La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

Home Forum SALUTE La dieta vegetariana non è soltanto sana ma anche più sicura.

Questo argomento contiene 925 risposte, ha 48 partecipanti, ed è stato aggiornato da J-new J-new 2 anni, 11 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 431 a 440 (di 926 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #50458
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1311970364=sphinx]

    ma si Farfy che fessacchiotta che sono..”le nostre ricette”!
    Me l'ero dimenticata!

    :cor:
    [/quote1311970364]
    Cara Sphinx, lo sai sono andata subito al Conad che ho abbastanza vicino per cercare la farina di ceci ma non l'ho trovata…
    domani provo in un altro supermercato…voglio fare queste frittelle… !lol

    Io faccio spesso un piatto polacco, le frittelle di patate…se vi interessa ve le posto su quel topic di nostre ricette :yesss:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #50459
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    [quote1311997061=prixi]
    Sphinx grazie ! !heart
    fra un pò dovremo riconoscerti una onorificenza adeguata

    🙂
    [/quote1311997061]

    :si: yessss……


    #50460
    sphinx
    sphinx
    Partecipante

    [quote1311997253=farfalla5]
    [quote1311970364=sphinx]

    ma si Farfy che fessacchiotta che sono..”le nostre ricette”!
    Me l'ero dimenticata!

    :cor:
    [/quote1311970364]
    Cara Sphinx, lo sai sono andata subito al Conad che ho abbastanza vicino per cercare la farina di ceci ma non l'ho trovata…
    domani provo in un altro supermercato…voglio fare queste frittelle… !lol

    Io faccio spesso un piatto polacco, le frittelle di patate…se vi interessa ve le posto su quel topic di nostre ricette :yesss:
    [/quote1311997253]

    Posta posta…se poi sono buone,vedo di mettere una buona parola per fare ottenere un'onoreficenza anche a te.

    :fri: :hehe: :cor:


    #50461
    prixi
    prixi
    Amministratore del forum

    [quote1312027453=farfalla5]
    [quote1311970364=sphinx]

    ma si Farfy che fessacchiotta che sono..”le nostre ricette”!
    Me l'ero dimenticata!

    :cor:
    [/quote1311970364]
    Cara Sphinx, lo sai sono andata subito al Conad che ho abbastanza vicino per cercare la farina di ceci ma non l'ho trovata…
    domani provo in un altro supermercato…voglio fare queste frittelle… !lol

    Io faccio spesso un piatto polacco, le frittelle di patate…se vi interessa ve le posto su quel topic di nostre ricette :yesss:
    [/quote1312027453]
    Magari !!!! :bravo:


    "Il cuore è la luce di questo mondo.
    Non coprirlo con la tua mente."

    (Mooji - Monte Sahaja 2015)

    #50462
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    “Vi spiego perchè mangiamo pesticidi” :yesss:

    http://blog.ilgiornale.it/locati/2011/07/28/vi-spiego-perche-mangiamo-pesticidi/ .

    http://www.megavideo.com/?v=OKK39XSH


    https://www.facebook.com/brig.zero

    #50463

    Spiderman
    Partecipante

    [link=http://www.agireora.org/info/news_dett.php?id=1178]La tombola dell'autodifesa onnivora[/link]

    :hehe:


    #50465
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    :O

    [size=22]Estrogeni, antidolorifici e antinfiammatori. Sono nascosti nel latte
    Una ricerca spagnola ha evidenziato che, nel latte, sono contenute una ventina di sostanze chimiche estranee tra cui antidolorifici e antinfiammatori.
    Ci vorranno come minimo ancora tre anni perché l’etichettatura con indicazione del luogo d’origine – oggi obbligatoria solo per il latte fresco – sia prevista anche per il latte a lunga conservazione e a quello usato come ingrediente negli alimenti non trasformati come prosciutto, salame e formaggio.

    Il dato di fatto è che, oggi, tre litri di latte a lunga conservazione su quattro a marchio Made in Italy sono stranieri senza che questo sia riportato sulla confezione. E il fenomeno non riguarda solo il latte da bere, ma anche quello usato per gli yogurt e le mozzarelle prodotti negli stabilimenti italiani.

    Il problema è che, spesso, nei paesi stranieri da cui importiamo gli alimenti, vigono altre leggi. In altri luoghi, ad esempio, i mangimi che vengono dati agli animali possono provenire da piante ogm, in altri più lontani, come la Cina, si è paventata la possibilità che il latte materno sia prodotto addirittura da mucche transgeniche. Gli italiani sono contro, ma l’etichetta non li informa e non li protegge.

    La questione riguarda anche i contenuti “nascosti” del latte che non sono segnalati da nessuna parte. Gran parte del latte, infatti, proviene da mucche gravide che producono una quantità maggiore di estrogeni: l’effetto negativo sui maschi è la crescita inusuale delle mammelle.

    In Spagna, alcuni ricercatori dell’Università di Jaen hanno deciso di analizzare, mediante test sofisticati, tutte le varietà di latte: da quello vaccino a quello di capra passando per quello materno. Lì dentro hanno trovato, seppur in basse quantità, una ventina di sostanze estranee.

    Lo studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry ha evidenziato che, soprattutto nel latte di mucca, erano presenti 20 diverse sostanze chimiche comunemente usate dalle case farmaceutiche tra cui antidolorifici e antinfiammatori come l’acido niflumico, l’acido mefenamico e il ketoprofene, e poi ancora estrogeni come l’ormone 17 beta-estradiolo.

    Le quantità rilevate di queste sostanze all’interno del latte sono trascurabili e non prevedono effetti dannosi sull’organismo, tuttavia i risultati dello studio hanno dimostrato che la loro presenza è ormai costante in tutti gli anelli della catena alimentare.
    fonte: http://gogreen.virgilio.it/news/green-trends/estrogeni-antidolorifici-antinfiammatori-nascosti-latte.html

    Eh beh!!! !dodge


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #50466
    InneresAuge
    InneresAuge
    Partecipante

    MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LA CACCIA – 17/09/2011 – TORINO
    Torino, Corteo da Porta Susa (Piazza XVIII Dicembre) ore 15.30 a piazza Vittorio Veneto

    Torino 17 settembre 2011

    MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LA CACCIA

    Corteo da Porta Susa (Piazza XVIII Dicembre) ore 15.30 a piazza Vittorio Veneto

    Perché il 17/9? Perché il giorno successivo,18/9, apre la stagione venatoria 2011/2012 e centinaia di migliaia di animali saranno fucilati da sedicenti “amanti della natura” in nome di futili o false argomentazioni come “divertimento, gola, necessità di selezione, sport”

    Con il corteo ribadiamo il nostro “SI DECISO” a fermare questo massacro

    Perché a Torino? Perché in Piemonte nel 2012, dopo 25 anni dalla raccolta delle firme e 25 anni di ostruzionismo della Regione vinto solo da una pronuncia della Corte di Appello, si terrà un REFERENDUM REGIONALE CONTRO LA CACCIA che non ha precedenti.

    Nel 1987 vennero raccolte 60.000 firme in calce alla proposta di referendum che chiedeva:

    a) Divieto di caccia per 25 specie selvatiche (17 uccelli e 8 mammiferi)
    b) Abolizione delle deroghe di carniere per le aziende private di caccia
    c) Abolizione delle deroghe al divieto di caccia su terreno innevato
    d) Divieto di caccia la domenica Nel 1987 (come oggi) avremmo tutti voluto abolire completamente la caccia.

    Purtroppo un referendum regionale non può abolire un’attività prevista da una legge dello Stato.

    Ma, oggi come ieri, ribadiamo che in caso di successo di questo referendum l’attività venatoria in Piemonte verrebbe drasticamente ridotta,

    – togliendo ai cacciatori la possibilità di uccidere ben 25 specie di animali, di uccidere quanti animali vogliono in aziende private,sulla neve e nella sacrosanta domenica. In sintesi togliendo ai cacciatori una grandissima parte del loro “sano divertimento”,

    – salvaguardando maggiormente la biodiversità

    – e, soprattutto, lasciando la “loro” vita a un grandissimo numero di animali selvatici, animali NON umani che, come noi, dal punto di vista morale non “appartengono” ad altri che a sé stessi checché un'arbitraria legge “umana” li qualifichi come “patrimonio indisponibile dello Stato”, cedibile in base a concessione.

    Parlare di esseri senzienti in termini di merce ci fa orrore, ma “oggi” possiamo combattere solo con le armi (chi ha detto armi?) giuridiche di cui disponiamo.

    Questo referendum è indubbiamente uno strumento con cui può essere inferto alla caccia piemontese un colpo mortale, riducendo i cacciatori a tal minimo numero da perdere ogni potere in sede istituzionale. Quel potere che ha bloccato il referendum per ben venticinque anni.

    Le amministrazioni regionali di tutti i colori e di tutti gli schieramenti hanno in questi anni illecitamente impedito il voto popolare costringendo il Comitato Promotore ad una estenuante battaglia legale durata quasi un quarto di secolo. Ora la Corte d’Appello di Torino ha dato il via libera al referendum piemontese che si svolgerà nella primavera del 2012.

    Cio' significa che le stesse richieste referendarie piemontesi potrebbero essere proposte IN TUTTE LE REGIONI.

    Per raggiungere l'obiettivo però bisogna ottenere il quorum con la vostra affluenza alle urne e la vittoria dei quesiti con il vostro “si' “

    Per gli animali e per il primo referendum ”straccia-caccia”

    TUTTI A TORINO IL 17 SETTEMBRE 2011

    affinché quella che si apre il 18 settembre sia l’ultima stagione venatoria.
    fonte: http://www.abolizionecaccia.it/lacinaction/appuntamenti/dettaglio/appuntamento/manifestazione-nazionale-contro-la-caccia-17092011-torino.html#.TkSFZYLld8E


    Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
    - Franco Battiato

    #50467

    giorgi
    Partecipante

    Per chi non riesce a fare una dieta vegetariana è consigliabile sapere quali cibi ci portano a certe malattie, che moltissimi medici non sanno dare una risposta.

    Le strutture ospedaliere sono sostenute con soldi dei cittadini e con tichet, dunque l'interesse di queste strutture è di continuare che i pazienti abbiano malattie per far si che pure le case farmaceutiche abbiano ad avere di continuo entrate, pertanto moltissime malattie rimangono per il fatto di certi cibi che sono sugli scaffali dei supermercati e che sono pure in pubblicità. Siamo tutti indottrinati fin dalla nascita.

    Con cibo mirato in base ad ogni individuo è possibile che il corpo col tempo elimina molte malattie che si combattono con diversi farmaci, perché anche questi sono stati messi sul mercato, inducendo il paziente a diventare dipendente dal farmaco, dunque stiamo attenti come mangiamo e alla quantità di cibo.

    http://files.splinder.com/7ffb572180fee8396f34c64b92815060.pdf


    #50464

    giorgi
    Partecipante
Stai vedendo 10 articoli - dal 431 a 440 (di 926 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.