati e incompleti dell'inizio del mio post) che boicotti questo sistema terribile… legare fame del mondo all'essere carnivori, è una semplificazione a mio parere che certamente spero possa portare qualcuno in più a ragionare sul fatto che tutto è connesso, che ogni atto ha una conseguenza ma che, in definitiva, spiega non bene queste connessioni…non completamente a mio avviso.

    Cambierebbe qualcosa se improvvisamente potesse tutto il mondo accedere alle stesse quantità di carne perchè si è trovato un modo per nutrire gli animali chimicamente senza spreco di grano e soia e terreni e quant'altro? non credo, si ucciderebbe comunque e la fame nel mondo rimarrebbe identica…

    … è verissimo che con tali scelte salvi vite animali a milioni, eviti gli sprechi immani di grano acqua etc e quindi (se la società iniziasse a divenire equa, giusta e priva di ignoranza e odio) ci sarebbe più cibo …ma questo cibo in più qualcuno (dato che esiste sempre quel cavolo di qualcuno che decide per tutti!) deve decidere di darlo anche al resto del mondo!!! e se qualcuno di sano non prende questo posto per scardinarlo (il popolo quindi)e non cambia il sistema, sarà inutile avere ipotetico cibo in più…così è una rete complessa di concause e ripeto non va semplificata…

    NOn mangiare carne è un atto d'amore che deve nascere perchè si sente dentro, ed è giusto stimolare la riflessione verso tutto ciò, più che necessario! ma fossi in chi deve guidare tali scelte penserei più a descrivere (e già lo si fa) come vengono trattati oggi gli animali, come sia ingiusto torturare delle vite per nutrirci, i legami complessi del mangiare carne con la guerra il razzismo il senso della vita etc etc, senza demonizzare l'”atto in se” del mangiare la carne (a questo ci penserà chi la mangia una volta capite le fonti) quanto lo specismo e il trattamento riservato agli altri esseri che poi finiscono in casa propria

    starà poi ad ognuno capire come cambiare il mondo: per me il primo passo sarebbe abolire l'industria animale, far chiudere gli zoo, gli acquari i negozi di animali, evitare l'esistenza del randagismo che riempie canili dove accadono cose nefaste, combattere la pesca e la caccia soprattutto di frodo e con mezzi tecnologici, poi piano piano si potrà eliminare anche l'istinto stesso a mangiare qualsiasi carne… ma trovo differenza tra un cacciatore pigmeo e un carnivoro da supermercato che si rimpingua con carne torturata più che uccisa (sulla morte e la vita abbiamo già discusso)…

    lungo e tedioso discorso… non odiatemi. spero in un mondo non solo vegetariano ma di 5 dimensione dove non mangiare nulla che soffra, ma per ora rifletto e grazie a voi capisco… perlomeno sto cercando di capire.


    #84251

    Maisha
    Partecipante

    [quote1253946241=sephir]

    Maisha, è tutto giusto e lo condivido appieno, ma va bene che il fine (nobilissimo e necessario per il mondo, lo sottolineo) giustifica i mezzi, ma quando il video ad un certo punto si chiede come mai nel mondo milioni di persone muoiono letteralmente di fame, o vivono di stenti, semplificare dicendo che derivi dallo spreco di grano e acqua (dovuto agli animali maltrattati e uccisi) di un altra parte del mondo non è esattamente dire la più articolata verità… è anche più difficile capire per chi si avvicina! ed è per questo a mio avviso che poi alcuni vegan lasciano quel che diventa per molti una lotta di restrizioni contro il sistema e non un istinto di amore…
    […]
    … è verissimo che con tali scelte salvi vite animali a milioni, eviti gli sprechi immani di grano acqua etc e quindi (se la società iniziasse a divenire equa, giusta e priva di ignoranza e odio) ci sarebbe più cibo …ma questo cibo in più qualcuno (dato che esiste sempre quel cavolo di qualcuno che decide per tutti!) deve decidere di darlo anche al resto del mondo!!! […]

    NOn mangiare carne è un atto d'amore che deve nascere perchè si sente dentro, ed è giusto stimolare la riflessione verso tutto ciò, più che necessario! ma fossi in chi deve guidare tali scelte penserei più a descrivere (e già lo si fa) come vengono trattati oggi gli animali, come sia ingiusto torturare delle vite per nutrirci, i legami complessi del mangiare carne con la guerra il razzismo il senso della vita etc etc, senza demonizzare l'”atto in se” del mangiare la carne (a questo ci penserà chi la mangia una volta capite le fonti) quanto lo specismo e il trattamento riservato agli altri esseri che poi finiscono in casa propria

    starà poi ad ognuno capire come cambiare il mondo: per me il primo passo sarebbe abolire l'industria animale, far chiudere gli zoo, gli acquari i negozi di animali, evitare l'esistenza del randagismo che riempie canili dove accadono cose nefaste, combattere la pesca e la caccia soprattutto di frodo e con mezzi tecnologici, poi piano piano si potrà eliminare anche l'istinto stesso a mangiare qualsiasi carne… ma trovo differenza tra un cacciatore pigmeo e un carnivoro da supermercato che si rimpingua con carne torturata più che uccisa (sulla morte e la vita abbiamo già discusso)…
    [/quote1253946241]

    Caro Sephir,
    ti ringrazio per lo sforzo e la voglia di capire. Sono contenta di poter parlare di questo.

    Ti confiderò un segreto. Quando io sono diventata vegan, non avevo la minima idea di cosa volesse dire avere rapporti d'affetto con un animale, non ero stata abituata a sviluppare empatia verso animali domestici o quant'altro. Questo, ovviamente, non vuol dire che li odiavo e che non li rispettavo, anzi. I miei genitori mi hanno sempre insegnato il rispetto verso tutto e tutti: mai buttato una carta per terra, mai inquinato niente. Ed ero convinta di essere la persona più ligia di questo mondo.
    Quando ho preso la mia decisione, mi sono “scontrata” con molte verità: mangiare carne e prodotti animali inquina molto di più del traffico in sé. Mangiare carne e prodotti animali alimenta un sistema in cui il nord del pianeta fa le diete per dimagrire e il sud conta 840 MILIONI di persone denutrite e malnutrite.
    Ed è per questo che io ho smesso di vivere come facevo prima, mossa in primis dal benessere collettivo delle persone. Ignorantemente, consideravo “marginale” il fatto di salvare altre vite non umane. Ma… la mia vita era cambiata ed era cambiata anche l'idea che avevo di questa. La vita era diventato qualcosa di molto più profondo, la sintonia che sentivo di avere nei confronti della natura mi ha fatto cominciare a pensare alla sintonia che avevo anche con gli animali che per me erano sconosciuti. E ho pianto molte volte, consapevole di quello che avevo fatto per 26 anni… se solo avessi capito prima…

    Smettere di nutrirsi di “cibi” animali e di utilizzare pelli, lana, pellicce, cuoio, è un atto d'amore, hai ragione. Ma non solo verso gli animali. Quello che io faccio, è un atto d'amore verso di te, di voi, di tutto e tutti!
    E' per questo motivo che io non insisto a parlare degli animali, di come vengono sfruttati, di come vengono umiliati, dilaniati: ci sono delle persone che possono essere come ero io prima, che possono non comprendere a pieno la sofferenza di un altro essere vivente che non sia umano. Quello che per molti è più facile da capire da essere umano è, invece, la fame, la sete, la solitudine, una malattia, perdere i genitori, essere sfruttati, essere vittime di razzismo… potrei continuare all'infinito.

    Tu dici:
    ” …ma questo cibo in più qualcuno (dato che esiste sempre quel cavolo di qualcuno che decide per tutti!) deve decidere di darlo anche al resto del mondo!!! ”

    Credo che questo sia il nocciolo della questione. I potenti sono potenti perchè noi glielo permettiamo. Il pianeta utilizza 3/4 delle sue terre coltivabili per cereali destinati agli animali perchè noi compriamo la carne, il latte e via dicendo.
    La società siamo noi. Il cambiamento deve venire da noi. Se il mercato si sposta verso altre richieste anche la produzione cambierà.
    Che sia bello da sentire o no, chi consuma prodotti animali ruba il cibo ad altre persone e produce il 40% in più dell'inquinamento di tutto il traffico terrestre e aereo del pianeta.

    Leggere per credere… http://www.vegfacile.info/mostra_ambiente/ambiente_1.html


    #84252
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    Ragazzi ieri ho visto un film…”Nella valle di Ellah” e ancora sono ripiombata nella più totale depressione per l'assurdità della guerra…

    voi direte che ho sbagliato topic…no….la crudeltà umana non ha fine!!!!!
    vi cinsiglio di vedere questo film con bravissimo Tommy Lee Jones

    [youtube=445,364|border]fvnRkAlvgCk


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #84247
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1253952998=sephir]
    lungo e tedioso discorso… non odiatemi. spero in un mondo non solo vegetariano ma di 5 dimensione dove non mangiare nulla che soffra, ma per ora rifletto e grazie a voi capisco… perlomeno sto cercando di capire.
    [/quote1253952998]

    Sephir Caro hai una capacita letteraria da invidiare….detto questo, io sono più sintetica e devo dirti che sono molto contenta che piano piano si rifletta su questo scomodo tema…
    ho sempre pensato che chi abita nelle zone dove è costretto di cibarsi di carne è giusto fare questo…ma chi come noi abita in Occidente ha davanti a se la possibilità di scelta….
    e penso che tutti lo dovrebbero sapere in che modo vengono trattati gli animali…deve uscire fuori tutta la verità…per poter scegliere…


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #84253

    sephir
    Partecipante

    [quote1253963697=Maisha]
    [quote1253946241=sephir]

    Maisha, è tutto giusto e lo condivido appieno, ma va bene che il fine (nobilissimo e necessario per il mondo, lo sottolineo) giustifica i mezzi, ma quando il video ad un certo punto si chiede come mai nel mondo milioni di persone muoiono letteralmente di fame, o vivono di stenti, semplificare dicendo che derivi dallo spreco di grano e acqua (dovuto agli animali maltrattati e uccisi) di un altra parte del mondo non è esattamente dire la più articolata verità… è anche più difficile capire per chi si avvicina! ed è per questo a mio avviso che poi alcuni vegan lasciano quel che diventa per molti una lotta di restrizioni contro il sistema e non un istinto di amore…
    […]
    … è verissimo che con tali scelte salvi vite animali a milioni, eviti gli sprechi immani di grano acqua etc e quindi (se la società iniziasse a divenire equa, giusta e priva di ignoranza e odio) ci sarebbe più cibo …ma questo cibo in più qualcuno (dato che esiste sempre quel cavolo di qualcuno che decide per tutti!) deve decidere di darlo anche al resto del mondo!!! […]

    NOn mangiare carne è un atto d'amore che deve nascere perchè si sente dentro, ed è giusto stimolare la riflessione verso tutto ciò, più che necessario! ma fossi in chi deve guidare tali scelte penserei più a descrivere (e già lo si fa) come vengono trattati oggi gli animali, come sia ingiusto torturare delle vite per nutrirci, i legami complessi del mangiare carne con la guerra il razzismo il senso della vita etc etc, senza demonizzare l'”atto in se” del mangiare la carne (a questo ci penserà chi la mangia una volta capite le fonti) quanto lo specismo e il trattamento riservato agli altri esseri che poi finiscono in casa propria

    starà poi ad ognuno capire come cambiare il mondo: per me il primo passo sarebbe abolire l'industria animale, far chiudere gli zoo, gli acquari i negozi di animali, evitare l'esistenza del randagismo che riempie canili dove accadono cose nefaste, combattere la pesca e la caccia soprattutto di frodo e con mezzi tecnologici, poi piano piano si potrà eliminare anche l'istinto stesso a mangiare qualsiasi carne… ma trovo differenza tra un cacciatore pigmeo e un carnivoro da supermercato che si rimpingua con carne torturata più che uccisa (sulla morte e la vita abbiamo già discusso)…
    [/quote1253946241]

    Caro Sephir,
    ti ringrazio per lo sforzo e la voglia di capire. Sono contenta di poter parlare di questo.

    Ti confiderò un segreto. Quando io sono diventata vegan, non avevo la minima idea di cosa volesse dire avere rapporti d'affetto con un animale, non ero stata abituata a sviluppare empatia verso animali domestici o quant'altro. Questo, ovviamente, non vuol dire che li odiavo e che non li rispettavo, anzi. I miei genitori mi hanno sempre insegnato il rispetto verso tutto e tutti: mai buttato una carta per terra, mai inquinato niente. Ed ero convinta di essere la persona più ligia di questo mondo.
    Quando ho preso la mia decisione, mi sono “scontrata” con molte verità: mangiare carne e prodotti animali inquina molto di più del traffico in sé. Mangiare carne e prodotti animali alimenta un sistema in cui il nord del pianeta fa le diete per dimagrire e il sud conta 840 MILIONI di persone denutrite e malnutrite.
    Ed è per questo che io ho smesso di vivere come facevo prima, mossa in primis dal benessere collettivo delle persone. Ignorantemente, consideravo “marginale” il fatto di salvare altre vite non umane. Ma… la mia vita era cambiata ed era cambiata anche l'idea che avevo di questa. La vita era diventato qualcosa di molto più profondo, la sintonia che sentivo di avere nei confronti della natura mi ha fatto cominciare a pensare alla sintonia che avevo anche con gli animali che per me erano sconosciuti. E ho pianto molte volte, consapevole di quello che avevo fatto per 26 anni… se solo avessi capito prima…

    Smettere di nutrirsi di “cibi” animali e di utilizzare pelli, lana, pellicce, cuoio, è un atto d'amore, hai ragione. Ma non solo verso gli animali. Quello che io faccio, è un atto d'amore verso di te, di voi, di tutto e tutti!
    E' per questo motivo che io non insisto a parlare degli animali, di come vengono sfruttati, di come vengono umiliati, dilaniati: ci sono delle persone che possono essere come ero io prima, che possono non comprendere a pieno la sofferenza di un altro essere vivente che non sia umano. Quello che per molti è più facile da capire da essere umano è, invece, la fame, la sete, la solitudine, una malattia, perdere i genitori, essere sfruttati, essere vittime di razzismo… potrei continuare all'infinito.

    Tu dici:
    ” …ma questo cibo in più qualcuno (dato che esiste sempre quel cavolo di qualcuno che decide per tutti!) deve decidere di darlo anche al resto del mondo!!! ”

    Credo che questo sia il nocciolo della questione. I potenti sono potenti perchè noi glielo permettiamo. Il pianeta utilizza 3/4 delle sue terre coltivabili per cereali destinati agli animali perchè noi compriamo la carne, il latte e via dicendo.
    La società siamo noi. Il cambiamento deve venire da noi. Se il mercato si sposta verso altre richieste anche la produzione cambierà.
    Che sia bello da sentire o no, chi consuma prodotti animali ruba il cibo ad altre persone e produce il 40% in più dell'inquinamento di tutto il traffico terrestre e aereo del pianeta.

    Leggere per credere… http://www.vegfacile.info/mostra_ambiente/ambiente_1.html

    [/quote1253963697]

    maisha rispondo appena posso oggi… ma la ragione di fondo è che ognuno si avvicina a tutto questo con la propria unica via… :bay:


    #84254

    Anonimo

    Caro Sephir non sei nè lungo nè noioso.


    #84255

    raistlin
    Partecipante

    [quote1253980643=sephir]

    maisha rispondo appena posso oggi… ma la ragione di fondo è che ognuno si avvicina a tutto questo con la propria unica via… :bay:
    [/quote1253980643]

    :yesss: :fri:


Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 74 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.