La Reincarnazione

Home Forum TEOLOGIA La Reincarnazione

Questo argomento contiene 35 risposte, ha 13 partecipanti, ed è stato aggiornato da franco franco 3 anni, 1 mese fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 31 a 36 (di 36 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #34074

    Xeno
    Partecipante

    Civile, mi daresti una mano su questo?

    33
    Far felici è arte,
    Esser felici è scienza.

    Dare senza ricevere,pochi vi riescono.
    Che vuoi ricevere se hai tutto?
    Molti possiedono poco,pochi possiedono molto
    Non si parla di materiale.

    -|-


    #34075

    civile
    Partecipante

    [quote1371835510=Xeno]
    Civile, mi daresti una mano su questo?

    33
    Far felici è arte,
    Esser felici è scienza.

    Dare senza ricevere,pochi vi riescono.
    Che vuoi ricevere se hai tutto?
    Molti possiedono poco,pochi possiedono molto
    Non si parla di materiale.

    -|-
    [/quote1371835510]

    Vuoi avere molto a livello spirutuale…
    Ma a volte basta una frase,dipende dal tuo stato mentale….
    Per scoprire la felicita,basta ripulire lo specchio….
    Essere felici e' comprendere il divenire delle azioni…
    Comprendere come l'inconscio governa il conscio….
    Vedere l'essere umano che dirige l'io…..
    Chi siamo?…..
    Siamo la semplicita'….non e' che c'e' qualcuno che non vuole che sia felice?
    Secondo me,guardati dentro,hai tutte le risposte ma ogni giorno te le off uscano con la loro ignoranza…..
    Carretto vuoto fa' tanto rumore…..carretto pieno non fa rumore….
    Il sistema fa' rumore….metti i tapi della comprensione,sarai ingovernabile,libero e altruista…il tuo ego sara' un ricordo….
    Altro non so altrimenti faccio troppo rumore…buona visione della realta'


    #34076

    Xeno
    Partecipante

    [quote1371837049=civile]
    [quote1371835510=Xeno]
    Civile, mi daresti una mano su questo?

    33
    Far felici è arte,
    Esser felici è scienza.

    Dare senza ricevere,pochi vi riescono.
    Che vuoi ricevere se hai tutto?
    Molti possiedono poco,pochi possiedono molto
    Non si parla di materiale.

    -|-
    [/quote1371835510]

    Vuoi avere molto a livello spirutuale…
    Ma a volte basta una frase,dipende dal tuo stato mentale….
    Per scoprire la felicita,basta ripulire lo specchio….
    Essere felici e' comprendere il divenire delle azioni…
    Comprendere come l'inconscio governa il conscio….
    Vedere l'essere umano che dirige l'io…..
    Chi siamo?…..
    Siamo la semplicita'….non e' che c'e' qualcuno che non vuole che sia felice?
    Secondo me,guardati dentro,hai tutte le risposte ma ogni giorno te le off uscano con la loro ignoranza…..
    Carretto vuoto fa' tanto rumore…..carretto pieno non fa rumore….
    Il sistema fa' rumore….metti i tapi della comprensione,sarai ingovernabile,libero e altruista…il tuo ego sara' un ricordo….
    Altro non so altrimenti faccio troppo rumore…buona visione della realta'
    [/quote1371837049]

    Grazie Civile


    #34077
    farfalla5
    farfalla5
    Partecipante

    ROBERT LANZA: La vita non finisce con la morte fisica

    NEW YORK (WSI) – Vi è un libro dal titolo abbastanza complesso: “Biocentrism: How Life and Consciousness Are the Keys to Understanding the Nature of the Universe” che sta avendo un notevole successo su Internet. Il concetto di fondo prova a spiegare come la vita non finisce quando il nostro corpo muore, ma invece può andare avanti per sempre. Tramite la nostra coscienza.
    L’autore di questa pubblicazione, il dottor Robert Lanza, è stato votato come il terzo miglior scienziato in vita dal New York Times, stando a quanto riportato su Spirit Science and Metaphysics.
    Lanza, esperto in medicina rigenerativa e direttore del Advanced Cell Technology Company negli Stati Uniti, è anche conosciuto per la sua approfondita ricerca sulle cellule staminali e per l’aver clonato diverse specie di animali in via d’estinzione.
    Ma da un po’ di tempo ha deciso di dedicarsi anche alla fisica, meccanica quantistica e astrofisica. Questa miscela esplosiva di conoscenze ha dato vita ad una sua nuova teoria, quella del biocentrismo. Essa insegna che la vita e la coscienza sono fondamentali per l’universo e praticamente è la coscienza stessa che crea l’universo materiale in cui viviamo e non il contrario.
    Prendendo la struttura dell’universo, le sue leggi, forze e costanti, queste sembrano essere ottimizzate per la vita, il che implica che l’intelligenza esisteva prima alla materia. Lanza sostiene inoltre che spazio e tempo non siano oggetti o cose, ma piuttosto strumenti della nostra comprensione: “portiamo lo spazio e il tempo in giro con noi, come le tartarughe con i propri gusci”. Nel senso che quando il guscio si stacca (spazio e tempo), noi esistiamo ancora.
    La teoria implica che la morte della coscienza semplicemente non esista. Esiste solo sotto forma di pensiero, perché le persone si identificano con il loro corpo credendo che questo prima o poi morirà e che la coscienza a sua volta scomparirà. Se il corpo genera coscienza, allora questa muore quando il corpo muore, ma se invece il corpo la riceve nello stesso modo in cui un decoder riceve dei segnali satellitari, allora questo vuol dire non finirà con la morte fisica.
    In realtà, la coscienza esiste al di fuori dei vincoli di tempo e spazio. È in grado di essere ovunque: nel corpo umano e fuori da esso.
    Lanza ritiene inoltre che universi multipli possano esistere simultaneamente. In un universo, il corpo può essere morto mentre in un altro può continuare ad esistere, assorbendo la coscienza che migra in questo universo. Ciò significa che una persona morta, durante il viaggio attraverso un tunnel non finisce all’inferno o in paradiso, ma in un mondo simile, a lui o a lei, una volta abitato, ma questa volta vivo. E così via, all’infinito.
    Senza ricorrere a ideologie religiose lo scienziato cerca quindi di spiegare la coscienza quantistica con esperienze precendenti alla morte, proiezione astrale, esperienze fuori del corpo e anche reincarnazione.
    Secondo la sua teoria, l’energia della coscienza a un certo punto viene riciclata in un corpo diverso e nel frattempo esiste al di fuori del corpo fisico ad un altro livello di realtà e forse, anche, in un altro universo.
    Fonte: http://www.wallstreetitalia.com/article/1656983/scienza/la-vita-non-finisce-con-la-morte-fisica.aspx


    IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
    E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
    Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

    #310954
    camillo
    camillo
    Partecipante

    Lanza, famoso scienziato, prova a spiegare come la vita continui per sempre, tramite la nostra coscienza.

    La vita dopo la morte esiste… ora lo dice anche la scienza


    Esiste un libro dal titolo: “Biocentrism: How Life and Consciousness Are the Keys to Understanding the Nature of the Universe” sta riscuotendo molto successo sul web. Nel libro si prova a spiegare come la vita non finisce quando il nostro corpo muore, ma al contrario viva per sempre attraverso la nostra coscienza. L’autore di questo volume il dottor Robert Lanza, è stato votato come il terzo miglior scienziato in vita dal New York Times, stando a quanto riportato su Spirit Science and Metaphysics. Lanza, esperto in medicina rigenerativa e direttore del Advanced Cell Technology Company negli Stati Uniti, è anche conosciuto per la sua approfondita ricerca sulle cellule staminali e per l’aver clonato diverse specie di animali in via d’estinzione.

    Negli ultimi anni, ha deciso di dedicarsi anche alla fisica, meccanica quantistica e astrofisica. Questi studi lo hanno portato a nuove conoscenze e hanno dato vita ad una sua nuova teoria, quella del biocentrismo.

    Il biocentrismo insegna che la vita e la coscienza sono fondamentali per l’universo. Praticamente è la coscienza stessa che crea l’universo intorno a noi e non il contrario. Se prendiamo in considerazione la struttura dell’universo e le sue leggi, queste sembrano essere ottimizzate per la vita, il che implica che l’intelligenza esisteva prima ancora della materia.

    Camillo scrive:
    Lanza da una visione che condivido pienamente.
    Tra noi e la realtà si frappone la percezione.
    La realtà è quindi un fatto percettivo della consapevolezza.
    L’organizzazione della percezione crea una visione dell’universo specifica, se l’organizzazione percettiva è condivisa con altre consapevolezze si crea un accordo comune che chiamiamo realtà.

    Tuttavia va precisato che questa formulazione potrebbe essere incompleta, così come la luce (o la materia) hanno un duplice aspetto ondulatorio o particellare altrettanto è dei modelli filosofici interpretativi di questa realtà.
    Quindi esiste un secondo modo di vedere la cosa che parte dall’idea che la consapevolezza viene creata dalla materia la quale fornisce una sorta di computer, chiamato corpo fisico, che permette lo sviluppo delle capacità di analisi della percezione. I due modelli sono interfacciati e non disgiunti, a volte prevale un’interpretazione a volte l’altra. E’ nato prima l’uovo o la gallina? Puo’ la consapevolezza esistere non legata alla materia o ne è una parte indivisibile? Può una particella essere solo onda e niente materia o viceversa?

    La risposta logica è no! non può. Pertanto per conciliare le due visioni occorre che la consapevolezza sia sempre legata alla materia magari ad un altro tipo di materia… più “sottile”.

    Ecco che si parla di corpi sottili, si ammette che alla morte la consapevolezza si ristrutturi agganciata ad un altro tipo di corpo il corpo sottile o astrale.

    Tutto questo discorso potrebbe essere solo una vuota dislocuzione, fantasiosa e non verificabile, a meno che non ci fossero effetti che la dimostrano.
    Per alcuni di noi (me compreso) questi effetti ci sono si chiamano “uscite astrali” Per gli sciamani castanediani “seconda attenzione” Per i mistici “visioni trascendenti” ecc.
    Qui ho raccontato qualcosa.
    https://www.dropbox.com/s/v0x0vn4e9847gas/Sogni%20e%20verifiche.pdf?dl=0
    Un po’ di teoria e storia la trovate qui:
    https://www.dropbox.com/s/8kdi6645rh6uyvf/L%27universo%20%C3%A8%20mentale%20complessivo.pdf?dl=0


    #312758
    franco
    franco
    Partecipante

    REINCARNAZIONE

    La conoscenza più importante è la reincarnazione dell’uomo: soltanto essa rende possibile il processo, cioè l’evoluzione. La facoltà di ricordare viene interrotta durante il tempo della vita terrena.

    Per tale ragione ogni progresso è prezioso, ogni sapere, ogni talento, ogni capacità dell’uomo ed ogni esperienza che una creatura abbia fatto durante una vita, sulla Terra o su altri pianeti.

    Poiché la cognizione della reincarnazione non è affatto diffusa, in Europa quasi tutti credono che non esisteranno più dopo il trapasso, e che quindi non valga la pena di lavorare tanto fino alla fine, di studiare, di purificare il proprio spirito. Questo è un tremendo errore. Il Buddismo insegna la reincarnazione, ma erra quando afferma che l’anima umana possa reincarnarsi in un essere inferiore. L’uomo può nascere solo come uomo, altrimenti non vi sarebbe per lui alcun progresso. E’ impossibile che egli rinasca come scimmia o come altro animale. L’uomo rimane per tutta l’eternità sempre un uomo. Meno evoluto e quindi più cattivo è nel suo spirito, più cattivo sarà nella sua reincarnazione. Ma nell’evolvere dello spirito, evolve e migliora anche la forma.

    Dai ritratti potrete constatare che l’aspetto degli uomini nel tempo è migliorato. Se guardate i nostri avi, essi sono, secondo le vostre concezioni, meno belli, ma questo non è in assoluto, esistono anche delle eccezioni alla rovescia.

    Le malattie umane non si guariscono con l’autosuggestione. I mali provengono da un fattore occulto di natura negativa trascendentale; con le vostre parole si direbbe: dall’inferno. Va tenuto presente che esiste tutto un creato, cominciando dai batteri, e che comprende la fauna e la flora. Inoltre influiscono le deviazioni causate dalla ispirazione materialistica della tecnica e della scienza e dall’errato comportamento delle industrie e degli stessi uomini.

    Esiste una lotta inimmaginabile tra l’ordine divino che tende al bene evolutivo e le potenti forze ribelli che operano per la distruzione.

    Purtroppo non ho tempo sufficiente per entrare nei particolari. Voi dovete collaborare e concentrarvi. L’esercizio della meditazione vi può fare progredire. Ma chi oggi medita? – e chi medita bene, in modo giusto, se vi mancano le basi per una costruttiva meditazione?

    Se le malattie dovessero guarire facilmente con mezzi spirituali, dico che tale guarigione non aiuterebbe l’evoluzione delle anime. Il male deve essere sopportato con pazienza, e non deve avvilire l’uomo sofferente.

    Le malattie si possono guarire solo con l’aiuto della scienza, e con quella “ Fede che muove le montagne” come disse Gesù.

    Fonte:
    http://risveglio.myblog.it/wp-content/uploads/sites/245753/2016/08/Reincarnazione.pdf


Stai vedendo 6 articoli - dal 31 a 36 (di 36 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.