La nostra salute, che peggiora…

Home Forum SALUTE La nostra salute, che peggiora…

Questo argomento contiene 210 risposte, ha 21 partecipanti, ed è stato aggiornato da  orsoinpiedi 5 anni fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 121 a 130 (di 211 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60279
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1363797584=Xeno]
    [quote1363795940=farfalla5]
    [quote1363708412=maraxma]

    Personalmente ho avuto la dimostrazione della sua nocività quando, facendo la dieta a zona per combattere il mio fibroma, e rinunciando alla pasta, al pane ed ai dolci, ho visto diminuire il fibroma di 6 cm in 6 mesi !amazed (dovevi vedere la faccia del ginecologo che mi aveva già prospettato l'isterectomia…. O-O ).

    Mi rendo comunque conto che il cambio drastico di dieta e di abitudini non sia una passeggiata, ma credo che possa essere proporzionato alla gravità della patologia ed alla voglia di guarire.
    Credo che non si possa concepire l'esistenza di una malattia solo per assecondare i capricci della gola. Ma penso anche si tratti di una scelta individuale.

    Intanto mi sono data da fare per cercare in rete qualche ricetta sfiziosa senza glutine ( http://csg.freeshell.org/index.php ) … tanto per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte…. #ling

    [/quote1363708412]
    Brava Mara °lov tu si che non dai per vinta.
    Cmq sto facendo la cura di acqua ossigenata e cerco di mangiare di più tutto crudo. Non è facile, ma almeno integro la mia dieta con parecchi alimenti crudi. Vedremo….

    [/quote1363795940]
    OT
    farfy ti ho mandato un messaggio
    [/quote1363797584]
    :kiss: grazie di cuore :amicil:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60283
    brig.zero
    brig.zero
    Partecipante

    https://www.facebook.com/brig.zero

    #60284
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1369829504=brig.zero]

    [/quote1369829504]
    L'avevo già visto questo video e ora lo scarico, non si sa mai :si:


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60285

    Anonimo

    SALUTE: ALLARME ANTIDOLORIFICI, AUMENTANO RISCHIO INFARTO E ICTUS

    L’uso prolungato di certi antidolorifici della famiglia dei FANS, farmaci antinfiammatori non steroidei, e’ associato a un aumento di circa un terzo del rischio di infarto, ictus e morte per eventi cardiovascolari.
    Alcuni dei principi attivi legati a tale rischio sono il diclofenac e l’ibuprofene, mentre il naprossene non aumenta tale rischio, probabilmente perche’ ha effetti protettivi che contrastano la potenziale cardiotossicita’. Sono i risultati allarmanti di una importante meta-analisi realizzata da ricercatori del MRC Clinical Trial Service Unit & Epidemiological Studies Unit (CTSU) presso la University of Oxford diretti dal professor Colin Baigent, in collaborazione con il professor Carlo Patrono, Ordinario di farmacologia all’Universita’ Cattolica di Roma e finanziata dal Medical Research Council e dalla British Heart Foundation.
    La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista The Lancet e suggerisce che la scelta di una terapia di lunga durata con FANS debba essere fatta in modo ragionato, scegliendo l’antidolorifico giusto, soprattutto se il paziente e’ gia’ a rischio cardiovascolare, e informando adeguatamente il paziente circa i potenziali rischi legati a questi farmaci.
    Gia’ in passato si era evidenziato un rischio infarto maggiore per soggetti che assumevano alcuni FANS di nuova generazione detti inibitori selettivi dell’enzima COX-2, quali celecoxib e etoricoxib, un dato confermato dal nuovo studio sulla base di tutta l’evidenza oggi disponibile. Cosi’ i ricercatori hanno considerato i risultati di 639 trial clinici per un totale di oltre 300.000 persone coinvolte e analizzato i dati dei singoli pazienti al fine di predire l’entita’ degli effetti avversi dei diversi FANS in particolari tipi di pazienti, in cura con alte dosi e per un tempo prolungato.
    Per questi e’ emerso un rischio piu’ elevato di complicanze vascolari, soprattutto a livello cardiaco, e un rischio da 2 a 4 volte superiore di emorragia gastrointestinale, che tuttavia raramente risulta fatale. Si calcola che per ogni 1000 soggetti trattati in questo modo si verificano tre infarti in piu’ (che non si verificherebbero se i soggetti non fossero in cura con FANS) di cui uno con esito fatale. Il professor Baigent sottolinea che “questi rischi riguardano le persone con artrosi o artrite che hanno bisogno di alte dosi di FANS e di una terapia prolungata. E’ verosimile che un breve trattamento con dosi piu’ basse degli stessi farmaci sia relativamente sicuro“.


    #60287
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60288
    Siberian Khatru
    Siberian Khatru
    Partecipante

    Tutte queste complicazioni per curarci quando a gesù bastava un pò di saliva per curare e per resuscitare mangiare e bere se stesso.Il corpo è il tempio .Il tempio ha controllo sul corpo.Quello che scarti è la pietra angolare.

    Bible VersionsRIVSalmiSalmi 118Salmi 118:22-29
    Salmi 118:22-29

    22 La pietra che gli edificatori avevano rigettata (scartata) è divenuta la pietra angolare. 23 Questa è opera dell’Eterno, è cosa meravigliosa agli occhi nostri. 24 Questo è il giorno che l’Eterno ha fatto.
    Quello che il Tempio ovvero il corpo getta via è la pietra.
    Se capite di cosa parlo ditemelo apertamente.

    In pratica quello che noi, il tempio, scartiamo è la pietra angolare che cura ogni malattia è la pietra filosofica, la pietra d'inciampo.Dove meglio si poteva nascondere una tale meraviglia se non nelle cose che buttiamo?


    « Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
    E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
    Jean Baudrillard

    #60289
    Siberian Khatru
    Siberian Khatru
    Partecipante

    Questa cura pulizia del fegato la voglio provare è semplice
    http://se-funziona.blogspot.it/2010/09/pulizia-del-fegato.html


    « Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
    E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
    Jean Baudrillard

    #60290
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    [quote1373835231=Tru]
    Questa cura pulizia del fegato la voglio provare è semplice
    http://se-funziona.blogspot.it/2010/09/pulizia-del-fegato.html
    [/quote1373835231]
    Ti giro in googlese un prodotto fenomenale, chi non ha patologie gravi può fare una volta all'anno…se invece c'è qualche problema è allora bisogna fare due volte.
    Sembra che sia fantastico.
    http://www.colonc.pl/

    Colon C – potenza moltiplicata

    COLON C è un integratore alimentare che gli ingredienti naturali grazie alla sua composizione unica facilitano i movimenti intestinali. Come l'unica formulazione disponibile in commercio contiene fibre, probiotici e prebiotici, che sono utilizzati insieme forniscono un effetto pienamente soddisfacente, duraturo. Incluso nella preparazione di buccia di semi di psyllium (Plantago psyllium buccia) sono ricchi di fibra alimentare, che è fibre vegetali insolubili gonfiore nel tratto digestivo. Aumentando il volume, stimolano la motilità intestinale, accelerare il riempimento di loro massa in movimento e, di conseguenza, contribuisce positivamente al ritmo regolare di movimenti intestinali.

    Frutto-oligosaccaridi (prebiotici) contenuti nel supplemento Colon C sono completamente derivati ​​da piante. Stimolano i processi del metabolismo, rendendo più favorevole alla perdita di peso. Tuttavia, i batteri del genere Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium utilizzati nella formulazione sono coinvolti nel processo di digestione, stimolare la motilità del tratto gastrointestinale e stimolare il sistema immunitario. Bucce di semi di psyllium, frutto-oligosaccaridi ed è una combinazione di batteri amici per ottimale intestinale. Migliora il loro lavoro senza effetti collaterali. [color=#ff0000]Premi e riconoscimenti supplemento dietetico Colon C è aggiudicato il titolo di Prodotto dell'Anno 2012 e 2013 Mondiale Farmacia. Premio assegnato Editore Sp “Farmacia”. . z oo e gli editori di “World Farmacia”, basato su un sondaggio di farmacisti polacchi Colon C ha ricevuto anche il premio della fiducia dei consumatori – Golden Otis 2007 – e il Premio della Fiducia “Golden OTIS 10 ° anniversario.” Hanno deciso sui consumatori che la concessione di questo premio prestigioso nel mercato polacco, ha espresso apprezzamento per il produttore e il suo prodotto. Ringraziamo tutti coloro che hanno fiducia in premi sondaggio “Golden OTIS 10 ° Anniversario” ha votato per Colon C.
    [/color]


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60291
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    dimenticavo Colon C da 200g costa circa 8 euro…più 37 euro per la spedizione…cmq per chi è interessato, vado in Polonia ad agosto e ho già una richiesta di portare questo prodotto per i miei amici…magari vi posso spedire poi dall'Italia quando ritorno.


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #60292

    Anonimo

    http://www.disinformazione.it/latte_grasso_e_allergenico.htm

    Salute, i dubbi dei medici russi sul consumo di latte: “Grasso e allergenico”
    di Gian Luca Mazzella – Il Fatto Quotidiano, 13 febbraio 2013

    I camici bianchi partono da un fatto: la nota Harvard Medical School ha eliminato il latte dall'elenco dei prodotti salutari. Le mucche, per esempio, producono latte per 300 giorni all'anno, e per questo scopo vengono nutrite con mangimi speciali, mentre una mucca naturalmente darebbe latte per non più di 180 giorni all'anno

    Mentre in Italia il latte è argomento di campagna elettorale, dato che le quote latte – secondo una recente relazione della Corte dei Conti – sono costate allo Stato 4,5 miliardi di euro, in Russia si raccomanda di evitare il consumo quotidiano di latte bovino. Accade in un programma del primo canale della tv russa: un gruppo di medici, dopo aver esitato per due anni, tratta il tema del consumo quotidiano di latte. Un tema contraddittorio e spinoso, argomento di ricerche e studi discordanti, o di patenti luoghi comuni. Certo è che il consumo quotidiano di latte bovino è un fenomeno degli ultimi ottant’anni, e fino al XX secolo nelle lingue europee non si trovava nemmeno la locuzione “bere latte”: prima di allora il latte si “mangiava”, specie sottoforma di latticini. Tutt’oggi ci sono popolazioni che non assumono latte dopo lo svezzamento.

    I medici russi partono da un fatto: la nota Harvard Medical School ha eliminato il latte dall’elenco dei prodotti salutari. Difatti, pur se negli ultimi decenni il latte è stato stimato fondamentale per il benessere e la salute di adulti e bambini, la ricerca – in alcuni casi – ha mostrato evidenze scientifiche differenti. I medici russi ne hanno illustrate alcune: 1) Metà delle calorie nel latte provengono da grassi, fra questi il il 10% è colesterolo. Nonostante la mucca conduca una vita salutare mangiando erba, noi consumiamo grassi animali che portano allo sviluppo delle placche arteriosclerotiche. Cioè l’arteriosclerosi delle arterie del cuore, del cervello, degli arti inferiori. Ciò può portare all’infarto, all’ictus, alla perdita degli arti. E, come possibile conseguenza, alla morte. Tutto ciò è possibile se l’uomo consuma grandi quantità di latte. Meglio il latte con 0% di grassi. 2) La produzione moderna del latte avviene in luoghi simili a “fabbriche”, gli allevamenti intensivi che danno latte industriale. Le mucche producono latte per 300 giorni all’anno, e per questo scopo vengono nutrite con mangimi speciali, mentre una mucca naturalmente darebbe latte per non più di 180 giorni all’anno. Alcune ricerche hanno mostrato che il latte delle mucche da allevamento intensivo contiene un ormone, l’estrone solfato, in maniera 33 volte superiore a quello delle mucche che producono latte per non più di 180 giorni. L’estrone solfato pare la causa della maggior parte dei tumori alla prostata e ai testicoli. Il latte da allevamento intensivo sembra dunque legato a questo tipo di tumori. 3) Il latte è uno degli allergeni più importanti. Un quarto della popolazione mondiale non tollera il latte. Le proteine del latte possono provocare allergia. 4) Il latte si può sostituire con altri alimenti da cui trarre proteine, vitamine liposolubili e calcio. Per le proteine, e l’abitudine al gusto, si può assumere latte di cocco o di riso, dunque proteine vegetali. Per il calcio, si può mangiare ad esempio cavolo e fave, che garantiscono il fabbisogno quotidiano. Per la vitamina D, basta assumere grasso di pesce (2 grammi al giorno, in più si hanno anche omega 3, anche sottoforma di integratori.

    Insomma i medici russi, sul primo canale tv, si sono dichiarati contro il consumo di latte industriale. Un fatto rilevante, che ha spinto alcuni a scervellarsi sui motivi più occulti di una tale azione. Eppure, anche in Italia, come riportato in questo breve video c’è chi da anni ai adopera per demolire i luoghi comuni e raccomandare una dieta anticancro. Peraltro nel nostro paese, la vitamina D si può trarre facilmente dai raggi del sole, bastano 15-20 minuti per 2-3 volte a settimana. E anzi come scrive l’oncologo Franco Berrino: “i tanto reclamizzati latticini sono certo ricchi di calcio, ma sono anche un concentrato di proteine animali. Non esiste un solo studio che abbia documentato che una dieta ricca di latticini in menopausa sia utile ad aumentare la densità ossea e a prevenire le fratture osteoporotiche. Alcuni studi hanno addirittura riscontrato che la frequenza di fratture in menopausa è tanto maggiore quanto è maggiore il consumo di carne e di latticini. Naturalmente rimane logico garantire un sufficiente apporto alimentare di calcio, purché non provenga solo dai latticini. Ne sono ricchissimi vari semi, soprattutto il sesamo e le mandorle, i cavoli, soprattutto i broccoli, i prodotti del mare, soprattutto le alghe, ma anche il pesce (soprattutto i pesci piccoli e le zuppe di pesce dove si mangiano anche le lische), il pane integrale a lievitazione naturale, i legumi”.

    Del resto, se pure alcuni latticini (quale il burro), conterrebbero una quantità rispettabile di omega-3 (essenziali per l’alimentazione umana), lo spostamento dell’alimentazione degli animali dalle piante a foglia verde ai cereali nei mangimi, ossia dal pascolo all’allevamento intensivo, ha ridotto il contenuto di omega-3 (ma anche di vitamine come la A e la D) nei latticini. Quindi nel nostro organismo. Gli allevamenti intensivi accentuerebbero lo squilibrio omega- 3/omega-6 a favore di questi ultimi. Gli omega-6 stimolano la fabbricazione di cellule adipose fin dalla nascita e favoriscono l’accumulo di grassi, la coagulazione e la risposta infiammatoria delle cellule alle aggressione esterne. Inoltre agli animali d’allevamento intensivo non vengono risparmiati antibiotici, al fine di prevenire le malattie ma anche per farli crescere più velocemente. E ciò aumenta la resistenza batterica agli antibiotici negli animali stessi, e plausibilmente anche in chi se ne nutre. Del resto l’impatto ambientale degli allevamenti intensivi è enorme: sono nocivi per l’atmosfera più dell’anidride carbonica, contribuendo al riscaldamento globale più di tutti i trasporti nel loro insieme; sono nocivi per le risorse idriche del pianeta, e sono nocivi perché contribuiscono alla deforestazione occupando quasi un terzo delle terre emerse”.


Stai vedendo 10 articoli - dal 121 a 130 (di 211 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.